Pubblicare

La Torre di Bollingen: il Segreto della Creatività di Ogni Grande Scrittore

9 minuti di lettura 2 Commenti
  • Home
  • /
  • Pubblicare
  • /
  • La Torre di Bollingen: il Segreto della Creatività di Ogni Grande Scrittore
Torre di Bollingen e Creatività

Quante volte hai sentito dentro di te una voce che ti sussurrava un personaggio, un’idea di trama, un dialogo, i tratti di una scena che ti hanno emozionato così tanto che hai avuto l’istinto di fermarla sulla carta per sempre? E cosa hai provato quando il mondo intorno a te come il rumore, le persone, la tua attenzione richiesta o catturata ti ha impedito di farlo?

Hai sentito che qualcosa di importante, una parte di te era inevitabilmente andata via? Hai percepito un senso di perdita incolmabile?

Se almeno una volta hai avuto queste emozioni hai avuto esperienza dell’intuizione, dell’ispirazione, dell’illuminazione, dell’epifania. È un momento magico in cui abbiamo una percezione improvvisa su qualcosa che apparentemente sembra provenire da dentro di noi, da qualcosa di più grande, da una forza oscura.

So che sai di cosa sto parlando…

Come scrittore e scrittrice hai sentito queste emozioni infinite volte per ogni libro, capitolo o pagina che hai scritto. Il tuo telefono o i tuoi quaderni sono pieni di quelle intuizioni. In fondo è questo che fa di te uno scrittore, sei una persona che da una forma a quel mondo nebuloso che abbiamo dentro di noi e che ogni tanto ci parla.

Anima, inconscio, Dio, energia, universo”; esistono infiniti modi per chiamarlo ma comunque in qualsiasi modo lo si nomini il risultato non cambia: ascoltando questa voce possiamo creare o fare le cose migliori della nostra vita.

E se ti dicessi che esiste un modo per alimentare quella voce, per fare in modo che ti parli ogni giorno? So che può sembrarti apocrifo comandare a bacchetta l’ispirazione, ma in fondo è quello che fanno i grandi scrittori. I grandi scrittori sembrano rapiti da qualche fuoco creativo magico ma lavorano come dei ragionieri. Sì, proprio così. So che l’immagine può non piacerti ma è esattamente così ed è magicamente descritto in questo libro che ti consiglio di leggere con tutto il cuore.

Rituali quotidiani. Da Tolstoj a Miró, da Beethoven a Darwin, da Fellini a Marina Abramovic, da Proust a Murakami

Qual è il segreto della creatività?

Carl Jung, uno delle principali figure intellettuali del pensiero psicologico, psicoanalitico e filosofico, acquistò un terreno nel 1922 dopo la morte della madre. Nel 1923 costruì una torre a due piani sullo stesso terreno fatta in pietra, adatta per vivere ma con la particolarità che era completamente sconnessa dal mondo esterno, in totale silenzio, priva di elettricità e acqua corrente, una forma di luogo primordiale e semplice ed essenziale.

Carl Jung, per gran parte della sua esistenza, trascorse diversi mesi in ritiro nella sua torre di Bollingen ogni anno. In quella torre Jung concepì le sue opere migliori ed ebbe lì le sue intuizioni migliori che segnarono il pensiero di tutto il 1900 e ancora oggi sono studiate e sviluppate.

La torre prende il nome del villaggio in cui venne costruita. Carl Jung decise di costruirla per “dare una qualche rappresentazione in pietra dei miei più interni pensieri e del mio sapere. O, per dirla diversamente, dovevo fare una professione di fede in pietra.

Toccante è anche la descrizione della decisione che lo ha portato a creare la torre.

Dopo la morte di mia moglie nel 1955, sentii l’intima obbligazione di diventare ciò che sono. Per esprimermi col linguaggio della casa di Bollingen, mi resi conto a un tratto che la piccola sezione centrale, così acquattata, così nascosta fra le due torri, rappresentava me stesso o il mio io. Perciò, in quell’anno stesso, aggiunsi a questa sezione un altro piano. Prima non avrei potuto farlo; l’avrei considerato una presuntuosa ed enfatica affermazione di me stesso; adesso invece rappresentava la superiorità della coscienza raggiunta con la vecchiaia. Con ciò, a un anno dalla morte di mia moglie, l’edificio era compiuto. Avevo cominciato la prima torre nel 1923, due mesi dopo la morte di mia madre. Queste date hanno un senso, perchè, come vedremo, la Torre è legata ai morti. Fin dal principio sentii la Torre come un luogo, in un certo senso, di maturazione, un grembo materno o una figura materna nella quale potessi diventare ciò che fui, sono e sarò. Mi dava la sensazione di essere rinato nella pietra. Mi appariva come un’attuazione di ciò che prima avevo solo intuito e una rappresentazione dell’individuazione, un monumento aere perenni. Questo ha avuto un effetto benefico su di me, come una accettazione di ciò che sono. Naturalmente durante i lavori di costruzione non feci mai queste considerazioni; avevo costruito la casa un po’ per volta, seguendo sempre le concrete esigenze del momento: potrei anche dire di averla costruita in una specie di sogno. Solo in seguito vidi che cosa era sorto e che era riuscita una figura significativa: un simbolo della totalità psichica. Si era sviluppato come se un vecchio seme fosse germogliato.”

Qual è quindi il segreto della creatività? Può sembrarti disarmante ma è fare come Carl Jung, ovvero trovare un luogo intimo che ci rappresenti e in esso avere la libertà di essere sé stessi, ascoltare la propria anima parlare attraverso l’intuizione e mettere se stessi sulle pagine bianche e consegnarle al lettore per sempre.

Non credo che esista niente di più vicino a questa definizione di creatività. È violentemente semplice e così dannatamente difficile. Quante volte mentre scriviamo indossiamo delle maschere, pensiamo a cosa possa piacere al pubblico rinunciando a fare della nostra vita la nostra “torre di Bollingen”?

Questa abitudine affascinante non è stato un presupposto solo di Carl Jung, ma è un tratto comune dei più grandi artisti e scrittori mai esistiti.

Ogni persona che sente di dover dar spazio all’ispirazione ha bisogno di uno spazio magico in cui disconnettersi con il mondo ed essere sé stessi integralmente.

Non deve essere necessariamente una Torre storica, un luogo costruito appositamente, ma qualsiasi luogo che sentiamo connesso con la nostra anima, un luogo in cui siamo felici e in cui possiamo sperimentare una solitudine appagante e creativa in modo da essere la nostra torre di Bollingen.

Rowling scrisse uno dei suoi ultimi libri in una stanza di un hotel che amava, Hugo ha scritto i suoi capolavori in una stanza con una cupola di vetro con la vista sul mare e la costa francese durante il suo esilio, Dickens scriveva 2000 parole al giorno nel silenzio e nella solitudine del suo studio in cui nessuno poteva disturbarlo, e così tanti altri geni della letteratura, scienza, musica.

Come trovare la tua Torre di Bollingen

E tu hai già trovato la tua Torre di Bollingen? Se hai già trovato quel luogo che ti garantisce le stesse emozioni di Carl Jung che ti hanno permesso di scrivere i tuoi libri migliori, commenta l’articolo e descrivimelo, non vedo l’ora di leggere la tua storia.

Se invece hai sempre percepito l’esigenza di un luogo come questo, ma non lo avevi mai cercato attivata mente è arrivato il momento di farlo.

Non si può allenare la creatività e l’ispirazione e scrivere i libri che abbiamo dentro di noi se non creiamo l’ambiente giusto per permettere a tutto questo di nascere e sbocciare.

Le caratteristiche della tua Torre di Bollingen

Quali sono le caratteristiche che una torre di Bollingen ideale dovrebbe avere per alimentare tutto questo? Ecco i 3 pilastri irrinunciabili per creare una Torre di Bollingen ideale. Vediamoli insieme:

  • Silenziosa e disconnessa dal mondo. Questa è la caratteristica principale a cui non dovrai mai rinunciare. Non puoi scegliere o creare un luogo per poi vivere alla mercé degli altri che decidono quando è arrivato il momento di uscirne. Scegli un luogo in cui sia facile essere sconnessi dal mondo (televisione, telefono, internet, etc.) e in cui solo tu e soltanto tu puoi decidere quando interrompere o quando essere disturbato. Può essere una casa in campagna, una stanza di hotel, una spiaggia isolata e selvaggia. Qualsiasi luogo va bene, l’importante è che chi è all’esterno sa di non poter entrare se non quando sarai tu ad uscirne. Il silenzio dovrà regnare. Solo rendendo tutto il resto silenzioso potrai permettere alla tua anima di parlarti.
  • Connessa alla tua anima. Il luogo che scegli non deve contenere necessariamente oggetti, può anche esserne privo. Quello che deve rispecchiare è te stesso. Ogni oggetto presente nella torre deve renderti felice, ispirarti, alimentare la tua creatività. Elimina qualsiasi cosa che genera in te pensieri o ricordi negativi o che ti fa ricordare impegni o cose del mondo esterno che hai chiuso fuori. Ogni oggetto deve essere magico per te, infonderti fiducia e felicità.
  • Abitudine. L’uso della tua torre di Bollingen non deve essere occasionale, accidentale o improvvisa, ma abitudinaria. Tutti i grandi scrittori hanno trascorso non mesi, ma anni, ogni giorno della loro vita nelle loro torri. Solo in questo modo si può allenare il muscolo dell’ispirazione e creare meraviglie. Scegli quindi con cura la tua Torre e poi fai in modo che tu possa raggiungerla ogni giorno per molti anni trascorrendo almeno 2-3 ore o di più se puoi e ricordati che a dispetto di quello che ci hanno insegnato i film sull’abitudine. “L’abitudine è il modo in cui Dio ha reso automatico il bene nelle nostre vite”, Robert Russell

Ora che hai scoperto l’esistenza di questo luogo meraviglioso sono sicuro che la tua vita cambierà.

Il mio auguro è che tu possa trovare presto questo luogo: potresti anche scoprire che è sempre stato vicino a te e che l’avevi ignorato. Qualunque sarà la tua scelta ti lascio con un augurio, la più bella descrizione che Carl Jung abbia fatto della sua Torre e che mi auguro tu possa dire della tua torre molto presto:

Nella mia stanza di ritiro sono solo con me stesso. Ne ho sempre la chiave, e nessuno può entrarci se non col mio permesso.”

In bocca al lupo per il tuo libro e la ricerca della tua Torre.

Correlati

Ti potrebbe interessare anche:

come funziona iva sui libri regime fiscale

Come funziona l’Iva sui libri: il regime fiscale per l’editoria

Partita IVA per chi pubblica un libro Sono ormai quasi 20mila gli autori che scelgono di pubblicare autonomamente un libro, sfruttando l'opzione del...

Che cos’è l’epub3: le potenzialità del formato

Epub3 è l’ultima versione del formato epub, lo standard internazionale per il libro digitale Si tratta di un formato libero (open source), basato su linguaggi...

biblioteca nazionale

Cosa si intende per deposito legale dei libri?

Con “deposito legale” si intende l’obbligo, stabilito dalla legge, di depositare presso particolari organismi libri e altri documenti Non bisogna, però...

quanto guadagna uno scrittore con il suo libro

Quanto guadagna uno Scrittore?

So che “quanto guadagna uno Scrittore” è la domanda delle domande per chi come te scrive e pubblica libri o nutre il sogno di farlo  Domanda che...

pubblico dominio

I libri di pubblico dominio. Pubblicazione ed aspetti legali nel 2019.

Abbiamo assistito nel corso del 2016 alla "riscoperta" de "Il Piccolo Principe" di Antoine de Saint-Exupéry (1900 - 1944), entrato in pubblico dominio nel...

Come inserire immagini o citazioni nel tuo libro

Viviamo in un'epoca in cui l'accesso alle risorse è diventato semplicissimo Foto, testi, immagini, anche d'epoca grazie alla digitalizzazione di archivi storici,...

javascript

Epub interattivi con Javascript

Ultima ma non meno importante novità introdotta da epub3 riguarda la possibilità di ricorrere al linguaggio di programmazione Javascript per realizzare ebook...

Come pubblicare e vendere un libro su LaFeltrinelli.it?

LaFeltrinelliit è uno dei più importanti e conosciuti bookstore on-line a livello nazionale Grazie al suo vastissimo catalogo e alla grande attenzione alle...

Self-publishing con o senza partita iva? Guida fiscale completa all’auto-pubblicazione

Con oltre 3 milioni di copie distribuite nel mondo, 2,2 milioni in diritti d’autore versati ad oltre 18000 autori, una delle domande più frequenti che ci viene...

formati di stampa

Self-publishing: scegliere il giusto formato del libro

Scegliere la dimensione dei libri è molto importante per uno scrittore che si autopubblica Prima di descrivere i principali formati di stampa, premettiamo che...

come pubblicare un libro per diventare scrittori in 10 passi

Come pubblicare un libro: 10 semplici passi per diventare Scrittori

Se stai leggendo questo post significa che hai scritto un libro, vorresti pubblicarlo ma non sai da dove iniziare Questa guida ti fornirà il meglio...

codice isbn libri

Codice ISBN: cos’è e a cosa serve il codice a barre in un libro?

Cos'è il codice ISBN E come è possibile ottenere il codice ISBN in maniera gratuita Il codice ISBN è importante anche nel self-publishing L'acronimo ISBN...

pubblicare con amazon in esclusiva

Perché non conviene pubblicare in esclusiva con Amazon

Dare ad Amazon l'esclusiva della vendita del proprio libro per vendere di più Ma si guadagna davvero di più Ecco un'analisi completa per guidarti alla...

2 Commenti

Rispondi a Sonia Bottai Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.