Novità Youcanprint

Il futuro dell’editoria secondo Guy Kawasaki

4 minuti di lettura

guy-kawasakiCome vedi il futuro dell’editoria nei prossimi 5 o 10 anni?

Alla lunga credo che si affermerà il digitale. Capisco che ci siano delle resistenze nell’abbandonare la carta ma, così come non usiamo più la cartografia, nel futuro non leggeremo libri di carta. Gli editori sicuramente non saranno d’accordo con questa visione ma penso che le cose stiano così.

Siti come BuzzFeed o Huffington Post usano un modello basato su contributi gratuiti. Lo stesso fanno molte startup come Upworthy e Medium. Pensi che sul lungo periodo possa funzionare?

È vero che stanno sorgendo molte nuove società nel campo dei media ma non è detto che avranno successo. Ormai, su Internet, l’accesso ai contenuti sembra diventato una sorta di diritto acquisito, ognuno pensa che il proprio tempo sia così importante che impiegarlo per leggere qualcosa è una specie di concessione. Stando così le cose, è difficile pensare che la gente sia disposta a pagare per i contenuti. E non credo che questa tendenza possa cambiare. Bisogna quindi trovare altri modelli di business.

Pensi che, a mano a mano che l’informazione si sposta online, i contributi gratuiti prenderanno il sopravvento sulle tradizionali forme di collaborazione giornalistica?

Be’, finché ci saranno persone che ritengono che scrivere gratuitamente per Forbes o Huffington Post possa in qualche modo essergli utile, questo modello continuerà a esistere. Detto questo, non credo che il problema sia quello di contenere i costi. Il problema è quello di aumentare le entrate. È questa la sfida. Ad esempio ci sono molte possibilità di crescita per l’advertising online. Purtroppo, molti credono ancora che a loro non serva perché usano già i social media per conto proprio. Però non è così. In questo momento solo i grandi marchi sono disposti a investire nella pubblicità online.

Non pensi che il modello “lavoro in cambio di visibilità” abbassi necessariamente la qualità al punto da portare certi contenuti ai limiti dell’irrilevanza?

Finché ci saranno giovani disposti a tutto pur di costruirsi un curriculum, questa cosa continuerà a esistere. D’altra parte accade lo stesso nell’industria cinematografica, dove ci sono un sacco di ragazzi disposti a lavorare gratis nella speranza che prima o poi si apra una possibilità. Quando finirà il modello “stagismo”? Secondo me mai. Quindi adesso il problema è: che fine faranno quei pezzi giornalistici che magari hanno bisogno di sei mesi di lavoro? Voglio dire, se non fossero stati dipendenti del Washington Post, come avrebbero fatto Bernstein e Woodward a portare alla luce lo scandalo Watergate? Penso che ci siano due soluzioni. Una è che i costi di questo tipo di giornalismo vengano presi in carico dal governo, l’altra è che intervengano fondazioni private come la McCarthy Foundation o la Ford Foundation. Il fatto che Medium abbia 100 milioni di pagine visitate non significa, purtroppo, che Medium possa permettersi di sostenere un reportage investigativo di largo respiro su, facciamo un esempio, i rifiuti tossici scaricati dalla Boeing nell’area di Seattle.

C’è anche un proliferare di pezzi a forma di lista o punti al posto di articoli di una certa ampiezza e profondità. Al di là di tutto, mi sembra che questa tendenza definisca abbastanza bene lo stato del giornalismo attuale.

È vero. Ti do un altro possibile modello di business. Dai via gratuitamente i tuoi contenuti ma guadagna attraverso seminari, corsi e cose del genere. È possibile. In fondo non è che tutti si avvicinano alla scrittura per fare dei soldi. Voglio dire, non è esattamente l’associazione mentale più logica. D’altra parte gli editori sono dei dinosauri. Guardano il cielo, vedono un puntino nero e pensano che sia un granello di polvere. Invece è un meteorite che sta cadendo proprio su di loro. Io penso che sia un periodo eccellente per gli scrittori, perché oggi chiunque può pubblicare un libro e non deve necessariamente affidarsi a una casa editrice per avere successo. In questo senso mi sembra una democratizzazione dell’editoria.

Tu ti sei autopubblicato dei libri?

Sì, ho pubblicato Ape (Author, Publisher Entrepreneur) – un manuale che spiega come autopubblicarsi un libro e promuoverlo – e What The Plus!, una guida a Google+. Quindi sì, gli ultimi due me li sono autopubblicati. E devo dire che in termini economici ho avuto più soddisfazioni di quando passavo attraverso un editore. In fondo l’editoria non è una scienza esatta, per cui se sei Hillary Clinton – che come anticipo per la propria autobiografia prende 5 milioni di dollari – puoi essere soddisfatto. Ma quante persone di quel tipo ci sono al mondo? Al massimo cinquecento.

Chi è Guy Kawasaki?

Guy Kawasaki Reveals The Future of Publishing, originariamente pubblicato su Forbes

Traduzione a cura di Alberto Forni

Correlati

Ti potrebbe interessare anche:

I libri di Youcanprint ordinabili anche librerie di Ibs.it!

Amiamo le librerie Non abbiamo mai nascosto la nostra passione per l'atmosfera e l'esperienza di acquisto che solo una libreria fisica può dare! È proprio...

Deposito legale

Il Deposito Legale dei tuoi libri

Chiariamo subito un aspetto fondamentale: di ogni libro cartaceo pubblicato in Italia è obbligatorio effettuare il deposito legale Con “deposito legale”...

Arriva il tasto MODIFICA: richiedi le correzioni in maniera semplice!

Siamo orgogliosi di annunciare il rilascio di una nuova e utilissima funzionalità nella nostra piattaforma: il tasto MODIFICA LIBRO Grazie a questa...

Come creare e modificare la tua pagina autore

La pagina autore è un importante strumento che può permettere ai tuoi lettori di conoscerti e di avere traccia delle tue pubblicazioni e da oggi le nuove...

Da oggi l’isbn è gratis, per sempre

Siamo felicissimi di annunciare che da oggi e per sempre l'isbn sarà completamente gratuito Da oggi inizia la rivoluzione in Youcanprint, un percorso...

cose fatte nel 2021

Il 2021 di Youcanprint

Il 2021 è stato un anno incredibile per Youcanprint Tutto questo non sarebbe stato possibile senza la fiducia che ci hai dimostrato insieme a quella di...

dati AIE 2021 editori

Essere i primi in Italia è una grande responsabilità

"Da grandi poteri derivano grandi responsabilità" lo so che non è una citazione letteraria ma è la prima cosa che ho pensato guardando il Rapporto sullo...

page down

Page chiuderà il 1 Gennaio 2022

Chiudiamo Page per darti di più! Abbiamo sentito sempre una grande responsabilità nei confronti dei nostri autori sia per tutto ciò che facciamo e anche per...

diritti d'autore vendita libri

Semplificata la richiesta di pagamento dei diritti d’autore: carta e spedizione postale addio!

Siamo l'unica piattaforma di self publishing che agisce da sostituto d'imposta per gli autori e che offre totale garanzia dal punto di vista fiscale La...

arriva la copia di prova youcanprint

Stampa una copia di prova prima di pubblicare il tuo libro

La qualità di un libro non si trova soltanto nelle parole che vi sono scritte ma anche nell'impaginazione e nei materiali di stampa È importante...

Da oggi puoi rimuovere l’estratto del tuo libro dallo store di Youcanprint

Da marzo 2022 c'è una novità importante per gli autori Youcanprint Ascolto e libertà sono due tra i nostri valori aziendali a cui nel lavoro di ogni giorno...

Youcanprint Accelerator

Accelerator: il primo servizio di promozione di Youcanprint

L'obiettivo di Accelerator è creare "Bestseller!" È un programma esclusivo e gratuito di Youcanprint che seleziona i libri che hanno maggiore potenziale e li...

Diventa un selfpublisher migliore: scopri il menù formazione

La formazione continua è un pilastro della visione Youcanprint Realizzare il sogno di diventare scrittore e di pubblicare un libro significa, per noi, mettersi...

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.