Come scrivere libri di fantascienza

La fantascienza è un genere popolare molto amato, tuttavia non è destinato alle masse quanto piuttosto ad una nicchia consolidata e anche sofisticata.

Il genere fantascientifico infatti si differenzia per una perfetta coerenza narrativa grazie a trame intriganti, ritmo coinvolgente, dialoghi interessanti e anche lessico nutrito.

Molto si deve al lavoro di Mondadori con la sua collana Urania che ha portato la letteratura fantastica alla portata di tutti e al lavoro di Tolkien che ha dato ampio sviluppo al genere in Italia.

Per scrivere di fantascienza è quindi molto importante essere dotati di una spiccata fantasia, avere padronanza del genere e dei suoi linguaggi, nonché dei suoi meccanismi.

Il consiglio che puoi attuare facilmente è quello di leggere, leggere, leggere tantissimo su questa tematica, così da immagazzinare tutte le informazioni utili alla tua stesura.

Scrivere un libro vuol dire avere una continuità, lavorare tutti i giorni alla stesura, elaborare uno schema da seguire come la costruzione di una casa, mattone dopo mattone.

L’idea è la chiave di un romanzo di fantascienza

La letteratura fantascientifica necessita di una buona idea e di un ottimo sviluppo. Pensare a qualcosa che sembra essere già stato trattato in precedenza non deve essere limitante. Ognuno ha uno stile differente e un modo di raccontare proprio che rende il prodotto unico e valido.

Quello che aiuta nella creazione di un progetto è avere delle idee che siano narrabili, che consentano quindi di creare una situazione, ovvero un sistema in cui confluiscono diversi personaggi e in cui si svolgono delle azioni.

La chiave dell’immaginazione è molto importante perché ti aiuta ad ideare universi paralleli, storie, creature. Se ti occorrono stimoli puoi attingere anche da un tipo di narrativa diversa, facendo però sempre attenzione all’utilizzo di contesti e scenari, soprattutto se questi sono reali.

Studio del linguaggio e ricerca delle parole

Quando si scrive in un preciso genere letterario, bisogna attenersi a delle regole non scritte. Nel caso della letteratura fantascientifica è bene essere creativi ma anche utilizzare in modo ottimale il linguaggio, anche creando delle nuove parole o dei neologismi.

Il linguaggio diventa anche una sorta di stile, di marchio di fabbrica, per molti autori è determinante anche perché rende riconoscibile il proprio lavoro. Puoi quindi lavorare molto su dialoghi, metodologia di racconto, parole ed espressioni.

Devi immaginare il linguaggio come il tuo più valido alleato, è quello che renderà la tua idea interessante. Alcuni autori sono ricordati ancora oggi per aver coniato determinate espressioni o introdotto parole in modo particolare. La buona narrazione non è solo quella che sviluppa un’idea interessante ma anche quella che sa ricamarci sopra.

Elementi indispensabili in un libro di fantascienza

La fantascienza è un genere che attinge molto dalla tecnologia, perché non prendere in considerazione quindi la possibilità di far lavorare la fantasia e creare macchine incredibili o tecnologie rivoluzionarie. È importante anche elaborare la psicologia dei personaggi, la narrazione e puntare magari alla creazione di una società parallela. Tutti questi elementi sono di vitale importanza per dare linfa all’elaborato.

Le linee maggiori del genere sono due: easy e hard. Nel primo caso lo stile viene definito con grande attenzione alla trama e alla simbologia, l’opera in questo caso è caratterizzata da: guerra, sociologia, studio filosofico e ampio sfondo fiction. In questo racconto viene quindi poco sfruttato tutto l’aspetto scientifico che è invece centrale nella scrittura hard che si focalizza molto sulla trattazione filosofica di alto livello.

Per l’utilizzo delle immagini, a meno che non si tratti di testi rivolti ai bambini o alla necessità di implementare delle mappe, è sconsigliabile complicarsi l’editing del lavoro introducendo foto o tabelle. Meglio concentrarsi solo sulla narrazione, per questo tipo di libro infatti non è necessario accompagnare il contenuto testuale a quello visivo.

Personaggi: creare la struttura della narrazione

Per dare vita ad un libro di fantascienza è necessario lavorare sui personaggi, alimentando vicende principali e storie marginali in cui inserire più protagonisti. Nei libri fantascientifici troviamo sempre personaggi realistici come uomini e donne, personaggi fantastici come extraterresti, robot, mutanti, androidi, maghi.

Ovviamente bisogna delineare un filo guida e non inserire elementi a caso o poco attinenti, pena la riuscita dell’intera struttura. Questi personaggi possono spostarsi nel futuro e nel passato? Allora bisognerà creare una storia che regga, dotare gli uomini di una macchina del tempo oppure narrare di buchi spazio temporali.

Per i luoghi vale la stessa cosa, sia che si racconti della distruzione della terra che un incontro con gli alieni. I personaggi solitamente sono sempre utilizzati come simbolo per mandare un messaggio, una critica al sistema politico o sociale, un ammonimento per l’eccessivo uso della tecnologia o una condanna al genere umano.

Consigli pratici su come elaborare un libro di fantascienza

Il romanzo può essere narrato in prima o terza persona, è necessario però che si generi suspense e quindi un forte sentimento di attesa nel lettore. Per farlo è importante inserire dei colpi di scena imprevisti e giocare molto sul ruolo di dettagli ed elementi che vanno a tessere la vicenda e la rendono più intrigante.

La lunghezza ideale per un libro di questo tipo varia dalle 60.000 alle 300.000 battute e non è fondamentale che il genere o l’argomento trattato sia presente nel catalogo della casa editrice poiché in questo ambito molto spesso vi sono delle variazioni e dei nuovi trend che fanno tutti parte del macro-genere.

Una buona pratica è quella di annotarsi sempre tutte le idee, le curiosità e le citazioni così da avere sempre spunti interessanti durante la stesura. Ovviamente bisogna fare molta attenzione a non uscire mai fuori dal genere che si sceglie, per farlo è bene scrivere ogni giorno creando una costanza narrativa. Quando si perde il filo del racconto si perde anche un po’ l’entusiasmo e questo può essere fortemente penalizzante.

Meglio non includere mappe, appendici, glossari o altre complicanze a meno che non si è autori famosi è importante puntare alla semplicità quindi facilitare la lettura, avere una piccola descrizione del testo e dividerlo bene in blocchi di testo facili da leggere.

Creare una stesura con un narratore onnisciente è possibile ma bisogna poi mantenere e seguire sempre la medesima linea fino a quando non finisce il testo o il capitolo. Passare dalla terza persona alla prima non è possibile nello stesso capitolo, inoltre i dialoghi anche se basati su storie paradossali devono sempre essere credibili, la bravura è proprio quella.

Al termine della stesura è opportuno fare numerose revisioni, leggere i nomi e vedere che non siano ridicoli. Va bene puntare su un finale a sorpresa purché questo non sia slegato dal resto del testo e non appaia assurdo o irreale. Fate sempre rileggere i contenuti a una persona esterna, può essere molto utile avere un confronto anche da persone non esperte del settore, per smussare eventuali incongruenze o sistemare quelle parti del testo inappropriate.

Tanto più la narrazione sarà fluida nel suo complesso maggiore sarà la possibilità di centrare i gusti del pubblico o comunque di attirare l’attenzione dei possibili lettori.

Pubblicare un libro di fantascienza

Non sempre è facile trovare una casa editrice pronta a pubblicare il proprio romanzo, ovviamente non bisogna abbattersi. Fare gli scrittori vuol dire anche imparare a superare le difficoltà. Per monetizzare con i propri scritti è possibile servirsi del sistema di pubblicazione di Amazon che permette a tutti di proporre i propri testi. Un ottimo modo per farsi conoscere e anche per avere i primi riscontri con recensioni e remunerazioni.

Il sistema è molto semplice e quindi anche chi ha poca dimestichezza con la tecnologia può agevolmente procedere. Una valida alternativa al servizio di Kindle Direct Publishing è tutta la linea di self publishing che prevede dei servizi gratuiti e altri a pagamento.

È importante ricordare che per rientrare nel catalogo delle pubblicazioni italiane è importante dotarsi di un codice ISBN, ce ne sono di differenti tipi (gratuiti, universali, personalizzati).

Quando si inizia a pubblicare non bisogna avere grandi aspettative. Magari non diventerete miliardari e per vedere i primi gruzzoletti dovrete aspettare ma certamente avere dei lettori ripagherà i vostri sforzi. Invitate le persone a lasciare recensioni dopo la lettura, dotatevi dei canali social per fidelizzare il pubblico e magari aprite un blog per creare una diretta connessione con il vostro testo e rispondere a domande, ampliare la storia dei personaggi, interagire con i lettori e anche organizzare dei quiz.

In questo senso le strategie di marketing sono molto utili per tutti coloro che vogliono non solo scrivere un libro di fantascienza ma anche venderlo.

Commenta tramite Facebook
Diventa uno scrittore di successo

Iscriviti per ricevere gratis un contenuto a settimana per migliorare la tua scrittura e la promozione del tuo libro.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *