Scrivere

Hamartia: il difetto tragico di un eroe

5 minuti di lettura
hamartia tecnica narrativa

Hai mai provato rabbia leggendo della fine indegna del tuo protagonista preferito?

Quante volte hai sperato fino alla fine in una redenzione? Che capisse gli errori che ha compiuto lungo tutto il percorso?

Non c’è niente di più efficace che tenere il proprio lettore sulle corde in questo modo!

In questo contenuto ti mostrerò esattamente quale tecnica narrativa è stata utilizzata e come fare per replicarla nei tuoi libri.

Buona lettura!

Pronto Luca mi senti?

Si amore, dimmi.

Luca cosa cazzo succede?

Succede cosa, amore?

Ho dovuto lasciare la spesa imbustata in cassa, dopo di me c’era la nostra vicina di casa e dietro ancora la maestra di Vittorio.

Avrai sbagliato pin, amore.

Col cazzo Luca, li conosco bene i pin! Ho farfugliato qualcosa sul tenere la spesa da parte e che sarei andata a prelevare, sono qui allo sportello del bancomat, ho fatto estratto conto. Siamo a zero Luca. Siamo a zero.

Luca mi senti, stronzo che non sei altro, mi senti?

Sei un povero coglione. Se torni a casa ti caccio a calci hai capito?

Mi senti? Sto parlando con te. Stronzo mi senti? Ti sei giocato tutti i nostri risparmi. Sei un malato, non tornare più a casa, non permetterti di tornare a casa! Hai capito?

Leda riattaccò senza aspettarsi risposta, diede dei pugni alla colonna di cemento armato, ma l’effetto fu ridicolo, nei film lo scatto d’ira produce sempre un botto, una rottura, un fracasso scenico.

Nella vita reale è diverso. Salì in macchina e scoppiò a piangere, mentre fra le dita si accartocciava l’estratto conto.

Pensò a sua madre, a quando le diceva che Luca non era il tipo di uomo adatto a lei. Pensò a quando lo difendeva ad ogni costo e litigava con lei. Avviò l’auto per provare a scappare da quel senso di colpa che le stava montando.

Questa è la storia di Luca. Che ha un vizio. Un maledetto vizio. Quello del gioco. E questo vizio lo ha portato inesorabilmente alla rovina: Hamartia.

Hamartia è un dispositivo letterario che si riferisce al tragico difetto di un personaggio principale in una storia che, alla fine, porta alla caduta del personaggio. 

Errori di giudizio o tratti caratteriali specifici come orgoglio eccessivo, avidità o gelosia possono essere un difetto fatale di un personaggio o portare a un rovescio della fortuna. 

Molte delle opere di William Shakespeare ruotano attorno a un eroe tragico con un difetto di carattere, le tragedie Otello (1603), Macbeth (1606) e Amleto (1609).

Origini di Hamartia come dispositivo letterario

L’etimologia del termine “hamartia” risale alle antiche tragedie greche. La parola “hamartia” deriva dalla parola greca “hamartanein”, che significa “errare”. La parola è apparsa per la prima volta ne La Poetica  di Aristotele (circa 330 aC). 

Aristotele ha esaminato hamartia in Edipo Re, una commedia tragica di Sofocle. Nella commedia, una sequenza di giudizi errati porta il personaggio alla sua tragica fine.

Un altro esempio che mi viene in mente è Il grande Gatsby (1925) di F. Scott Fitzgerald: la riluttanza e l’incapacità di Jay Gatsby di accettare la realtà avrà risvolti tragici.

Un altro esempio ancora di hamartia deriva dalla teologia cristiana: il peccato originale. Adamo ed Eva vivono beati nell’idilliaco Eden in armonia con con Dio, ma questo cambia quando il diavolo nelle vesti di serpente inganna Eva convincendola a mangiare il Frutto Proibito.

Quale altro personaggio ti viene in mente?

Aristotele ci ha mostrato come l’hamartia possa essere una potente tecnica di scrittura, con un evento che innesca la caduta di un personaggio benestante, né necessariamente buono né necessariamente cattivo. 

Questo potrebbe essere dovuto al fatto che mostra che l’hamartia può colpire chiunque, non solo eroi e cattivi. Dimostra che “errare è umano” e che questi racconti potrebbero un giorno essere narrazioni su di noi: noi lettori

Tuttavia, è stato anche sostenuto che l’hamartia potrebbe essere il risultato della “volontà degli dei”, un gioco crudele giocato da déi malvagi o dispettosi, noto come “intervento divino”. In molti romanzi questo può essere visto come deus ex machina, ma è allora il destino che decide di salvare i personaggi. 

Hamartia è una tecnica narrativa molto versatile, adatta a quasi tutti i generi e non solo alle tragedie. Può essere ciò che innesca la catena di eventi in un fantasy epico o in un thriller. 

Il modo in cui viene utilizzato dipende in gran parte da cosa ha innescato la caduta del protagonista: un difetto o un errore. 

Entrambi potrebbero passare inosservati al personaggio principale, apparentemente inconsapevoli di aver rovesciato l’urna posseduta da un parente morto, o non consapevoli che il loro costante pettegolezzo irrita davvero il loro partner. 

Oppure potrebbe essere qualcosa che li perseguita per tutto il romanzo e può essere usato come strumento per lo sviluppo del personaggio.

Il concetto di Hamartia nasce sì, dalle tragedie greche e per le storie tragiche, ma ciò non significa che non possa essere adattato per soddisfare le esigenze di qualsiasi racconto moderno.

Gli eroi tragici possono essere trovati in tutta la letteratura e in molti modi diversi, da Anakin Skywalker di “Star Wars” a Stannis Baratheon de “Il Trono di Spade”, pensaci quando sarai alla prese con il tuo prossimo nuovo personaggio!


Potrebbe interessarti anche:

Il viaggio dell’eroe: la struttura di un romanzo

Correlati

Ti potrebbe interessare anche:

come diventare un grande scrittore

I bravi scrittori hanno idee. I grandi un sistema

I "grandi" scrittori prima di diventarlo sono stati "bravi" I grandi scrittori sono troppo idolatrati Gli Stephen Kings, i Tolkien o le Rowiling del mondo...

Umberto Eco Tesi di Laurea

I 6 consigli di Umberto Eco per scrivere una tesi di laurea

Il saggio di Umberto Eco "Come si fa una tesi di laurea" (Bompiani, 1977) parte dai fondamentali, spiegando che cos'è una tesi di laurea Ma, se sei qui,...

congiungitvo

Il se vuole sempre il congiuntivo? Teoria, esempi, trucchi per ricordare

Il se vuole sempre il congiuntivo Bella domanda, anche perché già quando si parla di congiuntivo le cose si fanno difficili Tuttavia chi scrive, che sia un...

incipit

8 consigli per scrivere un incipit perfetto per il tuo libro

L'incipit di un romanzo è davvero una delle cose più difficili da scrivere In quest'epoca di gratificazione istantanea, brevi momenti di attenzione e...

font migliore per un libro

Qual è il font migliore per il tuo romanzo?

Scegliere il font migliore per scrivere un romanzo non è così semplice Nel self publishing, la libertà di non avere un editore alle spalle consente agli autori...

Generi letterari: definizione ed elenco

Quante volte sentiamo parlare di "genere letterario" Forse è un concetto poco conosciuto da chi non ama scrivere o leggere, ma che rappresenta un argomento...

Come trovare il titolo giusto per il tuo libro: la guida pratica

Hai finito di scrivere il tuo libro finalmente Dopo mesi e mesi di fatica è arrivato anche il momento di scegliere il titolo giusto e questo è un compito che...

Cos'è e come si scrive la prefazione di un libro

Cos’è e come si scrive la prefazione di un libro?

La prefazione di un libro rimane sempre un elemento misterioso: è necessaria È utile Ma soprattutto cos'è e come si scrive la prefazione di un libro È...

iniziare a scrivere una storia

Quando inizia un romanzo? Quasi mai dalla prima riga.

Se ti chiedessi quando inizia un romanzo Immagino tu abbia alzato gli occhi al cielo e detto: "dall'inizio, ovviamente!" Ok, ti perdono La maggior...

come scrivere un libro

Come scrivere un libro, i 12 consigli di Jerry B. Jenkins

Jerry B Jenkins è uno scrittore e biografo statunitense, autore di oltre 190 libri, 21 dei quali hanno raggiunto la lista dei bestseller del New York Times In...

Il legame con il Tuo lettore

Il coinvolgimento emotivo del pubblico viene mantenuto grazie all'empatia Se lo scrittore non riesce a creare un legame fra noi lettori e il protagonista, si...

scrittura creativa esercizi

7 esercizi di Scrittura Creativa da mettere subito in pratica

L’importanza della scrittura creativa Quante volte ti è capitato di andare in libreria e comprare un libro solo perché ti hanno colpito le prime tre o...

genere letterario horror

Genere letterario Horror. Storia, struttura, temi di un genere amatissimo

Come è nato il genere horror Il genere letterario horror non ha un'origine temporale ben specifica in quanto diversi temi horror sono stati scritti fin...

11 Commenti

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *