Pubblicare

Come pubblicare un fumetto: la guida completa

7 minuti di lettura
pubblicare un fumetto

Come pubblicare un fumetto?

Frutto della fantasia e dell’uso sapiente della matita, i fumetti non sono solo racconti di personaggi divertenti o avventure di supereroi! Ciò che li rende interessanti è la capacità innata del creatore di stabilire un filo diretto con il lettore di qualsiasi età, coinvolgendo tanto i bambini quanto gli adulti.

Anni di studio, di allenamento e di affinamento della tecnica, sono decisivi per conquistare il pubblico amante del cartaceo ma anche del digitale.

Ma come si pubblica un fumetto? Il self-publishing può essere una soluzione o è meglio affidarsi ai sistemi tradizionali?

Scrivere fumetti: un impegno non adatto a tutti

La combinazione di espressioni facciali, l’ambientazione, l’interazione tra i personaggi, il senso logico della storia, le linee tracciate, i dialoghi brevi ma d’effetto: sono questi gli elementi base di un fumetto capace di catturare l’attenzione del lettore appartenente ad un target specifico o ad una cerchia molto più ampia.

Scrivere un fumetto, quindi, non è roba da poco. Non basta buttare giù una storia, dei disegni e completare il tutto con dei dialoghi. Sarebbe troppo riduttivo!

Se hai la passione per questo genere letterario, ma non sai come diventare un fumettista affermato, sappi che ti aspettano anni di studio.

Saper disegnare significa dare alle immagini un’importanza fondamentale, in grado di comunicare emozioni al lettore. Il lavoro del fumettista non è semplice: va avanti chi merita e chi ha grandi capacità anche di scrittura.

Chi realizza fumetti deve far sognare e coinvolgere il pubblico in una dimensione diversa, totalmente immersiva.

Sappi che queste caratteristiche sono perlopiù innate ma disponibili allo stato grezzo, se così si può dire. Per intenderci, è come se avessi tra le mani la materia prima ma per renderla fruibile e utile agli altri devi plasmarla, trattarla con i giusti strumenti. 

Frequentando quindi una scuola di fumetto, dei corsi o un’accademia ti verranno forniti i mezzi e le tecniche per poter dare forma alla tua creatività, perfezionando lo stile e il modo di scrivere.

Ottenuto l’attestato, la strada non sarà immediatamente in discesa. Non è un pezzo di carta a renderti subito un disegnatore affermato, ma hai bisogno di pratica.

Per pubblicare il tuo primo fumetto, esercitati ogni giorno per almeno 4 ore e se hai la possibilità, fatti seguire da un professionista che possa indirizzarti verso la giusta strada, correggendo possibili errori di prospettiva, di anatomia oppure di ingenuità (ammessi se sei alle prime armi, ma non tollerabili se aspiri a diventare un fumettista conosciuto e apprezzato).

Come pubblicare un fumetto: imparare ad affinare la tecnica

Creatività, merito, tecnica ed esercizio sono le basi per creare una storia illustrata interessante. Prima però di pensare a come pubblicare un fumetto, devi cercare di affinare la tecnica e di certo non potrai farlo senza disporre degli strumenti adatti.

Da qualche anno vanno di moda le tavole complete, ma se stai cercando il modo migliore per migliorare il tuo stile, dimenticale! Mettile temporaneamente da parte e concentrati su tre elementi in particolare:

  • Carta. Scegli quella più vicina alle tue esigenze anche se, di solito, la liscia permette al pennino di scivolare facilmente
  • Formato. Utilizza quello che preferisci, purché sia in scala. Se, infatti, il disegno necessita di essere rimpicciolito potrebbe accadere che una linea sottile non si veda.
  • Pennino e strumenti per ripassare. La matita è la tua migliore alleata. Una volta che avrai completato lo schizzo, ripassa i contorni con un pennello oppure con un pennino a inchiostro di china nero, in modo da ottenere una linea fluida. Lo spessore del tratto sarai tu a deciderlo, in base chiaramente al messaggio che vuoi dare al lettore.

Se vuoi pubblicare la tua prima storia illustrata, prendi i consigli dei grandi fumettisti: utilizza un taccuino e allenati ogni giorno per 4 ore.

Disegna tutto ciò che vedi o quello che ti passa per la mente. A lavoro finito, guarda il foglio e strappalo senza pensarci due volte. Ripetendo questo esercizio (solo all’apparenza) banale per sei mesi o per un anno affinerai la tua tecnica, mettendo da parte la paura di sbagliare.

Non trascurare l’importanza della lettura, di confrontarti con il lavoro altrui, osserva con occhi curiosi quadri, ma anche film e cortometraggi: se puoi utilizza il fermo immagine, in modo da studiare la sequenza delle inquadrature; togli l’audio per evitare che rumori di sottofondo e i dialoghi tra i personaggi possano distrarti.

Assorbi tutte le informazioni che riesci a captare come se fossi una spugna e se temi di dimenticare qualcosa, segna pure ciò che ti interessa su un taccuino o un quaderno.

La strada che hai intrapreso non è semplice, ma con il massimo impegno, tanta costanza, esperienza ed un pizzico di intraprendenza potrai ottenere risultati interessanti. Se non ti sei lasciato scoraggiare da queste parole, veniamo adesso a come pubblicare un fumetto.

Come pubblicare un fumetto: quali sono i passi da effettuare?

Solo da qualche anno i fumetti sono presenti anche sul digitale, ma il fascino del cartaceo non passerà mai di moda.

Prima di diventare professionisti, i grandi disegnatori come Stan Lee, Hugo Pratt, Tiziano Sclavi hanno fatto la gavetta e proposto i loro lavori a case editrici rivolgendosi ai “potenti” con educazione e umiltà.

Ricorda che i colpi di fortuna in questo lavoro non sono contemplati, a meno che tu non abbia un talento sovrumano e insolito per un principiante.

Per pubblicare un fumetto dovrai proporti alle case editrici, facendo una cernita. In effetti, non tutte trattano uno stesso filone, pertanto se sei ferrato nel fantasy, nei racconti di supereroi non puoi presentare i tuoi lavori ad una rivista che tratta horror (giusto per farti un esempio).

Per iniziare, invia una breve presentazione per email completa di portfolio e curriculum in formato PDF. Cerca di mantenere una certa umiltà mentre scrivi le poche righe che ti riguardano.

Non tergiversare, sii incisivo e vai dritto al punto. Ricorda che umiltà non significa sottomettersi ma solo mostrare al potenziale editore di poter lavorare con una persona tranquilla, valida e con cui è possibile confrontarsi in maniera costruttiva.

Per avere più possibilità, invia la tua candidatura a un numero maggiore di case editrici, evitando il copia e incolla. Perché? Semplice: non informandoti per tempo sul tipo di pubblicazioni trattate rischi di incorrere in gaffes che potrebbero compromettere il tuo futuro da fumettista professionista.

Trovare qualcuno disposto a pubblicare un tuo lavoro non è un semplice: devi condurre la ricerca con intelligenza e dedizione, non dimenticando di esercitarti quotidianamente.

Self-Publishing: la soluzione per pubblicare un fumetto?

Il Self-Publishing è il metodo più rapido e semplice per farti conoscere da un pubblico di appassionati del genere.

Con Youcanprint potrai pubblicare i tuoi fumetti in pochi click. Ti basta scegliere il formato migliore, le caratteristiche di stampa e tutto il necessario per consentire alla tua storia di poter essere conosciuta sul web.

Mettiamo a tua disposizione i nostri migliori strumenti per regalarti un sogno. Ricorda però che, oltre alla pubblicazione di un fumetto, anche la distribuzione occupa un ruolo di fondamentale importanza.

Diamo visibilità alla tua storia dopo la pubblicazione, vendendo il fumetto anche in formato cartaceo, Ebook e Audiolibro. In breve, la tua sceneggiatura illustrata raggiungerà 50 Paesi, più di 30 store e oltre 4.500 librerie fisiche.

L’auto-pubblicazione deve rappresentare per te un primo step, una sorta di trampolino di lancio e non un punto d’arrivo. Inizia facendoti conoscere da un pubblico selezionato, in linea con il tuo genere e stile. Chissà, magari sarà la volta buona per poter essere contattato da una casa editrice che potrebbe finanziare il tuo lavoro!

Continua a perfezionare la tecnica, limitando il più possibile gli errori, migliorando il tratto e la stesura della storia. Solo così potrai aspirare a diventare un grande disegnatore del calibro di Sergio Bonelli (il papà di Tex Willer).

Se vuoi autopubblicare il tuo fumetto, contattaci ora!

Correlati

Ti potrebbe interessare anche:

come funziona iva sui libri regime fiscale

Come funziona l’Iva sui libri: il regime fiscale per l’editoria

Partita IVA per chi pubblica un libro Sono ormai quasi 20mila gli autori che scelgono di pubblicare autonomamente un libro, sfruttando l'opzione del...

Che cos’è l’epub3: le potenzialità del formato

Epub3 è l’ultima versione del formato epub, lo standard internazionale per il libro digitale Si tratta di un formato libero (open source), basato su linguaggi...

biblioteca nazionale

Cosa si intende per deposito legale dei libri?

Con “deposito legale” si intende l’obbligo, stabilito dalla legge, di depositare presso particolari organismi libri e altri documenti Non bisogna, però...

quanto guadagna uno scrittore con il suo libro

Quanto guadagna uno Scrittore?

So che “quanto guadagna uno Scrittore” è la domanda delle domande per chi come te scrive e pubblica libri o nutre il sogno di farlo  Domanda che...

pubblico dominio

I libri di pubblico dominio. Pubblicazione ed aspetti legali nel 2019.

Abbiamo assistito nel corso del 2016 alla "riscoperta" de "Il Piccolo Principe" di Antoine de Saint-Exupéry (1900 - 1944), entrato in pubblico dominio nel...

Come inserire immagini o citazioni nel tuo libro

Viviamo in un'epoca in cui l'accesso alle risorse è diventato semplicissimo Foto, testi, immagini, anche d'epoca grazie alla digitalizzazione di archivi storici,...

javascript

Epub interattivi con Javascript

Ultima ma non meno importante novità introdotta da epub3 riguarda la possibilità di ricorrere al linguaggio di programmazione Javascript per realizzare ebook...

Come pubblicare e vendere un libro su LaFeltrinelli.it?

LaFeltrinelliit è uno dei più importanti e conosciuti bookstore on-line a livello nazionale Grazie al suo vastissimo catalogo e alla grande attenzione alle...

Self-publishing con o senza partita iva? Guida fiscale completa all’auto-pubblicazione

Con oltre 3 milioni di copie distribuite nel mondo, 2,2 milioni in diritti d’autore versati ad oltre 18000 autori, una delle domande più frequenti che ci viene...

formati di stampa

Self-publishing: scegliere il giusto formato del libro

Scegliere la dimensione dei libri è molto importante per uno scrittore che si autopubblica Prima di descrivere i principali formati di stampa, premettiamo che...

come pubblicare un libro per diventare scrittori in 10 passi

Come pubblicare un libro: 10 semplici passi per diventare Scrittori

Se stai leggendo questo post significa che hai scritto un libro, vorresti pubblicarlo ma non sai da dove iniziare Questa guida ti fornirà il meglio...

codice isbn libri

Codice ISBN: cos’è e a cosa serve il codice a barre in un libro?

Cos'è il codice ISBN E come è possibile ottenere il codice ISBN in maniera gratuita Il codice ISBN è importante anche nel self-publishing L'acronimo ISBN...

pubblicare con amazon in esclusiva

Perché non conviene pubblicare in esclusiva con Amazon

Dare ad Amazon l'esclusiva della vendita del proprio libro per vendere di più Ma si guadagna davvero di più Ecco un'analisi completa per guidarti alla...

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.