Guide Pratiche Marketing Selfpublishing

Self-publishing: 3 modi per pubblicizzare i tuoi libri sul blog

Non so quante volte ho ribadito che il modo migliore per farsi conoscere non è quello di farsi pubblicità, ma quello di farsi valere. E ne sono sempre più convinto.

Andare in giro a raccontare che si è bravi o che si è scritto un libro che vale davvero la pena comprare è il modo migliore per allontanare eventuali lettori e dar loro un’immagine di sé del tutto negativa.

I vecchi mezzi di comunicazione, volenti o nolenti, ci hanno insegnato che la pubblicità è finzione. Ci hanno insegnato che spesso dietro dei messaggi pubblicitari accattivanti ci sono tecniche di comunicazione ben studiate ma scarse verità.

Non sono pochi i prodotti in commercio che, a seguito di attente verifiche, sono stati screditati, non sono pochi i casi celebri di spietati venditori pronti a qualsiasi menzogna per indurti ad acquistare i loro prodotti.

Ovviamente la nuova generazione di “clienti”, quella legata all’utilizzo del Web come mezzo di comunicazione, luogo d’incontro e negozio virtuale, porta con sé l’insegnamento di questa precedente esperienza (tuttora attiva).

Ecco perché, allora, il modo migliore per avere successo online (anche per chi promuove i propri libri) è quello d’essere sempre onesti e di lasciare che siano i fatti a parlare, non le parole.

La domanda che muove questo post è: come tradurre tutto ciò in azioni per pubblicizzare i libri sul proprio sito Web/blog? Ecco 3 strategie oneste e dirette tutte per te.

1.      Prendi spunto dalle tue opere per dar via a discussioni

Di cosa tratta il tuo libro? Avrà certamente un argomento chiave. Bene, hai mai pensato che potresti utilizzarlo per dar vita a una serie di discussioni sul tema? Il tuo libro parla di ecologismo, come faccio io nel mio primo romanzo? Parla dell’Inquisizione? Oppure del Sistema Solare? Non ha importanza. L’importante è che si tratti di un argomento che conosci e che ti stia particolarmente a cuore.

Utilizzalo per innescare discussioni sul tuo blog attraverso la pubblicazione di post tematici. Oltreché un’opportunità per parlare del tuo libro, diverrà un’ottima occasione per far vedere quanto ne sai, in modo onesto e umile (personal branding), ma anche per farti una bella chiacchierata con persone potenzialmente interessanti.

Scambiare opinioni è una cosa che, personalmente, mi piace da morire!

2.      Crea giochi legati ai tuoi libri

Già immagino cosa puoi aver pensato a primo acchito, leggendo il titolo di questo secondo punto: e chi ce li ha i soldi per commissionare un gioco?

Partiamo dal punto che far realizzare su commissione piccoli giochi da mettere sul tuo sito, oppure app per smartphone, può costare dai 100 ai 300 euro per un servizio professionale. Basta farti un giro su Google per rendertene conto.

Tuttavia, potresti non disporre di questo budget. Cosa fare in questo caso? Io, per ora, ho optato per l’invio a tutti gli iscritti alla mia newsletter di un piccolo indovinello. In tutti i miei libri mi piace nascondere un segreto, un “uovo di Pasqua” come lo chiamano gli informatici. Così, ho utilizzato questo espediente per dar vita a un piccolo gioco via newsletter.

Ma le vie sono infinite. Guarda qui, ad esempio. Iscriviti e gioca a questo sito. Ti renderai conto di quanto semplice possa essere creare un business legato al gioco online. Basta solo un po’ di fantasia.

3.      Invia materiale gratuito via newsletter

Come dico spesso, a nessuno (o a pochissimi) verrebbe in mente di acquistare in busta chiusa il libro di un perfetto sconosciuto. Quindi, i migliori espedienti per invogliare qualcuno a seguirti e a comprare le tue opere è mostrare quanto queste valgano.

Per farlo ti basta mettere gratuitamente a disposizione di tutti, o solamente a chi è iscritto alla tua newsletter, alcuni stralci del libro. Stralci presi qui e là, oppure una postfazione (o prefazione) d’autore, i primi capitoli, la nuova copertina o ciò che vuoi. E rendilo noto tramite un bel post.

A questo, puoi sempre abbinare la pubblicizzazione via post di occasioni imperdibili che renderai attive per un breve periodo di tempo. Nel 2009 decisi di promuovere “Casus belli” mettendolo in download gratuito per diversi giorni e lo pubblicizzai sui miei profili social di allora. “Ma così non guadagno niente”, dirai. In termini economici, forse, ma ti farai certamente conoscere anche da chi è riluttante all’acquisto. E avrai l’opportunità di conquistare nuovi lettori.

Alla prossima e…occhio alla penna ;)!

Roberto Tartaglia

Giornalista e scrittore indipendente. Fondatore di www.viverediscrittura.it, il primo sito per imparare a diventare scrittori indipendenti. Il suo sito personale è www.robertotartaglia.com.

You may also like
Top self-publishing ebook: classifica dal 06 al 12 febbraio
Nasce Wiki Books, il self-publishing incontra il crowdsourcing
1 Comment

Leave Your Comment

Your Comment*

Your Name*
Your Webpage