Top
Youcanprint - Selfpublishing Blog / Scrivere  / I 4 segreti del buon racconto (e che gli scrittori spesso dimenticano)

I 4 segreti del buon racconto (e che gli scrittori spesso dimenticano)

Quali sono i segreti per scrivere un buon racconto?

Per “buon racconto” intendiamo storie che sono messe insieme con intelligenza, comprensione, passione e lungimiranza, in modo che noi, come spettatori e lettori, abbiamo l’opportunità di reagire a personaggi e trame che ci coinvolgono emotivamente e ci stimolano intellettualmente.

I 4 segreti del buon racconto

Qui voglio parlare di alcuni principi per buona narrazione. Ovvero tecniche di narrazione di base che possono valere in ogni storia.

Se vuoi scrivere un buon libro o una sceneggiatura, questi principi non sono opzionali.

Ovviamente a dirla tutta molti più di quelli che trovi qui, ma questi sono senza dubbio i basilari, e quindi i più importanti, ma sono anche, sfortunatamente, quelli che di solito vengono più trascurati.

Ogni pezzo deve contribuire alla trama

La storia è un’unità. Per essere un’unità, deve essere coesa. Ogni pezzo – ogni scena – deve collegarsi insieme, come un cerchio di domino, per creare una catena unificata di causa ed effetto .

Qualsiasi colpo di scena sarà, una spinta nel viaggio dei tuoi lettori attraverso la tua storia.

Questo è vero non solo per le scene e la struttura. Si applica a ogni elemento della trama.

La maggior parte delle storie può supportare un po’ di scioltezza, ma un buon motto per qualsiasi scrittore è: tutto conta.

Di conseguenza, ogni personaggio deve avere importanza. Non puoi semplicemente inventare un personaggio fantastico, incollarlo nella storia per alcune scene, poi dimenticarlo.

Quel tipo di personaggio è come il bravo ragazzo che ti aiuta a far ripartire l’auto e poi esce per sempre dalla tua vita; nella vita reale questo può accadere, in un libro no.

Consiglio

Se riesci a eliminare un personaggio o una scena e riesci comunque a raggiungere il tuo momento di ripresa, non hai bisogno di quel personaggio, scena o dispositivo di trama.

Per quanto figo possa sembrare o comunque molto divertente potrebbe essere scrivere, è un peso morto nella tua storia.

La trama non può svolgersi solo per far accadere cose

Non preoccuparti di sapere se puoi oppure no, fermati a pensare se devi.

Perché i tuoi personaggi hanno viaggiato in quella nuova ambientazione esotica? Perché hai incluso quella piccola sottotrama divertente?

Se la tua risposta principale è Perché … è bello! Allora fermati e rifletti un attimo.

Non c’è motivo per cui non puoi includere tutte queste cose interessanti, ma prima devi renderle importanti per la storia.

Devono essere parte integrante della trama a tal punto che se non ci fossero la trama ne risentirebbe pesantemente.

Mi piacciono molto i libri lunghi e le trame complesse, quando funzionano. Quando tutta quella complessità si unisce per creare l’ordito e la trama in un insieme magico, è il massimo.

Invece se c’è una cosa che odio è quando inizio automaticamente a saltare intere frasi e pur saltandole non perdo il filo e più ne salto più capisco che tutto quanto era scritto (e che non ho letto) non serviva a niente, e più penso questo prima quel libro è destinato ad essere chiuso e mai più riaperto.

I personaggi devono avere un evoluzione

E’ bene insistere su questo punto. Le storie devono avere un’evoluzione.

Il modo più semplice per determinare se la tua storia nel suo complesso ha un’evoluzione o se qualche elemento particolare della tua storia contribuisce a questo, è cercare l’arco di cambiamento all’interno della tua storia.

Gli eventi che contano devono creare cambiamenti, sia nel tuo protagonista che nel mondo che lo circonda.

In una storia possono accadere un sacco di cose, ma se queste non influiscono su un cambiamento importante e duraturo, allora è un problema.

Consiglio

Confronta l’inizio e la fine della tua storia. Cosa c’è di diverso?

Quali delle credenze dei tuoi personaggi riguardo al mondo sono cambiate? In che modo questo ha creato cambiamenti nel loro modo di agire?

In che modo il loro agire ha generato nel mondo che li circonda?

Come sono cambiati fisicamente? Come è cambiato il mondo intorno a loro?

Nel rispondere a queste domande, guarda oltre il disordine superficiale. Forse i tuoi personaggi hanno combattuto un’epica battaglia e un gruppo di loro è morto. 

A prima vista, sembra un cambiamento. 

Ma a meno che quella battaglia non abbia cambiato gli obiettivi o la vicinanza dei tuoi personaggi a questi obiettivi, nulla è cambiato.

Cause ed effetti realistici devono nascere dalla motivazione del personaggio

Non puoi avere una trama solida senza motivazioni solide; semplicemente non funziona.

I personaggi non possono essere in guerra solo perché le guerre sono drammatiche e interessanti.

I personaggi non possono immergersi in modo avventato in un conflitto solo perché gli eroi spericolati sono fantastici.

I personaggi non possono innamorarsi solo perché sono entrambi adorabili, quindi perché non farli innamorare? E via discorrendo…

Consiglio

Se il climax (link) è la luce che guida fino alla fine della storia, le motivazioni dei tuoi personaggi sono il catalizzatore che li porta alla ricerca di quella luce.

Queste motivazioni devono essere controllate e ricontrollate in ogni scena che scrivi.

I tuoi personaggi prendono decisioni ed eseguono queste azioni perché sono in totale allineamento con le loro dichiarazioni di missione – le loro motivazioni – o stanno decidendo e agendo in questo modo solo perché è conveniente per la trama?

Commenta tramite Facebook
Donato Corvaglia

Ideatore, fondatore e marketing specialist del gruppo Borè srl, il gruppo è proprietario di Youcanprint piattaforma italiana di self-publishing. Scrivo e mi occupo di Book Marketing.

Nessun commento

Posta un commento

Consiglieresti Youcanprint e il suo Blog ad amici o colleghi?

ESPRIMI IL TUO FEEDBACK