L’uomo cattivo e l’inizio del tuo romanzo

“Pronto, potete consegnarmi una pizza baby per favore?…”

E’ una voce di donna che parla al 112 di Torino.

Signora, ma lei sa dove sta chiamando?

Si lo so, lo so.

La telefonata dalla centrale viene smistata alla Polizia.

Risponde Vincenzo Maria Tripodo, 27 anni, poliziotto.

Pronto signora mi dica.

Si pronto – rumori e concitazione di fondo – vorrei una pizza per favore.

Signora lei sta bene?

No.

Arriviamo subito, arriviamo subito.

Dopo 2 minuti e 50 secondi la Polizia suona al campanello.

Apre un uomo, ubriaco e convinto che sia il fattorino che porta la pizza.

Invece sono due poliziotti che non gli danno il tempo di reagire e lo arrestano subito.

Dietro si vede una donna con il volto tumefatto e poi un bambino di 10 anni in un angolo, terrorizzato.

Fine.

Questo non è l’attacco di un nuovo romanzo, ma una storia vera accaduta pochi giorni fa vicino Milano.

Qui sotto trovi l’audio integrale della telefonata.

Pausa di riflessione.

Ora facciamo insieme lo sforzo, non indifferente, di staccarci e di provare a mettere da parte tutti i sentimenti generati da quest’episodio, siamo qui per un’altro motivo.

Lajos Egri, scrittore, regista e docente nel suo libro L’arte della scrittura drammaturgica al capitolo dedicato al Punto d’attacco (come iniziare un romanzo) specifica questo:

Cosa porta un personaggio a scatenare una serie di eventi che potrebbero distruggerlo o permettergli di riuscire nel suo scopo?

La risposta è una sola: necessità.

Ci deve essere qualcosa in gioco, qualcosa di impellente ed estremamente importante.

L’arte della scrittura drammaturgica – pg 128

Un romanzo, una commedia potrebbe iniziare con una decisione che farà precipitare il conflitto.

Abbiamo un ottimo punto d’attacco quando già all’inizio è in gioco qualcosa di vitale.

Il punto d’attacco coincide con il momento in cui un personaggio deve prendere una decisione importante.

Abbiamo anche già affrontato l’argomento del punto d’attacco qui.

come iniziare a scrivere un libro
Il punto d’attacco: come scrivere l’inizio di un libro

Il tuo libro dovrebbe entrare nel vivo sin dalla prima battuta. I personaggi avranno il tempo di mettere in luce le loro nature nel corso del conflitto.

Non è opportuno iniziare esponendo i fatti, tratteggiando il passato e creando un’atmosfera prima di cominciare il conflitto, o almeno conviene farlo solo se la narrazione è fatta in modo da non tediare il lettore.

Se non hai ancora acquisito queste abilità allora sarebbe molto più profittevole avviare il conflitto sin dalla prima battuta, mettendo subito in gioco qualcosa di vitale.

L’attenzione del lettore in questo modo è garantita.

La donna che chiama la Polizia fingendo di ordinare una pizza si gioca tutto: la sua vita e quella di suo figlio.

La narrazione si apre proprio con questa telefonata.

Forte, diretta e senza appello.

O vita o violenza.

O vita o morte.

Quando potrete spiegare con sicurezza perché il vostro protagonista deve fare qualcosa così urgentemente, allora avrete la vostra storia. Qualunque essa sia, la motivazione deve essere generata da qualcosa che è successo prima dell’inizio.

Lajos Egri

Piaciuto questo contenuto?

Fammi sapere cosa ne pensi nei commenti!

Community ufficiale di Youcanprint

Fai già parte della nostra Community su Facebook?

Il luogo dove ogni giorno postiamo nuovi contenuti gratuiti per Scrivere, Pubblicare e Promuovere il tuo Libro.
Dove Autori condividono le loro idee e si confrontano ogni giorno.
Ci sono già centinaia di Autori che ti stanno aspettando!

Unisciti alla Community

4 Commenti

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lost your password? Please enter your username or email address. You will receive a link to create a new password via email.
We do not share your personal details with anyone.