Scrivere

La sostanza della storia e il suo protagonista, parte 1

3 minuti di lettura 20 Commenti
  • Home
  • /
  • Scrivere
  • /
  • La sostanza della storia e il suo protagonista, parte 1
La sostanza della storia e il suo protagonista

Qual è la sostanza di una storia?

Dove prendiamo il materiale per creare le scene che un giorno si muoveranno e parleranno nel libro? Quale argilla trasformiamo e modelliamo, conserviamo o gettiamo via?

In ogni altra forma d’arte la risposta è evidente: il compositore ha il suo strumento e le sue note che suona; la ballerina chiama strumento il proprio corpo; gli scultori scolpiscono la pietra; i pittori rimescolano i colori.

Ogni artista può toccare la materia grezza della propria arte, tutti tranne lo scrittore. E questo perché il nucleo di una storia consiste in una “sostanza” che non si vede, non si sente e non si tocca mai direttamente; eppure la conosciamo e la percepiamo. La sostanza di cui è fatta una storia è viva quanto intangibile.

La materia dello scrittore è il linguaggio, ma il cuore di una storia è costituito da qualcosa di ben più profondo delle semplici parole.

Il protagonista parte 1

Di solito il protagonista è solo un personaggio. Una storia però, potrebbe essere mossa da un duo, o da un trio o anche più personaggi.

Affinchè due o più personaggi formino un protagonista plurimo bisogna che siano soddisfatte due condizioni:

primo, tutti gli individui del gruppo devono condividere lo stesso desiderio; secondo, lottando per soddisfare questo desiderio soffrono e gioiscono insieme. Se ha succsso uno di loro ne beneficiano tutti. Se uno viene sconfitto ne soffrono tutti. All’interno di un film a protagonista plurimo motivazioni, azioni e conseguenze sono comuni a tutti.

Una storia può, d’altro canto essere a protagonista multiplo.

In questo caso, diversamente dal protagonista plurimo, i personaggi cercano di soddisfare desideri diversi e individuali.

Non è necessario che il protagonista sia umano: può essere un animale, vedi racconti per bambini. Può essere qualsiasi cosa cui possa venire conferito libero arbitrio, capacità di desiderare, di intraprendere azioni e di sopportare le conseguenze può diventare protagonista.

Addirittura è persino possibile cambiare protagonista a metà della storia. Morto il protagonista il lettore rimane smarrito e confuso, come può andare avanti la storia? Protagonista plurimo.

A prescindere, comunque, dal fatto che il protagonista della storia sia singolo, multiplo o plurimo, e da come sia caratterizzato, in ogni caso tutti i protagonisti hanno determinate qualità distintive, la prima della quali è la forza di volontà.

La forza di volontà del protagonista può essere inferiore a quella del biblico Giobbe, ma pur sempre abbastanza potente da sostenere il desiderio attraverso il conflitto e, alla fine, fargli compiere azioni che determinano un cambiamento significativo e irreversibile.

Non si può raccontare una storia in cui il protagonista non vuole nulla, che non sa prendere decisioni e le cui azioni non comportano cambiamenti a nessun livello.

La volontà sprona il protagonista verso un desiderio conosciuto: ha un bisogno o un obiettivo, un oggetto del desiderio, e sa qual è.

Se potreste prendere da parte il vostro protagonista e chiedergli “Che cosa vuoi?” lui avrebbe una risposta ben precisa da darvi: Vorrei X o Y adesso ma alla fine vorrei Z. Per molti personaggi è sufficiente un desiderio chiaro, semplice e conscio.

A tal proposito si legga l’articolo su Dufresne e come il suo protagonista maschile abbia ben chiaro in mente cosa vuole, qual è il suo obiettivo.

Fonti: Aristotele (la Poetica) J.H.Lawson – R.McKee

Correlati

Ti potrebbe interessare anche:

congiungitvo come si usa

Il se vuole sempre il congiuntivo? Teoria, esempi, trucchi per ricordare

Il se vuole sempre il congiuntivo Bella domanda, anche perché già quando si parla di congiuntivo le cose si fanno difficili Tuttavia chi scrive, che sia un...

Come si scrive una tesi di laurea

I 6 consigli di Umberto Eco per scrivere una tesi di laurea

Il saggio di Umberto Eco "Come si fa una tesi di laurea" (Bompiani, 1977) parte dai fondamentali, spiegando che cos'è una tesi di laurea Ma, se sei qui,...

incipit perfetto

8 consigli per scrivere un incipit perfetto per il tuo libro

L'incipit di un romanzo è davvero una delle cose più difficili da scrivere In quest'epoca di gratificazione istantanea, brevi momenti di attenzione e...

quanti generi letterari ci sono?

Generi letterari: definizione ed elenco

Quante volte sentiamo parlare di "genere letterario" Forse è un concetto poco conosciuto da chi non ama scrivere o leggere, ma che rappresenta un argomento...

dare il titolo giusto

Come trovare il titolo giusto per il tuo libro: la guida pratica

Hai finito di scrivere il tuo libro finalmente Dopo mesi e mesi di fatica è arrivato anche il momento di scegliere il titolo giusto e questo è un compito che...

font migliore per un libro

Qual è il font migliore per il tuo romanzo?

Scegliere il font migliore per scrivere un romanzo non è così semplice Nel self publishing, la libertà di non avere un editore alle spalle consente agli autori...

come scrivere un libro per bambini

Come scrivere un libro per bambini e farlo conoscere

Scrivere un libro per bambini spesso viene considerato un compito meno impegnativo che scrivere un libro destinato ai grandi, ma le cose non stanno...

come scrivere un libro guida completa

Come scrivere un libro dall’idea alla struttura: la guida completa

Introduzione e consigli utili Intreccio, trama, fabula, personaggi, dialoghi, incipit, finale, sono solo alcuni degli elementi che compongono la scrittura di...

Prefazione del libro come si scrive

Cos’è e come si scrive la prefazione di un libro?

La prefazione di un libro rimane sempre un elemento misterioso: è necessaria È utile Ma soprattutto cos'è e come si scrive la prefazione di un...

5 step per scrivere un libro

Come scrivere un libro, i 5 step fondamentali

Hai deciso di scrivere un libro o lo stai già facendo Ecco 5 step, fra cui la Piramide di Freytag, che ti aiuteranno a farlo senza perdere altro tempo 1...

esercizi di scrittura

7 esercizi di Scrittura Creativa da mettere subito in pratica

L’importanza della scrittura creativa Quante volte ti è capitato di andare in libreria e comprare un libro solo perché ti hanno colpito le prime tre o...

genere letterario giallo

Genere letterario Giallo: genesi, sviluppo e caratteristiche

Come è nato il genere giallo Il genere giallo è riconducibile con ogni probabilità a quello poliziesco; ad ogni modo, recentemente, sono nati filoni...

genere letterario horror

Genere letterario Horror: storia, struttura, temi di un genere amatissimo

Come è nato il genere horror Il genere letterario horror non ha un'origine temporale ben specifica in quanto diversi temi horror sono stati scritti fin...

20 Commenti

Rispondi a Ferrario Giuseppe Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.