Scrivere

Scrivere un libro: le scelte che deve fare il tuo personaggio

4 minuti di lettura 17 Commenti
  • Home
  • /
  • Scrivere
  • /
  • Scrivere un libro: le scelte che deve fare il tuo personaggio
ruolo dei personaggi

Se sei alle prese con la scrittura di un libro tieni a mente che:

L’apparenza inganna (cit.)

Ci sono tre periodi nella vita: la giovinezza, la mezza età e l’apparire.
(Nelson Rockefeller)

Siamo tutti impostori in questo mondo, noi tutti facciamo finta di essere qualcosa che non siamo.
(Richard Bach)

Sii quello che sembri.
(Lewis Carroll)

Chi si aspetta che nel mondo i diavoli vadano in giro con le corna e i buffoni coi sonagli sarà sempre loro preda e il loro zimbello.
(Arthur Schopenhauer)

Scusa, mi sono fatto prendere la mano, ne avrei scritte anche altre ma la mia indole (nascosta) da editor (mancato e pignolo) me l’ha proibito.

Cosa voglio dire?

Che siccome la scrittura è imitazione della vita (mimesi diceva Aristotele), allora per i nostri personaggi, i tuoi personaggi, non possono non esserci che due facce: il vero personaggio e la sua caratterizzazione.

La caratterizzazione è la somma di tutte le qualità osservabili in un essere umano, tutto ciò che è possibile conoscere attraverso un attento esame: età, quoziente intellettivo; sesso o sensualità; modo di parlare, gestualità; grado d’istruzione e lavoro; personalità e nevrosi; valori e atteggiamenti, ecc…sono tutti aspetti umani che potremmo giungere a conoscere prendendo quotidianamente appunti su qualcuno.

La totalità di questi tratti rende ogni persona unica nel suo genere.

La caratterizzazione denota in modo totale l’apparenza di un personaggio: essa è la somma di tutti i tratti visibili e dei suoi comportamenti ma non è il personaggio.

Il vero personaggio, infatti, si rivela attraverso le scelte che compie sotto pressione: maggiore è la pressione, maggiore sarà la sua efficacia ed il suo mostrarsi al lettore.

Mi viene da pensare a 1q84 di Murakami.

L’hai letto?

Aomame è bloccata in un taxi nel traffico. L’autista le suggerisce, come unica soluzione per non mancare all’appuntamento importante che l’aspetta, di uscire dalla tangenziale utilizzando una scala di emergenza, nascosta e poco frequentata. Ma, sibillino, aggiunge di fare attenzione: “Non si lasci ingannare dalle apparenze. 

Ecco ora non pensare che l’abbia fatto apposta sul discorso delle apparenze…prenditela con Murakami.

Quello su cui vorrei focalizzassi la tua attenzione è però questo:

La protagonista sin dalle primissime pagine del (magnifico) romanzo di Murakami viene messa davanti alla prima importante una scelta: scendere dal taxi e prendere quella scala d’emergenza oppure no?

In questo modo il lettore in seguito alla scelta di Aomame inizia a farsi un’idea ben precisa (e vera) del personaggio Aomame.

Il vero personaggio, infatti, si rivela attraverso le scelte che compie sotto pressione: maggiore è la pressione, maggiore sarà la sua efficacia ed il suo mostrarsi al lettore.

Murakami è un maestro indiscusso, basterebbero anche solo le prime 10 pagine di 1q84 per impiantare un corso di scrittura.

Quali scelte hai posto dinanzi al tuo protagonista? E quante pagine hai aspettato per farlo?

Pensaci.

Torniamo alla caratterizzazione.

Anche la caratterizzazione è fondamentale e serve a due scopi: incuriosire e convincere.

Incuriosire: il lettore sa che l’apparenza di un personaggio non è la sua realtà, e che altro non è che la sua rappresentazione, la maschera di una personalità messa tra il mondo e il vero personaggio che si nasconde dietro il travestimento.

Ritorno con l’esempio di 1q84, sempre nelle primissime pagine Murakami racconta al lettore proprio di questa “maschera” indossata da Aomame per affrontare la realtà: scelta narrativa portata all’estremo dato che Aomame è particolarmente condizionata proprio dalle espressioni del suo viso e cerca in ogni momento di nasconderle.

Una volta che è stata agganciata la curiosità del lettore, la storia consiste (anche) in una serie di rivelazioni che rispondono a queste domande.

Impara le regole come un professionista, così potrai infrangerle come un’artista diceva Picasso (beccati quest’altra citazione).

Ma è vero.

Scrivere è un mestiere con le sue regole (da infrangere). Ma devi conoscerle, prima.

Proseguiamo.

Dopo incuriosire viene Convincere: una caratterizzazione ben architettata e ben disegnata unisce capacità (mentali e fisiche) e comportamenti (emotivi e vebali) che incoraggiano il lettorea credere nel personaggio inventato come se fosse vero.

Il lettore sa che storie e personaggi non sono reali, ma come ho già detto con l’esempio dello Scarafaggio di F.Kafka qui, se lo scrittore sa Convincere il lettore si lascia coinvolgere dalla narrazione e sospende l’incredulità, accettando temporaneamente di credere alle azioni e reazioni dei personaggi, senza dubbi e senza discutere.

Inserisci nome ed email prima di procedere
Acconsento al trattamento dati personali
Dichiaro di voler ricevere news, risorse e offerte da parte di Youcanprint
Seleziona le caselle se intendi procedere
Iniziare a scrivere un Libro Finire di scrivere un Libro per poi pubblicarlo Scegliere con chi pubblicare il tuo Libro Capire come promuovere il tuo Libro già pubblicato
Scrivere un Libro Pubblicare un Libro Promuovere un Libro
Scrivi Pubblica Vendi

Iscriviti alla Community e ricevi subito la Guida Gratuita del valore di 67€

19.000+ Autori ti stanno aspettando

Correlati

Ti potrebbe interessare anche:

congiungitvo come si usa

Il se vuole sempre il congiuntivo? Teoria, esempi, trucchi per ricordare

Il se vuole sempre il congiuntivo Bella domanda, anche perché già quando si parla di congiuntivo le cose si fanno difficili Tuttavia chi scrive, che sia un...

Come si scrive una tesi di laurea

I 6 consigli di Umberto Eco per scrivere una tesi di laurea

Il saggio di Umberto Eco "Come si fa una tesi di laurea" (Bompiani, 1977) parte dai fondamentali, spiegando che cos'è una tesi di laurea Ma, se sei qui,...

le figure retoriche nella scrittura

Le figure retoriche nella scrittura di un testo: tipologie ed esempi

Che tu sia o meno uno scrittore emergente o professionista, oppure un semplice appassionato di scrittura creativa e desideri cimentarti in questo campo,...

5 step per scrivere un libro

Come scrivere un libro, i 5 step fondamentali

Hai deciso di scrivere un libro o lo stai già facendo Ecco 5 step, che ti aiuteranno a farlo senza perdere altro tempo Decidi cosa vuoi dimostrare con la...

incipit perfetto

Incipit: definizione, a cosa serve, esempi

L'incipit è più di un semplice inizio: è una finestra sul cuore della storia Attraverso esso, si mostrano non solo il personaggio principale, ma anche il tono,...

font migliore per un libro

Qual è il font migliore per il tuo romanzo?

Scegliere il font migliore per scrivere un romanzo non è così semplice Nel self publishing, la libertà di non avere un editore alle spalle consente agli autori...

generi letterari

Generi letterari: definizione ed elenco

Quante volte sentiamo parlare di "genere letterario" Forse è un concetto poco conosciuto da chi non ama scrivere o leggere, ma che rappresenta un argomento...

Come scrivere un libro per bambini e farlo conoscere

Come scrivere un libro per bambini e farlo conoscere

Scrivere un libro per bambini spesso viene considerato un compito meno impegnativo che scrivere un libro destinato ai grandi, ma le cose non stanno così Per...

dare il titolo giusto

Come trovare il titolo giusto per il tuo libro: la guida pratica

Hai finito di scrivere il tuo libro finalmente Dopo mesi e mesi di fatica è arrivato anche il momento di scegliere il titolo giusto e questo è un compito che...

Prefazione del libro come si scrive

Prefazione: definizione, a che serve, esempi

La prefazione di un libro rimane sempre un elemento misterioso: è necessaria È utile Ma soprattutto cos'è e come si scrive la prefazione di un...

genere letterario giallo

Genere letterario Giallo: genesi, sviluppo e caratteristiche

Come è nato il genere giallo Il genere giallo è riconducibile con ogni probabilità a quello poliziesco; ad ogni modo, recentemente, sono nati filoni...

low content book

Low content book: cos’è e come pubblicarne uno

Da qualche tempo negli Stati Uniti stanno ottenendo uno straordinario successo i Low Content Book: si tratta di libri con poco contenuto che rappresentano un...

genere letterario horror

Genere letterario Horror: storia, struttura, temi di un genere amatissimo

Come è nato il genere horror Il genere letterario horror non ha un'origine temporale ben specifica in quanto diversi temi horror sono stati scritti fin...

17 Commenti

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.