Scrivere

Ernest Hemingway: tra avventure, iceberg e capolavori letterari

6 minuti di lettura
  • Home
  • /
  • Scrivere
  • /
  • Ernest Hemingway: tra avventure, iceberg e capolavori letterari
ernest hemingway

Ciao a tutti, amanti della lettura!

Oggi ci immergiamo nel mondo di uno scrittore che ha cambiato per sempre il modo in cui raccontiamo le storie. Parliamo di Ernest Hemingway, l’autore che ha fatto innamorare il mondo della letteratura con la sua scrittura secca e incisiva. Preparatevi per un viaggio attraverso la vita avventurosa di questo grande scrittore, la sua personalità e i suoi esordi nel mondo delle lettere. E ovviamente, non dimenticheremo di parlare della sua famosa citazione sull’iceberg!

Ernest Miller Hemingway è nato il 21 luglio 1899 in quel di Oak Park, Illinois. Cresciuto in una famiglia benestante, il piccolo Ernest aveva una vita tranquilla e agiata.

Ma non lasciatevi ingannare! Questo ragazzo aveva il cuore avventuroso fin da piccolo e non vedeva l’ora di esplorare il mondo. Passava molto tempo a caccia e pesca con suo padre, e queste esperienze influenzarono in modo significativo il suo stile di scrittura e i temi delle sue opere.

Se dovessimo descrivere Hemingway in una parola, beh, non potremmo.

Perché Ernest era un uomo complesso e contraddittorio. Coraggioso e vulnerabile, determinato e insicuro, la sua vita fu segnata da traumi, guerre e relazioni tumultuose. Tutto questo plasmò il suo carattere e si riflette nelle sue opere.

Prima di diventare lo scrittore che conosciamo oggi, Ernest lavorò come giornalista per il Kansas City Star. Ma sentiva che il giornalismo non era abbastanza per lui, e quando scoppiò la Prima Guerra Mondiale, si arruolò come ambulancier volontario nella Croce Rossa. Durante il suo servizio in Italia, fu gravemente ferito, e queste esperienze di guerra divennero la base per il suo romanzo di esordio, “Addio alle armi” (1929). Prima di questo successo, però, Ernest aveva già iniziato a farsi notare nel mondo letterario con la pubblicazione di racconti e romanzi brevi, come “Il sole sorgerà ancora” (1926) e “Fiesta” (1927).

Ora, cosa c’entra un iceberg con Ernest Hemingway?

Beh, se conoscete la sua scrittura, sapete che aveva uno stile unico e inimitabile. Era un maestro nel raccontare tanto con poche parole. Ecco dove entra in gioco la sua famosa citazione: “La dignità del movimento dell’iceberg dipende dal fatto che solo un ottavo di esso sia sopra l’acqua.” Questa frase è diventata sinonimo della teoria del “Iceberg” o “Teoria dell’Omissione” nella scrittura di Hemingway.

In pratica, la teoria suggerisce che un buon scrittore dovrebbe omettere intenzionalmente alcuni dettagli, lasciando solo ciò che è essenziale per la comprensione della storia. Così come un iceberg, la maggior parte della struttura narrativa rimane nascosta sotto la superficie, e il lettore deve intuire ciò che non viene esplicitamente detto. Questo approccio alla scrittura rende le opere di Hemingway affascinanti e coinvolgenti, invitando il lettore a partecipare attivamente nella costruzione del significato del racconto.

Hemingway ha scritto molti romanzi e racconti, ma due dei suoi lavori più famosi sono “Il vecchio e il mare” e “Per chi suona la campana”. Entrambi sono esempi eccellenti del suo stile di scrittura e della teoria dell’iceberg.

Il vecchio e il mare

“Il vecchio e il mare”, pubblicato nel 1952, racconta la storia di Santiago, un anziano pescatore cubano che lotta con un enorme marlin nel Golfo del Messico. Pur essendo un’opera breve, il romanzo è ricco di simbolismo e temi profondi. Hemingway lascia che il lettore scavi sotto la superficie per scoprire il significato della storia e il valore della perseveranza, della dignità e del rispetto per la natura. Se non avete ancora letto questo capolavoro, vi consigliamo di farlo: è un’esperienza di lettura indimenticabile.

Per chi suona la campana

“Per chi suona la campana” è un altro romanzo emblematico di Hemingway, pubblicato nel 1940. Ambientato durante la Guerra Civile Spagnola, racconta la storia di Robert Jordan, un giovane americano volontario nel campo repubblicano, incaricato di far saltare un ponte strategico. Il romanzo affronta temi come l’amore, la lealtà, il coraggio e la morte, con uno stile di scrittura tipicamente “hemingwayano”. “Per chi suona la campana” è un romanzo intenso e avvincente, che vi terrà incollati fino all’ultima pagina.

Per concludere

In conclusione, Ernest Hemingway è stato un autore eccezionale, la cui vita e personalità complessa hanno dato vita a opere letterarie indimenticabili. La sua teoria dell’iceberg ha influenzato in modo significativo il modo in cui scriviamo e leggiamo le storie, e i suoi romanzi continuano a ispirare generazioni di lettori e scrittori in tutto il mondo. Se non avete ancora avuto l’opportunità di immergervi nel mondo di Hemingway, vi consigliamo di iniziare con “Il vecchio e il mare” e “Per chi suona la campana”. Buona lettura!

Parliamo ancora di iceberg

L’iceberg di Hemingway è davvero un argomento affascinante, e sono sicuro che vi piacerà saperne di più. Allora, mettiamoci comodi e immergiamoci ancora più a fondo nella teoria dell’iceberg e in come questa abbia influenzato il modo in cui Hemingway ha scritto le sue storie.

Ricordate la citazione che abbiamo menzionato prima? “La dignità del movimento dell’iceberg dipende dal fatto che solo un ottavo di esso sia sopra l’acqua.” Bene, qui Hemingway ci sta dando un’idea chiara di come funziona la sua teoria dell’iceberg. Immaginate che la storia sia come un iceberg: la parte visibile, quella sopra l’acqua, è ciò che viene scritto effettivamente, mentre la parte sommersa, molto più grande, rappresenta tutti quei dettagli, sfumature e sottotesti che non vengono esplicitamente menzionati.

Hemingway credeva che, lasciando fuori alcuni dettagli e informazioni, il lettore potesse essere stimolato a usare la propria immaginazione e intuizione per capire ciò che non viene detto. Questo rende la lettura delle sue storie un’esperienza molto più coinvolgente e gratificante, perché il lettore si sente come se stesse scoprendo qualcosa di nuovo e profondo ogni volta che si immerge in un racconto.

Un esempio concreto di come Hemingway abbia applicato la teoria dell’iceberg si trova nel suo celebre racconto “Hills Like White Elephants” (1927). In questa storia, una coppia discute di un “operazione” imminente mentre sorseggiano birra e vino in un bar sulla linea ferroviaria tra Madrid e Barcellona. Hemingway non menziona mai esplicitamente di cosa stiano parlando, ma attraverso il dialogo e i dettagli sottili, il lettore può dedurre che si tratta di un aborto. L’autore ci sfida a leggere tra le righe e a cogliere gli indizi nascosti nel testo, rendendo la storia un’esperienza di lettura intrigante e stimolante.

La teoria dell’iceberg di Hemingway è un approccio rivoluzionario alla scrittura e alla narrazione. Ha creato storie che invitano il lettore a scavare più a fondo, a esplorare i significati nascosti e a diventare parte attiva dell’esperienza narrativa. La prossima volta che leggete un’opera di Hemingway, ricordatevi dell’iceberg e cercate di scoprire quali tesori si nascondono sotto la superficie. Buona caccia all’iceberg, amici!

Scarica subito le guide GRATUITE su:

Iscriviti a Youcanprint | La Community Ufficiale

Partecipa al sondaggio e ricevi la nuova Guida per il Tuo libro in Selfpublishing

Inserisci nome ed email prima di procedere
Acconsento al trattamento dati personali
Dichiaro di voler ricevere news, risorse e offerte da parte di Youcanprint
Seleziona le caselle se intendi procedere
Iniziare a scrivere un Libro Finire di scrivere un Libro per poi pubblicarlo Scegliere con chi pubblicare il tuo Libro Capire come promuovere il tuo Libro già pubblicato
Scrivere un Libro Pubblicare un Libro Promuovere un Libro
Scrivi Pubblica Vendi

Iscriviti alla Community e ricevi subito la Guida Gratuita del valore di 67€

19.000+ Autori ti stanno aspettando

Correlati

Ti potrebbe interessare anche:

congiungitvo come si usa

Il se vuole sempre il congiuntivo? Teoria, esempi, trucchi per ricordare

Il se vuole sempre il congiuntivo Bella domanda, anche perché già quando si parla di congiuntivo le cose si fanno difficili Tuttavia chi scrive, che sia un...

Come si scrive una tesi di laurea

I 6 consigli di Umberto Eco per scrivere una tesi di laurea

Il saggio di Umberto Eco "Come si fa una tesi di laurea" (Bompiani, 1977) parte dai fondamentali, spiegando che cos'è una tesi di laurea Ma, se sei qui,...

le figure retoriche nella scrittura

Le figure retoriche nella scrittura di un testo: tipologie ed esempi

Che tu sia o meno uno scrittore emergente o professionista, oppure un semplice appassionato di scrittura creativa e desideri cimentarti in questo campo,...

incipit perfetto

8 consigli per scrivere un incipit perfetto per il tuo libro

L'incipit è più di un semplice inizio: è una finestra sul cuore della storia Attraverso esso, si mostrano non solo il personaggio principale, ma anche il tono,...

5 step per scrivere un libro

Come scrivere un libro, i 5 step fondamentali

Hai deciso di scrivere un libro o lo stai già facendo Ecco 5 step, che ti aiuteranno a farlo senza perdere altro tempo Decidi cosa vuoi dimostrare con la...

font migliore per un libro

Qual è il font migliore per il tuo romanzo?

Scegliere il font migliore per scrivere un romanzo non è così semplice Nel self publishing, la libertà di non avere un editore alle spalle consente agli autori...

generi letterari

Generi letterari: definizione ed elenco

Quante volte sentiamo parlare di "genere letterario" Forse è un concetto poco conosciuto da chi non ama scrivere o leggere, ma che rappresenta un argomento...

Come scrivere un libro per bambini e farlo conoscere

Come scrivere un libro per bambini e farlo conoscere

Scrivere un libro per bambini spesso viene considerato un compito meno impegnativo che scrivere un libro destinato ai grandi, ma le cose non stanno così Per...

dare il titolo giusto

Come trovare il titolo giusto per il tuo libro: la guida pratica

Hai finito di scrivere il tuo libro finalmente Dopo mesi e mesi di fatica è arrivato anche il momento di scegliere il titolo giusto e questo è un compito che...

Prefazione del libro come si scrive

Cos’è e come si scrive la prefazione di un libro?

La prefazione di un libro rimane sempre un elemento misterioso: è necessaria È utile Ma soprattutto cos'è e come si scrive la prefazione di un...

genere letterario giallo

Genere letterario Giallo: genesi, sviluppo e caratteristiche

Come è nato il genere giallo Il genere giallo è riconducibile con ogni probabilità a quello poliziesco; ad ogni modo, recentemente, sono nati filoni...

genere letterario horror

Genere letterario Horror: storia, struttura, temi di un genere amatissimo

Come è nato il genere horror Il genere letterario horror non ha un'origine temporale ben specifica in quanto diversi temi horror sono stati scritti fin...

low content book

Low content book: cos’è e come pubblicarne uno

Da qualche tempo negli Stati Uniti stanno ottenendo uno straordinario successo i Low Content Book: si tratta di libri con poco contenuto che rappresentano un...

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.