Scrivere

Da cosa dipende essere o no un Vero Scrittore?

5 minuti di lettura 7 Commenti
caratteristiche di uno scrittore

Ci sono molte ragioni per cui una persona che sente il desiderio di scrivere un libro poi alla fine non lo fa, e spesso questo accade per ragioni che la persona ritiene “oggettive”.

La motivazione più grande che impedisce la realizzazione di questo desiderio si trova radicata nella cultura e nella mente di ciascuno di noi, l’idea cioè che per raggiungere un risultato sia necessario rispettare determinate regole, percorsi prestabiliti o che sia necessario possedere delle qualità.

Tutto questo, che viene comunemente definito “buon senso” e che è argomentato con zelo da chi ha già raggiunto questo, in realtà è solo un’opinione, non una legge e non deve mai essere considerata tale.

Il buon senso è pericoloso, perché messo nelle mani sbagliate diventa un auto-investitura, una dote spirituale, un’auto-elezione mentale talmente forte che chi lo utilizza alla fine è davvero convinto di essere diverso, di possedere un talento o persino un diritto divino.

Prendiamo, ad esempio, il desiderio di diventare uno scrittore, dove secondo il “buon senso” degli intellettuali, per essere uno scrittore serve rispettare almeno una di queste condizioni:

•   È necessario nascere con un talento per la scrittura

•   È necessario leggere centinaia di libri prima di scrivere

•   È necessario crescere in un ambiente culturale adatto

•   È necessario ottenere l’approvazione di esperti

•   È necessario scrivere milioni di parole prima di affermare di essere scrittori

L’elenco potrebbe continuare all’infinito ma in generale l’idea di fondo è che per essere dei “veri” scrittori bisogna possiede delle qualità speciali.

L’origine di tutto questo è da ricercare nell’istruzione. 

La scuola alimenta costantemente l’idea che per raggiungere un determinato risultato bisogna essere predisposti a seguire un determinato percorso e chi non dimostra una particolare predisposizione difficilmente riuscirà ad ottenerla.

Inutile dirti che io ritengo tutto questo spazzatura. Sì, spazzatura.

Non esiste alcun percorso prestabilito, nessuna regola da rispettare, nessun talento da possedere. L’unica cosa da cui dipende davvero se possiamo o meno realizzare un desiderio, un sogno nella nostra vita, è essere noi stessi, e ti spiegherò perché.

Prendi il team della ricchezza. Chi non desidera diventare ricco? Tutti ovviamente. Eppure, se parli con qualsiasi persona per giustificare che non è ancora diventata ricca ti dirà che:

  • È necessario avere soldi per diventare ricchi
  • È necessario avere ereditato la ricchezza
  • È necessario diventare un professionista di altissimo livello e prendere uno stipendio altissimo
  • È necessario avere competenze finanziarie
  • È necessario fondare aziende
  • È necessario studiare 
  • È necessario individuare il giusto settore in crescita 
  • È necessario risparmiare e investire
  • È necessario nascere nel posto giusto

Anche qui la lista delle scuse sarebbe infinita, eppure la realtà dei fatti è totalmente differente. Ci sono infatti:

  • Persone che sono diventate ricche senza alcuna istruzione 
  • Persone che sono diventate ricche in qualsiasi settore
  • Persone che sono diventate ricche in qualsiasi zona del mondo
  • Persone che sono diventate ricche dal nulla

Capisci cosa intendo?  

Più diamo valore a ciò che il buon senso ritiene “scontato“, ovvio e oggettivo, più riterremo questo valido, perciò ci convinceremo che è così e saremo programmati al fallimento. 

Il fallimento non farà altro che confermare il buon senso e allora anche noi diventeremo evangelisti dell’ovvietà perpetrando questo circolo vizioso.

Il successo nella vita e soprattutto nella scrittura, la realizzazione o meno del desiderio di diventare scrittori, non dipende da nulla se non da questi fattori fondamentali:

  • Decisione: nessun risultato potrà mai essere ottenuto se non prendi la sacra decisione di voler realizzare e adeguare l’immagine mentale che hai di te stesso a questa. Se non decidi di diventare uno scrittore e non ti immagini di esserlo tutte le azioni che farai andranno in una direzione opposta. È come impostare il navigatore verso una destinazione e poi guidare ignorandolo. Prendi la decisione di diventare scrittore.
  • Responsabilità: una volta presa la decisione devi assumerti la responsabilità, cioè intendo l’autorità su tutto ciò che devi fare per ottenere questo risultato. Assumersi la responsabilità significa anche rompere per sempre il gioco delle scuse e prendere il controllo totale su tutto ciò che facciamo ogni singolo momento della nostra vita. La nostra vita è il frutto delle nostre azioni.
  • Azione: se hai deciso di diventare scrittore e ti assumi la responsabilità di ciò allora devi saper anche agire. Non diventerai mai uno scrittore di successo solo stando seduto e pensando, ma devi agire. Agire significa compiere tutto ciò che è necessario per raggiungere il risultato, ogni singolo giorno, con costanza, perseveranza, efficacia. Ogni azione deve tendere verso il tuo desiderio, non devi sprecare nessun momento, nessuna occasione. La perseveranza e la disciplina unita ad una decisione profonda rendono qualsiasi sogno raggiungibile.
  • Fede: non puoi decidere e agire senza una buona dose di fiducia. Questo è uno dei più grandi errori che ho visto nella mia vita. Persone brillanti che lavorano duramente, ma dentro di loro nutrono dubbi, paure, ansie. Ci deve essere un allineamento e una armonia perfetta tra la tua decisione, la tua responsabilità, le tue azioni e la tua fede. Quest’ultima non è arroganza ma è la sensazione di sicurezza, certezza, incrollabile che qualsiasi cosa accadrà raggiungeremo quel risultato. Napoleone affermava “vedo solo gli obiettivi, gli ostacoli devono farsi da parte”. Ecco devi avere una fede incrollabile e inossidabile per alimentare le tue azioni e le tue decisioni.

Se applicherai tutto questo con disciplina, ogni giorno, nulla ti impedirà di realizzare il tuo sogno di diventare scrittore. Nessun editore, scuola, talento, ambiente, denaro etc. potranno fermarti.

Gli intellettuali da salotto inorridiranno leggendo queste mie parole ma tu ricordati di ignorarli. Loro vivono nel mondo esterno delle regole e del buon senso, mentre noi viviamo nella verità. 

La verità è che non si può impedire ad uno scrittore di nascere, ad un libro di esistere se il desiderio interiore è più forte di qualsiasi imposizione o tentativo di sabotaggio.

Il selfpublishing è la realizzazione dell’ideale nobile e profondo che chiunque senta di voler essere uno scrittore può esserlo.

Questo è il nostro credo.

W il selfpublishing!


Potrebbe interessarti anche:

Quando sei veramente uno scrittore?

Correlati

Ti potrebbe interessare anche:

Umberto Eco Tesi di Laurea

I 6 consigli di Umberto Eco per scrivere una tesi di laurea

Il saggio di Umberto Eco "Come si fa una tesi di laurea" (Bompiani, 1977) parte dai fondamentali, spiegando che cos'è una tesi di laurea Ma, se sei qui,...

congiungitvo

Il se vuole sempre il congiuntivo? Teoria, esempi, trucchi per ricordare

Il se vuole sempre il congiuntivo Bella domanda, anche perché già quando si parla di congiuntivo le cose si fanno difficili Tuttavia chi scrive, che sia un...

incipit

8 consigli per scrivere un incipit perfetto per il tuo libro

L'incipit di un romanzo è davvero una delle cose più difficili da scrivere In quest'epoca di gratificazione istantanea, brevi momenti di attenzione e...

Generi letterari: definizione ed elenco

Quante volte sentiamo parlare di "genere letterario" Forse è un concetto poco conosciuto da chi non ama scrivere o leggere, ma che rappresenta un argomento...

Come trovare il titolo giusto per il tuo libro: la guida pratica

Hai finito di scrivere il tuo libro finalmente Dopo mesi e mesi di fatica è arrivato anche il momento di scegliere il titolo giusto e questo è un compito che...

font migliore per un libro

Qual è il font migliore per il tuo romanzo?

Scegliere il font migliore per scrivere un romanzo non è così semplice Nel self publishing, la libertà di non avere un editore alle spalle consente agli autori...

Cos'è e come si scrive la prefazione di un libro

Cos’è e come si scrive la prefazione di un libro?

La prefazione di un libro rimane sempre un elemento misterioso: è necessaria È utile Ma soprattutto cos'è e come si scrive la prefazione di un libro È...

scrittura creativa esercizi

7 esercizi di Scrittura Creativa da mettere subito in pratica

L’importanza della scrittura creativa Quante volte ti è capitato di andare in libreria e comprare un libro solo perché ti hanno colpito le prime tre o...

scrivere un libro per bambini

Come scrivere un libro per bambini e farlo conoscere

Scrivere un libro per bambini spesso viene considerato un compito meno impegnativo che scrivere un libro destinato ai grandi, ma le cose non stanno così...

come scrivere un libro

Come scrivere un libro, i 12 consigli di Jerry B. Jenkins

Jerry B Jenkins è uno scrittore e biografo statunitense, autore di oltre 190 libri, 21 dei quali hanno raggiunto la lista dei bestseller del New York Times In...

genere letterario horror

Genere letterario Horror. Storia, struttura, temi di un genere amatissimo

Come è nato il genere horror Il genere letterario horror non ha un'origine temporale ben specifica in quanto diversi temi horror sono stati scritti fin...

come scrivere una storia autobiografica

Come scrivere un libro autobiografico. Consigli utili per raccontare di sé

Scrivere la storia della propria vita è il sogno di moltissimi scrittori e magari anche il tuo, ma come scrivere un libro autobiografico Quello che stai...

genere letterario avventura caratteristiche

Genere letterario Avventura: caratteristiche, temi e curiosità

La letteratura, per definizione, è quel grande contenitore che rappresenta l'insieme delle varie opere che sono state scritte nell'ambito di una Nazione o di una...

7 Commenti

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.