Scrivere

Neologismi: quando e come usarli nel tuo libro

7 minuti di lettura
  • Home
  • /
  • Scrivere
  • /
  • Neologismi: quando e come usarli nel tuo libro
neologismi nei libri

La scrittura di un libro necessita di un linguaggio appropriato: come si inseriscono in questo contesto i neologismi? In questa breve guida parleremo delle nuove parole che continuamente vengono coniate. Alcune sono solo delle parole di tendenza, che possono essere considerate più un gergo giovanile, legate a determinati periodi storici o ambienti, che non vere e proprie parole nuove; altre, invece, vengono inserite all’interno dei più importanti dizionari della lingua italiana, proprio a sottolinearne il riconoscimento ufficiale.

Per comprendere al meglio come usare i neologismi all’interno di un romanzo, un racconto, un saggio o altro tipo di testo è necessario per prima cosa comprendere cosa sono i neologismi.

Neologismi: cosa sono?

Il termine neologismo significa parola nuova e deriva dal greco neos-logos, ossia nuova parola. Ogni volta che viene inventato un nuovo strumento, un apparecchio, una tecnologia o qualsiasi altra cosa che in precedenza non esisteva, viene coniato un neologismo per dare nome a tale innovazione. Tuttavia le nuove parole non sono legate solo a oggetti fisici, ma anche a comportamenti, stati d’animo, concetti o qualsiasi altra cosa che richiede un termine in grado di definire o esprimere al meglio quello di cui si sta parlando.

Bisogna tuttavia distinguere i neologismi dai gerghi giovanili, che spesso fanno uso di parole non esistenti ma non di rilevanza tale da divenire neologismi. Infatti, affinchè un termine possa divenire un vero e proprio neologismo è necessario che tale parola venga utilizzata regolarmente non solo da un ristretto numero di persone, in modo da diffondersi diventando parte della lingua italiana. I termini che vengono considerati di rilevanza tale da poter essere considerati come parole nuove della lingua vengono inseriti all’interno dei dizionari.

Va però sottolineato che per molte parole l’introduzione nei vocabolari non avviene simultaneamente: alcune case editrici, infatti, possono reputare un termine di rilevanza tale da inserirlo all’interno del proprio vocabolario mentre altri editori possono optare per l’inserimento di altre parole.

L’inserimento in dizionario, inoltre, non sancisce l’ufficializzazione del neologismo: questo avviene infatti solo dopo che l’Accademia della Crusca, ossia il massimo riferimento per quanto concerne lo studio della lingua italiana, riconosce il neologismo dopo averne studiato e regolamentato l’effettivo significato e le modalità di utilizzo.

La nascita di un neologismo

La lingua italiana è in continua evoluzione; inoltre le numerose contaminazioni con altre lingue portano a una normale introduzione di termini di derivazione straniera. In molti casi, le nuove parole nascono da scoperte scientifiche, dall’introduzione di particolari abitudini o ancora dal mondo della moda.

Negli ultimi anni, la particolare situazione sanitaria ha portato alla diffusione di termini specifici, acluni di derivazione scientifica, come appunto il coronavirus, altri legati alle sue conseguenze, quali il green-pass, il distanziamento sociale o il lockdown. Durante il periodo della pandemia sono inoltre nate la DAD (ossia la Didattica a Distanza), incrementati i webinar e i meeting online.

Tuttavia non tutti i neologismi degli ultimi anni sono legati alla pandemia: ci sono ad esempio parole legate all’inquinamento, come le micro-plastiche, nonché termini che, come climicida, indicano gli effetti che proprio l’inquinamento ha sui cambiamenti climatici. Se questi termini sono strettamente connessi all’inquinamento, dall’altro lato ci sono anche vocaboli che puntano verso il miglioramento dell’impatto ambientale, come la carbon neutrality o l’economia circolare.

Di rapido attecchimento sono i termini legati alle tecnologie e alla comunicazione: chattare, linkare, craccare, zippare o ancora cliccare o fare pop-up oggi vengono utilizzati quasi quotidianamente da quanti usano uno smartphone o un computer per giocare, lavorare, studiare o solo comunicare. E d’altro canto, anche i vocaboli smartphone e computer, inizialmente sono stati considerati dei neologismi.

Una particolarità degli ultimi anni è che, a differenza del passato, le nuove parole vengono accettate con maggiore facilità proprio perché le tecnologie di comunicazione ne permettono una più rapida divulgazione. Tuttavia, è soprattutto il successo del termine, ossia la sua diffusione, a decretarne il successo e, quindi, l’ingresso all’interno di un vocabolario italiano e il riconoscimento dell’Accademia della Crusca.

Quando e come usare un neologismo all’interno di un libro

Vediamo ora quando utilizzare i neologismi all’interno di una nostra opera. Devi considerare che in realtà non esiste una regola unica in quanto molto dipende dal tipo di libro che stai scrivendo. Ti spiego: se il tuo racconto, romanzo o saggio ha una connotazione scientifica, molti termini tecnici e neologismi saranno automaticamente presenti all’interno del testo perché necessari alla descrizione di macchinari, di tecnologie e di modalità di lavoro dei protagonisti. Facciamo un esempio.

Se stai scrivendo un racconto ambientato in un mondo in piena crisi ecologica, potrai utilizzare regolarmente termini quali climicida, micro-plastiche oppure carbon neutrality perché presumibilmente si tratterà di parole che verranno regolarmente utilizzate anche dai protagonisti del tuo lavoro.

Tutti i neologismi legati alla comunicazione dovrebbero essere utilizzati con maggiore attenzione: nella maggior parte dei casi, infatti, si tratta di parole strettamente connesse alla lingua parlata e un po’ meno a quella scritta. Se i protagonisti del tuo racconto parlano tra di loro potranno tranquillamente usare un linguaggio slang e ricco di neologismi ma se stai descrivendo delle situazioni o raccontando avvenimenti specifici è meglio evitare di eccedere con i neologismi. Pertanto, all’interno di un discorso diretto si potrà tranquillamente scrivere “stiamo chattando” mentre in caso di discorsi indiretti sarebbe più idoneo dire che i personaggi si stavano scambiando messaggi.

Usare i neologismi in un romanzo storico

Attenzione all’uso delle parole che vengono selezionate per un romanzo storico: in questo caso, infatti, si dovrebbero fare una scrupolosa ricerca non solo sull’ambientazione ma anche sulle parole. Oltre a non poter utilizzare per ovvie ragioni i termini moderni, è necessario fare un’accurata scelta anche di parole che oggi sembrano di uso comune ma che, invece, potrebbero non essere adatte all’ambientazione storica del romanzo.

Errori di questo tipo, infatti, creerebbero imprecisioni storiche tali da ridurre la qualità del testo. Un esempio tipico può essere quello di parlare di patate in un romanzo ambientato nel basso Medioevo: la patata, infatti, è stata introdotta in Europa solo nel 1537. In questa data, pertanto, la patata era un neologismo ma nel Medioevo non esisteva assolutamente in Europa la conoscenza di questo tubero per cui parlarne sarebbe impropriato e un grave errore storico.

Usare i neologismi nei libri fantasy

Se viceversa il tuo libro è ambientato nel futuro o in un mondo magico, l’uso di neologismi è ampiamente accettato e, in alcuni casi, fortemente consigliato. Romanzi di fantasia e fantascienza fanno uso di armi stellari e parole magiche che possono entrare facilmente nel dizionario comune se il libro diventa di successo; altre volte, pur non venendo riconosciuti come neologismi, questi termini diventano comunque ben noti e usati in determinati contesti. Si pensi ad esempio al termine “Babbani” di Harry Potter che, per quanto non utilizzato nel linguaggio comune, è oggi una parola nota da quasi tutto il mondo occidentale.

Per concludere

Se ti stai chiedendo i neologismi quali sono e quando si possano utilizzare nel tuo libro la risposta è molto semplice: dipende. Come abbiamo visto, infatti, l’uso dei neologismi è indicato o meno a seconda del tipo di libro che stai scrivendo. In determinati casi, oltre ad essere ampiamente consigliati, sono necessari per rendere credibile una storia; in altri, viceversa vanno evitati perché il loro utilizzo renderebbe la storia poco credibile.

Se il tuo romanzo, il racconto o il saggio è settoriale, devi fare sicuramente uso di un linguaggio specifico, in alcuni casi tecnico: l’utilizzo delle parole nuove potrà essere indicato o meno in base all’argomento o alla trama. Ricorda comunque di non eccedere nell’uso di neologismi a meno di non inserire un personaggio specifico che, magari, si caratterizza proprio per un utilizzo particolare del linguaggio, ricco di parole ricercate, nuove o desuete.

Correlati

Ti potrebbe interessare anche:

congiungitvo

Il se vuole sempre il congiuntivo? Teoria, esempi, trucchi per ricordare

Il se vuole sempre il congiuntivo Bella domanda, anche perché già quando si parla di congiuntivo le cose si fanno difficili Tuttavia chi scrive, che sia un...

Umberto Eco Tesi di Laurea

I 6 consigli di Umberto Eco per scrivere una tesi di laurea

Il saggio di Umberto Eco "Come si fa una tesi di laurea" (Bompiani, 1977) parte dai fondamentali, spiegando che cos'è una tesi di laurea Ma, se sei qui,...

incipit perfetto

8 consigli per scrivere un incipit perfetto per il tuo libro

L'incipit di un romanzo è davvero una delle cose più difficili da scrivere In quest'epoca di gratificazione istantanea, brevi momenti di attenzione e...

Generi letterari: definizione ed elenco

Quante volte sentiamo parlare di "genere letterario" Forse è un concetto poco conosciuto da chi non ama scrivere o leggere, ma che rappresenta un argomento...

Come trovare il titolo giusto per il tuo libro: la guida pratica

Hai finito di scrivere il tuo libro finalmente Dopo mesi e mesi di fatica è arrivato anche il momento di scegliere il titolo giusto e questo è un compito che...

font migliore per un libro

Qual è il font migliore per il tuo romanzo?

Scegliere il font migliore per scrivere un romanzo non è così semplice Nel self publishing, la libertà di non avere un editore alle spalle consente agli autori...

Cos'è e come si scrive la prefazione di un libro

Cos’è e come si scrive la prefazione di un libro?

La prefazione di un libro rimane sempre un elemento misterioso: è necessaria È utile Ma soprattutto cos'è e come si scrive la prefazione di un libro È...

genere letterario horror

Genere letterario Horror. Storia, struttura, temi di un genere amatissimo

Come è nato il genere horror Il genere letterario horror non ha un'origine temporale ben specifica in quanto diversi temi horror sono stati scritti fin...

scrivere un libro per bambini

Come scrivere un libro per bambini e farlo conoscere

Scrivere un libro per bambini spesso viene considerato un compito meno impegnativo che scrivere un libro destinato ai grandi, ma le cose non stanno così...

scrittura creativa esercizi

7 esercizi di Scrittura Creativa da mettere subito in pratica

L’importanza della scrittura creativa Quante volte ti è capitato di andare in libreria e comprare un libro solo perché ti hanno colpito le prime tre o...

come scrivere un libro guida completa

Come scrivere un libro dall’idea alla struttura: la guida completa

Introduzione e consigli utili Intreccio, trama, fabula, personaggi, dialoghi, incipit, finale, sono solo alcuni degli elementi che compongono la scrittura di...

genere letterario giallo

Genere letterario Giallo: genesi, sviluppo e caratteristiche

Come è nato il genere giallo Il genere giallo è riconducibile con ogni probabilità a quello poliziesco; ad ogni modo, recentemente, sono nati filoni...

genere letterario avventura caratteristiche

Genere letterario Avventura: caratteristiche, temi e curiosità

La letteratura, per definizione, è quel grande contenitore che rappresenta l'insieme delle varie opere che sono state scritte nell'ambito di una Nazione o di una...

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.