Scrivere

Bibliografia James Joyce: l’elenco dei libri pubblicati

7 minuti di lettura
  • Home
  • /
  • Scrivere
  • /
  • Bibliografia James Joyce: l’elenco dei libri pubblicati
bibliografia james joyce

James Joyce è uno scrittore divenuto famoso per la sperimentazione linguistica che ha messo in atto nelle sue opere. Tuttavia la sua produzione non è molto ampia, e consta di quattro romanzi e quindici racconti, tutti uniti in un’unica raccolta, dal titolo Gente di Dublino. Inoltre ha scritto alcune poesie, un racconto per bambini e un’opera teatrale, oltre a un gran numero di lettere e scritti critici.

Vediamo di seguito l’elenco completo dei libri pubblicati, con una breve descrizione dei romanzi principali, della celebre raccolta di racconti e delle opere meno note, come il dramma per teatro e il racconto per bambini, creato per il proprio nipotino.

I romanzi

I romanzi di Joyce sono quattro, rispettivamente, in ordine cronologico:

  • Un ritratto dell’artista da giovane (1916)
  • Ulisse (1922)
  • Finnegans Wake (1939)
  • Stephen Hero (postumo, 1944)

Un ritratto dell’artista da giovane

In questo primo lavoro di Joyce si possono già vedere alcune delle tecniche di scrittura tipiche del modernismo di cui Joyce è il massimo esponente. Si tratta di un lavoro semi-autobiografico, in cui viene raccontata la crescita di un ragazzo, dall’infanzia alla maturazione da artista.

L’opera è nota anche come Dedalus, dal nome del protagonista, Stephen Dedalus, che rappresenta l’alter-ego dell’autore, una presenza fissa nelle opere di Joyce.

Ulisse

Ulisse è l’opera più nota di Joyce ed ha avuto una stesura molto travagliata. Inizialmente, infatti, doveva essere uno dei racconti della raccolta Gente di Dublino, ma successivamente l’autore accantonò l’idea per dare vita a uno dei libri più importanti della letteratura del Novecento.

Iniziato nel 1914, fu terminato solo dopo sette anni; servirono tuttavia ulteriori tre mesi per procedere alla revisione e l’opera fu pubblicata nel 1922.

Ulisse non è un libro che va letto, ma studiato, interpretato e compreso: è strutturato infatti in diciotto capitoli, ognuno scritto con particolarità stilistiche. Inoltre, ogni capitolo presenta riferimenti all’Odissea, a colori, arti o parti del corpo. La tecnica narrativa del flusso di coscienza rende più complessa la lettura nonostante la trama relativamente semplice.

Si parla infatti della giornata tipo e dei pensieri di Leopold Bloom, un agente pubblicitario irlandese, del quale Joyce mostra la normalità della vita, pur traendone un capolavoro di scrittura.

Finnegans Wake

Questo romanzo è successivo all’Ulisse e Joyce ne iniziò la stesura un anno dopo aver completato l’Ulisse, ossia nel 1923. Il titolo iniziale era Work in Progress e fu pubblicato a puntate sulla rivista Transition. La prima uscita avvenne sulla rivista nel 1926, dopo che erano state già completate le prime due parti. La stesura ebbe tuttavia dei rallentamenti a causa di problematiche personali dell’autore.

Successivamente, ne 1939, l’opera fu pubblicata in libro con il titolo di Finnegans Wake. Le reazioni inizialmente non furono tutte positive per via dell’estremizzazione della tecnica di scrittura utilizzata, ossia quella del flusso di coscienza. Inoltre, l’utilizzo di lingue diverse, di neologismi, di costruzioni che esulano da qualsiasi convenzione stilistica rendono particolarmente difficile la lettura, nonché la traduzione nelle altre lingue.

Stephen Hero

L’ultimo romanzo di Joyce è stato pubblicato postumo, dopo una tormentata stesura e un altrettanto complesso recupero delle parti che costituiscono il manoscritto. Oggi l’opera viene pubblicata generalmente evidenziando le due parti, una da subito nota, l’altra ritrovata solo anni dopo la morte dell’autore.

Si tratta di un romanzo di formazione dove ancora una volta incontriamo Stephen Dedalus e ne seguiamo la crescita. Joyce ci porta a conoscere le problematiche che il protagonista si trova a vivere in famiglia e ci parla del legame con il fratello minore, degli studi, gli amici e i primi amori.

I racconti di James Joyce: Gente di Dublino

Gente di Dublino è una raccolta di racconti che ha come protagonisti persone qualunque di Dublino che vengono descritte durante la loro quotidianità. In realtà, quello di raccontare il quotidiano dei Dublinesi è quasi una scusa: le motivazioni vere sono infatti quelle di evidenziare la paralisi morale che caratterizza la maggior parte dei protagonisti, nonché la fuga da una realtà che non corrisponde a quanto cercato.

I racconti non sono casualmente distribuiti ma seguono delle tematiche ben precise e per questo sono solitamente raggruppati in quattro sezioni. Ogni sezione rappresenta una fase specifica della vita, ossia l’infanzia, l’adolescenza, la maturità e la vita pubblica.

I titoli dei quindici racconti sono:

  • Le sorelle;
  • Un incontro;
  • Arabia.

Questi primi tre racconti fanno parte della sezione Infanzia.

  • Eveline;
  • Dopo la corsa
  • I due galanti;
  • Pensione di famiglia.

Questi quattro titoli sono invece i racconti che fanno parte della sezione Adolescenza.

  • Una piccola nube;
  • Rivalsa, o Un’Ave Maria o Contropartita;
  • Polvere, o Cenere;
  • Un caso pietoso, o Un increscioso incidente;

Ancora quattro racconti, questa volta si tratta dei titoli che sono raggruppati nella sezione Maturità.

  • Il giorno dell’edera;
  • Una madre;
  • La grazia;
  • I morti.

L’ultimo gruppo di racconti è invece quello che fa parte della sezione Vita Pubblica.

Nei racconti di Gente di Dublino Joyce vuole sottolineare il basso livello morale degli abitanti della città e lo fa dando vita a descrizioni dettagliate e precise, con tecniche tipiche del naturalismo francese o del verismo italiano, ma con una scrittura nuova, un primo approccio verso quello che sarà il suo modernismo, caratterizzato dal flusso di coscienza che verrà largamente utilizzato nelle opere successive, in particolare nell’Ulisse e in Finnegans Wake.

Le poesie di James Joyce

Tra le opere meno note di Joyce ci sono le raccolte di poesie, tra cui la prima è intitolata Musica da Camera (1907). La raccolta prevedeva trentaquattro poesie d’amore, ma prima della pubblicazione ne furono aggiunte altre due. La liricità dei versi e l’ispirazione del titolo, hanno portato diversi compositori a realizzare adattamenti musicali, una sorta di Lieder moderni per vari strumenti.

Poesie da un soldo (1927) è un’altra raccolta di poemi, scritti tra il 1904 e il 1924. Lo stile di queste poesie è più complesso rispetto a quelle della raccolta precedente, essendo anche caratterizzato da numerosi neologismi, creati secondo lo stile di Joyce, unendo due termini in uno solo.

Un racconto per bambini: Il gatto e il diavolo (postumo, 1964)

Questo piccolo gioiello di scrittura vede un Joyce diverso, completamente a proprio agio nel descrivere una storia per bambini. Il gatto e il diavolo nasce come lettera inviata al nipotino, al quale racconta una favola divertente, in grado di coniugare humor ed elementi folkloristici. Il racconto è stato pubblicato come libro illustrato, sia in inglese sia in francese; la prima versione italiana risale al 1967.

Esuli (1918)

Joyce ha scritto e pubblicato un unico dramma, nonostante da giovane fosse particolarmente interessato e attratto dal teatro. Esuli trae ispirazione da uno dei racconti di Gente di Dublino, con una vicenda che vede in primo piano i rapporti tra una coppia, moglie e marito. L’opera, ispirata allo stile di Ibsen, risultò un fiasco venendo fortemente stroncata dalla critica.

Per concludere

Come evidenziato in apertura l’elenco dei libri pubblicati di James Joyce, ossia la sua produzione artistica, non è ampia come molti suoi contemporanei. Il motivo principale è che l’autore irlandese era molto lento a scrivere, soprattutto a inventare i nuovi termini che caratterizzano molte delle sue opere.

Tuttavia, i suoi lavori rappresentano delle pietre miliari nella letteratura del Novecento e hanno influenzato numerosi scrittori e studiosi. Anche se non tutti hanno apprezzato la rivoluzione linguistica e stilistica di Joyce, è innegabile che dopo di lui tutti gli scrittori del Novecento hanno dato vita a romanzi scritti in maniera differente, rinnovata rispetto alle forme classiche del pre-Ulisse.

Proprio per questo motivo, ancora oggi si rilasciano nuove pubblicazioni e traduzioni di opere dello scrittore irlandese, con nuovi spunti riflessivi su lavori sempre attuali, nonostante i cambiamenti della società e, in particolare, della condizione e degli stili di vita degli irlandesi, soprattutto degli abitanti di Dublino.

Scarica subito le guide GRATUITE su:

Iscriviti a Youcanprint | La Community Ufficiale

Partecipa al sondaggio e ricevi la nuova Guida per il Tuo libro in Selfpublishing

Inserisci nome ed email prima di procedere
Acconsento al trattamento dati personali
Dichiaro di voler ricevere news, risorse e offerte da parte di Youcanprint
Seleziona le caselle se intendi procedere
Iniziare a scrivere un Libro Finire di scrivere un Libro per poi pubblicarlo Scegliere con chi pubblicare il tuo Libro Capire come promuovere il tuo Libro già pubblicato
Scrivere un Libro Pubblicare un Libro Promuovere un Libro
Scrivi Pubblica Vendi

Iscriviti alla Community e ricevi subito la Guida Gratuita del valore di 67€

19.000+ Autori ti stanno aspettando

Correlati

Ti potrebbe interessare anche:

congiungitvo come si usa

Il se vuole sempre il congiuntivo? Teoria, esempi, trucchi per ricordare

Il se vuole sempre il congiuntivo Bella domanda, anche perché già quando si parla di congiuntivo le cose si fanno difficili Tuttavia chi scrive, che sia un...

Come si scrive una tesi di laurea

I 6 consigli di Umberto Eco per scrivere una tesi di laurea

Il saggio di Umberto Eco "Come si fa una tesi di laurea" (Bompiani, 1977) parte dai fondamentali, spiegando che cos'è una tesi di laurea Ma, se sei qui,...

le figure retoriche nella scrittura

Le figure retoriche nella scrittura di un testo: tipologie ed esempi

Che tu sia o meno uno scrittore emergente o professionista, oppure un semplice appassionato di scrittura creativa e desideri cimentarti in questo campo,...

5 step per scrivere un libro

Come scrivere un libro, i 5 step fondamentali

Hai deciso di scrivere un libro o lo stai già facendo Ecco 5 step, che ti aiuteranno a farlo senza perdere altro tempo Decidi cosa vuoi dimostrare con la...

incipit perfetto

Incipit: definizione, a cosa serve, esempi

L'incipit è più di un semplice inizio: è una finestra sul cuore della storia Attraverso esso, si mostrano non solo il personaggio principale, ma anche il tono,...

font migliore per un libro

Qual è il font migliore per il tuo romanzo?

Scegliere il font migliore per scrivere un romanzo non è così semplice Nel self publishing, la libertà di non avere un editore alle spalle consente agli autori...

generi letterari

Generi letterari: definizione ed elenco

Quante volte sentiamo parlare di "genere letterario" Forse è un concetto poco conosciuto da chi non ama scrivere o leggere, ma che rappresenta un argomento...

Come scrivere un libro per bambini e farlo conoscere

Come scrivere un libro per bambini e farlo conoscere

Scrivere un libro per bambini spesso viene considerato un compito meno impegnativo che scrivere un libro destinato ai grandi, ma le cose non stanno così Per...

dare il titolo giusto

Come trovare il titolo giusto per il tuo libro: la guida pratica

Hai finito di scrivere il tuo libro finalmente Dopo mesi e mesi di fatica è arrivato anche il momento di scegliere il titolo giusto e questo è un compito che...

Prefazione del libro come si scrive

Prefazione: definizione, a che serve, esempi

La prefazione di un libro rimane sempre un elemento misterioso: è necessaria È utile Ma soprattutto cos'è e come si scrive la prefazione di un...

genere letterario giallo

Genere letterario Giallo: genesi, sviluppo e caratteristiche

Come è nato il genere giallo Il genere giallo è riconducibile con ogni probabilità a quello poliziesco; ad ogni modo, recentemente, sono nati filoni...

genere letterario horror

Genere letterario Horror: storia, struttura, temi di un genere amatissimo

Come è nato il genere horror Il genere letterario horror non ha un'origine temporale ben specifica in quanto diversi temi horror sono stati scritti fin...

low content book

Low content book: cos’è e come pubblicarne uno

Da qualche tempo negli Stati Uniti stanno ottenendo uno straordinario successo i Low Content Book: si tratta di libri con poco contenuto che rappresentano un...

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.