9 errori più comuni che gli scrittori fanno quando promuovono il proprio libro

Hai scritto un libro? Bene, allora se hai aperto questo articolo vuol dire che hai anche capito che la promozione è fondamentale per la sua diffusione.

Devi provare a promuoverlo anche per rispetto al tempo, alle risorse ed alle energie che hai investito nella sua realizzazione prima e pubblicazione poi.

Per aiutarti in questo ulteriore e importante percorso abbiamo raccolto 9 errori che generalmente chi inizia la fase di promozione del libro, tende a compiere.

Aspettare e pensare che basti pubblicare per vendere

Non mi stancherò mai di ripeterlo. Lo metto come punto numero 1 per dargli il massimo delle probabilità che sia letto: se hai scritto un libro hai creato un prodotto, e come tale deve essere promosso per essere venduto.

Hai creato un prodotto, e pubblicandolo, lo hai immesso sul mercato.

Domanda: quando immettono sul mercato un nuovo prodotto cosa fanno tutte le aziende (dalla microscopica alla multinazionale)?

Risposta: investono le loro migliori risorse nella promozione di questo prodotto.

Errore numero 1 che lo Scrittore non deve commettere dopo aver creato il suo prodotto? Aspettare.

Soluzione?

Darsi da fare per capire come promuovere il proprio libro (prodotto) non dopo la pubblicazione ma prima, addirittura prima di iniziare a scriverlo.

Scrivere per tutti

Il più delle volte, quando chiedo agli autori a chi è rivolto il loro libro, mi rispondono parlando del loro genere: “È per adolescenti che amano la fantasia“, per esempio. O a volte, qualcuno mi risponde con l’indicazione di una fascia d’età: “È per le donne di mezza età“. Ma non è stato raro sentire la più tremenda delle risposte: è adatto un po’ a tutti.

Ci sono due grossi problemi in questo. Innanzitutto, stai ponendo aspettative non realistiche. A meno che non ti venga in mente il prossimo Harry Potter, non tutti gli adolescenti leggeranno il tuo libro. È molto più probabile che solo una parte infinitamente piccola di essi lo farà.

Il secondo problema è che ti perderai quando arriva il momento di commercializzare il tuo libro. Il marketing consiste principalmente nel far conoscere il tuo libro (prodotto) davanti ai lettori. Se il tuo lettore di destinazione è tutti, cosa hai intenzione di fare? Raccontarlo a persone a caso per strada? Dove lo posizionerai nelle categorie Amazon? “Fiction generale”?

Puoi spendere tutti i soldi che vuoi in promozione e fare tutto nel modo giusto dal punto di vista del marketing, ma se il tuo libro non è destinato ad un pubblico di lettori specifico, o se non è adatto al mercato, non lo venderai lo stesso.

Nota: se non sai cos’è un “mercato target specifico”, ecco una buona risorsa sull’argomento:

Suggerimento: pensa al tuo mercato prima di iniziare il libro. E poi, attenzione, ri-pensalo dopo aver terminato la prima bozza.

Mi spiego meglio: hai deciso di scrivere un fantasy Y.A. (young adult) , ma la tua scrittura è riuscita ad esaltare i conflitti e la loro complessità emotiva dei personaggi molto più di quanto ti aspettavi? Allora non è più adatto agli Y.A.?

Oppure

In caso contrario, come puoi modificare alcuni aspetti o personaggi per parlare al pubblico a cui vuoi rivolgerti?

Consiglio di approfondire il discorso dei conflitti: qui trovi due risorse utili a riguardo.

Non hai una mailing list

Se fai un minimo di ricerche sulle migliori pratiche di book marketing, la mailing list è l’unica cosa che si ripete ancora e ancora. Tuttavia, sono ancora stupito dal numero di autori che non ne hanno una.

Immagina una cosa: il tuo primo libro ha avuto buone vendite. Hai superto le 100 poi le 200 infine le mille vendite o ancora oltre.

Ora sei pronto con il nuovo libro e vuoi lanciare il secondo.

Come lo sapranno tutti i lettori del primo se non hai i loro indirizzi e-mail?

Se non hai una mailing list, hai perso 1.000 e più potenziali lettori-acquirenti abituali.

Questa sarebbe solo la punta dell’iceberg.

Una solida mailing list è utile molto prima ancora di pubblicare il tuo primo libro. 

Suggerimento: imposta la tua mailing list (prima lo fai e meglio è). 

  • Ecco un contenuto su come creare una mailing list e che potrebbe (dovrebbe), tornarti (molto) utile.

Una volta che inizi a raccogliere iscritti, dovrai mantenere i tuoi lettori impegnati e inviare loro aggiornamenti regolari, ovviamente. Ma questo non dovrebbe essere troppo difficile!

In questo ebook (come usare Facebook per la promozione del tuo libro) ci sono dei capitoli dedicati proprio a questo argomento: Mailing List e MailChimp.

Hai creato autonomamente la tua copertina

Ormai è un dato di fatto, sarà argomento da psicologi, ma ho il compito di portarlo all’attenzione: non capisco come mai gli autori sono così indecisi su quello che scrivono quanto assolutamente convinti delle proprie capacità grafico-creative…

Se progetti la tua copertina, potresti pensare che abbia un bell’aspetto e alcuni dei tuoi amici potrebbero pensare la stessa cosa, ma molte altre persone (lettori e potenziali acquirenti) con altre sensibilità riconosceranno immediatamente il lavoro di un dilettante. 

E semplicemente non compreranno il libro.

Suggerimento: se decidi di progettare in autonomia la tua copertina fallo pure, ma non prima di aver approfondito tutti gli argomenti inerenti.

Pensi che le categorie e le parole chiave da assegnare al tuo libro siano solo una perdita di tempo

Lo so con assoluta certezza, perché ho personalmente sollecitato centinaia e centinaia di autori a scriverci la categoria letteraria del proprio libro e le relative parole chiave da collegare.

Nessun sollecito per ricevere email di lamentele sulle poche vendite del libro.

Ogni volta che un autore mi dice “Non capisco perché il mio libro non venda“, guardo la sua pagina sugli store (Amazon, Ibs…) e scopro spesso che le categorie sono sbagliate. E con questo intendo:

  • Il libro si trova in categorie eccessivamente ampie come “romance” o “thriller”
  • E’ stata scelta una sotto-categoria che non riflette l’argomento del libro

Perché le categorie sono importanti? Perché sono la principale fonte di visibilità che otterrai da store come Amazon. Se sali in cima alle classifiche in una categoria che riceve molto traffico, il tuo libro inizierà a vendere ancora di più, senza alcuna ulteriore azione da parte tua.

Per le parole chiave il discorso è di pari portata. Sebbene non vengano visualizzate da nessuna parte, le parole chiave, hanno un impatto significativo nei risultati di ricerca del tuo libro.

Devi scegliere parole chiave che ottengono abbastanza ricerche per generare vendite ma non siano troppo competitive in modo da far competere i tuoi libri con i primi risultati di ricerca.

Suggerimento: leggi questa risorsa che sono certo ti tornerà molto utile.

Miglioriamo la visibilità del tuo libro grazie alle parole chiave.

Stai bloggando, twittando, pubblicando su Facebook, usando Instagram, gestendo promozioni e …

Ho provato di tutto e nulla sembra funzionare“, mi dicono spesso gli autori. A parte il fatto che di solito ci sono problemi di copertina, o metadati (vedi punto 5) e poi, “provare tutto” è esattamente l’opposto di ciò che si dovrebbe fare.

Innanzitutto, se stai facendo un po’ di tutto ( e tutto in una volta), è impossibile sapere quale strategia sta producendo risultati, e quale no.

Suggerimento: dai un’occhiata a cosa stanno facendo gli altri autori del tuo genere per promuovere i loro libri, così puoi avere un’idea dei canali di marketing che probabilmente funzioneranno meglio per te. Scegline un paio e testali esaurientemente. Se non funzionano, provane altri due. Dopo averne trovati uno o due che funzionano, attieniti a loro e non perdere tempo in altre attività meno efficaci.

Hai disattivato troppo presto gli annunci a pagamento di Facebook

Grazie alle esclusive funzionalità di targeting di Facebook , gli annunci pubblicitari possono funzionare per quasi tutti gli autori. Tuttavia, Facebook è una piattaforma pubblicitaria complessa e ha una curva di apprendimento piuttosto articolata.

Suggerimento: educa te stesso. Leggi questo contenuto gratuito su come promuovere il tuo libro con Facebook:

Nei post a pagamento ti rivolgi sempre allo stesso pubblico: quello basato sugli stessi interessi?

Il problema non è che tutti fanno annunci su Facebook, ma che tutti li eseguono allo stesso modo: trovi un autore best seller, selezioni Kindle come ulteriore interesse, poi aggiungi alcuni “fan di …”

Il primo risultato? Contribuiamo alla ricchezza di Zuckerberg e soci.

Il secondo risultato è quello di generare annunci che raggiungono sempre le stesse persone, sparando nel mucchio… 

Come uscire da questa empasse? 

Creando un pubblico personalizzato. Un modo semplice per creare un pubblico personalizzato è importare gli iscritti alla tua mailing list. E se la tua mailing list è abbastanza grande, allora oltre al pubblico personalizzato puoi creare anche un pubblico simile a quello.

Un altro modo per creare facilmente un pubblico personalizzato è installare il pixel di Facebook  sul tuo sito web. E questo è qualcosa che  quasi nessun autore sta facendo in questo momento. Un pixel (una porzione di codice, che traccia il passaggio degli utenti sul tuo sito web) tiene traccia dei visitatori del tuo sito Web e ti consente quindi di ripetere il targeting in base alle pagine del tuo sito visitate. Per darti un’idea di quanto potente possa essere, con un pixel, potresti essere in grado di:

  • creare un pubblico di persone che hanno visitato la pagina di iscrizione alla newsletter (ma non si sono registrate);
  • creare un pubblico di persone che hanno visitato ciascuna delle pagine dedicate ai tuoi libri;
  • creare un pubblico di persone che hanno fatto clic sul pulsante “acquista” o “scarica gratis”.

E poi, ovviamente, sarai in grado di creare un pubblico simile a quello sopra. Ogni giorno che non hai il pixel sul tuo sito Web è un’opportunità di retargeting persa.

In questo ebook spiego passo per passo come procedere per fare annunci a pagamento efficaci e mirati.

Pensi che GRATIS non funzioni più

Leggo con sempre maggiore frequenza scrittori sui social che si lamentano di come tutte le cose che “funzionavano” nei giorni d’oro dell’autopubblicazione oggi non funzionino più. E il perma-free (sempre gratis) è sicuramente la vittima preferita.

È vero che tutto ciò che riguarda il free (promozioni gratuite, ecc.) Nel mercato del libro è oggi meno efficace rispetto a 4-5 anni fa. Tutti usano queste promozioni, quindi i lettori sono inondati di libri gratuiti. 

Allora perché preoccuparsene?

Bene, la chiave è che “meno efficace” non significa totalmente inefficace. È stato dimostrato, più volte, che il tuo libro gratuito riceverà più traffico rispetto a € 0,99, € 2,99 o qualsiasi altro prezzo. Gratis aiuta e massimizza la portata del tuo libro. Quindi, se lo scopo del tuo libro è quello di agire come gancio per il resto dei tuoi libri, oppure darti notorietà, o “catturareemail di nuovi lettori allora Gratis, è ancora il modo migliore per raggiungere questi obiettivi.

GRATIS è un modo meraviglioso per ottenere nuovi lettori, puoi decidere per esempio di mettere il tuo libro (ebook) gratis sullo store di Youcanprint per un periodo limitato di tempo.

Non stai facendo video

Lo so, lo so, sei un autore, ti esprimi scrivendo, non parlando o filmando. Ma è diventato così facile produrre video di alta qualità al giorno d’oggi che non c’è davvero alcun motivo per non aggiungere questo formato nelle tue attività di marketing.

Hai sentito parlare di Facebook che fa vedere a sempre meno utenti i post (non a pagamento) che pubblichi, vero?

Bene, ma c’è un genere di post che Facebook al contrario fa vedere più degli altri: i video. 

Pubblicare un video su Facebook è facile come togliere il telefono di tasca, aprire l’app e andare in diretta .

Se hai una pagina autore su Facebook, fare una diretta Facebook (Live) è il modo perfetto per connetterti con i tuoi lettori a un livello molto più intimo. Puoi fare una rivelazione sulla copertina, annunciare una nuova serie, offrire una sessione di domande e risposte in esclusiva o tante altre cose.

E non è tutto! Facebook ti consente di creare segmenti di pubblico personalizzati in base alle visualizzazioni dei video. In questo modo puoi effettuare il retarget di tutte le persone che visualizzano i tuoi video e creare un pubblico simile a quello basato su di essi.

Certo, se non ti senti a tuo agio con Facebook ma vuoi comunque fare video, beh, c’è YouTube. È molto più dispendioso in termini di tempo costruire un seguito lì, ma ci sono innumerevoli autori-vlogger (spesso YA) che hanno usato YouTube come mezzo per raggiungere nuovi lettori

Commenta tramite Facebook
Diventa uno scrittore di successo

Iscriviti per ricevere gratis un contenuto a settimana per migliorare la tua scrittura e la promozione del tuo libro.

1 Commento

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *