Quanto costa pubblicare un libro? La guida pratica e completa

Una delle prime domande che ti porrai giunto a questo punto è: quanto costa pubblicare il mio libro? Purtroppo sono costretto a correggerti e dirti che la domanda è posta male, piuttosto male. 

La domanda non è quanto mi costa pubblicare il mio libro, perché questa domanda pone il tuo focus sul costo, ovvero su un aspetto negativo, su una perdita insomma, ti stai focalizzando su ciò che dovrai sacrificare per pubblicare la tua creazione.

Cambia punto di vista

Essere uno scrittore è prima di tutto una questione di mentalità piuttosto che di grammatica o finanza. 

Se stai pensando di dare vita ad una creazione frutto del tuo talento, delle tue emozioni, della tua storia personale e poi svilirla pensando a quanto ti costerà pubblicarla, a quanto dovrai spendere, a quanti soldi dovrai rinunciare ti stai approcciando con una mentalità negativa e perdente a qualcosa di meraviglioso, magico, potente

Warren Buffett, il più grande investitore di tutti i tempi, afferma che “gli investitori non si preoccupano dei costi ma degli investimenti” e ancora Investire in te stesso. Il miglior investimento che si può fare è nelle proprie capacità. È questo che intendo. 

Se stai pensando alla pubblicazione, a diventare scrittore solo in termini di costi, stai dirigendo il tuo focus sulla parte sbagliata e povera di questa esperienza.

Se, al contrario, ti focalizzi sulle opportunità, su ciò che potrai ottenere in termini di emozioni, status, visibilità allora improvvisamente la domanda non sarà più quanto costa pubblicare un libro ma quanto mi costerà non pubblicare un libro, quali opportunità avrò pubblicando un libro. 

Per quanto possa sembrarti strano la vita e il mondo sono un sistema piuttosto efficiente ed equo di ricompensa. Il mondo ti restituisce ciò su cui focalizzi la tua attenzione, il tuo impegno, il tuo amore.

Quando come self publisher crei un’opera, ti impegni nella promozione, crei valore per i tuoi lettori, coltivi con costanza la tua creatività, il tuo amore, arricchisci la vita delle persone e del mondo con ciò che scrivi allora stai assolutamente tranquillo che il mondo e la vita ti ricompenseranno. 

Non è una questione di vendite, quelle rappresentano forse ¼ delle ricompense possibili, ma il mondo ti restituirà l’amore che hai donato grazie alla tua scrittura.

Questo dipenderà esclusivamente da ciò su cui si focalizzerà, perchè questo determinerà le tue emozioni, i tuoi pensieri, il tuo racconto interiore, la tua identità. Se continuerai a pensare ai libri in termini di costi, spese, tempo perso, allora difficilmente otterrai dei risultati, perché la vita ti restituirà ciò su cui ti stai focalizzando. 

Al contrario, se penserai ai libri come gioia, soddisfazione, realizzazione, condivisione, guadagno, allora il costo diventerà un investimento e ti impegnerai sempre di più, ogni giorno. 

Per rispondere quindi alla domanda che da il titolo a questo post il mio consiglio è certo considerare e ponderare bene quanto investire sul tuo libro, ma considerare ciò che spendi come un investimento e non un costo e quindi valutare bene su cosa e dove investire.

L’investimento non è solo economico ma è soprattutto mentale e temporale per Te. Il successo del tuo libro dipenderà dalla qualità dei tuoi investimenti economici e dalla qualità del tempo, del focus e dell’amore che metterai nella scrittura.

Raggiunta questa profonda consapevolezza affrontiamo insieme la questione degli investimenti. Quanto è necessario investire per pubblicare un libro?

Ti ho preparato due schermi piuttosto semplici che ti mostrano mediamente quanto è l’investimento necessario per pubblicare ciascun formato (cartaceo, digitale, audio) del tuo libro, distinguendo 2 scenari:

  • il primo in cui fai tutto da solo e non affidi a nessuno nessuna fase (correzione, impaginazione, copertina etc);
  • il secondo in cui affidi alla piattaforma stessa a cui ti affidi o ai freelance la realizzazione di ogni fase importante della pubblicazione del tuo libro. 

Troverai nello schema la distinzione tra i costi di produzione (la fase che va dalla scrittura al file finale) e i costi per la pubblicazione e distribuzione (la fase che va dal file pdf alla vendita in libreria).

In questo modo avrai un’idea chiarissima di quelli che sono gli investimenti necessari per pubblicare in maniera professionale un libro e potrai scegliere il percorso più adatto a te.

L’ipotesi che vedrai sotto riguarda un libro 15×21, bianco e nero, di 200 pagine, 300 caratteri spazi inclusi, 60.000 parole.

Un aspetto importante: considera che ti ho indicato quelle che sono secondo me le fasi o i servizi fondamentali per pubblicare un libro di qualità. Ovviamente potrai anche aggiungere altri servizi o ignorare qualcuno di questi. Dipende sempre, esclusivamente da te e da ciò che vuoi ottenere con la tua scrittura.

I costi indicati inoltre sono il minimo che puoi spendere per ciascun servizio, ovviamente il costo finale dipenderà anche dalla tipologia e dalla dimensione del tuo libro e se per ciascun servizio richiederai il livello base o quello premium.

tabella costi di pubblicazione in self publishing

Consigli pratici ed elementi da considerare

Ora hai le idee più chiare.

Come puoi veder realizzare un libro professionale richiede degli investimenti e a meno che tu non sia esperto in ogni area editoriale, è veramente difficile riuscire a fare tutto da soli ed ottenere un risultato di altissimo livello.

Per questo motivo e avendo lavorato fianco a fianco con oltre 19.000 self publisher posso darti qualche consiglio utile per decidere quanto investire nel tuo libro. Saranno dei consigli preziosissimi che ti permetteranno di ottenere un ottimo risultato e soprattutto evitare perdite di tempo e spreco di risorse:

1. Punti di forza: focalizzati sui tuoi punti di forza e delega completamente a esperti i tuoi punti di debolezza. Cosa intendo? Semplice. Se sei in grado di impaginare il tuo libro ma non hai mai fatto una copertina, impagina pure il tuo libro e affida ad una piattaforma o ad un freelance la realizzazione della copertina. Se sei in grado di realizzare un epub allora fallo pure ma fai realizzare il pdf ad un esperto di stampa digitale.

Il tuo obiettivo deve restare quello di realizzare un libro professionale e quindi ogni aspetto deve essere curato nei minimi dettagli. Non rinunciare o non puntare basso su un aspetto, perchè non vuoi investire oppure credi di poterlo fare tu o peggio il tuo amico. Non ho niente in contrario sull’utilità degli amici, ma purtroppo quando si chiede un lavoro professionale come una cortesia dovuta al grado di conoscenza di una persona, spesso purtroppo il risultato è medio-basso e soprattutto lento.

È un fenomeno piuttosto normale poiché la motivazione della persona che si offre di farvi gratuitamente qualcosa per il vostro libro non è la stessa di chi lo sta facendo per un ritorno economico. Quindi a meno che non abbiamo un amico o un conoscente dotato di grande esperienza editoriale non affidate a parenti e conoscenti una parte del vostro libro.

Considerate il vostro libro un prodotto e voi un’azienda che si sta preparando a lanciare sul mercato. Deve essere tutto perfetto. Impeccabile. WOW. I lettori devono desiderare il vostro libro, devono amarlo, devono leggerlo, devono essere felici nel vederlo e nel tenerlo nelle mani.

2. Budget: un’altra tecnica più complessa ma più analitica è quella di partire da un budget e costruire un piano di investimenti sul tuo libro. Immaginiamo che tu abbia terminato il tuo manoscritto e hai un semplice file doc o docx, nient’altro.

La prima domanda che ti devi porre è: quanto voglio investire in questo libro? Non dare una risposta frettolosa pensando subito che non hai soldi da investire per tutta una serie di motivi. Chiediti tu personalmente, se non avessi limiti economici, quanto ritieni sia necessario investire per rendere il manoscritto un libro professionale e pubblicarlo.

Ti sto chiedendo di non porti dei limiti in quanto il denaro non deve rappresentare un problema, poiché anche se non avessi direttamente le risorse per investire potresti sempre reperirli in altro modo: amici, familiari, crowdfunding, etc. Quindi è importante che tu decida il tipo di investimento liberamente perché in questo modo dipenderà esclusivamente da quanto credi nell’opera e non da quanto denaro hai.

I soldi non devono frenare il tuo coraggio, il tuo entusiasmo ma al massimo potenziarlo. Una volta stabilito il budget, ovvero la cifra che intendi investire (non deve prevedere la promozione per ora), guarda con cura la tabella che ho creato per te e chiediti: quale parte del libro posso curare personalmente ottenendo un risultato di altissimo livello?

Ti prego sii sincero, valuta con onestà le tue capacità e la tua esperienza, senza sottovalutare o peggio sopravvalutarti. Sulle parti del libro che curerai personalmente tira una riga nella tabella.

Ora ciò che resta sono le parti del libro su cui devi investire. Il mio consiglio è provare a distribuire il budget che hai stabilito per la pubblicazione su ciascuna di queste parti in base alle tue sensazioni personali, solo tu conosci pro fondamenta la tua opera. Una volta fatto questo il passo successivo è ottenere dei preventivi per ciascuno di questi aspetti del tuo libro.

Potrai calcolare autonomamente i preventivi in una sola piattaforma che fornisce servizi completi per ogni parte del tuo libro come Youcanprint oppure contattare singoli freelance per ciascuna delle parti su cui intendi investire (per esempio un freelance per la correzione bozze, uno per la copertina).

Una volta che avrai i preventivi potrai capire se il budget che avevi destinato è sovrastimato o sottostimato per quella parte del libro e quindi scegliere di ridistribuirlo per coprire ogni investimento.

Se ti rendi conto che hai previsto meno risorse di quelle necessarie devi compiere delle scelte. Inizia della parti minori o quelle che ritieni meno importanti per il tuo libro o quelle sulle quali potrai investire in futuro con i primi soldi delle vendite.  E continua così fino a ridistribuire il budget.

Prova anche ad ottenere uno sconto affidato tutto ad un freelance o ad una piattaforma puntando sull’insieme dei servizi che intendi acquistare. Continua questo lavoro fino a trovare il giusto equilibrio tra investimento e qualità, ricordandoti che il tuo obiettivo è sempre realizzare un libro professionale perché questa è la tua responsabilità come selfpublish verso te stesso e verso il lettore. 

3. Come valutare i costi e la qualità degli operatori: voglio aiutarti a capire come valutare se il prezzo che un freelance o una piattaforma offre per un determinato servizio che si prenderà cura di una parte specifica del tuo libro (esempio copertina, impaginato, etc) sia effettivamente ragionevole o in linea con il mercato e soprattutto se chi lo offre ha le giuste referenze.

Innanzitutto facciamo una premessa molto importante: non esistono prezzi sbagliati. Sì, hai letto bene. In ogni mercato c’è sempre una parte importante di clienti disposti a spendere poco e una parte ristretta disposta a spendere tantissimo.

Prova a pensare a qualsiasi prodotto e vedrai che è così. Pensa alle macchine, ci sono i clienti che comprano la panda a 9.000 € e clienti che comprano una Pagani a 1.500.000 €, stesso prodotto/funzionalità un cliente è disposto a pagare 16.566 volte in più. Mi dirai che con le macchine è facile, bene, prendi il caffè. 1 kg di caffè macinato classico costa intorno ai 5€, il black ivory (il caffè più costoso al mondo) costa 3.400 € al kg, 67.900 volte di più!

Ho preso due prodotti agli antipodi eppure entrambi hanno la stessa segmentazione: molti pagherebbero poco, pochi pagherebbero molto.

Ti sto insegnando questo, perché come sto cercando più volte di spiegarti che per diventare un grande self publisher devi pensare da imprenditore e investitore di te stesso, quindi non guardare mai i prezzi in termini di costi ma in termini di investimento e valore.

Questo cambio di mentalità ti porterà a non parlare male o criticare quella piattaforma o quel freelance che è impazzito e fa prezzi assurdi, mentre in realtà il problema è che tu non vuoi o non puoi spendere quella cifra.

Per carità non c’è niente di male in questo, non ti sto giudicando, voglio solo che guardi le cifre per quello che sono senza scambiare il prezzo con un giudizio morale su chi offre un determinato prodotto.

Ciò su cui devi concentrarti è sempre la tua disponibilità a pagare un determinato servizio professionale di cui hai bisogno, non a trovare quello più economico possibile perchè ciò in cui investiva avrai indietro. Questo vale per quando paghi qualcuno per qualcosa ma anche per te stesso.

Se ritieni che il tuo libro non meriti pagare un grafico professionista per fare la copertina e la fai tu su word usando le clipart, non aspettarti di vendere migliaia di copie.  

Insieme al prezzo devi valutare anche la serietà e la professionalità dell’operatore o della piattaforma. Ci sono alcuni aspetti fondamentali che puoi considerare per capire se chi ti sta offrendo un determinato servizio è affidabile o meno.

  • Recensioni pubbliche: il sito del freelance o la piattaforma hanno recensioni pubbliche su siti terzi indipendenti come Trustpilot? Se la risposta è sì bene, potrai leggere i giudizi indipendenti degli utenti e la loro esperienza. Se la risposta è no, può essere un problema. Diffida da chi inserisce solo le recensioni sul proprio sito senza inserire nome e cognome di chi l’ha fatta e la sua foto o video. Queste recensioni prive di riferimenti specifici sono ovviamente costruite ad arte per creare la riprova sociale che un utente cerca per rassicurarsi sulla serietà del sito. Se non trovi recensioni pubbliche su siti terzi (trustpilot, facebook, google, etc) o sul loro sito non trovi recensioni o recensioni generiche senza riferimenti stai attento. A meno che non ti sia stato consigliato da un amico di cui ti fidi eviterei di affidarmi a freelance o piattaforme così.
  • Prezzi di mercato: qualsiasi settore ha degli indicatori che stabiliscono quelli che sono definiti i prezzi di mercato. Per prezzi di mercato intendo i prezzi che mediamente sono applicati a un determinato prodotto o servizio. Anche per i servizi editoriali per il self publishing, ovviamente, sono dei prezzi di mercato. Quando valuti una piattaforma o un freelance assicurati che i suoi prezzi siano dei prezzi di mercato (consulta la tabella che ti ho mostrato qualche paragrafo fa).
  • Referenze: un ultimo aspetto da valutare che può aiutarti nella scelta del giusto operatore a cui affidare una parte o tutta la cura del tuo libro sono le referenze. Per referenze non intendo le recensioni che abbiamo trattato prima ma esempi trasparenti di libri che sono stato oggetto del servizio che stai acquistando. Se stai contantato un freelance per la copertina del tuo libro e sul suo sito non ha una sezione delle copertine che ha realizzato questo può essere già un allarme sulla sua attendibilità. Cerca sempre l’elenco delle opere che un freelance ha trattato o gestito, portai così renderti conto sia della qualità del suo lavoro sia del tipo di clienti che ha. Certamente ci sono alcuni clienti dei freelance che chiedono di non comparire sul sito del freelance stesso ma questo non giustificherà mai un freelance o una piattaforma che non ha sul sito l’elenco dei libri che ha curato. Fai attenzione a questo aspetto.

Se sei giunto fin qui complimenti! Hai appena appreso tecniche incredibili per ottenere il massimo dal tuo libro e soprattutto per non sprecare denaro e tempo, le due risorse più importanti per un self publisher come te.

Ma ciò che hai soprattutto imparato è che da oggi non guarderai più al tuo libro o ai tuoi libri in termini di costo, ma in termini di investimento e non guarderai alla scrittura solo ad un modo per fare soldi.

Fare soldi con i libri è un obiettivo strumentale, il vero obiettivo finale è connesso con la tua anima e ha a che fare con le emozioni. L’obiettivo vero di pubblicare un libro è sentire le emozioni di gioia, realizzazione, gratificazione, gratitudine, coraggio, superamento di sé, appartenenza, amore.

Scrivere è molto di più che quante copie hai venduto o venderai, scrivere è diventare la migliore versione di te stesso, realizzare il tuo talento e rendere la tua vita migliore.


Potrebbe interessarti approfondire anche:

Quanto guadagna uno Scrittore?

Come pubblicare un libro: 10 semplici passi per diventare Scrittori

Come promuovere un libro: la guida per orientarsi nel grande mondo del book marketing


Scarica subito le guide GRATUITE su:

Iscriviti a Youcanprint | La Community Ufficiale

Seguici sul nostro canale YouTube

Partecipa al sondaggio e ricevi le nuove Guide per il Tuo libro in Selfpublishing

Community ufficiale di Youcanprint

Fai già parte della nostra Community su Facebook?

Il luogo dove ogni giorno postiamo nuovi contenuti gratuiti per Scrivere, Pubblicare e Promuovere il tuo Libro.
Dove Autori condividono le loro idee e si confrontano ogni giorno.
Ci sono già centinaia di Autori che ti stanno aspettando!

Unisciti alla Community

14 Commenti

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lost your password? Please enter your username or email address. You will receive a link to create a new password via email.
We do not share your personal details with anyone.