Pubblicare

Cos’è e come funziona la licenza creative commons

7 minuti di lettura
  • Home
  • /
  • Pubblicare
  • /
  • Cos’è e come funziona la licenza creative commons
licenza per la pubblicazione libro

Districarsi tra diritti di autore e divieti di utilizzazione delle opere può essere difficile, per questo è importante conosce le licenze Creative Commons, in modo da non incorrere in spiacevoli errori e fraintendimenti. Ma cosa sono, esattamente, le licenze “Creative Commons” e come possono essere spiegate facilmente? Cerchiamo di capirne di più.

LEGGI ANCHE >> Cosa scrivere sulla pagina del copyright di un libro?

Il diritto d’autore e il divieto di utilizzazione senza licenza

Le realizzazioni artistiche create dagli scrittori, ma anche le opere di fotografi e musicisti, sono interessate dal diritto d’autore e di conseguenza non possono essere utilizzate o copiate da altre persone. Ma benché protette, le opere di ingegno, possono essere messe a disposizione di altri utenti in base alle volontà dell’autore: quest’ultimo può decidere in assoluta autonomia in che modo dare ai terzi la possibilità di disporne, senza che siano tenuti a chiederne di volta in volta l’autorizzazione.

La chiave risiede nelle cosiddette Creative Commons Public Licenses: diverse varietà di licenze attraverso cui gli autori possono rilasciare contenuti mediali per l’utilizzo da parte delle persone che vogliono farlo, evitando dispendiose e lunghe procedure giuridiche tramite un apposito contratto di licenza standard.

Cosa sono le Creative Commons Public Licenses?

La “Creative Commons” è un’organizzazione senza scopo di lucro con sede negli Stati Uniti d’America, operativa nel campo delle licenze di autorizzazione nello sfruttamento delle opere dell’ingegno. I contratti di licenza standard messi a disposizione dall’organizzazione sono vari, e attraverso queste ogni autore ha la possibilità di concedere i diritti d’uso pubblico ad altre persone, e limitarle in base alle proprie esigenze.

Le licenze CC possono essere applicate a varie tipi di file media, non solo testi ma anche foto, immagini, musiche e video. Ma vediamo nei particolari le diverse licenze Creative Commons, quanti tipi ne esistono e come funzionano.

Quante licenze “Creative Commons” esistono?

La Creative Commons permette agli utenti di utilizzare diverse licenze: si va da quelle molto ristrette (che consentono l’utilizzo dell’opera in modo relativamente forte), a quelle con condizioni operative molto estese, fino a dare la possibilità all’autore di usare la propria opera di ingegno come una fonte di pubblico dominio (c.d CC0). Per scegliere la licenza adeguata, l’autore dell’opera, deve porsi alcune domande fondamentali:

  • Nell’utilizzare l’opera il terzo deve sempre citare il suo autore?
  • É consentito l’utilizzo commerciale dell’opera o l’interessato all’uso dell’opera deve limitarsi soltanto ad utilizzarla senza scopi di lucro?
  • L’opera può essere modificata o rielaborata?
  • Se la risposta a quest’ultima domanda è sì, bisogna indicare anche la licenza attivata?

I diversi attributi delle licenze “Creative Commons”

Le licenze Creative Commons si esplicano in varie condizioni d’uso basilari: le diverse tipologie di licenze sono costituite infatti dalla combinazione di quattro attributi base, che disciplinano e determinano anche i limiti relativi alle diverse autorizzazioni, e dunque anche anche obblighi e divieti che si applicano all’opera in questione.

Il primo attributo è costituito dalla sigla “BY”: un codice presente in ognuna delle varie licenze elencate. Questa sigla, in particolare, disciplina le informazioni obbligatorie che che devono essere presenti in caso di utilizzazione, ovvero nome dell’autore, titolo dell’opera, il link relativo all’autore o all’opera, e la specificazione della relativa licenza di utilizzo.

La sigla “ND” invece, non permette all’utilizzatore l’elaborazione sostanziale dell’opera: ciò significa che è ammessa soltanto la modifica delle immagini, ma dell’opera non possono essere fatti tagli in modo tale da rielaborarla in modo sostanziale o traduzioni di contenuti in altre lingue.

La sigla “NC” non permette all’utilizzatore di sfruttare l’opera dal punto di vista commerciale (nel senso che non si può fare un uso commerciale della stessa); mentre il codice “SA”, infine, dispone che l’eventuale opera modificata (sempre che la stessa possa essere rielaborata), può essere pubblicata soltanto utilizzando la medesima licenza dell’originale.

Vediamo adesso le sei licenze Creative Commons specificate nel dettaglio, le condizioni di uso e le relative limitazioni disposte a tutela delle opere dell’autore originale.

Le sei licenze Creative Commons

Dall’unione delle quattro sigle (“tributi”) suddetti, è possibile evidenziare sei licenze complessive, ovvero le seguenti:

  • CC-BY “Attribuzione”. Con questa licenza è possibile diffondere l’opera, rielaborarla e utilizzarla per fini commerciali, l’importante però che venga indicato un parziale collegamento della stessa con il suo autore, e che venga indicata la licenza CC usata, ovviamente)
  • CC-BY-SA “Attribuzione – Condividi allo stesso modo”. Tramite questa licenza l’utilizzatore può decidere di diffondere il contenuto, rielaborarlo anche sostanzialmente, modificarlo e utilizzarlo per fini commerciali; l’importante che tutte le rielaborazioni effettuate abbiamo la stessa licenza (ciò significa che, in primis, è necessario fare menzione dell’autore, e in secondo luogo è necessario indicare anche la licenza)
  • CC-BY-ND (“Attribuzione – Non opere derivate”). Attraverso questa licenza l’utilizzatore ha la possibilità di ridistribuire e utilizzare il contenuto per fini commerciali, però a patto di menzionare l’autore e la licenza stessa utilizzata, anche se lo stesso non può né elaborarla né introdurre delle modifiche anche soltanto parziali
  • CC-BY-NC (“Attribuzione – Non commerciale”). Tramite questa licenza l’utilizzatore può diffondere e rielaborare il contenuto protetto dai diritti, l’importante che ne faccia menzione dell’autore e della licenza. Quando è presente questa licenza l’utilizzatore non può comunque effettuarne un uso commerciale
  • CC-BY-NC-SA (“Attribuzione – Non commerciale – Condividi allo stesso modo”). Tramite questa licenza l’utilizzatore può distribuire e rielaborare l’opera (può anche modificarla), ma non può utilizzarla ai fini commerciali.
  • CC-BY-NC-ND (“Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate”). Tramite questa licenza l’utilizzatore ha la possibilità di utilizzare il contenuto protetto dai diritti facendo però specifica menzione dell’autore e della licenza, l’importante che l’opera venga usata per fini non commerciali e soltanto in originale.

La speciale licenza “CC0”: la rinuncia totale dei diritti da parte dell’autore

La licenza “CC0” rappresenta una sigla autorizzativa particolare, con la quale l’autore dell’opera rinuncia totalmente ai diritti derivanti dalla stessa. Con questa sigla si rende infatti l’opera oggetto di autorizzazione “bene pubblico”: l’opera frutto dell’ingegno può essere dall’utilizzatore diffusa, modificata e rielaborata senza alcun limite. Quando un autore o un artista utilizza la licenza “CC0” significa che lo stesso ha deciso di rinunciare completamente ai propri diritti di autore, e che, qualunque soggetto, può utilizzarla senza alcun limite, divieto o obbligo.

Quali vantaggi offre una licenza Creative Commons?

Utilizzare delle Creative Commons Public Licences conferisce numerosi vantaggi a coloro che lavorano sul web come blogger, gestori di pagine web o webmaster. Il primo vantaggio indiscutibile è quello che riguarda la sicurezza sul versante legale: la “Creative Commons” fa sì che gli utenti non si debbano preoccupare delle complesse questioni giudiche: tramite l’uso delle licenze CC possono operare senza temere incombenze, rimanendo sicuri dal punto di vista giuridico.

Un altro vantaggio non indifferente è dato dalla sicurezza dal punto di vista del controllo da parte dell’autore: va considerato che, anche quando quest’ultimo rilascia pubblicamente le sue opere dell’ingegno, il diritto di autore resta. L’artista infatti, in qualità di autore, decide autonomamente in che modo e in che contesto concreto la sua opera possa essere utilizzata dall’utente, e di conseguenza può anche decidere di non consentirne l’utilizzo in certi determinati contesti (ad esempio su determinati siti internet).

Le licenze CC hanno inoltre un altro vantaggio non indifferente: presentano un elevato “margine di flessibilità” a beneficio degli altri utenti che vogliono utilizzare l’opera coperta dai diritti. Le licenze CC conferiscono la possibilità di trattare con l’autore originale: ciò significa che, ad esempio, il soggetto che desidera utilizzare un’opera con licenza “BY-NC” per fini commerciali, può trattare con lo specifico autore e chiedergli il permesso per iscritto.

Ma grazie alle licenze CC oggi si ha anche una vasta disponibilità di file multimediali “liberi”, ovvero di opere a cui si può avere accesso in modo assolutamente libero. La possibilità di avere accesso ad opere gratuite oggi è aumentata in modo decisamente esponenziale.

Correlati

Ti potrebbe interessare anche:

iva sui libri come funziona

Come funziona l’Iva sui libri: il regime fiscale per l’editoria

Partita IVA per chi pubblica un libro Sono ormai quasi 20mila gli autori che scelgono di pubblicare autonomamente un libro, sfruttando l'opzione del...

Che cos’è l’epub3: le potenzialità del formato

Epub3 è l’ultima versione del formato epub, lo standard internazionale per il libro digitale Si tratta di un formato libero (open source), basato su linguaggi...

biblioteca nazionale

Cosa si intende per deposito legale dei libri?

Con “deposito legale” si intende l’obbligo, stabilito dalla legge, di depositare presso particolari organismi libri e altri documenti Non bisogna, però...

quanto guadagna uno scrittore con il suo libro

Quanto guadagna uno Scrittore?

So che “quanto guadagna uno Scrittore” è la domanda delle domande per chi come te scrive e pubblica libri o nutre il sogno di farlo  Domanda che...

pubblico dominio

I libri di pubblico dominio. Pubblicazione ed aspetti legali nel 2019.

Abbiamo assistito nel corso del 2016 alla "riscoperta" de "Il Piccolo Principe" di Antoine de Saint-Exupéry (1900 - 1944), entrato in pubblico dominio nel...

Come inserire immagini o citazioni nel tuo libro

Viviamo in un'epoca in cui l'accesso alle risorse è diventato semplicissimo Foto, testi, immagini, anche d'epoca grazie alla digitalizzazione di archivi storici,...

javascript

Epub interattivi con Javascript

Ultima ma non meno importante novità introdotta da epub3 riguarda la possibilità di ricorrere al linguaggio di programmazione Javascript per realizzare ebook...

Self-publishing con o senza partita iva? Guida fiscale completa all’auto-pubblicazione

Con oltre 3 milioni di copie distribuite nel mondo, 2,2 milioni in diritti d’autore versati ad oltre 18000 autori, una delle domande più frequenti che ci viene...

Come pubblicare e vendere un libro su LaFeltrinelli.it?

LaFeltrinelliit è uno dei più importanti e conosciuti bookstore on-line a livello nazionale Grazie al suo vastissimo catalogo e alla grande attenzione alle...

formati di stampa

Self-publishing: scegliere il giusto formato del libro

Scegliere la dimensione dei libri è molto importante per uno scrittore che si autopubblica Prima di descrivere i principali formati di stampa, premettiamo che...

codice isbn libri

Codice ISBN: cos’è e a cosa serve il codice a barre in un libro?

Cos'è il codice ISBN E come è possibile ottenere il codice ISBN in maniera gratuita Il codice ISBN è importante anche nel self-publishing L'acronimo ISBN...

come pubblicare un libro per diventare scrittori in 10 passi

Come pubblicare un libro: 10 semplici passi per diventare Scrittori

Se stai leggendo questo post significa che hai scritto un libro, vorresti pubblicarlo ma non sai da dove iniziare Questa guida ti fornirà il meglio...

9 cose che devi sapere prima di Pubblicare un Libro con Amazon KDP

Amazon KDP è la soluzione di Amazon per il selfpublishing Se sei curioso o stai valutando l’idea di pubblicare il tuo libro con Amazon KDP, questo articolo è...

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.