Pubblicare, Scrivere

In Italia (non) ci sono più scrittori che lettori e (non) si pubblicano troppi libri

6 minuti di lettura 2 Commenti
  • Home
  • /
  • Scrivere
  • /
  • In Italia (non) ci sono più scrittori che lettori e (non) si pubblicano troppi libri
lettori e scrittori

Esiste un mito nel mondo degli scrittori e probabilmente il più potente, radicato e duro a morire: in Italia si pubblicano troppi libri perché ci sono più scrittori che lettori.

Non ho mai creduto alle generalizzazioni negative su qualsiasi aspetto della vita, perché molto spesso includono un pregiudizio e la maggior parte delle volte sono errate e questo non fa eccezione.

Non solo questo mito è sbagliato, ma è assolutamente tossico per qualsiasi scrittore che si avvicina alla pubblicazione perché ne programma il fallimento diventando una delle più semplici profezie autoavveranti.

In questo post ti spiegherò oggettivamente perché questi assiomi sono infondati e perché dovresti liberartene se desideri continuare ad essere uno scrittore o una scrittrice. Iniziamo.

Mercati di massa e mercati di nicchia

Secondo i dati AIE nel 2010 in Italia sono stati pubblicati 63.800 libri ed esistevano 2.700 case editrici; nel 2019 i libri pubblicati erano 78.279 e le case editrici hanno superato le 5.000 unità. Se guardiamo al numero di titoli commercialmente attivi passiamo da 254.000 nel 1991 a 1.208.000 nel 2019, un aumento del 375%!

In molti altri settori è successa la stessa cosa. Negli anni ’90 i marchi e le tipologie di dentifricio in commercio erano 1/10 di quelle attuali. Ora, se visiti qualsiasi reparto di un centro commerciale troverai un intero corridoio dedicati ai dentifrici con un centinaio di dentifrici diversi (per le gengive, per i denti sensibili, al carbone, alle erbe, etc) e diverse tipologie di dentifricio per lo stesso brand. E potrei continuare ancora a lungo. Pensa a ciò che è successo alle auto, all’acqua, alle merende, etc.

Cosa significa tutto questo? Semplice, in 30 anni siamo passati dai mercati di massa ai mercati di nicchia. Concretamente significa che mentre prima si producevano beni standardizzati per clienti i cui bisogni e interessi si ritenevano fossero generici e poco specifici, ora tutti i beni sono prodotti per clienti con interessi e bisogni specifici. Questo cambio di prospettiva ha permesso, da un lato, di far crescere la dimensione dei mercati specializzandoti e intercettando bisogni e interessi non soddisfatti dai mercati di massa; dall’altro ha frammentato i mercati facendo esplodere le nicchie e di conseguenza il numero di prodotti.

Capisci ora perché non si pubblicano troppi libri in Italia? Perché semplicemente il numero di libri, come quello di dentifrici, o biscotti, o auto intercettano bisogni e interessi sempre più specifici dei clienti. Ma questo non significa che nessuno legge o ci sono più scrittori che lettori: semplicemente, è il mercato che è cambiato, ma i libri vendono ancora e tanto.

Come sfruttare i mercati di nicchia?

L’aumento del numero di libri in commercio, ovviamente, riduce il numero di vendite medie per titolo anche se il mercato generale dell’editoria cresce, ma non tiene il passo con l’aumento del numero di titoli. Ma come è possibile sfruttare questa tendenza inarrestabile? Il primo segreto è la produttività. Pensate sempre ai dentifrici.

Perché Colgate ha decine di dentifrici diversi e continua a innovare e introdurne di nuovi? Semplice, perché per poter generare numeri importanti nei mercati di nicchia bisogna produrre un numero di prodotti più alto rispetto a quelli necessari dai mercati di massa.

Se la FIAT con 2-3 modelli di 500 ha conquistato l’Italia, ora le colorazioni e le combinazioni disponibili e vendute sono centinaia. Quindi se desideri vendere e tanto come scrittore devi scrivere e pubblicare tanto. Sia che tu voglia scrivere per una specifica nicchia o tu voglia conquistarne molte, la produttività à la chiave di tutto.

Con milioni di lettori con esigenze e bisogni sempre più raffinati e personali, scrivere uno-due libri non ti farà sfondare. Sfrutta i mercati di nicchia dando ad ogni nicchia il libro di cui ha bisogno. Scrivere e pubblicare più libri nel tempo ti permetterà di ottenere grandi risultati di vendita rispetto a scrivere e pubblicare un solo libro. Questa è una verità da cui non puoi prescindere e può essere la tua arma segreta.

Pensieri limitanti

Ora è il momento di liberarti da tutti i pregiudizi limitanti che ti hanno guidato fin qui. Sarò duro. Dire che in Italia ci sono più scrittori che lettori o che si pubblicano troppi libri è l’argomento preferito del club degli scrittori che non vendono.

Chi fallisce ha sempre bisogno di un capro espiatorio, e la maggior parte delle persone lo cerca in qualcuno o qualcosa che non sia se stesso. Niente di più tossico. Se un libro non vende dipende esclusivamente dall’autore o dal libro, non dal mercato, dall’Italia, dai colleghi, dalla famiglia, etc. So che può sembrarti brutale, ma è la verità.

Il primo passo che devi compiere se vuoi cambiare per sempre le tue sorti come scrittore e scrittrice è liberarti dai pregiudizi e dai pensieri limitanti. Se pensi che si pubblicano troppi libri, che ci sono troppi scrittori etc come pretendi di riuscire mai a realizzare dei risultati? Impossibile. Devi pensare invece al mercato come una platea di 25 milioni di lettori (dati Istat 2019) affamati con gusti molto raffinati e bisogni specifici. Come puoi sfruttare questa opportunità? Guadare al mercato in questi termini e senza i pensieri limitanti e tossici aprirà la mente ad enormi opportunità. Ovviamente devi capire che per ottenere dei risultati devi produrre degli ottimi libri, devi promuoverli personalmente e devi pubblicarne molti.

Non esistono pasti gratis, scorciatoie per il successo. Ma come mai nella storia dell’umanità oggi puoi diventare uno scrittore di successo da casa tua con un portatile. Il resto dipende da te e da quanto sei disposto a impegnarti e investire su te stesso.

Ah, e riguardo al fatto che ci sono più scrittori che lettori, ecco qualche numero per gli scettici cronici e i troll. Nel 2019 25 milioni di persone hanno letto almeno 1 libro e in commercio vi erano 1,2 milioni di libri. La matematica di base è sufficiente a capire quanto quella affermazione sia infondata.

Ti ho condiviso 2 verità potentissime, ora sta a te scegliere come sfruttarle.

Puoi continuare a raccontarti la favola dell’Italia che non legge e continuare a far parte del club degli scrittori sfigati oppure stracciare la tessera di questo club decadente ed entrare nel club dei selfpublishers veri, il club di coloro che sanno davvero come funzionano le cose e non hanno paura del duro lavoro necessario ad avere successo.

Io ti ho indicato il sentiero, la strada dovrai percorrerla tu.

L’unica cosa che ti chiedo è di non usare più scuse.

Buon selfpublishing!

Correlati

Ti potrebbe interessare anche:

iva sui libri come funziona

Come funziona l’Iva sui libri: il regime fiscale per l’editoria

Partita IVA per chi pubblica un libro Sono ormai quasi 20mila gli autori che scelgono di pubblicare autonomamente un libro, sfruttando l'opzione del...

Che cos’è l’epub3: le potenzialità del formato

Epub3 è l’ultima versione del formato epub, lo standard internazionale per il libro digitale Si tratta di un formato libero (open source), basato su linguaggi...

biblioteca nazionale

Cosa si intende per deposito legale dei libri?

Con “deposito legale” si intende l’obbligo, stabilito dalla legge, di depositare presso particolari organismi libri e altri documenti Non bisogna, però...

quanto guadagna uno scrittore con il suo libro

Quanto guadagna uno Scrittore?

So che “quanto guadagna uno Scrittore” è la domanda delle domande per chi come te scrive e pubblica libri o nutre il sogno di farlo  Domanda che...

Come inserire immagini o citazioni nel tuo libro

Viviamo in un'epoca in cui l'accesso alle risorse è diventato semplicissimo Foto, testi, immagini, anche d'epoca grazie alla digitalizzazione di archivi storici,...

pubblico dominio

I libri di pubblico dominio. Pubblicazione ed aspetti legali nel 2019.

Abbiamo assistito nel corso del 2016 alla "riscoperta" de "Il Piccolo Principe" di Antoine de Saint-Exupéry (1900 - 1944), entrato in pubblico dominio nel...

javascript

Epub interattivi con Javascript

Ultima ma non meno importante novità introdotta da epub3 riguarda la possibilità di ricorrere al linguaggio di programmazione Javascript per realizzare ebook...

Come pubblicare e vendere un libro su LaFeltrinelli.it?

LaFeltrinelliit è uno dei più importanti e conosciuti bookstore on-line a livello nazionale Grazie al suo vastissimo catalogo e alla grande attenzione alle...

Self-publishing con o senza partita iva? Guida fiscale completa all’auto-pubblicazione

Con oltre 3 milioni di copie distribuite nel mondo, 2,2 milioni in diritti d’autore versati ad oltre 18000 autori, una delle domande più frequenti che ci viene...

formati di stampa

Self-publishing: scegliere il giusto formato del libro

Scegliere la dimensione dei libri è molto importante per uno scrittore che si autopubblica Prima di descrivere i principali formati di stampa, premettiamo che...

codice isbn libri

Codice ISBN: cos’è e a cosa serve il codice a barre in un libro?

Cos'è il codice ISBN E come è possibile ottenere il codice ISBN in maniera gratuita Il codice ISBN è importante anche nel self-publishing L'acronimo ISBN...

come pubblicare un libro per diventare scrittori in 10 passi

Come pubblicare un libro: 10 semplici passi per diventare Scrittori

Se stai leggendo questo post significa che hai scritto un libro, vorresti pubblicarlo ma non sai da dove iniziare Questa guida ti fornirà il meglio...

9 cose che devi sapere prima di Pubblicare un Libro con Amazon KDP

Amazon KDP è la soluzione di Amazon per il selfpublishing Se sei curioso o stai valutando l’idea di pubblicare il tuo libro con Amazon KDP, questo articolo è...

2 Commenti

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.