Top
Youcanprint - Selfpublishing Blog / Posts tagged "editing"

Come calcolare il numero di battute della tua opera!

La lunghezza di un’opera si misura, nella maggior parte dei casi, con il semplice numero di pagine. Ma non sempre questo è il dato più utile in campo editoriale. Basti pensare agli epub (link), un formato “fluido” che cambia numero di pagine a seconda della formattazione scelta dal lettore.

Dato ancora più importante, nelle fasi iniziali di lavorazione delle bozze e per la preparazione dell’opera in caso di servizi editoriali (link), è il numero di battute. Nel campo dell’editoria per battuta si intende ogni carattere digitato (battuto) sulla tastiera, compresi gli spazi e la punteggiatura tra una parola e l’altra.

Contare una alla volta le decine di migliaia di battute che compongono il testo di un libro è, ovviamente, quasi impossibile o comunque estremamente complicato. Per questo motivo la maggior parte dei software di scrittura offre uno strumento di conteggio automatico di parole e battute. Vediamo come!

Editing: perché non è possibile fare tutto da soli

critichelibroOgni scrittore indipendente desidera pubblicare il proprio libro in maniera gratuita. O comunque spendendo il meno possibile. Ma spesso non ci si rende conto che pubblicare un libro che non è passato attraverso un buon editing può essere una mossa controproducente. Alla fine, la linfa vitale di ogni prodotto sono le recensioni. Che si tratti di un libro o di un’automobile o di un gadget tecnologico, una recensione negativa, o peggio ancora una serie di recensioni negative, possono mettere la parola fine a qualunque tentativo di promozione. Quindi, a parte il discorso relativo ai costi, quali sono le motivazioni per cui un autore non vuole sottoporre il proprio libro a editing?

Genere letterario: sceglierlo oppure no?

Dopo avere discusso dell’incipit, argomento sul quale torneremo a occuparci in futuro, affrontiamo un discorso sul “genere letterario”, ricordandoci sempre che l’obiettivo di questa miniguida è quello di offrire strumenti per l’editing a prescindere dalla scrittura.

Ciò vuol dire che queste lezioni danno suggerimenti per un approccio del testo che segue, in termini temporali, la stesura creativa dello stesso. Chi si occupa di editing è infatti abituato a confrontarsi con testi che – nel caso che l’editor di turno sia anche scrittore – si allontanano dal proprio genere di appartenenza.

A partire dall’Incipit [1]

Incipit letterarioDopo una necessaria premessa entriamo nel vivo del nostro discorso sull’editing in generale e in particolare sull’editing narrativo. Dirigeremo le nostre attenzioni principalmente sulla forma romanzo, la scelta è motivata dal fatto che le considerazioni di questa guida intendono rivolgersi a un pubblico di scrittori che sia il più ampio possibile, in un secondo momento potremo approfondire il discorso relativo all’editing del racconto e, ad esempio, della poesia. Sulla poesia ci sarebbero da fare discorsi relativi allo stile, alla struttura, alla forma della composizione, allo scrivere in versi e alla scelta dell’organizzazione del materiale che va a alimentare una raccolta.

Tutti discorsi interessanti che però accantoniamo, occupandoci prima del romanzo.Da dove possiamo cominciare? Come in ogni impresa che si rispetti, iniziamo dall’inizio, ovvero sia dall’Incipit. Ricordiamoci tuttavia che l’argomento di questa sezione riguarda l’editing e non la scrittura, quindi quando parlaremo di scrittura sarà semplicemente per chiarire il contesto entro il quale accadono alcune cosa.

Cos’è l’Editing di un’opera?

Editing e correzione bozzeQuesto primo articolo dedicato all’editing, al mestiere di editor e all’editing di un testo intende offrire uno spunto di riflessione su questo mestiere così importante e cruciale, all’interno di ogni casa editrice. Chi è l’editor, e di che cosa si occupa? Che cosa significa ‘fare l’editing di un testo’? Per rispondere a questi primi quesiti in modo semplice credo che la cosa migliore da fare sia, da subito, una distinzione tra editing ‘prima’ e ‘dopo’ il testo.

L’editor, all’interno della casa editrice, è la figura che si occupa di fare in modo, una volta stabilita la linea editoriale della casa, di una collana, di una serie di testi, che il testo da valutare risponda ai requisiti della pubblicazione. Spesso, e sempre di più, capita che l’editor lavori fianco a fianco dell’autore prima ancora che sia incominciata la stesura del testo. L’editor conosce l’autore perché ne conosce le potenzialità, la capacità di scrittura, e cerca di mediare queste potenzialità con quelle che sono le richieste della casa editrice. Come vedere il mestiere di editor, a metà tra lo scrittore e l’editore, costituisce il trait d’union tra creatività e operatività.

L’ufficio stampa: l’abc di un lavoro sul campo!

ufficio stampa youcanprintSovente ci si chiede quali compiti svolga un ufficio stampa, quali siano le sue funzioni, quali, nello specifico, i suoi compiti. Quello di Ufficio Stampa si tratta di un lavoro non certo semplice, ma affascinante, se si pensa alle diverse tipologie di uffici stampa che esistono. Si parte dagli uffici stampa che si occupano esclusivamente di comunicazione aziendale, per arrivare a quelli specializzati in editoria, musica, spettacolo, fino quelli che lavorano all’interno di enti pubblici o privati.

I principali interlocutori di un ufficio stampa sono i mass media: quelli standard, ovvero sia quotidiani, emittenti radiofoniche, redazioni televisive, riviste. A questi si aggiungono quelli digitali web tv, web radio, blog e siti internet specializzati. Da qualche anno a questi spazi si aggiungono quelli offerti dal web 2.0; vere e proprie pagine sui social network, da Facebook a Twitter, a Google Plus.Già perché nell’era dei nativi digitali la comunicazione di un ufficio stampa può scegliere di calibrare la propria azione dirigendola su tutti i mezzi di comunicazione di massa a disposizione oppure solo alcuni di essi, in base ad una precisa strategia.

Consiglieresti Youcanprint e il suo Blog ad amici o colleghi?

ESPRIMI IL TUO FEEDBACK