Non perdere la bussola: l’autoefficacia nella scrittura

Martin Seligman era un uomo cattivo. Negli anni ’60, torturava i cani mettendoli in una piccola prigione con un pavimento elettrificato diviso in due metà separate da una barriera alta pochi centimetri.

L’esperimento è davvero molto crudele, ma devo spiegarlo per sommi capi per far passare il concetto. La gabbia era divisa in due, una metà elettrificata e l’altra no. L’elettrificazione del pavimento era anticipata da uno stimolo uditivo, in modo che il cane imparasse ad associare il suono della sirena alla scarica elettrica. Seligman dimostra come dopo enne tentativi di sottrarsi alla scarica alla fine il cane rinuncia perché comprende che è impossibile sottrarsi.

Il cane aveva imparato che il dolore era inevitabile. Qualunque cosa facesse, il dolore sarebbe arrivato. Questo comportamento è noto come impotenza appresa (trovi maggiori dettagli qui) e gli scrittori che si arrendono soffrono di qualcosa di molto simile.

Autoefficacia percepita: un antidoto alla rinuncia

Tranne pochi fortunati, la maggior parte degli scrittori (mi ci metto dentro anche io) si sentono come dei cagnolini perseguitati, non da scariche elettriche, ma dai fallimenti: incapacità di attrarre un pubblico, di realizzare tutte le pubblicazioni desiderate, di guadagnarsi da vivere con la scrittura ecc.

Questa incessante sequenza di fallimenti può portare alcuni di noi a pensare che, qualunque cosa si faccia, la sconfitta è tutto ciò che bisogna aspettarsi. E così che, proprio come i cani di Martin, si tende alla resa.

Ma alcuni di noi no.

Continuiamo a reagire dopo ogni fallimento e ad andare avanti. Continuiamo a scrivere anche dopo aver ricevuto un rifiuto dopo l’altro, dopo essere stati lasciati indietro mentre i nostri coetanei ci superano, e anche dopo che la nostra scrittura è stata costantemente accolta solo dal silenzio.

Allora perché? Siamo solo dei testardi? Beh, sì, forse. Ma c’è qualcos’altro che ci fa andare avanti e, anche se mi vergogno a dirlo, è questo: crediamo in noi stessi.

Il termine tecnico per questo è percepito come autoefficacia, è stato coniato da Albert Bandura, che è stato ampiamente accreditato come lo psicologo vivente più eminente del mondo (con solo BF Skinner, Jean Piaget e Sigmund Freud classificati più in alto in termini di influenza ).

Secondo Bandura, che ha definito il termine nel 1977come: “l’autoefficacia è la convinzione di una persona della propria capacità di avere successo in una particolare situazione”.

In altre parole, l’autoefficacia è ciò che comunemente chiamiamo “credere in se stessi” e ne hai assolutamente bisogno se vuoi perseverare come scrittore. Come ha detto Bandura:

Le credenze [di autoefficacia] influenzano i corsi d’azione che le persone scelgono di perseguire, quanto impegno fanno in determinati sforzi, per quanto tempo persevereranno di fronte a ostacoli e fallimenti, la loro resilienza alle avversità, se i loro modelli di pensiero sono autosufficienti – l’ostacolo o l’autoaiuto, quanto stress e depressione sperimentano nell’affrontare le gravose richieste ambientali e il livello di risultati che realizzano.

Come credere in te stesso

A differenza di quanto potrebbe averti insegnato una certa psicologia pop, il modo per aumentare la tua autoefficacia percepita e credere in te stesso non è stare davanti a uno specchio e ripetere “Ci riuscirò, ci riuscirò, riuscirò!” Invece, secondo Bandura, la fiducia in se stessi deriva da quattro fonti principali:

  • esperienza e padronanza;
  • esperienze vicarie;
  • persuasione sociale;
  • stati emotivi e fisiologici.

Diamogli  un’occhiata 

1. Esperienza e padronanza 

Un’esperienza di padronanza è quando assumi un compito e finisci per riuscirci. È quando un tentativo di fare qualcosa va a buon fine. È l’opposto di un fallimento. È una vittoria.

Queste vittorie possono essere grandi, come completare la prima bozza di un romanzo, o possono essere molto più piccole, come lottare per rendere il tuo punto in un post sul blog e improvvisamente avere tutto a posto. Possono anche essere semplici come trovare la disciplina per sedersi e iniziare a scrivere.

In termini di potenziamento della tua autoefficacia percepita, le esperienze di padronanza sono il metodo più potente. Niente ti fa credere di più in te stesso che portare a termine ogni compito imminente e sentirti sempre più competente

Tuttavia, affinché le esperienze di padronanza esercitino la loro magia, i compiti che decidi di affrontare non dovrebbero essere troppo facili. Creerai fiducia in te stesso solo se continuerai a trionfare su compiti che sono veramente impegnativi. Come ha detto Bandura :

Se le persone sperimentano solo facili successi, si aspettano risultati rapidi e sono facilmente scoraggiate dal fallimento. Un senso resiliente di efficacia richiede esperienza nel superare gli ostacoli attraverso uno sforzo perseverante. Alcune battute d’arresto e difficoltà nelle attività umane servono a uno scopo utile nell’insegnare che il successo di solito richiede uno sforzo prolungato. Dopo che le persone si convincono di avere le carte in regola per avere successo, perseverano di fronte alle avversità e si riprendono rapidamente dalle battute d’arresto. Resistendo nei momenti difficili, emergono più forti dalle avversità.

2. Esperienze vicarie

Guardo sempre con molto sospetto a quel tipo di pubblicità che hanno titoli come questo: come guadagnare 10.000 euro al mese lavorando solo 4 ore a settimana e simili.

Ciò significa che se trai ispirazione da storie di successo improvvise che coinvolgono giovani di bell’aspetto, che hanno avuto una vita facile e hanno il sostegno finanziario di genitori o partner ricchi, è meglio assicurarsi che la maggior parte di questi attributi li hai anche tu. E se no, allora forse sarebbe una buona idea cercare altri modelli: scrittori che hanno lottato di più per il loro successo e che trovi più riconoscibili e vicini alla tua situazione.

Ora, detto tutto questo, un’altra nota di avvertimento: le esperienze vicarie possono anche danneggiare gravemente la tua volontà di tener duro! Non solo possono ispirarti, darti speranza e farti capire che forse diventare uno scrittore non è un’idea così stravagante, ma possono anche distruggere la tua autostima. Ecco di nuovo Bandura:

Per lo stesso motivo, osservare il fallimento degli altri nonostante l’alto sforzo abbassa i giudizi degli osservatori sulla propria efficacia e mina i loro sforzi.

3. Persuasione sociale

Siamo creature sociali e in quanto tali molto di ciò che crediamo di noi stessi deriva dal modo in cui gli altri interagiscono con noi. Quindi, un’altra potente fonte che aumenta la fiducia in noi stessi è la persuasione sociale.

La persuasione sociale è quando gli altri ti dicono che stai facendo le cose per bene. È quando gli editori di una rivista accettano felicemente la tua storia. È quando i lettori lodano la tua scrittura come perspicace, divertente, interessante, commovente, educativa o semplicemente fantastica.

È quando i numeri dei tuoi follower crescono organicamente senza ricorrere a tattiche follow-for-follow. È quando qualcuno è effettivamente disposto a pagarti per il tuo lavoro o quando un collega scrittore vuole collaborare con te.

Tuttavia, la persuasione sociale deve essere genuina. Dopotutto, come osserva Bandura: “Gli aumenti irrealistici dell’efficacia vengono rapidamente smentiti dai risultati deludenti dei propri sforzi”. Quindi forse dovresti smettere di chiedere feedback a tua madre.

Ora, se non hai ancora fan deliranti che vogliono strapparti i vestiti e editori di pubblicazioni che ti implorano di scrivere per loro, cosa puoi fare?

Bene, forse potresti unirti a un gruppo di colleghi che si sostengono a vicenda con un feedback onesto e costruttivo. Ma se lo fai, non pensare solo a te stesso. Dai anche un po’ di incoraggiamento e ogni volta che ti imbatti in uno scritto che ti piace, sii gentile e fallo sapere allo scrittore! Non crederai a quanta differenza possa fare per uno scrittore in erba o uno che ultimamente è stato nei guai. E se il karma funziona, l’universo probabilmente ti restituirà il favore.

4. Stati emotivi e fisiologici

Il quarto e ultimo modo per aumentare la tua autostima è, per dirla chiaramente, non sentirti una merda, sia nella mente che nel corpo, altrimenti avrai obiettivamente difficoltà a credere in te stesso.

Quindi cerca di prenderti cura di te: fai un po’ di esercizio, prendi una boccata d’aria fresca, trascorri del tempo con amici e familiari. Soprattutto, non essere il sadico sergente istruttore di te stesso in pieno stile metal jacket. A volte la vita è già tremenda senza che tu ci versi sopra un carico di colpa.

Riassumendo

Come fai a credere in te stesso ed evitare di finire come un cane torturato che ha perso ogni speranza?

Vincere il jackpot è un modo. Ma questo è riservato a una piccola minoranza di esseri umani. Per tutti gli altri la soluzione è non mollare. Albert Bandura, il più eminente psicologo vivente suggerisce:

  1. Crea una spirale di successo per te stesso: una sequenza di sfide progressivamente più difficili il cui risultato è sotto il tuo controllo e che può aiutarti a far avanzare la tua carriera di scrittore, concentrandoti sul miglioramento di te stesso e non nel battere “la concorrenza”.
  2. Cerca modelli di ruolo riconoscibili che hanno dovuto lottare per il loro successo. Evita di usare come ispirazione coloro che non hanno dovuto lavorare sodo e sono solo diventati grandi grazie ad un colpo di fortuna.
  3. Evita gli scrittori tristi e cupi con la loro infinita negatività e cerca invece colleghi pieni di speranza, ma non deliranti, che si impegnano a darti un feedback costruttivo onesto e potrebbero persino essere disposti ad aiutarti.

Community ufficiale di Youcanprint

Fai già parte della nostra Community su Facebook?

Il luogo dove ogni giorno postiamo nuovi contenuti gratuiti per Scrivere, Pubblicare e Promuovere il tuo Libro.
Dove Autori condividono le loro idee e si confrontano ogni giorno.
Ci sono già centinaia di Autori che ti stanno aspettando!

Unisciti alla Community

8 Commenti

Rispondi a donatocorvaglia Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lost your password? Please enter your username or email address. You will receive a link to create a new password via email.
We do not share your personal details with anyone.