Scrivere

Plurali doppi: quali sono e come si formano

8 minuti di lettura
  • Home
  • /
  • Scrivere
  • /
  • Plurali doppi: quali sono e come si formano
plurali doppi

Diversamente da come pensano molte persone l’italiano non è la lingua con più parole in assoluto. Al contrario, si assesta in una fascia intermedia con circa 150.000 vocaboli attivi, molti dei quali relegati ad ambiti tecnici, come la giurisprudenza e la medicina e praticamente sconosciuti ai più.

L’inglese è una lingua con molti più termini, con una discreta fetta che è stata inglobata relativamente di recente da altre lingue ed è entrata a far parte del lessico. Questo idioma, per esempio, vanta quasi 500.000 termini, anche se quelli effettivamente utilizzati sono poco più di 170.000, mentre il francese ne ha appena 100.000 circa.

Anche il tedesco ci supera nei numeri. Tuttavia, per uno straniero e anche per un nativo, avere a che fare con la grammatica italiana, con le sue regole ed eccezioni può risultare un’impresa davvero molto impegnativa.

Infatti in alcuni casi le eccezioni, i verbi irregolari e i plurali doppi sembrano non seguire una regola logica condivisa e intuitiva e in alcuni casi la loro genesi è piuttosto strana, con termini che entrano ed escono dall’italiano vivo, diventano letterari pur provenendo dal registro basso oppure esprimono concetti differenti ma analoghi.

Le eccezioni con i plurali doppi in realtà non sono tantissime, ma in molti casi si trovano usate a sproposito, scambiando le parole con la conseguente confusione di significato. Nella maggior parte dei casi l’origine dei sostantivi doppi è consuetudinaria, ma in altri, soprattutto con quelli composti, si tratta di una difficoltà nel coordinamento genere e numero, come nel caso di agriturismo e agriturismi, con la seconda voce ufficializzata come plurale dall’Accademia della Crusca, massima autorità linguistica per l’italiano.

Come si forma il plurale dei sostantivi

Nel nostro idioma corrente le regole per la formazione del plurale dei sostantivi sono piuttosto facili. Se è femminile e finisce in -a il plurale è -e, per esempio gatta/gatte, patata/patate, mentre se è maschile in -o il plurale è in -i le desinenze quindi sono chiaramente e univocamente fissate.

Bisogna considerare il fatto che alcune parole maschili finiscono in -e, in questo caso la regola vuole che il loro plurale si formi con la desinenza -i come prete/preti, esattamente seguendo la regola.

Il problema reale è che nel passaggio dal latino, quasi tutti i termini con plurale doppio hanno radici strettamente derivanti da questa lingua, c’è stato a volte un cambiamento di genere, ad esempio per quanto riguarda le piante, visto che gli alberi una volta erano tutti declinati al femminile.

Inoltre, in latino, alcune parole in -o non sono maschili per via di radici greche, ma per fortuna quasi tutti i termini che hanno questo problema sono spariti da molto tempo dal vocabolario comune e le loro rare comparse sono esclusive di opere ampollose del periodo barocco.

I sostantivi con i plurali doppi o sovrabbondanti possono dare filo da torcere a chi non è particolarmente esperto della lingua, oppure si trova nel dubbio volendo esprimere un concetto senza ambiguità o rischiare di fare brutte figure.

Quali sono i sostantivi doppi in Italiano

La lista non è lunghissima e quindi è conveniente elencarli tutti, specificando anche il significato per chiarire le differenze a volte cruciali tra l’uso del plurale in -i, -e oppure in -a.

  • Braccio, indica un arto umano; bracci sono segmenti di edifici, croci lampadari, fiumi e altri oggetti inanimati; braccia solo gli arti superiori umani
  • Cervello, è l’organo del pensiero e della gestione dei corpi degli animali; cervelli sono quelli degli umani e degli animali quando sono vivi e attivi; cervella è l’organo morto commestibile, quindi una pietanza che si compra dal macellaio.
  • Ciglio, rappresenta i peli a protezione degli occhi; cigli sono i bordi, i limiti e i margini di strade, burroni, fiumi e simili; ciglia il complesso dei peli che si trovano sulla palpebra.
  • Dito, è la parte distale della mano o del piede con le sue tre o due falangi; diti sono le coppie, ad esempio i mignoli o i pollici; dita è l’insieme collettivo che le comprende tutte e cinque.
  • Filo, un pezzo di cavo; fili sono elementi sottili intrecciati di corda o di metallo, ad esempio quelli di lana o quelli elettrici; fila rappresenta un elemento di connessione e raggruppamento degli elementi, ad esempio le fila della narrazione.
  • Fondamento, cioè la base; fondamenti indica i principi e le basi logiche; fondamenta è l’insieme di elementi architettonici su cui poggia un edificio.
  • Gesto, cioè un’azione compiuta con il corpo o con le mani; gesti se si intende un insieme di questo tipo di movimento; gesta se si parla di imprese epiche o azioni rilevanti per un personaggio storico o mitologico come per esempio le gesta di Ercole.
  • Ginocchio, è l’articolazione per flettere al centro le gambe. Ginocchi se vengono considerati in maniera distinta, per esempio i destri o i sinistri in un insieme di persone; ginocchia sono la coppia nel singolo .
  • Grido, cioè l’emissione ad alto volume di suono da parte di un essere vivente; gridi fa riferimento esclusivamente agli animali; grida per gli esseri umani.
  • Labbro, la mucosa che chiude la bocca; labbri indica i bordi di una ferita o in generale di un’apertura morbida; labbra, invece, sono esclusivamente quelle umane della bocca o dei genitali femminili.
  • Lenzuolo, è il tessuto con cui ci si copre per dormire evitando il contatto diretto con il piumone; lenzuoli l’insieme di questo tipo di tessuti; lenzuola in italiano indica l’insieme della biancheria da letto che copre il corpo e la fodera per il cuscino.
  • Membro, indica una parte del corpo, il fallo maschile, oppure un appartenente a un gruppo; membri è il plurale per quanto riguarda associazioni, famiglie, società o altro; membra sono gli elementi di un organismo considerati in maniera separata, tipicamente gli arti.
  • Muro, è la struttura costruita con mattoni o pietre impilate e fermate con calci e cemento; muri e rappresenta gli elementi architettonici di una casa di un palazzo o di un castello, ma in questo caso soltanto quelli interni nelle stanze; mura sono le difese esterne di fortificazioni, castelli città e simili, anche se spesso si trova utilizzato le mura domestiche per indicare il senso di protezione o in negativo di ambiente chiuso.
  • Osso, è l’organo rigido su cui sono ancorati i muscoli nei rettili, negli anfibi, nei mammiferi e degli uccelli o nei dinosauri oltre che impropriamente la parte dura interna della seppia e di altri molluschi cefalopodi; ossi è il nome se si tratta di un animale macellato; ossa se si parla di quelle del corpo umano.
  • Urlo, è un’emissione sonora dell’organo fonatorio di un essere vivente; urli se si tratta di animali; urla per gli esseri umani.

Fin qua la tabella dovrebbe risultare abbastanza chiara e lineare. Tuttavia nell’uso comune alcuni plurali vengono scherzosamente scambiati e si trovano però riportati nella forma invertita, anche in testi scritti. È il caso di cervella, perché quando si parla di uno sforzo di pensiero vano si possono usare locuzioni come: spremersi le cervella sfinirsi le cervella o bruciarsi le cervella.

In questo caso si fa riferimento al fatto che visto che non si trova una soluzione per la questione, al massimo l’organo può essere utilizzato come ingrediente di una ricetta in cucina.

Elementi composti

L’italiano non è una lingua molto agglutinante rispetto a quelle germaniche e anglosassoni, per esempio, ma presenta diversi termini che sono ottenuti per fusione e che presentano uno degli elementi costituenti indeclinabili. Un esempio è oro in pomodoro, che per convenzione è stato riportato alla forma standard regolare, quindi pomodori e non pomidoro, esistente, raro e possibilmente da non usare nella lingua moderna.

Però l’ambiguità nelle parole che hanno il singolare maschile e i plurali con generi differenti si perde sempre. Ad esempio il sopracciglio può diventare le sopracciglia o i sopraccigli senza dare problemi di nessun tipo. Anche altri termini possono essere composti o assemblati con entrambe le forme di desinenza senza perdere significato.

Discorso a parte meriterebbero parole che hanno la radice identica e differiscono soltanto per l’ultima lettera cioè hanno singolare maschile e femminile con significati analoghi ma non sovrapponibili, ad esempio gambo e gamba che rispettivamente hanno come plurale gambi e gambe. In questo caso l’ambiguità è quasi sempre risolta dal contesto.

Bisogna prestare comunque attenzione all’uso, perché ad esempio i tavoli e le sedie hanno le gambe mentre lo sgabello ha il gambo se possiede un solo sostegno o le gambe se ne ha più d’uno. Quindi non si può sempre usare una regola intuitiva.

LEGGI ANCHE
C’entra o centra: ecco come si scrive

Utopico o utopistico: come si scrive

Concludendo

Nella lingua italiana ci sono alcune forme ambigue e doppie, soprattutto per quanto riguarda le parole composte. Bisogna prestare molta attenzione all’utilizzo di alcuni termini, perché il loro significato cambia completamente e vanno saputi di conoscere per non rischiare brutte figure.

Il tuo vocabolario dovrebbe essere il più ricco possibile e poter contare su molti sinonimi. Puoi utilizzare locuzioni, soluzioni sintattiche poco usuali ma molto eleganti ed espressioni particolari per variare e toglierti d’impiccio.

Nel caso di dubbio, se per un qualche motivo dovresti trovarti ad aver bisogno di utilizzare uno dei termini con il plurale doppio, con la lista sopra riportata non avrai più problemi.

Inserisci nome ed email prima di procedere
Acconsento al trattamento dati personali
Dichiaro di voler ricevere news, risorse e offerte da parte di Youcanprint
Seleziona le caselle se intendi procedere
Iniziare a scrivere un Libro Finire di scrivere un Libro per poi pubblicarlo Scegliere con chi pubblicare il tuo Libro Capire come promuovere il tuo Libro già pubblicato
Scrivere un Libro Pubblicare un Libro Promuovere un Libro
Scrivi Pubblica Vendi

Iscriviti alla Community e ricevi subito la Guida Gratuita del valore di 67€

19.000+ Autori ti stanno aspettando

Correlati

Ti potrebbe interessare anche:

congiungitvo come si usa

Il se vuole sempre il congiuntivo? Teoria, esempi, trucchi per ricordare

Il se vuole sempre il congiuntivo Bella domanda, anche perché già quando si parla di congiuntivo le cose si fanno difficili Tuttavia chi scrive, che sia un...

Come si scrive una tesi di laurea

I 6 consigli di Umberto Eco per scrivere una tesi di laurea

Il saggio di Umberto Eco "Come si fa una tesi di laurea" (Bompiani, 1977) parte dai fondamentali, spiegando che cos'è una tesi di laurea Ma, se sei qui,...

incipit perfetto

8 consigli per scrivere un incipit perfetto per il tuo libro

L'incipit è più di un semplice inizio: è una finestra sul cuore della storia Attraverso esso, si mostrano non solo il personaggio principale, ma anche il tono,...

5 step per scrivere un libro

Come scrivere un libro, i 5 step fondamentali

Hai deciso di scrivere un libro o lo stai già facendo Ecco 5 step, fra cui la Piramide di Freytag, che ti aiuteranno a farlo senza perdere altro tempo 1...

le figure retoriche nella scrittura

Le figure retoriche nella scrittura di un testo: tipologie ed esempi

Che tu sia o meno uno scrittore emergente o professionista, oppure un semplice appassionato di scrittura creativa e desideri cimentarti in questo campo,...

quanti generi letterari ci sono?

Generi letterari: definizione ed elenco

Quante volte sentiamo parlare di "genere letterario" Forse è un concetto poco conosciuto da chi non ama scrivere o leggere, ma che rappresenta un argomento...

font migliore per un libro

Qual è il font migliore per il tuo romanzo?

Scegliere il font migliore per scrivere un romanzo non è così semplice Nel self publishing, la libertà di non avere un editore alle spalle consente agli autori...

Come scrivere un libro per bambini e farlo conoscere

Come scrivere un libro per bambini e farlo conoscere

Scrivere un libro per bambini spesso viene considerato un compito meno impegnativo che scrivere un libro destinato ai grandi, ma le cose non stanno così Per...

dare il titolo giusto

Come trovare il titolo giusto per il tuo libro: la guida pratica

Hai finito di scrivere il tuo libro finalmente Dopo mesi e mesi di fatica è arrivato anche il momento di scegliere il titolo giusto e questo è un compito che...

Prefazione del libro come si scrive

Cos’è e come si scrive la prefazione di un libro?

La prefazione di un libro rimane sempre un elemento misterioso: è necessaria È utile Ma soprattutto cos'è e come si scrive la prefazione di un...

genere letterario giallo

Genere letterario Giallo: genesi, sviluppo e caratteristiche

Come è nato il genere giallo Il genere giallo è riconducibile con ogni probabilità a quello poliziesco; ad ogni modo, recentemente, sono nati filoni...

esercizi di scrittura

7 esercizi di Scrittura Creativa da mettere subito in pratica

L’importanza della scrittura creativa Quante volte ti è capitato di andare in libreria e comprare un libro solo perché ti hanno colpito le prime tre o...

genere letterario horror

Genere letterario Horror: storia, struttura, temi di un genere amatissimo

Come è nato il genere horror Il genere letterario horror non ha un'origine temporale ben specifica in quanto diversi temi horror sono stati scritti fin...

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.