Guide Pratiche Marketing Selfpublishing

Self-publishing: I 5 passi per promuovere i propri libri su Pinterest

Youcanprint sel-publishing pinterestSe non lo sai già, Pinterest è il nuovo social network dedicato alle immagini. In poco tempo, grazie alla sua immediatezza e facilità d’uso, ha conquistato un’enorme mole di utenti. Va da sé che è diventato molto appetibile per chiunque voglia fare personal branding o promuovere i propri prodotti online. Quindi, anche a chi si autopubblica.

Ovviamente, Pinterest parla una lingua diversa da quella di Facebook, di Twitter, Linkedin e Google+, per questo bisogna sapersi muovere all’interno di questo affascinante social network fatto di immagini. Ecco, dunque, i 5 passi base per iniziare a promuoversi su Pinterest.

1.     Crea delle board affascinanti e di valore

Pinterest lavora con le board, come se fossero delle mini gallerie d’arte. Ogni utente, dopo essersi registrato, deve creare delle board nelle quali inserire i pin, ovvero le immagini/news prese in giro dal Web. Ovviamente, come per le pagine Facebook, non è il caso di fare un’unica board all’interno della quale inserire di tutto. Né è il caso di pinnare qualsiasi cosa trovi in giro per il Web.

Tieni sempre a mente che ti stai rivolgendo a un pubblico di potenziali lettori. Quindi, resta sul tuo argomento di interesse (la scrittura) e muoviti all’interno di questo. Puoi creare una board per ogni libro che scrivi, puoi consigliare dei libri da leggere, board che trattano gli argomenti dei tuoi libri, ma anche board che parlino di te, che dicano chi sei, cosa ami e come pensi. Io ho fatto proprio così.

2.     Crea un profilo adeguato

Anche qui vale la regola di Facebook: crea un profilo che parli di te ma non sia solo autocelebrativo. Fai capire a chi legge che sei un essere umano, fai trasparire entusiasmo per ciò che fai e fornisci tutti i link per farti contattare (blog, contatti social, skype …).

3.     Sii social

Pinterest è un social network, per questo il punto fondamentale è: interagire. Non si sa perché, ma alcuni pensano che Pinterest sia un altro mondo, qualcosa di completamente nuovo. In realtà non è così. Pinterest ti offre le stesse possibilità di interazione di Facebook: ci sono i “like”, si può commentare e condividere nelle proprie board i pin di altri.

A differenza di altri social, però, su Pinterest si può scegliere di seguire tutte le board di un determinato utente, oppure di seguirne solo alcune, solo quelle che ci interessano sul serio. Per scoprire quali sono le board e le immagini più interessanti per te (anche in giro per il Web), puoi utilizzare l’applicazione Spinpicks.

Qualsiasi cosa tu decida di fare, ripeto, la regola è una: interagisci.

4.     Monitora la tua popolarità

Per avere un’idea di come vanno le cose su Pinterest e monitorare i tuoi pin, puoi utilizzare lo strumento Pinpuff. Tenere sotto controllo l’andamento della tua popolarità è essenziale per la buona riuscita delle tue campagne marketing, ma anche per valutare se conviene o meno spendere del tempo per aggiornare il tuo stato. Eh sì, aggiornare costantemente il tuo stato è un punto fondamentale.

5.     Pinna, pinna, pinna

Questa è la regola per avere maggiore visibilità su Pinterest: pinna, ripinna e pinna ancora. Appena trovi qualcosa di rilevante e interessante in giro per il Web o tra i tuoi contatti, non esitare a pinnare. Quando si accede a Pinterest ci si trova davanti a una grande bacheca, la “home”, proprio come su Facebook. Per farsi notare, dunque, è importante pubblicare spesso e molto, specialmente all’inizio, così da affollare la grande bacheca.

Alla prossima e…occhio alla penna ;)!

Youcanprint su Pinterest: Segui Youcanprint anche su Pinterest, restando sempre aggiornato sulle nuove pubblicazioni e le novità nei servizi. Clicca qui

Roberto Tartaglia

Giornalista e scrittore indipendente. Fondatore di www.viverediscrittura.it, il primo sito per imparare a diventare scrittori indipendenti. Il suo sito personale è www.robertotartaglia.com.

Potrebbe interessarti
Touched: la casa editrice Nord acquista i diritti dell’opera auto-pubblicata con Youcanprint!
Selfpublishing: quando una copertina è brutta?
1 Comment
  • Adriana Tipaldi
    Mar 15,2015 at 11:17

    Un libro per bambini che li induce ad amare gli animali
    LA STORIA DI GATTO
    Scritto e illustrato da
    Adriana Tipaldi

Lascia il tuo commento

Commento*

Your Name*
Your Webpage