Self-publishing Ambassador

Francesca Garau: “La mia avventura di youcaniana”

3 minuti di lettura 2 Commenti

francescagarauC’è uno spiraglio di luce che conduce dalla fantasia alla realtà. Questa è stata la mia prima esperienza come Autrice. Mi chiamo Francesca Garau.

Trentasette anni impegnati a studiare musica e nonostante tutto, non ero ancora riuscita a scoprire il mio lato artistico preferito; la scrittura.

Cominciai ad osservare le cose che accadevano attorno a me e ad altri nel mondo; il mio vissuto, le guerre di potere e le crisi di valori che oggi più della guerra, mettono a repentaglio la vita dell’uomo a vantaggio di ipocrisia e ingordigia e così, hanno preso forma tra le righe, dei personaggi unici, al quale io stessa faccio tutt’oggi riferimento.

La mia prima opera? Un colossale fantasy: I Dukkha, che racchiude al suo interno, ogni cosa in cui credo e che per me ha valore. Ma come avrei fatto a permettere a tutti di raggiungere il mio messaggio attraverso il libro da me scritto? Stabilito il mio obbiettivo: il giudizio del pubblico, approdai attraverso una ricerca online, su diversi siti di editori prima di allora a me sconosciuti.

Promettevano di pubblicare o anche solo stampare le mie opere, con un investimento di un numero fisso minimo di copie che farà in seguito purtroppo, levitare il costo del mio già voluminoso romanzo di seicento pagine. Provai: venne fuori un preventivo fantascientifico. Allora dissi a me stessa: “perché scendere a compromessi per donare un pezzo di se stessi alla gente?” Dopo un po’ di tempo purtroppo mi rassegnai.

Tutto questo fino al fatidico giorno che vinsi la mia scommessa più grande: trovare un editore che pubblicasse le mie opere, permettendomi, niente meno, che l’inserimento sul vastissimo ‘mercato online’! Mi imbattei per puro caso in di un blog; quello del giornalista Tartaglia. Letta la sua esperienza, pochi input bastarono a convincermi ad accostarmi alla possibilità di auto pubblicare il mio romanzo con Youcanprint.

Tutto il resto oggi è solo un brutto ricordo di quella che è stata in passato, solo una deleteria rincorsa alla ricerca di qualche cosa che oggi invece, è alla portata di tanti. Ho avuto un buon riscontro dal mio pubblico, sia per contenuto che per qualità. Quello che farò d’ora in avanti è continuare a scrivere, curando e personalizzando al limite della fantasia le mie opere in grande autonomia, grazie alle infinite possibilità offerte dall’auto pubblicazione.

Consiglio a tutti coloro che amano scrivere, di non mollare mai perché c’è sempre la soluzione ad ogni problema della vita, proprio come nel nostro caso, e se avete letto questa storia, significa che avete trovato non solo un posto dove brillare, ma l’alternativa più competitiva ed entusiasmante che ci sia nel mondo dell’editoria.

Francesca Garau,
Autrice indipendente Youcanprint.

Correlati

Ti potrebbe interessare anche:

Laura Latini: “Leggere e scrivere, un piacere e un modo per imparare a riflettere”

Salve, mi chiamo Laura Latini Sono nata a Venezia ed ora vivo nella vicina Mestre Felicemente sposata, ho due figli e due nipoti, ai quali sono molto...

Le storie dei nostri Autori: intervista a Concesion Gioviale

Perché hai cominciato a scrivere C’è un momento o un episodio nella tua memoria che puoi ricollegare al momento in cui hai deciso di voler iniziare a...

Manuela Vitale: “Scrivere è il mio momento di libertà”

Dopo la pubblicazione del mio romanzo “Fin sopra l’amore” (in cartaceo e in ebook) la domanda che mi pongono di frequente è: “Dove trovi il tempo per...

Susanna Pirola e le avventure di Caffè & Latte

Sono Susanna, mamma di due bambine, e come tutte le mamme so che il momento della nanna è magico e delicato allo stesso tempo I nostri bambini hanno tante...

Self-publishing Ambassador: Simone Iuliano racconta la sua esperienza

Pubblichiamo un nuovo post nella rubrica Self-publishing Ambassador, dedicata al racconto diretto delle esperienze di autori e autrici che hanno scelto il...

“La scrittura, una passione arrivata all’improvviso”. L’autrice Angela De Tommaso si racconta

Ciascuno di noi ha dei sogni nel cassetto e non è vero che non si realizzano Quando meno te lo aspetti qualcosa accade, basta sperare e non arrendersi mai Il mio...

L’autore Andrea Romoli recensito su LiberoQuotidiano.it

Le opere dell'autore Youcanprint Andrea Romoli sono state recensite su Libero, testata giornalistica italiana fondata nel 200 da Vittorio Feltri Il giornalista...

Il diario nato grazie a un pacco di vecchie lettere: Roberto Cigardi e la sua esperienza nel self-publishing

Il “colpevole” dell’inizio di questa esperienza è stato il raduno nazionale, nel maggio del 2011, degli ex allievi ufficiali di fanteria della caserma...

Il bisogno di raccontare una propria storia: Arnaldo Baguzzi racconta la sua esperienza di selfpublishing

Penso che a qualunque età possa succedere di avvertire il bisogno di raccontare una propria storia: io ho aspettato di avere cinquant’anni Non l’ho deciso, è...

Franco Vecchi e il suo ebook sul vino: il racconto dell’autore

Mi chiamo Vecchi, Franco Vecchi vi ricorda qualcosa Poco originale ma non sapevo proprio come iniziare Ho sempre avuto l’hobby dell’hobby, vuol dire che fin da...

Cesarino Bellini Artioli e il selfpublishing. “Vi racconto il mio personaggio”

Gli autori parlano molto volentieri della genesi della propria opera, io non sono da meno, lasciate che vi presenti il personaggio principale È attraverso di lui...

L’autore Steed Gamero vince il Premio Letterario Camaiore

Pubblichiamo un articolo di Roberto Malini sul libro di Steed Gamero "I ragazzi della casa del Sole", pubblicato da Youcanprint in coedizione con Lavinia...

Elia Esposito, il booktrailer di “Bassa Frequenza” premiato al Trailers FilmFest

L'autore Elia Esposito è stato premiato al Trailers FilmFest per il booktrailer della sua opera "Bassa Frequenza", pubblicata nel 2015 in cartaceo ed ebook con...

2 Commenti

Rispondi a boresrl Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.