Produrre

Quali sono i tempi di produzione di un libro?

8 minuti di lettura 2 Commenti
  • Home
  • /
  • Produrre
  • /
  • Quali sono i tempi di produzione di un libro?
quanto tempo ci vuole per fare un libro

Quali sono i tempi di produzione di un libro?

Da quando un libro viene scritto a quando viene pubblicato può passare un tempo molto variabile, a seconda dell’interlocutore che sceglierai per la pubblicazione.

Per rispondere a questa domanda dobbiamo idealmente dividere la fase di produzione del libro in quattro momenti: quella della scrittura; la fase della correzione, la terza fase della redazione e grafica e, l’ultima definitiva, quella attinente alla stampa e alla pubblicazione.

Quanto tempo ci vuole per scrivere un libro?

La prima fase, ovvero quella della scrittura, ha dei tempi molto variabili: l’autore, in base all’opera che intende destinare alla pubblicazione, potrebbe impiegare alcune settimane, ma in certi casi potrebbero volerci anche anni. Ci sono opere che vengono scritte ed editate solo nel momento in cui il suo autore li ritiene terminati, e altre invece in cui l’editing avviene nel corso stesso della scrittura del libro.

Quanto tempo serve per l’editing di un libro?

La seconda fase, poi, quella dell’editing strutturale, può richiedere fino a 2-3 mesi e si può suddividere in diversi momenti. La prima fase (decisamente la più importante), è quella in cui l’editor lavora insieme all’autore sul contenuto, soprattutto in relazione alla struttura e al ritmo, ma anche sulla lingua, in modo da migliorare l’opera.

L’editor deve infatti essere visto come una sorta di allenatore della scrittura: questo aiuta infatti l’autore dell’opera a rendere il contenuto più fruibile per il lettore, lo corregge e lo sorregge, fornendo consigli su come accorciare determinati capitoli o rendere la lettura più piacevole, magari togliendo parti inutili o ridondanti, cambiando parole e frasi.

Durante questa fase, autore e art director (magari con l’aiuto di un photo-editor), lavorano insieme sul titolo dell’opera, elemento che generalmente viene concordato tra editore e autore stesso. Solitamente l’editor, su proposta dell’autore del libro, si occupa anche di produrre i “paratesti”: si tratta delle alette e delle quarta di copertina, fasi di produzione che certamente richiedono tempi spesso lunghi, o comunque minimo due-tre mesi di lavoro in più.

Quanto ci vuole a impaginare un libro?

Una volta terminato il lavoro dell’editor, l’opera viene impaginata ed entra in gioco il redattore: questo si concentra sul contenuto, rimuovendone eventuali ripetizioni, errori e refusi, uniformando il testo e rendendo maggiormente appetibile per il lettore.

Terminato il lavoro di revisione inizia quelle di correzione: le più grandi casi editrici, solitamente, procedono a questa fase affidando la lettura dell’opera a due correttori diversi, che si alterneranno nella lettura del testo per migliorarlo. In altri casi, invece, viene previsto un unico giro di bozze.

Per la fase della redazione e della grafica, che include anche il miglioramento delle immagini da utilizzare per la stampa, può passare un tempo variabile: con le case editrici, si parla in genere di almeno un mese.

La penultima fase, che dura almeno un mese/un mese e mezzo, è quella della stampa e confezione. Quando il lavoro di correzione è terminato, le immagini sono state ottimizzate e il contenuto può essere destinato ad essere lanciato nel pubblico, si inizia la fase della produzione materiale del testo.

In quanto tempo viene pubblicato un libro?

Una volta terminata questa fase entra inizia quella della “pubblicazione”: la redazione si occuperà di caricare su un server tutti i file che costituiscono il libro, unitamente alla copertina e alle alette, con tutte le immagini correlate al libro (in particolare la foto di copertina o eventuali immagini da utilizzare per l’interno).

Si effettua poi l’archiviazione di una copia dei fili originali del libro (con il relativo “visto si stampi“), in modo da effettuare eventuali future correzioni, oppure ristampe e/o nuove edizioni dei contenuti.

Successivamente l’ufficio tecnico della casa editrice invia i pdf dei file e la copertina al fornitore di stampa (questo in passato veniva chiamato “tipografo”), unitamente a un preventivo definitivo e coerenti con le caratteristiche del testo da stampare.

All’interno di questo preventivo verranno indicate le informazioni inerenti ai costi, ai tempi di pubblicazione e agli altri dati relativi al libro (in particolare quelli inerenti alla carta da usare, al cartoncino o al cartonato da impiegare).

In base ai casi, ovvero alle regole della casa editrice, è quest’ultima che fornisce la carta per la stampa, in altri casi è invece l’autore a dover provvedere, comprandola da un altro fornitore.

Anche per questa fase i tempi sono molto variabili: per realizzare un libro in brossura (ovvero incollato e privo di copertina rigida), solitamente occorre almeno un mese; mentre se il testo deve essere realizzato con la copertina rigida e la sovracoperta potrebbe essere necessario più tempo.

Al termine di queste fase segue poi quella della distribuzione, che dura solitamente fino a due/tre settimane: una fase in cui la prima tiratura dei libri viene inscatolata e inviata in magazzino, all’interno del quale viene effettuata la fatturazione ai librai che hanno effettuato le relative ordinazioni.

Tempi di risposta delle case editrici per la produzione di un libro: quanto dovrà attendere un autore?

Se sei già un autore di contenuti editoriali (e hai utilizzato il self publishing per la pubblicazione dei tuoi contenuti), o ti stai avvicinando per la prima volta a questo mondo, ti sarai senz’altro chiesto quali siano i tempi per la pubblicazione di un libro con una casa editrice.

Solitamente gli autori si pongono questi interrogativi:

“Riceverò sempre un esito per la mia richiesta”?

“Se il libro viene accettato verrò avvisato subito?”

La risposta a queste domande non c’è: in primis perché i tempi dipendono dalla casa editrice scelta, nel senso che certamente possono cambiare in base alle sue dimensioni e dunque del volume delle proposte di pubblicazione che riceve.

Va considerato che tutti i giorni le case editrici ricevono decine di contenuti da ambiziosi autori che vorrebbero vedere pubblicati i propri scritti. Immaginiamo la notevole mole di lavoro che ogni giorno gli editori si trovano a svolgere: chi troverebbe il tempo per dare una risposta a tutti coloro che inviano opere e scritti?

Raramente le case editrici rispondono in caso di valutazione negativa, gli autori solitamente non vengono avvertiti né sono messi a conoscenza dell’eventuale rifiuto di pubblicazione. Rispondere a tutti sarebbe complicato e dispendioso, sia dal punto di vista economiche che dal punto di vista tempistico.

Gli autori valutati con esito positivo, invece, vengono contattati per la comunicazione in tempi lunghi: solitamente i tempi per una risposta positiva variano tra i due e i nove mesi.

Del resto, per una casa editrice, scovare un nuovo talento letterario, tra le innumerevoli proposte ricevute, può essere molto difficile e impegnativo. La valutazione di un manoscritto può richiedere molto tempo.

I tempi di attesa medi per ricevere una risposta dalle case editrici

Ma quanto deve aspettare un autore che vuole pubblicare un libro con una casa editrice per avere una risposta positiva o negativa sull’eventuale pubblicazione di un libro? I tempi di risposta non sono predefiniti, in base ai casi possono essere anche molto lunghi.

Solitamente le case editrici, sul loro sito internet, forniscono delle informazioni agli autori sui tempi di risposta indicandoli nella sezione “invio manoscritti”. In media ci si può aspettare un’attesa fino ai 12 mesi. In alcuni casi gli editori specificano sul loro sito internet che se gli autori non ricevono una risposta entro un certo periodo di mesi, significa che questa è negativa.

Quali sono i tempi di pubblicazione con il Self Publishing?

Con il Self Publishing i tempi di pubblicazione si accorciano? Beh, la risposta a questa domanda è “si”: uno dei pregi più considerevoli dell’autopubblicazione è proprio la velocità con cui l’autore può disporre del proprio contenuto, e metterlo immediatamente a disposizione del pubblico dei lettori.

Oggi molti autori decidono di ricorrere al self publishing sopratutto per questo motivo: per non aspettare i tempi quasi geologici tipici dell’editoria tradizionale.

Sui tempi di “presa in carico” e di risposta non c’è dubbio che le case editrici si prendono larghi tempi per rispondere agli autori, di fatto spesso ostacolando i loro obiettivi editoriali.

Ricorrere all’autopubblicazione consente all’autore di farsi spazio con più facilità nel mondo dell’editoria, per esprimere il proprio potenziale senza essere costretto ad attendere i lunghi tempi di pubblicazione che le case editrici impongono, senza peraltro la garanzia di alcuna certezza.

In altre parole, con il Self Publishing se hai un manoscritto già impaginato e una copertina, puoi pubblicare il tuo libro nel giro di pochi giorni.

Una differenza sostanziale rispetto ai 9-12 mesi medi di una casa editrice.

Se vuoi saperne di più e pubblicare il tuo libro velocemente con Youcanprint, inizia da una consulenza gratuita pre pubblicazione


Correlati

Ti potrebbe interessare anche:

Come calcolare il numero di battute della tua opera!

Contare una alla volta le decine di migliaia di battute che compongono il testo di un libro è, ovviamente, quasi impossibile o comunque estremamente complicato...

Come numerare le pagine in Word

Vuoi numerare le pagine in Word del tuo libro o documento e non sai come fare In questa pratica guida vedremo come numerare le pagine in Word attraverso la...

formato epub3

Che cos’è l’epub3: le potenzialità del formato

Epub3 è l’ultima versione del formato epub, lo standard internazionale per il libro digitale Si tratta di un formato libero (open source), basato su...

aspetti tecnici del self publishing

Aspetti tecnici del self-publishing

Nella tua scelta di pubblicare da te, senza una casa editrice, avrai capito senz'altro che ogni operazione svolta prima da uno staff editoriale adesso spetta...

quali sono le dimensioni dei libri?

Self-publishing: scegliere il giusto formato del libro

Scegliere la dimensione dei libri è molto importante per uno scrittore che si autopubblica Prima di descrivere i principali formati di stampa, premettiamo che...

Impostare i margini di un documento Word

Come impostare i margini di un libro con Word e OpenOffice

«Forma e contenuto non possono essere distinti in un'opera d’arte, sono una cosa sola», scriveva il celebre drammaturgo irlandese Oscar Wilde È...

come mettere le note in un testo

Come inserire le note a piè di pagina in un documento Word, OpenOffice o LibreOffice

Uno degli errori più comuni nell'impaginazione di un testo con Microsoft Word, OpenOffice o LibreOffice riguarda l'inserimento delle note a piè di...

Guida completa a calibre

Creare e gestire un ebook: la guida completa a CALIBRE

Calibre è un software libero, open source, multipiattaforma dedicato alla gestione degli ebook, ma non, solo È un convertitore ePub-mobi ed un ebook reader...

i vari formati dei libri

Quale formato scegliere per il tuo libro

Ecco il nostro appuntamento del Venerdì Oggi cercheremo di mettere un p' di ordine tra i mille formati dei vostri libri Vi scriveranno che è importante ciò che...

creare l'indice automatico con word e openoffice

Come creare l’indice con Word, OpenOffice e Pages nel modo giusto

Una delle funzioni più utili e interessanti per chi scrive e impagina un libro, una tesi o un documento con Microsoft Word o con Writer di OpenOffice, è quella...

come scrivere un testo senza numero di pagine

Come NON mettere il numero di pagine

Eccoci, prendiamo spunto da un commento fatto nel post precedente per scrivere il nuovo post del venerdì! Accendiamo il condizionatore e iniziamoPer chi si fosse...

cosa sono le caselle editoriali

Breve guida alle unità di misura editoriali: caratteri, battute, cartelle

Immagina queste due situazioni: nella prima hai scritto un libro e vuoi fare una correzione bozze, mentre nella seconda vuoi inviare un manoscritto a una casa...

Cosa fare per formattare un manoscritto su word

Come formattare un manoscritto in Word per inviarlo a un editore (template gratuito)

Dopo aver finito di scrivere la tua bozza arriverà il momento di scegliere un editore a cui proporla A questo punto la forma avrà la sua importanza per...

2 Commenti

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.