Altro, Scrivere

I 13 migliori consigli di scrittura di Salman Rushdie

7 minuti di lettura 7 Commenti
  • Home
  • /
  • Scrivere
  • /
  • I 13 migliori consigli di scrittura di Salman Rushdie
consigli di scrittura

Dopo che Salman Rushdie pubblicò “The Satanic Verses” nel 1988, un estremista religioso tentò di assassinarlo e Rushdie si ritrovò nella lista dei più ricercati di Al Qaeda .

Pochi scrittori sono abbastanza audaci da scrivere libri controversi. Ma Rushdie non è lo scrittore medio. 

È disposto a intrecciare argomenti scottanti nelle sue storie surrealiste, sbattendo in faccia ai lettori verità spesso scomode.

Rushdie ha recentemente registrato una MasterClass di scrittura in cui condivide i suoi migliori consigli di scrittura. 

Ho seguito e studiato con molto interesse la sua MasterClass, e se non hai tempo di seguirla anche tu, qui puoi trovare in rassegna tutti i suoi 13 migliori suggerimenti che sono riuscito a tirare fuori dal suo corso. 

Tutte le citazioni presenti provengono dalla sua MasterClass.

1. Impara da te stesso

Rushdie crede che il modo migliore per attingere alla tua abilità di scrittura sia acquisire familiarità intima con te stesso e in tutto ciò che ritieni più importante per te.

Dice che i migliori scrittori conoscono le proprie motivazioni e gli ostacoli più profondi e attingono a quella conoscenza di sé per produrre un lavoro che i lettori possano ricordare.

Gran parte dell’abilità dello scrittore deriva dalla tua comprensione di chi sei e di cosa hai bisogno di dire al mondo“, afferma Rushdie.

2. Scrivi di argomenti “profondamente necessari”

La migliore scrittura è personale. È stimolante perché lo scrittore è stato ispirato. 

Viene da qualche parte nel profondo e risuona con la voce dell’autenticità.

Rushdie spiega che ci sono già milioni di libri nel mondo, e l’unico motivo per aggiungerne un altro all’elenco è se stai scrivendo qualcosa che è “profondamente necessario” e personale.

3. Lavora vicino al toro

Rifacendosi a un’idea di Hemingway, (vi metto il link dell’articolo originale) Rushdie dice che i più grandi matador sono quelli che si avventurano il più vicino possibile al toro. 

Più vicino è il matador dalla potente bestia, più l’esperienza è culminante per loro e per il loro pubblico.

Rushdie specifica che non è un sostenitore della corrida (è un intrattenimento brutale), ma dice che il concetto di matador è utile per gli scrittori. 

La scrittura migliore sarà la scrittura più pericolosa!

4. Distinguere tra stile e voce

Abbiamo già affrontato in altri contenuti qui sul blog questo concetto, come per esempio in Vuoi che la tua scrittura si distingua? Sviluppala, ma un modo così originale di spiegarlo non l’avevo mai visto. 

Rushdie dice:

Lo stile è il modo in cui scegli di aderire – o di infrangere – le regole della forma classica. La voce è il tuo tocco come autore. È ciò che rende tuo un pezzo di scrittura.”

Lo stile dipende dal pezzo, la voce no.

La tua voce si mostra indipendentemente dal tipo di storia che stai scrivendo.

Rushdie spiega che ogni pezzo di scrittura richiede decisioni stilistiche specifiche. 

Ad esempio, potresti dover eliminare le regole di scrittura convenzionali per rimanere fedele a un personaggio.

In ogni caso, la tua voce non ti abbandonerà mai, ti seguirà sempre in tutto ciò che scrivi.

5. Non aspettare per scrivere le idee

Ti sei mai svegliato nel cuore della notte con un’idea geniale, ma non hai avuto voglia di alzarti dal letto per scriverla? 

A me è capitato. E ho ingenuamente pensato che mi sarei ricordato l’idea la mattina dopo quando mi sono svegliato, invece l’idea era svanita non appena ho riaperto gli occhi.

Rushdie dice che succede la stessa cosa a lui, e ha imparato a buttare giù immediatamente idee e osservazioni quando lo colpiscono.

Ci sono cose che senti… e se non le scrivi in ​​quel momento, non le ricorderai mai più, quindi devi prendere l’abitudine di registrare le tue osservazioni“.

6. Scrivi di persone infelici

Molte volte ho parlato qui sul blog di come il conflitto guidi le storie. 

Rushdie la mette in modo diverso: “Se le persone sono felici, non c’è storia“.

Ha ragione. È terribilmente difficile (possiamo dire quasi impossibile) creare una storia avvincente se ogni personaggio è soddisfatto e nessuno sta combattendo un grosso ostacolo.

Il conflitto e l’insoddisfazione sono al centro di ogni storia, l’elemento che più ci accomuna, ci immedesima e ci lega emotivamente alla storia e ai personaggi.

7. Fai un contratto con il lettore.

Qui c’è da fare un discorso a monte, che si riflette sullo scopo del libro e sul perché lo stai scrivendo.

Secondo Rushdie, “Molto presto nel libro, devi, per così dire, stipulare un contratto con il lettore“.

E aggiunge:

 «Devi dire al lettore, ”Ti racconterò questo tipo di storia”, e poi, se gli piacerà l’idea, rimarranno con te. Penso che la cosa peggiore che puoi fare come scrittore sia fare al lettore una specie di promessa sul tipo di storia che gli racconterai e poi non raccontargli quel tipo di storia. Non puoi rompere il contratto con il lettore». 

Definisci le aspettative, quindi mantieni quelle aspettative.

Leggi anche: 7 mosse per creare un Patto con il Lettore nel Selfpublishing

8. Trova il punto di ingresso giusto per la tua storia

Mentre scrive un libro, Rushdie scopre spesso che l’inizio della storia non è proprio l’inizio. 

Si rende conto che invece ha bisogno di saltare a metà di una scena, perché questo è il posto giusto per dare il via alla storia per il lettore.

Abbiamo affrontato da un’angolatura diversa anche questo concetto, vi lascio qualche esempio qui sotto:

9. Scrivi una frase di apertura killer

Penso che le frasi iniziali siano estremamente importanti“, afferma Rushdie. 

Fa riferimento alle amate linee di apertura di libri come Racconto di due città di Anna Karenina, come esempi di autori con un inizio memorabile.

E, secondo Rushdie, una volta trovata la frase di apertura giusta, quella singola riga dà il tono e funge da guida stilistica per il resto del libro.

10. Dai vita ai tuoi personaggi

Come creare legame fra lettore e personaggio? 

L’unico modo per dare vita ai personaggi è familiarizzare intimamente con la storia di ogni personaggio. 

Rushdie consiglia di porsi domande come le seguenti:

  • Che vestiti indossano?
  • Sono alla moda o fuori moda?
  • Come parlano?

Dice che spesso è più facile iniziare con la conoscenza dell’esterno di un personaggio (vestiti, voce, aspetto, ecc.), per poi farsi strada verso l’interno (personalità, motivazioni, paure, ecc.).

11. Determina come rivelare il personaggio

Rushdie spiega che ci sono tre modi per rivelare le motivazioni e le personalità dei personaggi:

  1. Dialogo: cosa dicono
  2. Monologo interiore: cosa sta succedendo nella loro testa?
  3. Azione: cosa fanno?

A seconda dei tratti che vuoi rivelare, puoi selezionare un meccanismo diverso per rivelare quegli aspetti del tuo personaggio.

Ma ogni scena e ogni frammento di dialogo dovrebbe servire a uno scopo preciso.

12. Arriva alla fine

Per me, la frase più memorabile della MasterClass di Rushdie è stata questa: 

Gli scrittori sono persone che finiscono i libri“.

È facile iniziare a scrivere un libro, ma è molto, molto più difficile finirne uno.

Rushdie incoraggia gli scrittori a continuare a spingere e ad arrivare alla fine, sempre.

Spiega che non appena raggiungi la fine, spesso sblocchi un nuovo modo di vedere la storia. 

Guardando la prima bozza completata, inizi improvvisamente a vedere le cose più chiaramente, ti vengono nuove idee e puoi creare nuove connessioni che semplificano il tuo processo di riscrittura.

13. Non dire niente 

Quando do una bozza a un amico, a volte cerco di inquadrare la storia dando una breve spiegazione di ciò che sto cercando di ottenere con il mio racconto.

Rushdie dice che questo è un errore.

Quando consegno una bozza del libro a uno dei primi lettori, non dico proprio niente”.

E continua: 

Non dico loro niente. Voglio vedere come leggono il libro senza che io cerchi di influenzarli, perché, sai, vuoi che il libro parli da solo. Quando qualcuno compra un libro in una libreria, non c’è la spiegazione dello scrittore. Il tuo libro è da solo e deve fare il lavoro da solo“.

Sono certo che questi 13 consigli condensati ti saranno molto utili nella tua attività di scrittura. 

Fammi sapere cosa ne pensi nei commenti!

7 Commenti

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.