Produrre

Come scrivere l’indice di un libro? Quello che devi sapere

7 minuti di lettura 1 Commento
  • Home
  • /
  • Produrre
  • /
  • Come scrivere l’indice di un libro? Quello che devi sapere
come scrivere l'indice di un libro

Come scrivere l’indice di un libro?

Esistono delle tecniche che aiutano a stilarlo nel migliore modo possibile?

Sono tutte domande che gli scrittori, esordienti o meno, si pongono ogni qualvolta si trovano a iniziare un nuovo libro. Ma non solo: tutti sappiamo quanto sia importante l’indice nella creazione di tesi ed elaborati di carattere culturale, oltre che per i romanzi.

L’indice non è un semplice elenco, ma di un testo completo e ordinato che consente di mantenere le idee ben chiare durante la fase di progettazione di un libro.

Sebbene non rappresenti la parte più “affascinante” di un progetto di scrittura, l’indice è fondamentale per restituire al lettore un’opera leggibile e ordinata, sia per i libri di carattere culturale che per i saggi e lavori tecnici. Realizzarlo non è difficile, ma la sua costruzione non deve essere rilegata alla fine del lavoro, ma bensì all’inizio, seguendo passo dopo passo alcuni consigli basilari che permettono di non sbagliare. Vediamo di seguito come creare un indice utile per i lettori, senza che la sua realizzazione diventi troppo complicata.

Cos’è un indice e come si inizia a scriverlo correttamente?

L’indice di un libro non è altro che un elenco dei concetti principali contenuti all’interno di quel determinato libro. Per questo motivo, per realizzarlo correttamente, bisogna partire proprio dal contenuto del libro stesso, e a tal fine è necessario iniziare almeno una bozza del libro prima di metterlo nero su bianco. Per capire la sua funzione bisogna immaginarlo come un puntatore di quei determinati termini usati dentro il contenuto, costituiti da pagine, sezioni o numeri di paragrafo. Solitamente l’indice è infatti posto dallo scrittore direttamente alla fine del libro, anche se al riguardo ci possono essere delle eccezioni (pensiamo alle tesi di laurea o ad altri tipi di documenti di carattere scientifico, dove spesso l’indice è collocato dall’autore nella parte iniziale dell’opera). Non bisogna poi confondere l’indice con il sommario, con la bibliografia o da altri materiali di supporto.

Inizia con un testo completo

Non esiste un momento giusto in assoluto per iniziare a creare l’indice: è sempre consigliabile farlo contestualmente alla creazione del libro, o almeno nel momento in cui si sta realizzando la prima bozza, ma questa non è una regola.

Se il testo è ancora incompleto, sei dubbioso sulla creazione dei contenuti o sei temporaneamente bloccato in qualche capitolo o paragrafo, puoi comunque iniziare a mettere nero su bianco una bozza di indice.

L’importante è che nel libro abbia già preso forma la sua struttura definitiva, ovvero i capitoli principali e un abbozzo di contenuto, altrimenti ti ritroverai a modificare l’indice innumerevoli volte. Anche se non hai ancora finito il testo, per facilitare il lavoro di indicizzazione puoi fare una scrematura del suo contenuto o prima di iniziare, in modo da approfondire il lavoro via via ed effettuare le modifiche della bozza di indice già creato via via che scrivi e migliori il suo contenuto.

Se disponi di un computer con un elaboratore di testi con strumenti di indicizzazione, ti consigliamo di usarlo, perché tali sistemi ti permettono di facilitare il lavoro di redazione indice (questi elaboratori permettono infatti di ottenere il tracciamento dei numeri delle pagine in modo automatico, aggiornando automaticamente l’indice qualora effettuassi continue modifiche sul contenuto del libro).

Qualora tu scrivessi il libro a mano, in ogni caso, ti consigliamo comunque di scrivere prima almeno una bozza, in modo da modificare via via l’indice quando e se deciderai di cambiare i contenuti del libro.

Come redigere correttamente un indice

Per scrivere correttamente un indice devi partire dal contenuto del testo, rileggendolo e cercando di individuare le parole e le idee chiare più importanti. A prima vista questo lavoro potrebbe sembrare difficile, ma una volta che avrai davanti la tua prima bozza di contenuto, individuare le parole chiave fondamentali sarà molto facile.

Se usi un programma di elaborazione testi (prima di acquistarlo assicurati che abbia inclusa la funzione di indicizzazione), puoi cominciare ad assegnare caratteri di identificazione (c.d tag), mentre redigi il contenuto del libro o quando leggi. Se stai scrivendo il libro a mano puoi creare i “tag” aiutandoti con adesivi, schede indice o altre marcature, da collocare in ogni singola pagina.

Può sembrare difficile, ma individuare i punti chiave del testo, o le idee principali utilizzate nella trattazione, è in realtà molto semplice perché in genere questi sono immediatamente evidenti nel testo, ti basta leggerlo con accuratezza. Per creare un buon indice devi cercare di inserire nel testo almeno due o tre richiami per ogni parola chiave o idea che esprimi nel libro, senza tuttavia esagerare: non usare troppi termini o richiami, ne bastano un paio, altrimenti il testo potrebbe apparire confusionario e disordinato.

Le caratteristiche di un buon indice

Quali sono le caratteristiche che un indice deve assolutamente avere per essere efficace? È importante che un indice risponda a delle esigenze ben precise: in primis quella di facilitare la lettura da parte del pubblico, e poi quello di dare una prima impressione sul testo. Devi tenere conto, infatti, che un indice ha proprio lo scopo e la funzione di trasmettere al lettore il suo contenuto e l’impegno profuso per scriverlo, ovvero quello di comunicare implicitamente la qualità del lavoro svolto dall’autore. Vediamo dunque insieme le caratteristiche fondamentali che l’indice di qualunque genere di libro deve avere:

  • Chiarezza
  • Struttura efficace
  • Articolazione congruente

La prima qualità fondamentale è la chiarezza: un indice deve essere redatto in modo da risultare chiaro e ordinato, facendo in modo che chi lo legge ne capisca subito il contenuto e non sia costretto a interpretare concetti o parole.

Per questo motivo ti consigliamo di non usare termini complessi o poco conosciuti, più le parole usate sono appartenenti al gergo comune più il lettore si sentirà a “suo agio” nel suo primo approccio con il libro. È poi molto importante che anche la struttura sia efficace: l’indice deve essere scritto in modo ben articolato, senza creare una sorta di labirinto confusionario composto da paragrafi e sottoparagrafi.

Nell’indice, inoltre, non vanno messi tutti i sottotitoli usati nel testo: si può provare a dividere il libro in modo organico e logico (in particolar modo quando il suo contenuto è piuttosto lungo, ad esempio più di 300 pagine). È tuttavia importante fare attenzione su questo punto: per evitare che l’indice appaia disordinato è necessario non far figurare nella sua struttura troppi sottotitoli, perché questi contribuirebbero solo a rendere l’indice più complesso da comprendere e soprattutto confusionario.

L’indice deve essere infine redatto seguendo un’articolazione logica. Che significa? Che deve essere scritto in modo progressivo, e secondo uno sviluppo ordinato: il passaggio da un argomento a un altro va effettuato in modo progressivo, nel senso che deve seguire una logica di approfondimento sensata che possa facilitare la lettura, talmente tanto da dare al lettore un senso compiuto ancor prima di leggere il libro, dal generale al particolare o viceversa.

Se si sta scrivendo un manuale o un saggio, è bene evitare l’uso di indici piatti e inespressivi, che si traducono in banali elenchi dei termini che si trovano nei libri. È bene tenere conto che l’indice non è un elenco, ma è parte fondamentale del libro; per questo va sempre scritto in modo attento e preciso. Dopo aver creato la prima bozza dell’indice può essere utile farlo leggere a conoscenti e amici, in modo da trarre spunti per eventuali modifiche o miglioramenti.

Se cerchi altri consigli di scrittura, continua a seguirci su questo blog. Ora, non ti resta che dedicarti al tuo indice!

Hai già scritto un libro e vorresti realizzare il tuo sogno di diventare autore? Inizia da QUI

Inserisci nome ed email prima di procedere
Acconsento al trattamento dati personali
Dichiaro di voler ricevere news, risorse e offerte da parte di Youcanprint
Seleziona le caselle se intendi procedere
Iniziare a scrivere un Libro Finire di scrivere un Libro per poi pubblicarlo Scegliere con chi pubblicare il tuo Libro Capire come promuovere il tuo Libro già pubblicato
Scrivere un Libro Pubblicare un Libro Promuovere un Libro
Scrivi Pubblica Vendi

Iscriviti alla Community e ricevi subito la Guida Gratuita del valore di 67€

19.000+ Autori ti stanno aspettando

Correlati

Ti potrebbe interessare anche:

Il Conta caratteri immediato. Tool gratuito conta parole, lettere, spazi e altro…

Il Tool online di Youcanprint gratuito che ti permette di contare i caratteri di un testo con e senza gli spazi, contare le parole, contare le lettere e...

aspetti tecnici del self publishing

Aspetti tecnici del self-publishing

Nella tua scelta di pubblicare da te, senza una casa editrice, avrai capito senz'altro che ogni operazione svolta prima da uno staff editoriale adesso spetta...

creare l'indice automatico con word e openoffice

Come creare l’indice con Word, OpenOffice e Pages nel modo giusto

Una delle funzioni più utili e interessanti per chi scrive e impagina un libro, una tesi o un documento con Microsoft Word o con Writer di OpenOffice, è quella...

formato epub3

Che cos’è l’epub3: le potenzialità del formato

Epub3 è l’ultima versione del formato epub, lo standard internazionale per il libro digitale Si tratta di un formato libero (open source), basato su...

quali sono le dimensioni dei libri?

Self-publishing: scegliere il giusto formato del libro

Scegliere la dimensione dei libri è molto importante per uno scrittore che si autopubblica Prima di descrivere i principali formati di stampa, premettiamo che...

come mettere le note in un testo

Come inserire le note a piè di pagina in un documento Word, OpenOffice o LibreOffice

Uno degli errori più comuni nell'impaginazione di un testo con Microsoft Word, OpenOffice o LibreOffice riguarda l'inserimento delle note a piè di...

Impostare i margini di un documento Word

Come impostare i margini di un libro con Word e OpenOffice

«Forma e contenuto non possono essere distinti in un'opera d’arte, sono una cosa sola», scriveva il celebre drammaturgo irlandese Oscar Wilde È...

Guida completa a calibre

Creare e gestire un ebook: la guida completa a CALIBRE

Calibre è un software libero, open source, multipiattaforma dedicato alla gestione degli ebook, ma non, solo È un convertitore ePub-mobi ed un ebook reader...

i vari formati dei libri

Quale formato scegliere per il tuo libro

Ecco il nostro appuntamento del Venerdì Oggi cercheremo di mettere un p' di ordine tra i mille formati dei vostri libri Vi scriveranno che è importante ciò che...

come scrivere un testo senza numero di pagine

Come NON mettere il numero di pagine

Eccoci, prendiamo spunto da un commento fatto nel post precedente per scrivere il nuovo post del venerdì! Accendiamo il condizionatore e iniziamoPer chi si fosse...

cosa sono le caselle editoriali

Breve guida alle unità di misura editoriali: caratteri, battute, cartelle

Immagina queste due situazioni: nella prima hai scritto un libro e vuoi fare una correzione bozze, mentre nella seconda vuoi inviare un manoscritto a una casa...

eliminare spazi testo word

Come eliminare gli spazi in eccesso tra le parole?

La correzione di bozze è un passaggio imprescindibile per ogni Autore Che tu voglia scrivere un libro, ma anche semplicemente un racconto breve, presentare una...

copyright di un libro

Cosa scrivere sulla pagina del copyright di un libro?

Realizzare un libro professionale richiede non solo un grande contenuto (una storia, un saggio, etc), ma la cura di tutti gli quegli elementi secondari che,...

1 Commento

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.