Guide Pratiche Marketing

Come promuoversi in modo attivo tramite Twitter

Twitter-activeVisto che si è da poco concluso il Twitter Ficion Festival, l’evento che il social netwrok dedica alle storie scritte in 140 caratteri, mi è sembrato un buon motivo per darti qualche consiglio su come promuovere il tuo libro su Twitter. Comincio proprio utilizzando le parole di Rebecca Kemp, scrittrice di fantascienza, selezionata dall’esclusiva giuria del Festival tra i 50 autori finalisti.

“Prendere parte al festival mi ha aiutato a guadagnare nuovi seguaci su Twitter, e spero che questo attirerà l’attenzione sul mio nuovo libro di racconti. Io uso Twitter ogni giorno, perché mi piace e lo trovo utile per trovare consigli di scrittura, scoprire concorsi e rimanere in collegamento con scrittori di tutto il mondo. Non è facile incontrarli di persona o su altri social network, ma certamente per me è molto facile su Twitter”.

Dato il successo del suo racconto al Festival, Rebecca ha sicuramente una conoscenza avanzata del mezzo, ma se sei un neofita (anche se ne dubito) è meglio cominciare dall’inizio, ossia, chiarendo che se il pubblico per cui hai scritto il tuo libro non si ritrova su Twitter allora non promuoverti su Twitter. Semplice no?

Sì, ho già capito che domanda vorresti farmi a questo punto: “come faccio a sapere se i miei lettori sono lì?”

La homepage Twitter ha una barra di ricerca nella parte superiore della pagina, molto utile per sapere cosa le persone stanno tweetando a proposito di un argomento specifico, un hashtag (le parole chiave precedute dal segno ‘#’ cancelletto) o una persona in particolare. Prova a fare una ricerca utilizzando i termini che identificano il tuo libro, per scoprire quali utenti potrebbero essere potenzialmente interessati e cosa specificatamente dicono intorno a quel tema.

Prima di iniziare a seguirli, segui le loro conversazioni e segnalazioni, rilancia postando link ai quali potrebbero essere interessati. Anche qui vige la legge dell’80/20, solo al contrario: l’80% dei vostri tweet devono contenere informazioni utili e il 20% essere legate alla promozione del tuo libro.

Le persone che si trovano su Twitter non sono solo potenziali lettori, ma anche potenziali promoters. Coloro che troveranno il tuo link utile, probabilmente vorranno poi sapere chi sei andando a controllare il tuo profilo, prima di decidere se seguirti. Ecco perché è importante occuparsi prima dei contenuti, che del numero di follower: se non hai Tweet sulla tua pagina, le persone saranno meno inclini a seguirti poiché non sanno cosa aspettarsi da te.

E poi, non utilizzare la copertina del libro come immagine del profilo, usa il tuo volto: i social network servono per connettere le persone alle persone, non ai prodotti.

Infine, è importante sapere chi ti sta menzionando e per quale motivo. Ha forse trovato il tuo contenuto degno di ReTweet? Oppure, ha comprato il tuo libro e vuole farlo sapere hai suoi follower?

I dispositivi di lettura o i social dedicati ai libri generano ad esempio dei tweet automatici ogni volta che qualcuno aggiunge il tuo romanzo alla sua libreria. Il minimo che puoi fare è ringraziarli. Non ti pare? Esistono degli strumenti come Mention.net che consentono di impostare delle notifiche per nome autore o titoli di libri o qualsiasi altra cosa che si desidera monitorare.

Restare in collegamento con chi condivide i tuoi contenuti può essere molto utile quando sei un nuovo autore e Twitter è particolarmente utile perché ti invita ad agire, scoprire, seguire e avviare per primo conversazioni con i lettori, piuttosto che attendere che siano loro a manifestare apprezzamento per ciò che pubblichi.

You may also like
4 rischi che dovrai correre per diventare uno scrittore
A partire dall’Incipit [1]
3 Comments

Leave Your Comment

Your Comment*

Your Name*
Your Webpage