Scrivere

La qualità nel self-publishing: i 10 “orrori” grammaticali da evitare

6 minuti di lettura 9 Commenti
  • Home
  • /
  • Scrivere
  • /
  • La qualità nel self-publishing: i 10 “orrori” grammaticali da evitare

Pubblicare libri di qualitàCome ho più volte detto, in altri post e nella seconda videoguida riservata agli iscritti alla mia newsletter gratuita, il punto fondamentale per chi si appresta a intraprendere la via dell’autopubblicazione è la qualità dell’opera. La scelta migliore, ovviamente, è sempre quella di affidarsi a mani esperte (editor professionisti), ma già da soli si può fare buona parte del lavoro.

Premesso che in giro sul Web ho trovato decine e decine di persone (anche blogger, giornalisti ed “esperti di scrittura”) che commettono errori da brivido come “ha” senza ‘”h”, oppure “ke” al posto di “che” e cose del genere, mi sono convinto, col tempo, che ciò che farà la differenza nel prossimo futuro è proprio la qualità della scrittura.

Il self publishing, nonostante sia un fenomeno relativamente giovane, ha visto avvicendarsi già due generazioni. La prima è stata quella della diffidenza, della novità, del “cosa diavolo è il self publishing?”. La seconda (tutt’ora in corso) quella della sperimentazione tecnologica, con la nascita di nuove app, di siti finalizzati alla creazione di nuove forme di narrazione e così via.

Ed è in arrivo anche una terza generazione: quella della qualità.

Per come la vedo io, il prossimo passo sarà quello di prestare maggiore attenzione alla qualità di un’opera e premiarla. Inevitabilmente si creerà un sovraccarico di autori e autrici indipendenti di romanzi, raccolte, manuali. E, inevitabilmente, ci sarà bisogno di scremare questo flusso di creatività tramite una selezione basata sulla qualità. È possibile addirittura che nascano delle nuove figure professionali dedite a questo processo.

Quindi, tanto vale farsi trovare preparati. E, comunque, puntare sulla qualità, oltreché una forma di rispetto verso i nostri lettori è segno inequivocabile di professionalità. Per questo, di seguito ti riporto 4 macrocategorie di errori/orrori grammaticali che ogni buon professionista della scrittura deve evitare come la peste.

L’accento

Una delle questioni più difficili da risolvere sembra quella del “dove mettere l’accento e dove no?”.

  • dà e da: vuole l’accento solo quando è terza persona singolare, presente indicativo del verbo dare. Es. Gino mi dà una mano. Quando è preposizione semplice no. Es. Riesci a saltare da qui a lì.
  • né e ne: vuole l’accento (sempre acuto) quando è congiunzione negativa. Es. Non voglio né questo, né quello. Non vuole l’accento quando è avverbio o pronome. Es. Me ne prendo un sorso.
  • sì e si: richiede l’accento quando è affermazione. Es. Sì, lo voglio! Non lo richiede quando è pronome. Es. Si riferisce a lui.
  • lì/là e li/la: vogliono l’accento quando sono avverbi di luogo. Es. Vattene di là. Non lo vogliono quando sono pronomi. Es. Li vedi o no?
  • sé e se: richiede l’accento quando è pronome (si può omettere davanti a stesso). Es. L’ho visto parlare tra sé e sé. Non va molto d’accordo con se stesso. Non lo richiede quando è congiunzione. Es. Vattene se non vuoi.
  • perché, poiché, allorché, finché: vogliono sempre l’accento acuto.
  • do: non vuole mai l’accento, neppure quando è prima persona singolare, presente indicativo del verbo dare. Es. Io do sempre la mano quando mi presento.
  • qui e qua: sono avverbi e non vogliono mai l’accento. Es. Vieni qui!
  • Sa, va, fa, sta, so, sto: non vogliono mai l’accento. Es. Gino sa fare bene il suo lavoro, sta al suo posto, fa silenzio e va avanti da sé. Io so solo che non mi fido di lui e me ne sto per conto mio.
  • Po’: non vuole mai l’accento, ma l’apostrofo poiché è l’abbreviazione di “poco” e l’apostrofo indica proprio la caduta della sillaba “co”. Es. Fatti un po’ più in là, per favore.
L’apostrofo

A proposito di apostrofo, questa indica sempre l’elisione di una sillaba o di una lettera. Oltre il già citato “po’”, ci sono altre parole che vogliono necessariamente l’apostrofo.

  • un e un’: l’apostrofo in questo caso si mette solamente se l’articolo regge un sostantivo femminile. Es. Sono un uomo tutto d’un pezzo e non mi interessa un’opportunità del genere.
  • Da’, fa’, sta’, va’: sono abbreviazioni di verbi all’imperativo (dai, fai, stai, vai). Es. Da’ un calcio al pallone e fa’ che voli in alto. Va’ a prenderlo solo se nessun compagno di squadra ti assiste. Tu, invece, sta’ fermo lì in porta.
  • Mo’: in questo caso l’accento indica la caduta della sillaba “do”. Infatti è l’abbreviazione di “modo”. Es. Quell’auto è fatta a mo’ di cubo.
  • Qual è: a differenza di quanto molti scrivono, “qual è” non vuole l’apostrofo. Es. Qual è che preferisci?
Quando si mette la “i”?

Ecco una lista di parole che vogliono o non vogliono la lettera “i”. Occorre impararle a memoria.

  • scienza
  • coscienza
  • usciere
  • province
  • conoscenza
  • superficie
  • sufficiente
  • efficienza
Con una o con due “z”?

Qui c’è una regola da imparare: tutte le parole che terminano con le seguenti sillabe vogliono una sola “z”.

  • –àzia
  • -azìa
  • -èzia
  • -ezìa
  • -ìzia
  • -ziòne
  • -àzio
  • -ìzie
  • -izìa
  • -ìzio
  • -òzio
  • -èzio
  • -ozìa
  • -uzìa
  • -ùzio.

Alla prossima e…occhio alla penna ;)!

Roberto Tartaglia

Giornalista e scrittore indipendente. Fondatore di www.viverediscrittura.it, il primo sito per imparare a diventare scrittori indipendenti. Il suo sito personale è www.robertotartaglia.com.

I servizi di editing e di correzione bozze di Youcanprint

Youcanprint offre servizi editoriali professionali per migliorare le opere dei suoi autori. Il servizio di correzione bozze o proofreading garantisce l’eliminazione di ogni errore o refuso. Il correttore di bozze legge e rilegge con cura le opere, eliminando i refusi di scrittura ma anche gli errori che riguardano l’aspetto tipografico, come le righe rientranti, corsivi, maiuscoletti, uso del neretto, ecc.

Diverso è il discorso dell’editing, ovvero della cura dal punto di vista editoriale di un’opera. Il servizio prevede l’elaborazione di una scheda di valutazione dettagliata del lavoro e di una scheda contenente le proposte e i suggerimenti di editing che l’autore può seguire per migliorare la propria opera. L’analisi, effettuata da lettori professionisti, permetterà di evidenziare punti di forza e di debolezza del testo a livello di contenuto, struttura, stile e linguaggio.

Correlati

Ti potrebbe interessare anche:

congiungitvo

Il se vuole sempre il congiuntivo? Teoria, esempi, trucchi per ricordare

Il se vuole sempre il congiuntivo Bella domanda, anche perché già quando si parla di congiuntivo le cose si fanno difficili Tuttavia chi scrive, che sia un...

Umberto Eco Tesi di Laurea

I 6 consigli di Umberto Eco per scrivere una tesi di laurea

Il saggio di Umberto Eco "Come si fa una tesi di laurea" (Bompiani, 1977) parte dai fondamentali, spiegando che cos'è una tesi di laurea Ma, se sei qui,...

incipit perfetto

8 consigli per scrivere un incipit perfetto per il tuo libro

L'incipit di un romanzo è davvero una delle cose più difficili da scrivere In quest'epoca di gratificazione istantanea, brevi momenti di attenzione e...

Generi letterari: definizione ed elenco

Quante volte sentiamo parlare di "genere letterario" Forse è un concetto poco conosciuto da chi non ama scrivere o leggere, ma che rappresenta un argomento...

Come trovare il titolo giusto per il tuo libro: la guida pratica

Hai finito di scrivere il tuo libro finalmente Dopo mesi e mesi di fatica è arrivato anche il momento di scegliere il titolo giusto e questo è un compito che...

font migliore per un libro

Qual è il font migliore per il tuo romanzo?

Scegliere il font migliore per scrivere un romanzo non è così semplice Nel self publishing, la libertà di non avere un editore alle spalle consente agli autori...

Cos'è e come si scrive la prefazione di un libro

Cos’è e come si scrive la prefazione di un libro?

La prefazione di un libro rimane sempre un elemento misterioso: è necessaria È utile Ma soprattutto cos'è e come si scrive la prefazione di un libro È...

genere letterario horror

Genere letterario Horror. Storia, struttura, temi di un genere amatissimo

Come è nato il genere horror Il genere letterario horror non ha un'origine temporale ben specifica in quanto diversi temi horror sono stati scritti fin...

scrivere un libro per bambini

Come scrivere un libro per bambini e farlo conoscere

Scrivere un libro per bambini spesso viene considerato un compito meno impegnativo che scrivere un libro destinato ai grandi, ma le cose non stanno così...

scrittura creativa esercizi

7 esercizi di Scrittura Creativa da mettere subito in pratica

L’importanza della scrittura creativa Quante volte ti è capitato di andare in libreria e comprare un libro solo perché ti hanno colpito le prime tre o...

come scrivere un libro guida completa

Come scrivere un libro dall’idea alla struttura: la guida completa

Introduzione e consigli utili Intreccio, trama, fabula, personaggi, dialoghi, incipit, finale, sono solo alcuni degli elementi che compongono la scrittura di...

genere letterario giallo

Genere letterario Giallo: genesi, sviluppo e caratteristiche

Come è nato il genere giallo Il genere giallo è riconducibile con ogni probabilità a quello poliziesco; ad ogni modo, recentemente, sono nati filoni...

genere letterario avventura caratteristiche

Genere letterario Avventura: caratteristiche, temi e curiosità

La letteratura, per definizione, è quel grande contenitore che rappresenta l'insieme delle varie opere che sono state scritte nell'ambito di una Nazione o di una...

9 Commenti

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.