Self-publishing Ambassador

Walter Fabbri: “Scrivere, il mio sogno più grande”

4 minuti di lettura 2 Commenti

walter-fabbri-youcanprintEro emozionatissimo, le mani mi tremavano quando il postino mi consegnò quel pacchetto che conteneva forse il mio sogno più grande, scrivere.

Un sogno rimasto nel cassetto per cinquant’anni, il mio desiderio nascosto e mai domo finalmente si realizzava.

Come un puledro libero di galoppare in una prateria infinita, così io mi sentivo carico di energia positiva, capace di generare creatività e lo stimolo necessario per mettermi ancora una volta in gioco.

Su insistenza di mia moglie e l’ok a procedere di mio figlio, partecipai a un concorso. Il premio, per i primi dieci classificati, era la possibilità di stampare un proprio romanzo.

Era una buona occasione che aspettavo da sempre per chiarire a me stesso se era il caso di proseguire questa nuova esperienza o lasciar correre.

Cercai nel mio sacco magico un po’ di fantasia che subito attraversò il cuore esplodendo per lasciare spazio all’infinito oceano dell’immaginazione.

Decisi di scrivere un breve romanzo, in parte autobiografico, sull’incredibile esperienza di un uomo che, alla ricerca di se stesso, decide di scalare una montagna sperando di trovare lassù, a un passo dal cielo, le risposte che lo tormentano, affiancando alla parte autobiografica la dovuta dose di fantasia, così da rendere la lettura piacevole e accattivante.

Il pacchetto postale che tenevo fra le mani conteneva tutto questo, un miscuglio di sensazioni, un concentrato di avvenimenti e la mia prima pubblicazione.

Poche pagine ma molto entusiasmo.

E adesso lo avevo tra le mani, un piccolo volumetto dal grande contenuto.

Una storia d’altri tempi, esperienze, romanticismo e malinconie dei protagonisti che si cercano e si compensano.

Una storia come tante con la sola differenza che questa apparteneva a me, era la mia storia.

La intitolai “Le Ali del Falco”.

Con la casa editrice che pubblicò Le Ali del Falco mi accordai anche per la stampa di nuovo romanzo, “L’Isola del Diavolo “ primo di una trilogia.

Le sue 400 pagine mi permettevano di considerarmi un neo scrittore con tante idee tutte da sfruttare.

Il romanzo fu pubblicato ma, a causa di differenti vedute e promesse non completamente mantenute, la collaborazione terminò.

Nel frattempo la “dea fortuna” mi procurò la conoscenza di un personaggio che entrò di prepotenza nella mia vita, regalandomi una vera e stupenda amicizia e la sua preziosissima collaborazione nel gestire tutto ciò che ruota attorno a uno scrittore: Daniele Spizzico, da me sopranominato Spicciolo, di professione attore.

Spicciolo prese in mano la situazione con molta grinta e decisione, iscrivendo i miei lavori a vari concorsi nazionali, ottenendo buoni piazzamenti e vincendone uno.

Altro risultato positivo e stata la sceneggiatura in versione italiano/inglese tratta dal mio romanzo l’Isola del Diavolo, per un’ eventuale realizzazione cinematografica.

Proprio grazie a lui eccomi approdare a Youcanprint, dove ho ristampato entrambi i romanzi e una raccolta di racconti: “Gocce”.

Youcanprint ha sempre risposto positivamente alle mie richieste con realizzazioni precise e mirate, supportate da variazioni proposte dal loro studio grafico e spesso accettate, dovute all’intelligente compromesso di affiancare la mia idea di base a una grafica moderna.

Youcanprint è un punto di partenza molto importante per serietà e professionalità, il modo migliore per iniziare un’avventura che può portarti ovunque nel magnifico mondo di chi si esprime scrivendo.

Per il fututro spero di trovare una casa editrice che apprezzando i miei lavori decida di pubblicarli con una divulgazione appropriata e intelligente.

A tutti quelli che, come me, “catturano” i loro sogni e li liberano scrivendo, consiglio di iniziare la loro avventura supportati dal professionismo e la serietà di Youcanprint, per entrare nel magnifico mondo che si chiama “scrivere”.

…tutti i buoni libri hanno una cosa in comune, dopo che ne hai letto uno, senti che tutto è accaduto, accaduto a te e che t’appartiene per sempre, la felicità e l’infelicità, il buono e il cattivo, l’estasi e la pena.

Se puoi dare questo al lettore, allora sei uno scrittore

E. Hemingway

A tutti un sincero “in bocca al lupo”.

Walter Fabbri


La recensione del libro “Le ali del falco” pubblicata dall’Associazione Nazionale Alpini: clicca qui

Correlati

Ti potrebbe interessare anche:

Laura Latini: “Leggere e scrivere, un piacere e un modo per imparare a riflettere”

Salve, mi chiamo Laura Latini Sono nata a Venezia ed ora vivo nella vicina Mestre Felicemente sposata, ho due figli e due nipoti, ai quali sono molto...

Le storie dei nostri Autori: intervista a Concesion Gioviale

Perché hai cominciato a scrivere C’è un momento o un episodio nella tua memoria che puoi ricollegare al momento in cui hai deciso di voler iniziare a...

Susanna Pirola e le avventure di Caffè & Latte

Sono Susanna, mamma di due bambine, e come tutte le mamme so che il momento della nanna è magico e delicato allo stesso tempo I nostri bambini hanno tante...

Manuela Vitale: “Scrivere è il mio momento di libertà”

Dopo la pubblicazione del mio romanzo “Fin sopra l’amore” (in cartaceo e in ebook) la domanda che mi pongono di frequente è: “Dove trovi il tempo per...

Self-publishing Ambassador: Simone Iuliano racconta la sua esperienza

Pubblichiamo un nuovo post nella rubrica Self-publishing Ambassador, dedicata al racconto diretto delle esperienze di autori e autrici che hanno scelto il...

“La scrittura, una passione arrivata all’improvviso”. L’autrice Angela De Tommaso si racconta

Ciascuno di noi ha dei sogni nel cassetto e non è vero che non si realizzano Quando meno te lo aspetti qualcosa accade, basta sperare e non arrendersi mai Il mio...

Il diario nato grazie a un pacco di vecchie lettere: Roberto Cigardi e la sua esperienza nel self-publishing

Il “colpevole” dell’inizio di questa esperienza è stato il raduno nazionale, nel maggio del 2011, degli ex allievi ufficiali di fanteria della caserma...

L’autore Andrea Romoli recensito su LiberoQuotidiano.it

Le opere dell'autore Youcanprint Andrea Romoli sono state recensite su Libero, testata giornalistica italiana fondata nel 200 da Vittorio Feltri Il giornalista...

Il bisogno di raccontare una propria storia: Arnaldo Baguzzi racconta la sua esperienza di selfpublishing

Penso che a qualunque età possa succedere di avvertire il bisogno di raccontare una propria storia: io ho aspettato di avere cinquant’anni Non l’ho deciso, è...

Franco Vecchi e il suo ebook sul vino: il racconto dell’autore

Mi chiamo Vecchi, Franco Vecchi vi ricorda qualcosa Poco originale ma non sapevo proprio come iniziare Ho sempre avuto l’hobby dell’hobby, vuol dire che fin da...

Cesarino Bellini Artioli e il selfpublishing. “Vi racconto il mio personaggio”

Gli autori parlano molto volentieri della genesi della propria opera, io non sono da meno, lasciate che vi presenti il personaggio principale È attraverso di lui...

Elia Esposito, il booktrailer di “Bassa Frequenza” premiato al Trailers FilmFest

L'autore Elia Esposito è stato premiato al Trailers FilmFest per il booktrailer della sua opera "Bassa Frequenza", pubblicata nel 2015 in cartaceo ed ebook con...

L’autore Steed Gamero vince il Premio Letterario Camaiore

Pubblichiamo un articolo di Roberto Malini sul libro di Steed Gamero "I ragazzi della casa del Sole", pubblicato da Youcanprint in coedizione con Lavinia...

2 Commenti

Rispondi a Rossella Marino Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.