Scrivere

I 5+1 princìpi dello storytelling

4 minuti di lettura 2 Commenti

Come ripeto spesso, prima di pensare all’autopromozione e mettersi alla ricerca dei propri fan, occorre avere tra le mani un buon lavoro.

Dare priorità al marketing e sottovalutare l’aspetto principale dell’attività di scrittura indipendente, la scrittura stessa, può rivelarsi un pericolosissimo boomerang.

Deludere i propri lettori vuol dire perderli. Deluderli prima che diventino fan, vuol dire cancellare il proprio percorso professionale sin dall’inizio.

Per un lettore, scoprire un possibile nuovo talento nasconde il desiderio di poter navigare in mari ancora inesplorati, di leggere cose nuove, fresche, assaporare stili originali. Una delusione in tal senso darebbe vita a un pericoloso passaparola in grado di distruggere per sempre la tua immagine di scrittore/scrittrice.

Per questo è importante scrivere un buon libro da subito, magari ritardando di mesi o anni la prima pubblicazione.

In questo post, pertanto, ti illustro i princìpi base dello storytelling, ovvero dell’arte di raccontare storie. Attenzione, non si tratta di princìpi utili solo a chi scrive narrativa. Te ne accorgerai leggendo.

1. Crea il tuo mondo

Che tu stia raccontando la tua storia personale, un reportage di guerra o spiegando i fondamenti di genetica, crea un mondo nel quale il lettore possa immergersi.

Io odio la matematica, eppure, tempo fa, decisi di acquistare un libro che, poi, si è rivelato molto utile, solo perché adattava l’utilizzo dei numeri alle attività investigative: “Il matematico e il detective”.

E che dire del classico “Il mondo di Sofia”? Ha insegnato a milioni di persone la storia della filosofia, senza annoiare, né distrarre.

Ecco, di questo parlo, della capacità di creare un mondo con dei personaggi vivi che, a fine lettura, mancheranno un po’ al lettore. Devi far sì che chi ti legge si immerga in quel mondo e arrivi a considerarlo vero.

2.Scegli il punto di vista

Ogni storia può essere raccontata da punti di vista differenti. Sono molti i romanzi e i film basati su questo principio e che giocano raccontando la stessa storia da diversi punti di vista.

Io stesso ne ho scritta una insieme ad altri 7 colleghi di penna.

Così, ogni volta che scrivi una nuova storia, scegli da subito il punto di vista da adottare. Questo ti permetterà anche di capire se scrivere in prima o terza persona.

Oppure, come suggerivo, scegli di utilizzare diversi punti di vista contemporaneamente per dar vita a originali giochi di soggettiva.

3. Mettici la tua identità

Se scrivi senza mettere del tuo, si sente. La tua personalità deve trasparire in ogni pagina del libro. Non aver paura di metterti a nudo.

Di’ quello che pensi, esterna le tue emozioni, racconta anche pezzi della tua vita, se questo può essere di aiuto o interesse a chi legge.

Scrivere con “il freno a mano tirato” è il metodo migliore per creare opere fredde e distaccate in grado di far sbadigliare anche il più accanito lettore.

4. Crea serialità

Come ci hanno insegnato le trilogie, ma anche la TV che, in questi anni, ha trasformato qualsiasi film in una fiction, la serialità funziona.

Crea un tuo personaggio seriale. Oppure un tuo mondo seriale in cui agiscono sempre personaggi differenti. Crea diverse serie suddivise per tema. Fai quel che vuoi, ma tieni a mente che la serialità attira l’attenzione.

Anche perché il lettore, se ama le tue opere, tende ad affezionarsi ai tuoi mondi e ai tuoi personaggi. Non deluderlo.

5. Fai riflettere

Dietro ogni storia deve esserci un insegnamento, ce lo hanno fatto capire da piccoli, con le fiabe. Quindi, non creare storie fini a se stesse.

Da’ vita, invece, a racconti che lascino qualcosa di profondo al lettore. Che, a fine libro, gli facciano dire: “non ci avevo mai pensato”, oppure “ha proprio ragione”.

Sì, sto parlando della famosa “morale della favola”, ma non solo di quella.

Parlo di qualsiasi insegnamento.

5+1. Transmedialità

Questo principio esula un po’ dagli altri, ma, ormai, è diventato imprescindibile.

Quando dai vita a un’opera letteraria,  ricordati sempre che questa, se avrà un discreto successo, potrà essere trasformata (da te o da altri) in diversi formati.

Un podcast a mo’ di audiolibro, un video di Youtube, un fumetto e mille altre cose. Quindi, crea una storia che sia facilmente adattabile a questa imprescindibile transmedialità moderna. Pensaci sin dall’inizio.

E con questo è tutto. Ti do appuntamento alla prossima…occhio alla penna! 😉

Correlati

Ti potrebbe interessare anche:

congiungitvo

Il se vuole sempre il congiuntivo? Teoria, esempi, trucchi per ricordare

Il se vuole sempre il congiuntivo Bella domanda, anche perché già quando si parla di congiuntivo le cose si fanno difficili Tuttavia chi scrive, che sia un...

Umberto Eco Tesi di Laurea

I 6 consigli di Umberto Eco per scrivere una tesi di laurea

Il saggio di Umberto Eco "Come si fa una tesi di laurea" (Bompiani, 1977) parte dai fondamentali, spiegando che cos'è una tesi di laurea Ma, se sei qui,...

incipit perfetto

8 consigli per scrivere un incipit perfetto per il tuo libro

L'incipit di un romanzo è davvero una delle cose più difficili da scrivere In quest'epoca di gratificazione istantanea, brevi momenti di attenzione e...

Generi letterari: definizione ed elenco

Quante volte sentiamo parlare di "genere letterario" Forse è un concetto poco conosciuto da chi non ama scrivere o leggere, ma che rappresenta un argomento...

Come trovare il titolo giusto per il tuo libro: la guida pratica

Hai finito di scrivere il tuo libro finalmente Dopo mesi e mesi di fatica è arrivato anche il momento di scegliere il titolo giusto e questo è un compito che...

font migliore per un libro

Qual è il font migliore per il tuo romanzo?

Scegliere il font migliore per scrivere un romanzo non è così semplice Nel self publishing, la libertà di non avere un editore alle spalle consente agli autori...

scrivere un libro per bambini

Come scrivere un libro per bambini e farlo conoscere

Scrivere un libro per bambini spesso viene considerato un compito meno impegnativo che scrivere un libro destinato ai grandi, ma le cose non stanno così...

come scrivere un libro guida completa

Come scrivere un libro dall’idea alla struttura: la guida completa

Introduzione e consigli utili Intreccio, trama, fabula, personaggi, dialoghi, incipit, finale, sono solo alcuni degli elementi che compongono la scrittura di...

Cos'è e come si scrive la prefazione di un libro

Cos’è e come si scrive la prefazione di un libro?

La prefazione di un libro rimane sempre un elemento misterioso: è necessaria È utile Ma soprattutto cos'è e come si scrive la prefazione di un libro È...

Come scrivere un libro, i 5 step fondamentali

Hai deciso di scrivere un libro o lo stai già facendo Ecco 5 step, fra cui la Piramide di Freytag, che ti aiuteranno a farlo senza perdere altro tempo...

scrittura creativa esercizi

7 esercizi di Scrittura Creativa da mettere subito in pratica

L’importanza della scrittura creativa Quante volte ti è capitato di andare in libreria e comprare un libro solo perché ti hanno colpito le prime tre o...

genere letterario giallo

Genere letterario Giallo: genesi, sviluppo e caratteristiche

Come è nato il genere giallo Il genere giallo è riconducibile con ogni probabilità a quello poliziesco; ad ogni modo, recentemente, sono nati filoni...

genere letterario horror

Genere letterario Horror. Storia, struttura, temi di un genere amatissimo

Come è nato il genere horror Il genere letterario horror non ha un'origine temporale ben specifica in quanto diversi temi horror sono stati scritti fin...

2 Commenti

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.