Scrivere

Come scrivere un finale indimenticabile per la tua storia

5 minuti di lettura
  • Home
  • /
  • Scrivere
  • /
  • Come scrivere un finale indimenticabile per la tua storia
scrivere la conclusione di una storia

Alza la mano se sei fra quelli che conosceva il finale di Titanic prima di vederlo.

Il Titanic affonda, lo sanno anche i bambini.

Eppure?

Eppure il film ha ricevuto milioni e milioni di incassi e…tieni pure la mano alzata, tanto lo so che l’hai visto più di una volta…

Stesso discorso dicasi per i nostri romanzi rosa preferiti. Non giriamoci intorno, sappiamo che sono tutti a lieto fine, che la ragazza bella, intelligente ma povera sposa il giovane rampollo, dalla testa calda e la vita sregolata.

Eppure? Eppure ci piace leggerli.

Allora ho imparato una cosa e voglio condividerla qui.

Come lettori non vogliamo solo sapere cosa accadrà, ma vogliamo sapere come accadrà. 

Il viaggio è più interessante della destinazione finale (questa l’avrai già sentita), ma forse che andasse bene per la scrittura del tuo libro non ci avevi pensato.

Se è forse no, prego. Non c’è di che.

Se è forse si, beh repetita iuvant.

Non possiamo negarlo. Vogliamo essere sorpresi mentre la storia si sviluppa e raggiunge territori inaspettati; ma poi, alla fine, vogliamo che tutto si ripieghi ordinatamente e si adatti a una semplice conclusione.

Possiamo ridurre il concetto ad un assunto del genere.

La prevedibilità del finale non è necessariamente una cosa negativa.

É la prevedibilità del 2° atto* ad essere mortale.

*2° atto inteso come svolgimento della parte centrale del libro  

Domande da porsi prima di scrivere il terzo atto (il finale)

Controlla se queste domande si applicano bene alla tua storia:

  1. Puoi davvero dire che tutto è perduto? C’è una crisi da risolvere?
  2. Il protagonista si è finalmente guardato dentro, ha imparato e cresciuto da questa avventura?
  3. É al completamento del suo arco narrativo?

Come strutturare il terzo atto

Non vuoi che il tuo terzo atto risolva semplicemente il problema e se ne vada. Immagina il pubblico che attraversa tutte le avventure e alla fine il personaggio ha un’ultima battaglia con il cattivo e vince. Sembrerebbe troppo veloce e non soddisferebbe. 

Alla fine della storia, vogliamo spremere l’ultimo pezzo di sorpresa, divertimento e saggezza.

Jill Chamberlain, l’autrice della Tecnica del Nutshell, sostiene che il personaggio principale dovrebbe vincere o perdere in base alla sua capacità di superare il proprio difetto. Durante la crisi, il personaggio arriva a un punto in cui deve fare una scelta, una scelta cruciale. 

Continueranno i loro modi imperfetti? Vedranno finalmente cosa non ha funzionato e cambieranno il loro comportamento? Qui è dove capiamo cosa rappresenta la storia. Forse il personaggio insiste sui suoi modi e continua a vincere. Allora ci chiediamo, come hanno vinto questa volta? 

Individuiamo ciò che hanno fatto in modo diverso e ci rendiamo conto che il vero difetto del personaggio non era quello pensato all’inizio.

Il finale in cinque punti

1. Raduna la squadra

Poco prima di entrare in azione, il personaggio principale fa qualcosa che ci mostra le sue intenzioni e la sua preparazione. Ad esempio in Matrix, Neo e Trinity scelgono le armi prima di entrare nella matrice per salvare Morpheus.

2. Esegui il piano (Storm the Castle – assalta il castello)

Snyder* lo chiama “Storm the Castle”. È qui che l’azione si svolge secondo i piani. Ci aspettiamo che il piano funzioni, ma il pubblico intuisce che qualcosa potrà andare storto.

*L’ideatore è il maestro di sceneggiatura Blake Snyder. Ne ha parlato nel suo libro Save the Cat! 

3. Sorpresa dell’alta torre

E, naturalmente, c’è una grande battuta d’arresto. È qui che abbiamo l’ultima possibilità di sorprendere il nostro pubblico. “La principessa non c’è!” o “il migliore amico è sempre stato un traditore!”. Adesso il nostro eroe ha davvero perso tutto.

4. Scava in profondità

Si scopre che questo è il vero test! L’eroe che è in evoluzione, prende la decisione di risolvere il suo difetto, di affrontare il suo punto debole, i suoi mostri. 

Un’ultima spinta, una nuova idea o un sacrificio necessario per sistemare le cose, se è una tragedia, il personaggio vede la cosa giusta da fare, ma se ne allontana comunque. Il lettore pensa: “Oh no! Ma non impari mai?!”

5. Esecuzione del nuovo piano

Con le nuove informazioni o intuizioni, il personaggio riconosce rapidamente cosa fare e lo fa! E funziona! Oppure, se non vuoi il lieto fine allora è ovvio, il personaggio sa cosa fare, ma non lo fa.

Immagine finale

Le storie parlano di cambiamento. Quindi l’immagine di apertura e l’immagine finale sono il “prima” e il “dopo” della storia. Il cambiamento avviene come nella dialettica hegeliana: il risultato è la sintesi del mondo iniziale e cioè la tesi (il mondo ordinario del primo atto) e il mondo dell’antitesi (il mondo speciale, “capovolto” del secondo atto). L’immagine finale è spesso una situazione sull’equilibrio ritrovato, in cui nulla è, e potrà mai essere come prima.

Come strutturiamo, allora, i primi due atti? Sono contento che tu te lo stia chiedendo, in questo contenuto trovi tutte le risposte alle tue domande, buona lettura!

Correlati

Ti potrebbe interessare anche:

congiungitvo

Il se vuole sempre il congiuntivo? Teoria, esempi, trucchi per ricordare

Il se vuole sempre il congiuntivo Bella domanda, anche perché già quando si parla di congiuntivo le cose si fanno difficili Tuttavia chi scrive, che sia un...

Umberto Eco Tesi di Laurea

I 6 consigli di Umberto Eco per scrivere una tesi di laurea

Il saggio di Umberto Eco "Come si fa una tesi di laurea" (Bompiani, 1977) parte dai fondamentali, spiegando che cos'è una tesi di laurea Ma, se sei qui,...

incipit perfetto

8 consigli per scrivere un incipit perfetto per il tuo libro

L'incipit di un romanzo è davvero una delle cose più difficili da scrivere In quest'epoca di gratificazione istantanea, brevi momenti di attenzione e...

Generi letterari: definizione ed elenco

Quante volte sentiamo parlare di "genere letterario" Forse è un concetto poco conosciuto da chi non ama scrivere o leggere, ma che rappresenta un argomento...

Come trovare il titolo giusto per il tuo libro: la guida pratica

Hai finito di scrivere il tuo libro finalmente Dopo mesi e mesi di fatica è arrivato anche il momento di scegliere il titolo giusto e questo è un compito che...

font migliore per un libro

Qual è il font migliore per il tuo romanzo?

Scegliere il font migliore per scrivere un romanzo non è così semplice Nel self publishing, la libertà di non avere un editore alle spalle consente agli autori...

scrivere un libro per bambini

Come scrivere un libro per bambini e farlo conoscere

Scrivere un libro per bambini spesso viene considerato un compito meno impegnativo che scrivere un libro destinato ai grandi, ma le cose non stanno così...

come scrivere un libro guida completa

Come scrivere un libro dall’idea alla struttura: la guida completa

Introduzione e consigli utili Intreccio, trama, fabula, personaggi, dialoghi, incipit, finale, sono solo alcuni degli elementi che compongono la scrittura di...

Cos'è e come si scrive la prefazione di un libro

Cos’è e come si scrive la prefazione di un libro?

La prefazione di un libro rimane sempre un elemento misterioso: è necessaria È utile Ma soprattutto cos'è e come si scrive la prefazione di un libro È...

Come scrivere un libro, i 5 step fondamentali

Hai deciso di scrivere un libro o lo stai già facendo Ecco 5 step, fra cui la Piramide di Freytag, che ti aiuteranno a farlo senza perdere altro tempo...

scrittura creativa esercizi

7 esercizi di Scrittura Creativa da mettere subito in pratica

L’importanza della scrittura creativa Quante volte ti è capitato di andare in libreria e comprare un libro solo perché ti hanno colpito le prime tre o...

genere letterario giallo

Genere letterario Giallo: genesi, sviluppo e caratteristiche

Come è nato il genere giallo Il genere giallo è riconducibile con ogni probabilità a quello poliziesco; ad ogni modo, recentemente, sono nati filoni...

genere letterario horror

Genere letterario Horror. Storia, struttura, temi di un genere amatissimo

Come è nato il genere horror Il genere letterario horror non ha un'origine temporale ben specifica in quanto diversi temi horror sono stati scritti fin...

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.