Self-publishing Ambassador

Linda Spandri – Un sogno realizzato

a casa CamelaTutto è iniziato con alcuni racconti, di cui qualcuno aveva anche ricevuto riconoscimenti in qualche concorso, ed il desiderio di “farne qualcosa di più”. Ero stufa di lasciarli in un cassetto! Ne ho scelti alcuni che avevano elementi comuni, ad esempio l’ambientazione sul lago di Como, e ho composto una breve raccolta. Il mio sogno di bambina di scrivere e pubblicare un libro era tornato a galla! Purtroppo, però, si era ben presto scontrato con la realtà. Ho provato a contattare le case editrici tradizionali, ricevendo nell’ordine:

– qualche “le faremo sapere entro tre mesi se siamo interessati”;

– un “le conviene prima pubblicare con una piccola casa editrice, se le vendite funzionano potremmo essere interessati” da un editore famoso;

– un “se vuole pubblicare il libro con noi, la informiamo che le spese saranno a suo carico e che avrà l’obbligo di ritirare ottocento copie” da una piccola casa editrice.

Tutti i miei altri invii sono caduti nel nulla. Ho provato a mandare l’opera intera, un estratto con presentazione, ho persino inviato il tutto anche ad un autore famoso che poteva conoscere certi aspetti dello scenario dei miei racconti chiedendo se, a suo parere, il mio modo di scrivere poteva funzionare. Dopo due anni di silenzi, porte chiuse e proposte capestro, stavo per rinunciare.

All’ultima spiaggia, una sera ho digitato su un motore di ricerca quattro parole, più per disperazione che altro: “come autopubblicare un libro”. Ho trovato il link ad un forum in cui si mettevano a confronto diversi servizi di self-publishing, tra cui quello offerto da Youcanprint. Mi sono detta “o la va, o la spacca” e li ho contattati per un preventivo. La spesa era poca e mi sono sentita di rischiare. In quattro e quattr’otto ho scelto il materiale per la copertina e ho inviato i file.

Tra il preventivo e quel 2 novembre, giorno in cui ho ricevuto le copie del libro che avevo richieste, sono passate cinque settimane. In quel periodo, ho potuto apprezzare la disponibilità dello staff di Youcanprint, da cui ho ricevuto mail con risposte a qualunque domanda in tempi brevissimi (indimenticabile aver avuto un sabato mattina risposta ad un quesito inviato il venerdì sera… nemmeno gli amici sono sempre così solerti!).

Nel tempo, hanno fatto seguito due ristampe, la conversione in ebook e il mio nuovo romanzo Find your Wings, inutile dirlo, pubblicato con Youcanprint!

You may also like
“Con il selfpublishing raggiungo più possibili lettori”: la storia di Nadia Mogni, alias Evaporata
L’esperienza con Youcanprint? Un idillio senza fine

Leave Your Comment

Your Comment*

Your Name*
Your Webpage