Lo sviluppo del personaggio: 9 passaggi per creare eroi memorabili

Due cose controllano il coinvolgimento emotivo dei lettori: l’empatia (lidentificazione con il protagonista) e la credibilità (della storia e del protagonista).

Le storie più belle ci presentano, quindi, personaggi credibili e riconoscibili, è per questo che sviluppare correttamente l’arco di trasformazione del personaggio è cruciale.

Sì, lo è anche se scrivi di Fantasy o di Distopico, il tuo personaggio* deve essere reale e riconoscibile.

[*Uso i pronomi maschili in modo inclusivo per rappresentare entrambi i sessi solo per evitare la scomoda ripetizione lui/lei, riconoscendo pienamente che molti personaggi principali sono donne, così come lo sono la maggioranza dei lettori.]

Se il tuo personaggio principale non si sviluppa e non cresce, in pratica se non esiste nessun arco di trasformazione del personaggio, allora non hai un personaggio.

In che modo si sviluppano i personaggi?

Abbiamo due opzioni.

Possiamo adottare la strategia che consiglia Stephen King, ovvero scrivere per processo di scoperta: “Metti personaggi interessanti in situazioni difficili e scrivi per scoprire cosa succede“.

Oppure possiamo pianificare il carattere dei nostri Personaggi, descriverli prima, compilare una scheda ben definita della sua vita e delle sue attitudini, i suoi hobby ecc…

Per facilitarti il compito ne ho creata apposta una per te, la trovi qui sotto.

In questo modo sapremo moltissimo sui nostri personaggi prima di iniziare a scrivere.

A quale “famiglia” appartieni? Sei fra gli improvvisatori o fra pianificatori?

Indipendentemente dalla tua famiglia di appartenenza, lo sviluppo del personaggio – l’arco del personaggio – può dare forza oppure distruggere il tuo romanzo.

Clicca sull’immagine per scaricare gratis e senza richiesta di email una comoda scheda di lavoro: compilandola approfondirai nel modo giusto la conoscenza dei tuoi personaggi.

Donato Corvaglia – founder Youcanprint

Considera alcuni dei personaggi più memorabili della letteratura: Jane Eyre, Ebenezer Scrooge, Harry Potter, Eleanor Holiphant ecc… 

Cosa hanno in comune?

  • Sono profondamente umani
  • Vedono il coraggio non come mancanza di paura, ma piuttosto come capacità di agire di fronte alla paura
  • Imparano dal fallimento e raggiungono grandi vittorie morali

Personaggi avvincenti come questi fanno la differenza tra un romanzo memorabile e uno decisamente meno.

Allora, quali sono le chiavi per rendere indimenticabile un personaggio?

Hai bisogno di aiuto per creare i tuoi personaggi? Oppure se hai bisogno di una consulenza, qui puoi scoprirne di più.

Cos’è lo sviluppo del personaggio?

È il modo in cui il tuo personaggio risponde agli ostacoli, ai conflitti sia interni che esterni, e quale cambiamento egli completa alla fine della storia.

Nei classici più memorabili, specialmente quelli con lieto fine, il personaggio sviluppa abilità e punti di forza che lo rendono eroico.

Più sfide affronta, meglio è per la tua storia e per il tuo arco narrativo. 

Resisti alla tentazione di semplificargli la vita. 

Solo le sfide più difficili trasformano i personaggi.

9 Fasi per lo sviluppo del tuo personaggio

  1. Non tardare a presentarlo, per nome
  2. Regala un assaggio ai lettori
  3. Dagli un passato
  4. Assicurati che sia umano, vulnerabile e imperfetto
  5. Dagli anche qualità potenzialmente eroiche
  6. Enfatizza la sua interiorità così come i suoi problemi più esterni
  7. Attingi alla tua esperienza nello sviluppo del personaggio
  8. Mostra, non dire
  9. Fai ricerche approfondite

Fase 1. Non tardare a presentarlo, per nome

Uno degli errori più grandi che si possono fare è quello di introdurre il personaggio principale troppo tardi. Di regola dovrebbe essere la prima persona sul palco e il lettore dovrebbe essere in grado di associarne nome e sembianze.

Dare un nome al tuo personaggio può essere stressante.

Il tuo obiettivo è connettere subito lettore e personaggio, quindi il nome dovrebbe riflettere la sua eredità e forse anche accennare alla sua personalità. 

Ne Il miglio verde, Stephen King ha chiamato il suo personaggio più debole e codardo Percy Wetmore. Naturalmente, trattiamo gli eroi con più rispetto.

Assicurati che il nome sia storicamente e geograficamente accurato. 

Fase 2. Regala ai lettori un assaggio

Magari nella tua mente hai un’immagine chiara tuo personaggio, ma non commettere l’errore di costringere il tuo lettore a vederlo esattamente come lo vedi tu. Certo, l’altezza, il colore dei capelli e degli occhi e la fisicità (atletica o meno) sono importanti.

Ma è davvero importante che il tuo lettore visualizzi la tua eroina bionda come Gwyneth Paltrow o Charlize Theron? O il tuo eroe dai capelli scuri come quelli George Clooney o Ben Affleck?

E’ importante che la descrizione del tuo personaggio ci sia ma che non sia resa come un elemento separato dall’azione, come abbiamo già detto qui.

Basta un accenno per attivare la mente del lettore e fare in modo che si formi la propria immagine personale nella mente.

Migliaia di lettori potrebbero avere altrettante migliaia di immagini leggermente diverse del tuo personaggio, il che va bene, a patto che tu gli abbia fornito informazioni sufficienti per sapere se il tuo eroe è grande o piccolo, attraente o meno, atletico o meno.

In pratica che tu sia un improvvisatore o un pianificatore, più conosci del tuo personaggio e meglio racconterai la tua storia.

  • Quanti anni ha?
  • Qual è la sua nazionalità?
  • Ha cicatrici? Piercing? Tatuaggi? Imperfezioni fisiche? Deformità?
  • Com’è la sua voce ?
  • Ha un accento?
  • ecc…

Ti consiglio a tal proposito di scaricare la scheda tecnica già citata.

Certamente non userai tutte le informazioni che conosci su di lui, ma più sai, più idee per la trama ti verranno in mente. 

Più conosci il tuo personaggio, meglio i tuoi lettori lo conosceranno e si interesseranno a lui.

Fase 3. Dagli un passato

Il passato è tutto ciò che è accaduto prima del Capitolo 1. Scava in profondità.

Cosa ha plasmato il tuo personaggio nella persona che è oggi?

Ecco un elenco di cose che dovresti sapere, che tu le includa o meno nel tuo romanzo:

  • Quando, dove e da chi è nato
  • Fratelli e/o sorelle, i loro nomi e le loro età
  • Dove ha frequentato la scuola
  • Appartenenza politica
  • Occupazione
  • Reddito
  • Obiettivi
  • Competenze e talenti
  • Vita spirituale
  • Amici
  • Che sia single, fidanzato o sposato
  • Visione del mondo
  • Personalità
  • Hobby
  • Paure
  • qualsiasi altra cosa rilevante per la tua storia

Fase 4. Assicurati che sia umano, vulnerabile e imperfetto

Anche i supereroi hanno difetti e debolezze. Per Superman, c’è la kryptonite. Per gli spadaccini come Indiana Jones, ci sono i serpenti.

È impossibile identificarsi con un personaggio principale senza qualità umane. Ma assicurati che i suoi difetti non siano troppo complicati. Dovrebbero essere perdonabili, comprensibili, identificabili.

Fai attenzione a non rendere il tuo eroe ridicolo – per esempio, un buono a nulla, un gatto spaventato, uno sciattone, uno stupido o uno stupido (come un poliziotto che dimentica la sua pistola o le sue munizioni).

Se vuoi un personaggio con cui il tuo lettore possa relazionarsi allora deve essere vulnerabile.

Crea eventi che mostrano sottilmente forza di carattere e spirito. Ad esempio, il tuo personaggio mostra rispetto per una cameriera e la riconosce per nome? Tratterebbe un cassiere nello stesso modo in cui tratta il suo collega amico a lavoro?

Se è in ritardo, ma è testimone di un’emergenza, si ferma e aiuta?

Questi sono dei momenti chiave, che fanno capire al lettore di che pasta è fatto il protagonista.

Fase 5. Dagli anche qualità potenzialmente eroiche

Mentre ti sforzi di rendere il tuo protagonista reale e umano, assicurati anche di renderlo eroico o di impiantare in lui almeno il potenziale per esserlo.

Può avere un debole per i cioccolatini o paura dei serpenti, ma deve presentarsi e saper affrontare i conflitti quando sarà il momento .

Un personaggio ben sviluppato dovrebbe essere sì straordinario, ma anche riconoscibile. Non permettere mai che il tuo protagonista sia la vittima. Va certamente bene permettergli di affrontare ostacoli e sfide, ma non dipingerlo mai come un debole o un codardo.

Dai al tuo personaggio qualità che affascinano e costringono il lettore a continuare. Per esempio:

  • un personaggio con un’umile educazione (un perdente) che poi diventa all’altezza dell’occasione
  • un personaggio con forza o abilità nascoste che le rivela sottilmente all’inizio della storia e successivamente le usa in un modo insolito o straordinario

Rendilo eroico e lo renderai indimenticabile.

Fase 6. Enfatizza la sua interiorità così come i suoi problemi più esterni

Il nostro protagonista ha bisogno di guai, un problema, una ricerca, una sfida, qualcosa che possa guidare la storia.

Ma è altrettanto importante il conflitto interno del personaggio. Questo determinerà il suo dialogo interiore. 

La crescita interna del personaggio di solito contribuirà di più al suo arco di sviluppo rispetto a ciò che accade all’esterno.

Chiedilo a te stesso:

  • Cosa lo tiene sveglio la notte?
  • Qual è il suo punto cieco?
  • Quali sono i suoi segreti?
  • Cosa lo imbarazza?
  • Quale passione lo spinge?

Mescola e abbina i dettagli per esempio delle persone che conosci o di te stesso per creare sia il personaggio interiore che quello esteriore. Quando affronta una situazione di vita o di morte, saprai come dovrebbe reagire.

Fase 7. Attingi alla tua esperienza nello sviluppo del personaggio

Il divertimento di essere uno scrittore sta, anche, nell’incarnare i personaggi di cui scriviamo. Possiamo essere una giovane ragazza, un vecchio, un padre, una nonna, ecc…la lista potrebbe continuare e le possibilità sono infinite.

Il modo migliore per sviluppare un personaggio è, in sostanza, diventare quel personaggio .

Immagina di trovarti in ogni situazione in cui lui si trova, affrontando ogni dilemma, rispondendo a ogni domanda: come reagiresti se fossi il tuo personaggio?

Se il tuo personaggio si trova in pericolo mortale, immagina di trovarti in quella situazione. Forse non hai mai sperimentato una cosa del genere, ma puoi evocarla nella tua mente. Ripensa all’ultima volta che ti sei sentito in pericolo, moltiplicalo per mille…

Cosa ti è passato per la mente quella volta che eri in casa da solo e ti è sembrato di sentire dei passi?

Ti è mai capitato di perdere di vista tuo figlio in un negozio affollato?

Hai mai dovuto farti coraggio per dire a qualcuno la tua opinione?

Non c’è niente di meglio dell’esperienza personale per aiutarti a sviluppare i personaggi.

Fase 8. Mostra, non dire

Ne abbiamo già parlato prima e lo sentirai di nuovo. Se c’è una regola fondamentale in narrativa, è proprio questa. Show don’t tell, mostra non dire.

Si applica anche allo sviluppo del personaggio.

Dai credito ai lettori affidandoti a loro per capire le qualità dei tuoi personaggi da ciò che vedono nelle tue scene e sentono nei tuoi dialoghi. 

Il tuo lettore ha una mente, un’immaginazione. Fargliele usare fa parte della gioia di leggere.

Man mano che la vita del tuo personaggio si svolge, mostra chi è il tuo personaggio attraverso ciò che dice, il suo linguaggio del corpo, le sue azioni e i suoi pensieri.

Per ulteriori informazioni puoi vedere questo mio contenuto sul blog: mostra non raccontare, la regola “show don’t tell.”

Hai bisogno di aiuto per creare i tuoi personaggi? Oppure se hai bisogno di una consulenza, qui puoi scoprirne di più.

Fase 9. Fai ricerche approfondite

Resisti alla tentazione di scrivere di qualcosa che non hai prima sperimentato o non accuratamente approfondito.

Il tuo personaggio è un insegnante? Un ufficiale di polizia? Un CEO? O di un’altra professione con cui non hai avuto esperienza personale?

Trascorri del tempo in classe, intervista un insegnante, trova il modo di parlare con un poliziotto, intervista un CEO. Non basare il tuo eroe su immagini di film, serie o programmi TV.

L’ultima cosa che vogliamo e adeguarci ai cliché.

La maggior parte delle persone ama parlare delle proprie vite e professioni, sfruttiamo questo nostro lato edonistico.

Esempi di sviluppo del personaggio

Abbiamo tutti un libro, un personaggio televisivo o cinematografico preferito.

Un romanzo ben scritto che segue la struttura della storia classica fa precipitare rapidamente il suo personaggio principale in guai terribili. Quindi alza l’asticella e favorisce il cambiamento e la crescita del personaggio dall’inizio . 

Questa è la definizione stessa di Arco del Personaggio.

Un classico esempio è Ebenezer Scrooge in A Christmas Carol di Charles Dickens . Il ritratto di questo personaggio da parte dell’autore è stato così perfetto che il nome stesso “Scrooge” è diventato sinonimo di burbero egoista, avaro e miserabile.

Abbiamo dedicato un contenuto all’arco del personaggio di questo capolavoro letterario, che è questo.

Eppure, quale lettore non si è entusiasmato per il brillante arco di trasformazione che porta Scrooge, a diventare un uomo completamente nuovo – gioioso, generoso e amorevole – e che impara ad amare di nuovo?

Breaking Bad, celeberrima serie sempre disponibile su Netflix, dove il protagonista, Walter White: inizia come un insegnante di scienze un pò nerd, ingenuo, gentile e premuroso e che scopre di avere il cancro.

Non avendo il denaro sufficiente per curarsi e per non mandare in bancarotta la sua famiglia, usa le sue capacità di chimico per sviluppare e vendere metanfetamine di qualità, il che gli consente di permettersi le cure mediche…

Anche dopo aver scoperto che il suo cancro è in remissione, abbraccia la cultura della droga e alla fine in qualche modo arriva lo stesso a distruggere la sua stessa vita, la sua famiglia e molte altre vite.

L’errore più comune durante lo sviluppo dei personaggi

Uno degli errori più comuni, che mi è capitato di notare leggendo i romanzi per le mie consulenze, è questo: rendere perfetto un protagonista.

Quale lettore può identificarsi con un protagonista perfetto?

Potenzialmente eroico, sì. Onorevole, certo. Con la tendenza a fare la cosa giusta, sì!

Ma perfetto, no.

Alla fine il tuo eroe sarà all’altezza dell’occasione e vincerà contro ogni previsione. Ma deve crescere e prima di arrivare alla sfida finale, al climax, deve partire da una posizione di svantaggio, realistica ed estremamente umana.

In questo modo l’arco di trasformazione del personaggio diventa anche l’arco di trasformazione del lettore.

Puoi farlo.

Sviluppa un personaggio che si percepisca reale e potrebbe diventare indimenticabile.

Cosa ne pensi di questo contenuto?

Fammi sapere nei commenti, come affronti l’arco di trasformazione del tuo personaggio principale?

Immagine di copertina: esempio di personaggio principale perfettamente rappresentato – il robottino Wall-E (Disney Pixar) – su un pianeta Terra abbandonato dall’umanità, il solitario e sensibile robottino Wall-E si innamora perdutamente di un drone sbarcato nella discarica dove vive.

Community ufficiale di Youcanprint

Fai già parte della nostra Community su Facebook?

Il luogo dove ogni giorno postiamo nuovi contenuti gratuiti per Scrivere, Pubblicare e Promuovere il tuo Libro.
Dove Autori condividono le loro idee e si confrontano ogni giorno.
Ci sono già centinaia di Autori che ti stanno aspettando!

Unisciti alla Community

8 Commenti

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lost your password? Please enter your username or email address. You will receive a link to create a new password via email.
We do not share your personal details with anyone.