Lezioni di marketing per gli scrittori

Era un normale mercoledì pomeriggio quando tornando a casa dalla cassetta della posta tirai fuori alcune buste.

Bollette, pensai.

Infatti due su tre lo erano. Ma l’ultima non era una bolletta e non era nemmeno pubblicità, era una lettera. Il nome del destinatario (il sottoscritto) era stato scritto a mano: alla cortese attenzione di Donato Corvaglia e famiglia.

In che senso “e famiglia” ? Pensai ancora.

Sopra aveva il francobollo e il timbro di affrancatura.

Leggermente confuso e abbastanza incuriosito decisi di aprirla subito. Dentro ci ho trovato una lettera scritta a mano e una rivista di poche pagine.

Chi scrive ancora lettere a mano di questi tempi?

Ancora più incuriosito ho proseguito e leggendo mi è venuta in mente una cosa. Questa persona è un genio del marketing.

Così ho pensato di buttare giù degli appunti, delle lezioni di marketing che ho appreso da questa avventura, perché sono sicuro che possono tornare utili a tutti noi, che ogni giorno ci facciamo in quattro per elemosinare briciole di attenzione dal prossimo.

1. Sii completamente inefficiente

A quanti verrebbe in mente di scrivere una lettera a mano oggi? Non molti. 

Ma allo stesso tempo siamo ossessionati dall’efficienza. Come possiamo essere più veloci? 

L’efficienza è la parola d’ordine del secolo e ha senso. Se puoi essere efficiente puoi ottimizzare il tempo facendo le cose che ti piacciono.

Scrivere a mano una lettera e spedirla è probabilmente tanto inefficiente quanto è vero che siamo nel 21° secolo. Non trovi?

Fortunatamente, la tecnologia ha spianato la strada per aumentare la nostra produttività. Queste soluzioni sono onnipresenti:

  • Una tastiera e un pc
  • Marketing via email
  • Instagram ads
  • Facebook ads
  • ecc

Tutte le opzioni di cui sopra avrebbero aiutato l’autore della lettera a svolgere prima il suo compito. 

Eppure non riesco a ricordare l’ultima volta che un annuncio (di Facebook?) ha attirato la mia attenzione e infatti, non li guardo. 

A volte la comunicazione più semplice può essere anche la più intrigante.

2. La qualità è il proiettile d’argento.

Quando ci troviamo di fronte ad un’attività da fare ci concentriamo su quanto tempo impiegheremo a realizzarla. Anche a lavoro, noi ci gestiamo in questo modo.

  • Due ore per l’attività #1
  • Un’ora per l’attività #2
  • Un’ora e mezza per l’attività #3

Tempo totale: quattro ore e mezza e assolutamente non di più!

A causa della pressione, ci sentiamo obbligati a lavorare rapidamente, ma perdiamo di vista il punto principale.

Cioè, arriveremo a concludere l’operazione, a raggiungere l’obiettivo di scrivere l’articolo (per esempio) ma, l’obiettivo qual è? Scrivere l’articolo? O scrivere un ottimo articolo?

In relazione agli step che ci siamo dati non c’è nessuna differenza fra un ottimo articolo e un articolo spazzatura, purché sia uscito.

In pratica avremo sì, messo la spunta su fatto. Ma a che prezzo?

Una versione ad alta qualità vale 10 volte quella di un pezzo scritto male. Eppure è maledettamente facile cadere in tentazione da un punto di vista puramente produttivo, i due articoli sono esattamente gli stessi.

La qualità è il nostro vero proiettile d’argento.

3. Avere zero aspettative

Questa lettera scritta a mano ha un totale di circa 15 righe. L’ho appena cronometrato e mi ci sono voluti circa 6 minuti per ricopiarla, forse qualche secondo in più per scrivere l’indirizzo sulla busta, quindi diciamo 7 minuti in totale. 

Non sembra male. Otto minuti non sono molti nel grande schema della nostra vita lavorativa, no?

Poi mi sono chiesto da quanti minuti è composta una giornata lavorativa tipo? Circa 500 minuti? 

Ok allora facciamo finta che l’autore della lettera abbia impiegato un suo giorno lavorativo per manoscriverle tutte, quante ne ha scritte? Circa 80. Facciamo che abbia voluto arrotondare a 100 lettere.

Un giorno di lavoro usato per scrivere 100 lettere in cui questo signore (Antonio) non chiede nulla in cambio. Non vuole soldi o aiuto e nemmeno parte del mio tempo, mi ha scritto per darmi lui qualcosa.

Delle 100 lettere diciamo che 40 non aprono proprio e cestinano (sebbene la scrittura a mano invogli maledettamente ad aprire), poi supponiamo che 60 la aprono e 40 la buttano, rimangono 20.

Il 20%.

Forse il 20%, percentuale di cui felicemente faccio parte, avrà letto questa lettera e cosa Antonio aveva da dire.

Catturare profondamente l’attenzione di 20 persone con 500 minuti di lavoro. E non solo

lettera scritta a mano
Lettera ricopiata di pugno dal sottoscritto 🙂

4. Mettiamoci nei panni del lettore

Con la quarta riga, siamo nel punto focale della lettera. Non c’è tempo per perdere tempo nei dettagli: se qualcuno sta leggendo la nostra missiva, dobbiamo dirgli perché entro le prime righe. Altrimenti il cestino è distro l’angolo, (o in basso a destra sul desktop).

Non trovi, come me, che l’attuale incertezza e isolamento stiano minacciando il tuo benessere mentale?

Sì, Antonio, sono d’accordo.

Come possiamo ristabilire la nostra pace mentale?

Non Ti conosco Antonio, ma sono sicuro che me lo dirai.

E proprio così, sappiamo perché stiamo leggendo la lettera. Siamo stati preparati per capire qual è il problema, ci sentiamo rassicurati che non siamo solo noi a lottare con i mostri interiori, ed eccoci qui, pronti a trovare la risposta. (Ossitocina nel nostro sangue)

Coinvolgere emotivamente il lettore è una regola fondamentale di ogni buon narratore. 

Far sentire le altre persone capite è un talento che molti di noi desiderano affinare, e qui Antonio lo fa con facilità. Metterci nei panni del lettore lo fa sentire vicino, compreso.

5. Dai via tutto gratuitamente

Visto che ci siamo, vale la pena leggerla fino alla fine. Dopotutto, il nostro Antonio ha fatto lo sforzo di scrivere a mano per un giorno intero quasi 100 lettere. Quindi potremmo fargli la cortesia di leggerlo fino in fondo.

Antonio continua raccontandoci del beneficio della Bibbia, a quali versetti prestare attenzione, del beneficio della preghiera, e allega anche una rivista che si intitola “Perché pregare?

Se c’è mai stato un esempio di lavoro completo e ben fatto, è proprio questo. Abbiamo i suoi dati nel caso volessimo metterci in contatto, abbiamo un sito web che possiamo visitare, abbiamo una rivista a cui fare riferimento.

Cos’altro potremmo volere?

L’attenzione riguarda il dare. 

Cosa puoi dare al tuo pubblico che dia loro valore? Dopo averlo fatto, pensa a cos’altro potrebbero volere. 

6. Sii perfetto

Nonostante la modalità atipica con cui ha raggiunto i suoi potenziali lettori, quali errori o problemi possiamo ravvisargli?

Nessuno.

Ha scritto una lettera ordinata, con la giusta struttura, educata e con tutti i riferimenti di contatto.

Non mi ha chiesto niente. Niente. Si è fatto sentire vicino, ha condiviso i miei stessi timori, mi ha offerto delle soluzioni.

Sai, a volte confondiamo le cose. Se vogliamo attirare l’attenzione della gente presumiamo che sia impossibile, sosteniamo che il mercato è troppo saturo.

Ma qui, nella forma più semplice di sempre, Antonio ha attirato la mia attenzione. Niente campanelli, niente like, niente influencer ne condivisioni, solo pura perfezione vecchio stile, un foglio e una penna.

Pensieri finali

Non c’è niente di sbagliato nel voler/dover riuscire a catturare l’attenzione della gente, ma a volte è evidente che rendiamo la procedura più difficile di quanto dovrebbe essere.

  • Spendiamo centinaia di euro in pubblicità.
  • Troviamo immagini ad effetto
  • Scriviamo titoli che spingono le persone a leggere anche se sono un po’ ingannevoli.

Forse c’è un modo più semplice.

Forse devi dedicare 500 minuti a scrivere 100 lettere per attirare l’attenzione di 20 persone. 

Forse dobbiamo abbassare le nostre aspettative anzi, forse dovremmo aspettarci zero. Forse dobbiamo dare senza scuse e non chiedere nulla in cambio.

Forse sarà allora che otterremo l’attenzione che desideriamo.

Forse queste lezioni di marketing del passato sono più presenti di quanto pensiamo.

Community ufficiale di Youcanprint

Fai già parte della nostra Community su Facebook?

Il luogo dove ogni giorno postiamo nuovi contenuti gratuiti per Scrivere, Pubblicare e Promuovere il tuo Libro.
Dove Autori condividono le loro idee e si confrontano ogni giorno.
Ci sono già centinaia di Autori che ti stanno aspettando!

Unisciti alla Community

9 Commenti

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lost your password? Please enter your username or email address. You will receive a link to create a new password via email.
We do not share your personal details with anyone.