Scrivere

10 regole per scrivere un best seller, parola di J. Grisham

7 minuti di lettura 9 Commenti
  • Home
  • /
  • Scrivere
  • /
  • 10 regole per scrivere un best seller, parola di J. Grisham
10 regole per un best seller

John Grisham, in un’intervista del 1994 al Newsweek ringrazia un articolo di Brian Garfield (del ’74) che gli ha permesso di creare uno dei suoi thriller più famosi: Il Socio (The Firm), così come anche i libri successivi.

Garfield è stato un noto romanziere di bestseller, nonché sceneggiatore, produttore e scrittore di saggistica.

Ovviamente sono andato alla ricerca di quell’articolo che tanto ha ispirato Grisham, l’ho letto, me ne sono innamorato e l’ho tradotto per te.

Buona lettura!

Scopo del gioco: tenere il lettore incollato alle pagine.

Le regole del gioco sono più difficili da definire; non sono molte e sono abbastanza elastiche: il professionista esperto le impara principalmente per saperle infrangere con efficacia.

Ma così come sono, le regole possono essere definite come segue.

1. Inizia subito con l’azione, e giustificala più avanti.

Questa è un’estensione del famoso detto di Raymond Chandler: quando le cose rallentano, fai entrare in scena un uomo con una pistola. Per incoraggiare il lettore a passare alla pagina successiva, dagli qualcosa subito: conflitto, guai, paura, violenza. Questo, mi rendo conto, può genererà parecchio background da stabilire e descrivere, ma parti nei primi momenti con un conflitto aperto;  dopo puoi giustificare e spiegare tutto questo nei capitoli successivi. Nel primo capitolo metti subito lo spettacolo in scena.

2. Rendi le cose difficili al tuo protagonista.

Dagli un degno antagonista e fai sembrare le cose senza speranza. Non lasciargli soluzioni convenienti. Più dura è l’opposizione, più tutto è contro di lui, meglio è.

3. Abbandonalo subito, ripagalo dopo.

Non introdurre nuovi personaggi solo per aiutare a superare il dilemma al protagonista. Deve elaborare la propria soluzione sulla base di un conflitto stabilito all’inizio della storia. Nessuna cavalleria in soccorso e nessun ritrovamento improvviso di una lettera rivelatrice, scritta prima di morire da un personaggio che era stato inviato nel Capitolo Tre. (A meno che, naturalmente, tu non abbia stabilito nel Capitolo Quattro che una lettera del genere esista, e abbia seguito quella rivelazione con una corsa tra il protagonista e i suoi nemici per vedere chi troverà la lettera per primo.) Ad ogni modo nessuna cavalleria in soccorso.

4. Dai al protagonista uno spiccato spirito d’iniziativa.

Tutte le buone evoluzioni drammatiche si concentrano sul conflitto: interno (alcolismo; conflitti edipici) o esterno (nemici pericolosi; una forza di polizia segreta aliena). Solo nella povera narrativa gotica il protagonista è abitualmente in lacrime e si torce le mani in balia delle forze del male che gli si oppongono. La storia migliore è solitamente quella in cui il protagonista compie passi attivi per raggiungere un obiettivo contro probabilità impossibili o per impedire alle forze opposte di sopraffare lui o i suoi cari. 

5. Dai al protagonista uno scopo personale.

Non è sufficiente risolvere un mistero solo perché presenta un intrico interessante. Più intimo è il suo coinvolgimento nel conflitto principale della storia, meglio è. Lui stesso, ed i suoi obiettivi, dovrebbero essere in pericolo; la sua stessa vita o quella dei suoi cari. Qualunque sia il conflitto, se perde, gli costerà terribilmente; questa è l’essenza.

6. Dai al protagonista un limite di tempo…e poi accorcialo.

Questo non sempre funziona perché la logica di molte storie lo proibisce; non usarlo a meno che tu non possa lavorarlo in modo credibile. Ma quando il tempo è un fattore, e quando il breve lasso di tempo in cui il tuo protagonista deve risolvere il conflitto viene accorciato, hai sicuramente contribuito ad aumentare la suspense.

7. Scegli il tuo personaggio in base alle tue capacità.

Non usare come protagonista una spia professionista a meno che tu non sia pronto a fare delle ricerche approfondite e necessarie a creare un personaggio complicato di questo genere in modo convincente. È meglio, soprattutto quando si è alle prime armi, attenersi a ciò che è familiare. Alcuni dei protagonisti di romanzi di suspense di maggior successo – molti di Eric Ambler, ad esempio – sono persone normali innocenti intrappolate in reti pericolose. L’idealista onesto indignato è un buon protagonista, perché la sua innocenza rende ancora più spaventosa l’opposizione. Eppure una struttura della trama per questo personaggio è spesso difficile da escogitare, perché nonostante la sua ingenuità, deve essere intelligente e con poche risorse che possano aiutarlo a prevalere sui suoi nemici. L’altra faccia di questa moneta, ovviamente, è il truffatore professionista come protagonista, con cui è facile identificarsi, perché è un emarginato, un perdente, un uomo che usa il suo ingegno per sopravvivere contro i meccanismi oppressivi della società; ma le insidie ​​di questo sono molte e, a meno che tu non conosca la procedura penale e ti senta a tuo agio nel competere con Anthony Burgess e Richard Stark, è meglio evitare un eroe truffatore già in principio.

8. Conosci la meta prima di partire.

La prevalente debolezza di molte storie di suspense che altrimenti hanno successo, è la delusione che il lettore sperimenta alla fine: l’anti-climax illogico e deludente. Non è sufficiente creare conflitti intriganti e obbedire a tutte le altre regole se non hai un finale che mantenga le promesse dei capitoli precedenti.  Non è necessario legare tutte le questioni in sospeso, ma il climax dovrebbe risolvere il conflitto principale in un modo o nell’altro. Il modo migliore per un buon finale è sapere quale sarà il finale prima di iniziare a scrivere il libro. Che tu scriva o meno uno schema preliminare, dovresti sapere dove finirà il tuo viaggio e come.

9. Non correre dove gli angeli hanno paura a camminare.

Essenzialmente intendo che è saggio osservare non solo cosa fanno i professionisti, ma anche cosa evitano di fare. I migliori scrittori non saltano sui vagoni; ne costruiscono di nuovi. Il professionista non scrive un romanzo bizzarro sulla più grande rapina del mondo a meno che non sia convinto di poter scrivere una storia insolita con una svolta unica e importante. Non bisogna obbedire a consigli bizzarri come “la narrazione sullo spionaggio è morta “o” I romanzi storici sono fuori stagione “. Non esiste un “genere morto” perché l’immaginazione umana è senza limiti e non mancano mai nuove idee, nuovi colpi di scena, nuovi talenti. La domanda è: questa idea è abbastanza forte e abbastanza importante da rendere questa storia sufficientemente diversa dai suoi predecessori da meritare la pubblicazione? Se un romanzo è abbastanza buono, troverà un editore, che si tratti di un romanzo poliziesco duro, un western, un romanzo di spionaggio, un’avventura storica o un romanzo sui mostri con gli occhi da insetto provenienti da Marte. 

10. Non scrivere nulla che non vorresti leggere.

Sembra ovvio, ma ho incontrato diversi giovani scrittori che hanno deciso di iniziare a farsi strada attraverso il gotico o il western solo per imparare, perché quelle categorie sembravano facili da imitare. Stupidaggini. Ora, se ti piace leggere e ti affascina il western, allora scrivi un western. Ma non scrivere di un genere per il quale non nutri passione. Se non ti piace il gotico ma insisti per scriverne uno, il tuo contenuto non sarà efficace; non puoi nasconderlo. Finirai semplicemente per “scrivere” e il lettore si risentirà del tuo atteggiamento. Non dico che non puoi vendere libri in questo modo. Dio solo sa che le persone lo fanno, anche troppo spesso, ma se ti piacciono e ti appassionano le storie che hanno il mare come soggetto principale, anche se non sai nulla della nautica, del mare, e di ciò che gli è connesso, faresti meglio a tentare di scrivere una storia di mare perché scoprirai che ti riuscirà alla grande.

Sotto vari nomi, ho scritto una cinquantina di romanzi per apprendere alcuni dei precetti di cui sopra. Questo è stato scritto nella speranza che una o due delle mie dieci regole ti aiutino.

Leggi l’intervista originale.

*immagine di copertina: Image by MichaelGaida from Pixabay

Correlati

Ti potrebbe interessare anche:

congiungitvo come si usa

Il se vuole sempre il congiuntivo? Teoria, esempi, trucchi per ricordare

Il se vuole sempre il congiuntivo Bella domanda, anche perché già quando si parla di congiuntivo le cose si fanno difficili Tuttavia chi scrive, che sia un...

Come si scrive una tesi di laurea

I 6 consigli di Umberto Eco per scrivere una tesi di laurea

Il saggio di Umberto Eco "Come si fa una tesi di laurea" (Bompiani, 1977) parte dai fondamentali, spiegando che cos'è una tesi di laurea Ma, se sei qui,...

incipit perfetto

8 consigli per scrivere un incipit perfetto per il tuo libro

L'incipit di un romanzo è davvero una delle cose più difficili da scrivere In quest'epoca di gratificazione istantanea, brevi momenti di attenzione e...

quanti generi letterari ci sono?

Generi letterari: definizione ed elenco

Quante volte sentiamo parlare di "genere letterario" Forse è un concetto poco conosciuto da chi non ama scrivere o leggere, ma che rappresenta un argomento...

dare il titolo giusto

Come trovare il titolo giusto per il tuo libro: la guida pratica

Hai finito di scrivere il tuo libro finalmente Dopo mesi e mesi di fatica è arrivato anche il momento di scegliere il titolo giusto e questo è un compito che...

font migliore per un libro

Qual è il font migliore per il tuo romanzo?

Scegliere il font migliore per scrivere un romanzo non è così semplice Nel self publishing, la libertà di non avere un editore alle spalle consente agli autori...

come scrivere un libro per bambini

Come scrivere un libro per bambini e farlo conoscere

Scrivere un libro per bambini spesso viene considerato un compito meno impegnativo che scrivere un libro destinato ai grandi, ma le cose non stanno...

come scrivere un libro guida completa

Come scrivere un libro dall’idea alla struttura: la guida completa

Introduzione e consigli utili Intreccio, trama, fabula, personaggi, dialoghi, incipit, finale, sono solo alcuni degli elementi che compongono la scrittura di...

Prefazione del libro come si scrive

Cos’è e come si scrive la prefazione di un libro?

La prefazione di un libro rimane sempre un elemento misterioso: è necessaria È utile Ma soprattutto cos'è e come si scrive la prefazione di un...

5 step per scrivere un libro

Come scrivere un libro, i 5 step fondamentali

Hai deciso di scrivere un libro o lo stai già facendo Ecco 5 step, fra cui la Piramide di Freytag, che ti aiuteranno a farlo senza perdere altro tempo 1...

esercizi di scrittura

7 esercizi di Scrittura Creativa da mettere subito in pratica

L’importanza della scrittura creativa Quante volte ti è capitato di andare in libreria e comprare un libro solo perché ti hanno colpito le prime tre o...

genere letterario giallo

Genere letterario Giallo: genesi, sviluppo e caratteristiche

Come è nato il genere giallo Il genere giallo è riconducibile con ogni probabilità a quello poliziesco; ad ogni modo, recentemente, sono nati filoni...

genere letterario horror

Genere letterario Horror: storia, struttura, temi di un genere amatissimo

Come è nato il genere horror Il genere letterario horror non ha un'origine temporale ben specifica in quanto diversi temi horror sono stati scritti fin...

9 Commenti

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.