Scrivere

5 lezioni di scrittura da Virginia Woolf

5 minuti di lettura
consigli di scrittura Virginia Woolf

Se pensiamo alle grandi scrittrici donne che hanno rivoluzionato la storia della letteratura, Virginia Woolf ha sicuramente conquistato un posto d’onore. 

Discendente di una celebre famiglia letteraria, membro dell’avanguardia Bloomsbury Group, Virginia Woolf è stata una protagonista indiscussa del suo tempo, già dall’uscita del suo primo romanzo, nel 1915.

Oltre a romanzi celebri come La signora Dalloway e Gita al faro, Virginia Woof scrisse anche saggi dedicati alla storia letteraria, alla scrittura femminile e alla politica. Per le sue idee decisamente avanguardiste per i tempi, Virginia Woolf è diventata anche un’ispirazione per le femministe di un’intera epoca.

LEGGI ANCHE >> Le 10 scrittrici donne che hanno cambiato la storia

Intellettuale a tutto tondo, pioniera dell’editoria, feroce critica letteraria, l’eredità di Virginia Woolf può essere condensata in 5 grandi lezioni per chi si affaccia alla scrittura per la prima volta, ma anche per i più “navigati”. Scopriamole insieme.

I consigli di scrittura di Virginia Woolf

Tra le attività più importanti di Virginia Woolf, c’è stata sicuramente quella di critica e di talent scout ante litteram. Proprio per questa sua vocazione, la scrittrice ci ha lasciato molti appunti su quella che possiamo definire “la buona scrittura”. Ecco cosa possiamo ancora imparare da lei.

#1 – Leggi tanto

Il primo consiglio per diventare un grande scrittore è leggere molto. Leggere offre una prospettiva privilegiata sul mondo ed è sicuramente la prima fonte di ispirazione per uno scrittore. 

A tal riguardo, Virginia diceva:

Leggere è un processo molto più lungo e complicato del vedere. Forse il modo più veloce di comprendere gli elementi che usa il narratore non è leggere, ma scrivere. Sperimentare in prima persona i pericoli e le difficoltà delle parole. Cercate quindi di ricordare gli eventi che vi hanno lasciato un’impressione nitida – come ad esempio quando avete svoltato l’angolo e siete passati vicino a due persone che stavano parlando. Un albero che si è scosso. Una luce elettrica che ondeggiava. […] Quando cercate di ricostruirla a parole, vi accorgete che si frantuma in mille impressioni contrastanti. […] A questo punto, lasciate le vostre pagine sfocate e scarabocchiate per andare a leggervi le pagine d’apertura di qualche grande romanziere – Defoe, Jane Austen, Hardy. Ora sarete meglio in grado di apprezzare la loro maestria.

#2 – Inizia dai personaggi

I personaggi sono tutto in una storia ed è da qui che Virginia Woolf consiglia di iniziare. 

La scrittrice parlava di “lettura del personaggio”, ossia una fase di osservazione delle persone utile per trarre gli spunti necessari a costruire personaggi di fantasia. Nei suoi saggi, Virginia parlava addirittura di lasciarsi “ossessionare” dai personaggi

Ecco un personaggio che si impone su un altro. Ecco la signora Brown che fa in modo che qualcuno inizi quasi automaticamente a scrivere un romanzo su di lei

#3 – Trova una stanza solo tua

Un altro consiglio di Virginia Woolf per scrivere bene è quello di ritagliarti uno spazio solo tuo per dedicarti a questa attività.

Su questo tema, Virginia scriveva:

Trova una stanza tutta per te, uno spazio indipendente, tuo, in cui tu possa sentirti libero. Per essere uno scrittore, devi poter essere al riparo da sguardi e giudizi altrui, per poterti concentrare solo sul tuo lavoro. Devi poter dire di no e non essere ricattabile, devi poter trovare la tua calma e la tua dimensione: questa è una stanza tutta per sé – è un luogo sicuro, una rendita che permetta di mantenerlo, che assicura allo scrittore la propria totale libertà creativa.

#4 – Dimentica la metodologia

Qualcuno diceva che le regole sono fatte per essere infrante. In un certo senso, questo principio valeva anche per Virginia Woolf, che suggerisce agli aspiranti scrittori di “dimenticare la metodologia” e lasciarsi guidare dalla sperimentazione.

In ogni caso è un errore restare fuori ad esaminare i ‘metodi’. Ogni metodo è giusto, se esprime ciò che vogliamo esprimere, se siamo scrittori; questo ci avvicina all’intenzione del romanziere se siamo lettori. . . non c’è limite all’orizzonte. . . niente – nessun ‘metodo’, nessun esperimento, anche il più selvaggio – è proibito, ma solo falsità e finzione

#5 – Non avere fretta di pubblicare, se non sei pronto

La fretta è cattiva consigliera quando si parla di pubblicazione. Il consiglio di Virginia Woolf è quello di dedicare il giusto tempo alla sperimentazione e alla scrittura. 

Nella sua Lettera ad un giovane poeta, scritta nel 1932, Virginia diceva:

Sii sciocco, sii sentimentale, imita Shelley, imita Samuel Smiles; dar sfogo a ogni impulso; commettere ogni difetto di stile, grammatica, gusto e sintassi; versare; cadere; rabbia libera, amore, satira, in qualsiasi parola tu possa cogliere, costringere o creare, in qualsiasi metrica, prosa, poesia o incomprensione che ti viene a portata di mano. Imparerai così a scrivere. Ma se pubblichi, la tua libertà sarà controllata; penserai a cosa dirà la gente; scriverai per gli altri quando dovresti scrivere solo per te stesso. E che senso ha arginare il torrente selvaggio di sciocchezze spontanee che ora, solo per pochi anni, il tuo dono divino per pubblicare graziosi libricini di versi sperimentali?

Hai già applicato i consigli di Virginia Woolf? Parliamone nei commenti

LEGGI ANCHE >> 4 suggerimenti di 4 grandi scrittori + 1

>> I 7 consigli di scrittura di William Shakespeare

Correlati

Ti potrebbe interessare anche:

congiungitvo

Il se vuole sempre il congiuntivo? Teoria, esempi, trucchi per ricordare

Il se vuole sempre il congiuntivo Bella domanda, anche perché già quando si parla di congiuntivo le cose si fanno difficili Tuttavia chi scrive, che sia un...

Umberto Eco Tesi di Laurea

I 6 consigli di Umberto Eco per scrivere una tesi di laurea

Il saggio di Umberto Eco "Come si fa una tesi di laurea" (Bompiani, 1977) parte dai fondamentali, spiegando che cos'è una tesi di laurea Ma, se sei qui,...

incipit perfetto

8 consigli per scrivere un incipit perfetto per il tuo libro

L'incipit di un romanzo è davvero una delle cose più difficili da scrivere In quest'epoca di gratificazione istantanea, brevi momenti di attenzione e...

Generi letterari: definizione ed elenco

Quante volte sentiamo parlare di "genere letterario" Forse è un concetto poco conosciuto da chi non ama scrivere o leggere, ma che rappresenta un argomento...

Come trovare il titolo giusto per il tuo libro: la guida pratica

Hai finito di scrivere il tuo libro finalmente Dopo mesi e mesi di fatica è arrivato anche il momento di scegliere il titolo giusto e questo è un compito che...

font migliore per un libro

Qual è il font migliore per il tuo romanzo?

Scegliere il font migliore per scrivere un romanzo non è così semplice Nel self publishing, la libertà di non avere un editore alle spalle consente agli autori...

scrivere un libro per bambini

Come scrivere un libro per bambini e farlo conoscere

Scrivere un libro per bambini spesso viene considerato un compito meno impegnativo che scrivere un libro destinato ai grandi, ma le cose non stanno così...

come scrivere un libro guida completa

Come scrivere un libro dall’idea alla struttura: la guida completa

Introduzione e consigli utili Intreccio, trama, fabula, personaggi, dialoghi, incipit, finale, sono solo alcuni degli elementi che compongono la scrittura di...

Cos'è e come si scrive la prefazione di un libro

Cos’è e come si scrive la prefazione di un libro?

La prefazione di un libro rimane sempre un elemento misterioso: è necessaria È utile Ma soprattutto cos'è e come si scrive la prefazione di un libro È...

Come scrivere un libro, i 5 step fondamentali

Hai deciso di scrivere un libro o lo stai già facendo Ecco 5 step, fra cui la Piramide di Freytag, che ti aiuteranno a farlo senza perdere altro tempo...

scrittura creativa esercizi

7 esercizi di Scrittura Creativa da mettere subito in pratica

L’importanza della scrittura creativa Quante volte ti è capitato di andare in libreria e comprare un libro solo perché ti hanno colpito le prime tre o...

genere letterario giallo

Genere letterario Giallo: genesi, sviluppo e caratteristiche

Come è nato il genere giallo Il genere giallo è riconducibile con ogni probabilità a quello poliziesco; ad ogni modo, recentemente, sono nati filoni...

genere letterario horror

Genere letterario Horror. Storia, struttura, temi di un genere amatissimo

Come è nato il genere horror Il genere letterario horror non ha un'origine temporale ben specifica in quanto diversi temi horror sono stati scritti fin...

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.