Pubblicare

L’importanza di una revisione efficace

3 minuti di lettura 1 Commento

Pensare che la «fatica» narrativa, che abbiamo visto essere un insieme di competenze che vanno affinate, si esaurisca con la conclusione di un testo, è errato. Quando si arriva, finalmente, al momento in cui l’unica parola pensabile è: «fine» si potrebbe dire che il lavoro più complesso e ardito sta per iniziare.

Anche in questo caso lo scrittore dovrebbe fare alcune riflessioni, porsi alcune domande e cercare di essere il più onesto possibile nelle risposte, prima fa tutte: cosa voglio farne di questo mia creazione letteraria?

Se la motivazione che lo ha spinto a trascorrere mesi, ore, giorni attaccato al foglio (elettronico o cartaceo) cercando le parole giuste, quelle più efficaci a costruire una trama è stata soddisfatta dal piacere di aver creato qualcosa di tangibile, la soddisfazione che ne consegue può essere sufficiente e duratura.

Se a muovere invece la creatività è stato il desiderio di mettersi in gioco, di mostrare ad altri quello che è stato scritto, una delle prime cose da fare è stampare il testo, armarsi di matita rossa e blu, evidenziatore e indossare i panni di giudice inesorabile della propria narrazione.

Sebbene divampi l’idea che oggi tutti possano diventare scrittori, anche chi non conosce la grammatica o la sintassi, credo che questa sia una delle tante leggende metropolitane che popolano il mondo delle illusioni.

Certo, se sono disposto a far stampare a mie spese un libro, senza che nessuno ci «metta le mani» valutando stile, struttura, modalità narrativa, scorrevolezza e spendibilità, posso anche inserire il manoscritto in una busta e indirizzarla alla stamperia prescelta.

Se quello che mi interessa invece, è avere una discreta valutazione del lavoro è buona cosa, prima, rileggerlo con attenzione almeno un paio di volte: la prima per trovare errori e refusi, la seconda per assicurarsi che non ci siano incongruenze narrative. Una volta conclusa questa primaria importante valutazione, occorre affidarsi a chi non ha mai letto il testo e quindi lo può esaminare con l’occhio critico del lettore.

Si è scritto e si scrive molto sulla funzione dell’editor. Chi sia, quali competenze debba avere, come trovarlo, cose essere sicuri che sia quello giusto. Come ogni scelta i consigli hanno il loro peso ma alla fine occorre assumersi la responsabilità della decisione presa. Diffidate di chi lavora gratis, di chi vi dice che il vostro testo è perfetto, di chi vi chiede cifre esorbitanti, di chi corregge senza chiedervi cosa ne pensate o non vi motivi il senso delle modifiche suggerite o apportate.

Per bravo che sia un editor, non può sostituirsi all’autore che resterà sempre, uno dei protagonisti della sua storia.

Correlati

Ti potrebbe interessare anche:

iva sui libri come funziona

Come funziona l’Iva sui libri: il regime fiscale per l’editoria

Partita IVA per chi pubblica un libro Sono ormai quasi 20mila gli autori che scelgono di pubblicare autonomamente un libro, sfruttando l'opzione del...

Che cos’è l’epub3: le potenzialità del formato

Epub3 è l’ultima versione del formato epub, lo standard internazionale per il libro digitale Si tratta di un formato libero (open source), basato su linguaggi...

biblioteca nazionale

Cosa si intende per deposito legale dei libri?

Con “deposito legale” si intende l’obbligo, stabilito dalla legge, di depositare presso particolari organismi libri e altri documenti Non bisogna, però...

quanto guadagna uno scrittore con il suo libro

Quanto guadagna uno Scrittore?

So che “quanto guadagna uno Scrittore” è la domanda delle domande per chi come te scrive e pubblica libri o nutre il sogno di farlo  Domanda che...

Come inserire immagini o citazioni nel tuo libro

Viviamo in un'epoca in cui l'accesso alle risorse è diventato semplicissimo Foto, testi, immagini, anche d'epoca grazie alla digitalizzazione di archivi storici,...

pubblico dominio

I libri di pubblico dominio. Pubblicazione ed aspetti legali nel 2019.

Abbiamo assistito nel corso del 2016 alla "riscoperta" de "Il Piccolo Principe" di Antoine de Saint-Exupéry (1900 - 1944), entrato in pubblico dominio nel...

javascript

Epub interattivi con Javascript

Ultima ma non meno importante novità introdotta da epub3 riguarda la possibilità di ricorrere al linguaggio di programmazione Javascript per realizzare ebook...

Self-publishing con o senza partita iva? Guida fiscale completa all’auto-pubblicazione

Con oltre 3 milioni di copie distribuite nel mondo, 2,2 milioni in diritti d’autore versati ad oltre 18000 autori, una delle domande più frequenti che ci viene...

Come pubblicare e vendere un libro su LaFeltrinelli.it?

LaFeltrinelliit è uno dei più importanti e conosciuti bookstore on-line a livello nazionale Grazie al suo vastissimo catalogo e alla grande attenzione alle...

formati di stampa

Self-publishing: scegliere il giusto formato del libro

Scegliere la dimensione dei libri è molto importante per uno scrittore che si autopubblica Prima di descrivere i principali formati di stampa, premettiamo che...

codice isbn libri

Codice ISBN: cos’è e a cosa serve il codice a barre in un libro?

Cos'è il codice ISBN E come è possibile ottenere il codice ISBN in maniera gratuita Il codice ISBN è importante anche nel self-publishing L'acronimo ISBN...

come pubblicare un libro per diventare scrittori in 10 passi

Come pubblicare un libro: 10 semplici passi per diventare Scrittori

Se stai leggendo questo post significa che hai scritto un libro, vorresti pubblicarlo ma non sai da dove iniziare Questa guida ti fornirà il meglio...

9 cose che devi sapere prima di Pubblicare un Libro con Amazon KDP

Amazon KDP è la soluzione di Amazon per il selfpublishing Se sei curioso o stai valutando l’idea di pubblicare il tuo libro con Amazon KDP, questo articolo è...

1 Commento

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.