Scrivere

Come iniziare una storia: 4 strategie efficaci

9 minuti di lettura
errori di marketing

Come possiamo iniziare a scrivere un libro? Ogni inizio è un momento critico. L’ho passato io stesso quando sono stato alle prese con le prime battute del mio libro, come si inizia un libro? Da dove si inizia a raccontare?

In questo contenuto ho raccolto quattro strategie, che reputo le più efficaci! Io stesso ne ho usata una in particolare, vieni a scoprire quale!

Pronti? Via!

Era così malvagio che in qualunque luogo lui si trovasse, diventava la parte peggiore della città.”

Continueresti a leggere, vero?

Se sei bloccato su come iniziare una storia, non sei solo.

Scrivere un incipit avvincente è fondamentale per incuriosire il lettore: che tu stia scrivendo un racconto o un romanzo, la tua prima frase sarà la più importante. Se fallisce, i lettori smettono di leggere.

Come iniziare una storia

Come scrittore, devi dare al tuo lettore alcuni input sin dalla prima pagina.

Investendo nel tuo romanzo, il tuo lettore accetta tacitamente di sospendere in modo volontario la sua incredulità e di fidarsi di te per essere intrattenuto, ispirato o istruito.

In cambio, il lettore si aspetta che gli venga riconosciuto il merito di avere un cervello, non di essere imboccato. 

Che la tua scena di apertura sia divertente o seria, il resto dovrebbe seguire queste regole.

1. Inizio in medias res

Non deve per forza essere un’azione clamorosa, inizia con qualcosa che, semplicemente, sta accadendo. Dai al lettore la sensazione di essere nel mezzo di qualcosa.

Non sprecare l’apertura raccontando dei retroscena o perdendoti in lunghe descrizioni. Inserisci questi elementi a strati man mano che la storia procede.

L’obiettivo di ogni frase, anzi di ogni parola, è costringere il lettore a leggere la successiva.

2. Presenta il tuo personaggio principale in anticipo

Uno dei più grandi errori che si fanno è quello di presentare il tuo protagonista troppo tardi.

Di norma lui* dovrebbe essere la prima persona sul palco.

[*Lo uso in modo inclusivo per riferirmi a entrambi i sessi.]

Dare un nome al tuo personaggio può essere stressante quasi quanto dare un nome a un neonato, quindi prenditi il ​​tempo necessario per farlo bene. Rendilo interessante e memorabile, ma non eccentrico o oltraggioso.

Cerca online i nomi dei bambini per etnia e sesso. Assicurati che siano storicamente e geograficamente accurati. 

Lavora in modo abbastanza dettagliato da far sì che i lettori si preoccupino di ciò che gli accade. È un coniuge, un genitore, turbato, preoccupato, pieno di speranza? Quindi arriva al problema, alla ricerca, alla sfida, al pericolo, qualunque cosa guidi la tua storia.

3. Non descrivere

Agenti ed editori dicono che un errore comune nei manoscritti di principianti è iniziare una storia descrivendo l’ambientazione.

Non fraintendermi: l’impostazione è importante. Ma quanto riusciamo a restare svegli davanti ad un’apertura del tipo:

La casa si trovava in un bosco circondato da…

Non farlo.

Invece di utilizzare la descrizione come elemento separato, inseriscila come parte della tua storia. In questo modo il lettore ne diventa inconsciamente consapevole mentre ti concentri sulla trama stessa: cosa sta succedendo.

Ad esempio, invece di:

La casa si trovava in un bosco profondo circondato da… (Descrizione come elemento separato.)

Prova questo:

Chiedendosi cosa potesse essere così urgente da dover incontrare Tim nel bel mezzo della notte, Fred si è inoltrato nel bosco su una strada non asfaltata e si è imbattuto in… (Stringendo i dettagli.)

4. Mostra, non dire

Quando dici piuttosto che mostrare, informi semplicemente il tuo lettore di informazioni piuttosto che permettergli di dedurre qualcosa.

Stai fornendo informazioni semplicemente affermandole. Potresti scrivere che un personaggio è “alto” o “arrabbiato” o “freddo” o “stanco”.

Lo stai semplicemente dicendo.

Mostrare, invece, dipinge un’immagine che i lettori vedono con gli occhi della loro mente.

Raccontare: poteva dire che aveva fumato e che era spaventato.

Mostrare: Lo avvolse tra le braccia e sentì l’odore del tabacco. Rabbrividì.

Stratificate come parte dell’azione, ciò che le cose sembrano, sentono, odorano e suonano, si registrano nel teatro delle menti dei tuoi lettori e ti lasceranno lo spazio per concentrare l’azione tramite il dialogo, la tensione, il dramma e il conflitto, cioè tutti quegli elementi grazie ai quali i lettori non smetteranno mai di voltare pagina.

Non è così complicato come sembra.

In parole povere sei tu.

Il tuo tono di voce rivela le tue caratteristiche principali:

  • Personalità
  • Carattere
  • Passione
  • Emozione
  • Scopo

Immagina di dire al tuo migliore amico: “Ho qualcosa da dirti…”. Quello che verrà dopo sarà probabilmente detto con la tua “voce” più appassionata.

Tu, al massimo del tuo impegno, sei la voce che vuoi sulla pagina.

Per usare il tuo tono di voce nella finzione, dai quella voce ai tuo personaggi. Ricorda, l’obiettivo della tua introduzione è quello di lasciare il tuo lettore senza altra scelta che voltare pagina.

4 modi per iniziare una storia

Impara da chi l’ha fatto con successo. Esempi:

1. Sorpresa

“Molti anni dopo, di fronte al plotone di esecuzione, il colonnello Aureliano Buendía ricorderà quel lontano pomeriggio in cui suo padre lo portò a scoprire il ghiaccio”. — Gabriel Garcia Marquez, Cent’anni di solitudine (1967)

“Era una fredda giornata di aprile e gli orologi battevano le tredici”. —George Orwell, 1984

“È stato un numero sbagliato a chiamare, il telefono ha squillato tre volte nel cuore della notte e la voce dall’altra parte che chiedeva di qualcuno che non c’era.” — Paul Auster, Città di vetro (1985)

“È stato il giorno in cui mia nonna è esplosa”. — Iain M. Banks, La strada del corvo (1992)

“In alto, in alto sopra il Polo Nord, il primo giorno del 1969, due professori di letteratura inglese si sono avvicinati l’uno all’altro a una velocità combinata di 1200 miglia all’ora”. —David Lodge, Luoghi mutevoli (1975)

“Un grido attraversa il cielo.” — Thomas Pynchon, L’arcobaleno della gravità (1973)

“È stato un piacere bruciare”. — Ray Bradbury, Fahrenheit 451 (1953)

“Quando una mattina Gregor Samsa si svegliò da sogni inquieti, si trovò trasformato nel suo letto in un gigantesco insetto”. — Franz Kafka, La metamorfosi (1915)

“Lo scrivo seduto nel lavandino della cucina.” — Dodie Smith, Catturo il castello (1948)

“Marley era morto, tanto per cominciare.” — Charles Dickens, Canto di Natale (1843)

2. Dichiarazione drammatica

“Lolita, luce della mia vita, fuoco dei miei lombi.” —Vladimir Nabokov, Lolita (1955)

“Sono un uomo invisibile”. —Ralph Ellison , L’uomo invisibile (1952)

“Era un vecchio che pescava da solo su una barca nella corrente del Golfo ed era andato ottantaquattro giorni senza prendere un pesce.” —Ernest Hemingway, Il vecchio e il mare (1952)

“Qualcuno deve aver calunniato Josef K., perché una mattina, senza aver fatto nulla di veramente sbagliato, è stato arrestato”. —Franz Kafka, Il processo (1925)

“Sparano prima alla ragazza bianca.” —Toni Morrison, Paradiso (1998)

“Faresti meglio a non dirlo mai a nessuno se non a Dio.” —Alice Walker, Il colore viola (1982)

“È una verità universalmente riconosciuta, che un uomo scapolo in possesso di una buona fortuna, debba essere in cerca di una moglie”. —Jane Austen, Orgoglio e pregiudizio (1813)

3. Filosofico

“Le famiglie felici sono tutte uguali; ogni famiglia infelice è infelice a modo suo”. —Leone Tolstoj, Anna Karenina (1877)

“Questa è la storia più triste che abbia mai sentito”. —Ford Madox Ford, Il buon soldato (1915)

“Il passato è un paese straniero; lì fanno le cose in modo diverso”. —LP Hartley, L’ intermediario (1953)

“Di tutte le cose che spingono gli uomini al mare, il disastro più comune, ho imparato, sono le donne.” —Charles Johnson, Passaggio di mezzo (1990)

“Se diventerò l’eroe della mia vita, o se quella posizione sarà occupata da qualcun altro, queste pagine devono mostrarlo.” —Charles Dickens, David Copperfield (1850)

“Le navi a distanza hanno a bordo il desiderio di ogni uomo.” —Zora Neale Hurston, I loro occhi guardavano Dio (1937)

“Nessuno avrebbe creduto negli ultimi anni del diciannovesimo secolo che questo mondo fosse osservato attentamente e da vicino da intelligenze più grandi di quella umana e tuttavia mortali come la sua; che mentre gli uomini si occupavano delle loro varie preoccupazioni, venivano esaminati e studiati, forse quasi con la stessa precisione con cui un uomo con un microscopio potrebbe scrutare le creature transitorie che sciamano e si moltiplicano in una goccia d’acqua. — HG Wells, La guerra dei mondi (1898)

4. Poetico

“Quando finalmente ho raggiunto Abraham Trahearne, stava bevendo birra con un bulldog alcolizzato di nome Fireball Roberts in un locale sgangherato appena fuori Sonoma, in California, bevendo il cuore di un bel pomeriggio primaverile.” —James Crumley, L’ultimo buon bacio (1978)

“Era solo mezzogiorno quella domenica mattina quando lo sceriffo è arrivato in prigione con Lucas Beauchamp anche se l’intera città (anche l’intera contea per questo) sapeva dalla notte prima che Lucas aveva ucciso un uomo bianco.” —William Faulkner, Intruso nella polvere (1948)

“Erano i tempi migliori, erano i tempi peggiori, era l’età della saggezza, era l’età della stoltezza, era l’epoca della fede, era l’epoca dell’incredulità, era la stagione della luce, era la stagione delle tenebre, era la primavera della speranza, era l’inverno della disperazione”. —Charles Dickens, Storia di due città (1859)

“A certe latitudini arriva un lasso di tempo che si avvicina e segue il solstizio d’estate, alcune settimane in tutto, quando i crepuscoli diventano lunghi e blu.” —Joan Didion, Le notti blu (2011)

“Lo zio di Francis Marion Tarwater era morto solo da mezza giornata quando il ragazzo era troppo ubriaco per finire di scavare la sua tomba e un negro di nome Buford Munson, che era venuto a riempire una brocca, ha dovuto finirla e trascinare il corpo dal tavola della colazione dove era ancora seduto e seppellirlo in modo decente e cristiano, con il segno del suo Salvatore in cima alla tomba e abbastanza terra sopra per impedire ai cani di dissotterrare”. —Flannery O’Connor, The Violent Bear it Away (1960)

“In un buco nel terreno viveva uno hobbit. Non un buco brutto, sporco, umido, pieno di estremità di vermi e un odore di melma, né ancora un buco secco, nudo e sabbioso senza niente su cui sedersi o mangiare: era un buco hobbit, e quello significa conforto”. —JRR Tolkien, Lo Hobbit (1937)

Scrivere una grande frase di apertura è solo l’inizio

Pochi piaceri nella vita sono paragonabili a perdersi in una grande storia.

I mondi e i personaggi che crei possono vivere nel cuore dei lettori per anni.

Inizia scrivendo un incipit così avvincente che non potranno fare a meno di continuare a leggere la tua storia!

Correlati

Ti potrebbe interessare anche:

come diventare un grande scrittore

I bravi scrittori hanno idee. I grandi un sistema

I "grandi" scrittori prima di diventarlo sono stati "bravi" I grandi scrittori sono troppo idolatrati Gli Stephen Kings, i Tolkien o le Rowiling del mondo...

Umberto Eco Tesi di Laurea

I 6 consigli di Umberto Eco per scrivere una tesi di laurea

Il saggio di Umberto Eco "Come si fa una tesi di laurea" (Bompiani, 1977) parte dai fondamentali, spiegando che cos'è una tesi di laurea Ma, se sei qui,...

congiungitvo

Il se vuole sempre il congiuntivo? Teoria, esempi, trucchi per ricordare

Il se vuole sempre il congiuntivo Bella domanda, anche perché già quando si parla di congiuntivo le cose si fanno difficili Tuttavia chi scrive, che sia un...

incipit

8 consigli per scrivere un incipit perfetto per il tuo libro

L'incipit di un romanzo è davvero una delle cose più difficili da scrivere In quest'epoca di gratificazione istantanea, brevi momenti di attenzione e...

font migliore per un libro

Qual è il font migliore per il tuo romanzo?

Scegliere il font migliore per scrivere un romanzo non è così semplice Nel self publishing, la libertà di non avere un editore alle spalle consente agli autori...

Il legame con il Tuo lettore

Il coinvolgimento emotivo del pubblico viene mantenuto grazie all'empatia Se lo scrittore non riesce a creare un legame fra noi lettori e il protagonista, si...

Generi letterari: definizione ed elenco

Quante volte sentiamo parlare di "genere letterario" Forse è un concetto poco conosciuto da chi non ama scrivere o leggere, ma che rappresenta un argomento...

iniziare a scrivere una storia

Quando inizia un romanzo? Quasi mai dalla prima riga.

Se ti chiedessi quando inizia un romanzo Immagino tu abbia alzato gli occhi al cielo e detto: "dall'inizio, ovviamente!" Ok, ti perdono La maggior...

Cos'è e come si scrive la prefazione di un libro

Cos’è e come si scrive la prefazione di un libro?

La prefazione di un libro rimane sempre un elemento misterioso: è necessaria È utile Ma soprattutto cos'è e come si scrive la prefazione di un libro È...

come scrivere un libro

Come scrivere un libro, i 12 consigli di Jerry B. Jenkins

Jerry B Jenkins è uno scrittore e biografo statunitense, autore di oltre 190 libri, 21 dei quali hanno raggiunto la lista dei bestseller del New York Times In...

Come trovare il titolo giusto per il tuo libro: la guida pratica

Hai finito di scrivere il tuo libro finalmente Dopo mesi e mesi di fatica è arrivato anche il momento di scegliere il titolo giusto e questo è un compito che...

scrittura creativa esercizi

7 esercizi di Scrittura Creativa da mettere subito in pratica

L’importanza della scrittura creativa Quante volte ti è capitato di andare in libreria e comprare un libro solo perché ti hanno colpito le prime tre o...

Come scrivere un libro senza errori

Consigli utili per scrivere bene e senza errori Hai finalmente portato a termine la tua ultima fatica e non ti rimane che la pubblicazione Qualsiasi sia la tua...

12 Commenti

Rispondi a Anonimo Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *