Scrivere

5 consigli (lezioni) di scrittura da Jerry Seinfeld

5 minuti di lettura 2 Commenti
  • Home
  • /
  • Scrivere
  • /
  • 5 consigli (lezioni) di scrittura da Jerry Seinfeld

Chi è Jerry Seinfeld? È un cabarettista, attore, sceneggiatore, produttore televisivo e scrittore statunitense. Raggiunge il successo all’inizio degli anni novanta con la creazione della sit-com Seinfeld, nella quale interpreta se stesso: un comico single a New York.

Sono ossessionato dall’apprendere il meglio di ciò che altre persone, in particolare gli scrittori, o persone come Jerry appunto, hanno già scoperto e divulgarlo il più possibile.

Nel caso di Jerry, che è prima di tutto un cabarettista, potrebbe non essere la prima cosa che ti viene in mente, ma ovviamente i comici sono scrittori. In quale altro modo pensi che escano con battute a raffica e strutturino i loro spettacoli?

Scrivere una barzelletta non è poi così diverso dallo scrivere un post sul blog o una storia.

Tempi. Brevità. Narrazione.

È tutto lì.

Se Jerry Seinfeld è uno dei migliori in assoluto, significa che è uno scrittore dannatamente bravo e sicuramente qualcuno che vale la pena ascoltare quando si tratta di parlare di scrittura.

Ho ascoltato questo podcast e questi sono i 5 migliori consigli che mi sono portato a casa.

1. C’è solo una regola da seguire

La regola numero uno di Seinfeld è questa: quando è il momento di sederti a scrivere hai due opzioni:

  • Scrivere.
  • O non fare niente.

Non è obbligatorio farlo, puoi anche stare lì a non fare niente, la regola è o scrivi o non fai niente.

Nessun YouTube. Niente Instagram. Niente TikTok. Nessuna telefonata. Nessuno scarabocchio. Niente.

Alla fine, scrivere qualsiasi cosa sarà molto più divertente che stare seduti e non fare nulla.

Quando uno dei comici americani di maggior successo segue esattamente la stessa regola, questo mi fa pensare che probabilmente potremmo provare a seguirla anche noi.

2. Nessuno scrive tutto il giorno

Non puoi scrivere tutto il giorno. Forse qualcuno può, ma non io e nemmeno tu, credo.

Chi produce contenuti, chi scrive, ha bisogno di parametri e i vincoli sono degli ottimi spunti per la creatività.

Quando ti siedi per scrivere, dovresti sapere esattamente per quanto tempo.

15 minuti, 30 minuti, 1 ora, non importa. Devi solo sapere per quanto e attenerti a questo giorno dopo giorno.

Scegli qualcosa di gestibile, qualcosa con un inizio e un punto finale definiti in modo da sapere esattamente quando e per quanto tempo.

Elon Musk una volta disse:

“Se ti concedi 30 giorni per pulire la tua casa, ci vorranno 30 giorni. Ma se ti dai 3 ore, ci vorranno 3 ore. Lo stesso vale per i tuoi obiettivi, le tue ambizioni e il tuo potenziale”.

Scegli il momento. Scegli la durata. Attieniti a questo ogni giorno. Semplice.

3. Stiamo scoccando frecce

Seinfeld è molto bravo con le metafore e questa è molto efficace.

Per me parlare davanti al pubblico è come cercare di colpire il bersaglio con il tiro con l’arco

 — Jerry Seinfeld nello show di The Tim Ferriss

Ogni volta che scrivi, prendi una freccia dalla tua faretra e prendi bene la mira.

Quando lo lasci andare, capisci già che tipo di tiro è, se è buono o devi già pensare al prossimo. Così regoli e perfezioni il tuo approccio secondo necessità.

Ma devi continuare a scoccare frecce e mirare al bersaglio se vuoi diventare bravo.

4. La scrittura è un gioco di quantità

Ecco il punto, come dice Seinfeld, tutti siamo fondamentalmente mediocri in questa cosa della scrittura.

Quindi, si tratta di volume.

Quando si tratta di scrittura, il volume è il re.

Quanto tempo dedicherai alla tua scrivania ogni giorno? Per un dato giorno, la risposta potrebbe essere trenta minuti o forse un’ora.

Ma in un arco di tempo abbastanza lungo, quelle sessioni di trenta e sessanta minuti si accumulano e la risposta diventa: MOLTO .

E questo è un bene perché il successo tende ad arrivare per scrittori che producono molte parole. Milioni di parole.

Più ore = maggiore possibilità di successo.

Ecco cosa tutti pensiamo di volere:

  • Ore e ore di scrittura ininterrotta
  • Infinita disponibilità di tempo
  • Prosa che esce senza indugio dalle nostre dita

Ecco di cosa veramente abbiamo bisogno

  • Un posto in cui sedersi
  • Farlo per un lasso di tempo breve e gestibile
  • Scrivere 500 o massimo 1000 parole. Ogni giorno

La seconda opzione: è sostenibile. Il primo è un sogno irrealizzabile per la maggior parte di noi. 

Prenderò 500 parole al giorno, anno dopo anno.

Pensiamo alle nostre parole come mattoni o blocchi di cemento. Una alla volta.

Quando la giornata è finita, ne abbiamo alcune centinaia. Forse migliaia.

Nel corso di molti mesi e anni, quelle parole – quei mattoni e blocchi di cemento che abbiamo posato giorno dopo giorno – si sommano, si trasformano in post di blog, in storie brevi, saggi, romanzi, memorie, tweet, sceneggiature…

Le possibilità sono infinite, a patto che riusciamo a raggiungere quel tipo di coerenza in un arco di tempo sufficientemente lungo.

5. Pena e Fallimento sono i migliori insegnanti che tu abbia mai avuto

Il dolore è la conoscenza che si sbriga a riempire un vuoto. 

Jerry Seinfeld

Parlando di pena e fallimento e del loro valore, Seinfeld ha detto questo:

“Quando succede qualcosa di orribile, di tutte le cose che scambierei, se potessi prendere le tue esperienze e scambiarle, le ultime che scambierei sarebbero i fallimenti. Quelli sono quelli più preziosi”.

Sfortunatamente, con la scrittura, sperimenterai molti fallimenti.

Fortunatamente, questo significa che imparerai molto.

Non lamentarti dei tuoi fallimenti e del dolore che ti causano, considerali come preziosi strumenti di crescita e sii grato per loro.

Ecco a te un breve riepilogo prima di chiudere, i 5 migliori spunti di scrittura di Jerry Seinfeld:

  1. Attieniti a questa regola o scrivi non fare nulla.
  2. Nessuno scrive tutto il giorno: scegli un’ora, una durata e attieniti ad essa
  3. Stai scoccando frecce: continua a cercare di colpire il bersaglio
  4. È un gioco di quantità: il volume è il re quando si tratta di successo
  5. Dolore e fallimento: sono i migliori insegnanti che tu potrai mai avere

PS: per altri consigli di scrittura, ti consiglio di leggere i 13 migliori consigli di scrittura di Salman Rushdie

Correlati

Ti potrebbe interessare anche:

congiungitvo

Il se vuole sempre il congiuntivo? Teoria, esempi, trucchi per ricordare

Il se vuole sempre il congiuntivo Bella domanda, anche perché già quando si parla di congiuntivo le cose si fanno difficili Tuttavia chi scrive, che sia un...

Umberto Eco Tesi di Laurea

I 6 consigli di Umberto Eco per scrivere una tesi di laurea

Il saggio di Umberto Eco "Come si fa una tesi di laurea" (Bompiani, 1977) parte dai fondamentali, spiegando che cos'è una tesi di laurea Ma, se sei qui,...

incipit perfetto

8 consigli per scrivere un incipit perfetto per il tuo libro

L'incipit di un romanzo è davvero una delle cose più difficili da scrivere In quest'epoca di gratificazione istantanea, brevi momenti di attenzione e...

Generi letterari: definizione ed elenco

Quante volte sentiamo parlare di "genere letterario" Forse è un concetto poco conosciuto da chi non ama scrivere o leggere, ma che rappresenta un argomento...

Come trovare il titolo giusto per il tuo libro: la guida pratica

Hai finito di scrivere il tuo libro finalmente Dopo mesi e mesi di fatica è arrivato anche il momento di scegliere il titolo giusto e questo è un compito che...

font migliore per un libro

Qual è il font migliore per il tuo romanzo?

Scegliere il font migliore per scrivere un romanzo non è così semplice Nel self publishing, la libertà di non avere un editore alle spalle consente agli autori...

scrivere un libro per bambini

Come scrivere un libro per bambini e farlo conoscere

Scrivere un libro per bambini spesso viene considerato un compito meno impegnativo che scrivere un libro destinato ai grandi, ma le cose non stanno così...

come scrivere un libro guida completa

Come scrivere un libro dall’idea alla struttura: la guida completa

Introduzione e consigli utili Intreccio, trama, fabula, personaggi, dialoghi, incipit, finale, sono solo alcuni degli elementi che compongono la scrittura di...

Cos'è e come si scrive la prefazione di un libro

Cos’è e come si scrive la prefazione di un libro?

La prefazione di un libro rimane sempre un elemento misterioso: è necessaria È utile Ma soprattutto cos'è e come si scrive la prefazione di un libro È...

Come scrivere un libro, i 5 step fondamentali

Hai deciso di scrivere un libro o lo stai già facendo Ecco 5 step, fra cui la Piramide di Freytag, che ti aiuteranno a farlo senza perdere altro tempo...

scrittura creativa esercizi

7 esercizi di Scrittura Creativa da mettere subito in pratica

L’importanza della scrittura creativa Quante volte ti è capitato di andare in libreria e comprare un libro solo perché ti hanno colpito le prime tre o...

genere letterario giallo

Genere letterario Giallo: genesi, sviluppo e caratteristiche

Come è nato il genere giallo Il genere giallo è riconducibile con ogni probabilità a quello poliziesco; ad ogni modo, recentemente, sono nati filoni...

genere letterario horror

Genere letterario Horror. Storia, struttura, temi di un genere amatissimo

Come è nato il genere horror Il genere letterario horror non ha un'origine temporale ben specifica in quanto diversi temi horror sono stati scritti fin...

2 Commenti

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.