Come creare tensione nella tua Storia

I momenti di conflitto narrativo possono variare sia nella natura che nella grandezza, ogni forma di tensione, di conflitto, ha il potere di creare una certa dissonanza che è vitale per il successo di una storia.

È questa dissonanza, questo divario, questa divisione tra un personaggio e l’oggetto del suo desiderio, che farà sì che i lettori girino le pagine, desiderosi di vedere come si risolveranno le tensioni.

Ma non tutti i fili del conflitto sono uguali – alcuni sono troppo facili da spezzare, altri troppo complessi: come puoi assicurarti di essere sulla strada giusta mentre intrecci le fila del conflitto nella tua storia?

Vediamo insieme alcune tecniche chiave.

Perché è importante creare tensione narrativa?

Più di ogni altra cosa, la tensione, il conflitto sono il centro di ogni storia avvincente.

Per natura, gli esseri umani sono creature curiose, ed è la tensione narrativa che lo scrittore tesse attraverso le storie che invoglierà i lettori a sfogliare le pagine.

Perché?

Perché ogni momento di tensione pone almeno una domanda.

Quale scelta farà? Sopravviverà? Chi vincerà il concorso? Sconfiggeranno il signore oscuro?

I momenti di tensione possono variare ampiamente, specialmente nella loro fonte. Ad esempio, il divario può verificarsi tra:

• Un personaggio e le sue credenze
Un personaggio e la loro sicurezza fisica (o la sicurezza di coloro di cui sono responsabili)
• Un personaggio e un altro personaggio (o gruppo di personaggi)
• Un personaggio e il loro obiettivo (o desiderio)

Quindi da dove dobbiamo cominciare?

Si noti che al centro di ogni momento di tensione c’è un personaggio. Se i lettori non si interessano prima dei personaggi, nessuna tensione al mondo li incoraggerà a continuare a girare le pagine. Semplicemente non gli importa cosa succederà dopo.

Assicurati di sviluppare correttamente l’arco del tuo Personaggio.

Tre consigli chiave per creare una forte tensione narrativa …

L’arte di costruire la tensione inizia creando dissonanza tra un personaggio e un oggetto del suo desiderio: sicurezza, certezza, felicità, successo, ecc.

1 – DAI PESO ALLA TENSIONE A PORTATA DI MANO

Non tutti i casi di tensione devono sfociare in conflitti, ma è più che probabile che accada nella maggior parte delle storie. E quando lo farà, ci saranno sicuramente conseguenze. Fare in modo che i lettori sappiano quali potenziali conseguenze si trovano all’orizzonte è fondamentale perché la tensione non funziona senza posta in gioco.

Qual è il rischio che corre il tuo personaggio di conseguenza alle sue azioni? Se i lettori non sanno cosa c’è in gioco , qualsiasi tensione che creerai non avrà peso.

È anche importante identificare le conseguenze che il tuo personaggio considera (o non riesce a considerare) prima di decidere come agire. La paura o il desiderio del tuo personaggio per determinate conseguenze può spingere i personaggi ad agire al di fuori della loro natura tipica o a fare gli stessi vecchi errori.

2 – TENSIONE CON IMPATTO EMOTIVO

La tensione dovrebbe creare un impatto emotivo nel tuo personaggio, perché la tensione che non ha alcun impatto emotivo sui tuoi personaggi non avrà alcun impatto sui tuoi lettori.

L’impatto emotivo può avere le più disparate forme: rabbia, paura, insicurezza ecc…

Indipendentemente da cosa provi il tuo personaggio, assicurati che la sua reazione emotiva giochi un ruolo nel suo arco di trasformazione, suscitando quindi vecchie paure, difetti, rimpianti o false credenze.

L’importanza di costruire tensioni grandi e piccole …

Abbiamo parlato dei vari tipi di fonti di tensione, ma non abbiamo ancora discusso di quanto possano, queste tensioni, differire in ampiezza.

Riuscirà a catturare l’assassino? Si innamoreranno? Distruggerà l’anello maledetto?

Questi fili di tensione sono spesso chiamati macro-tensioni e creano le domande che si trovano al centro della trama e degli archi dei personaggi della tua storia .

D’altra parte, possono esistere casi di tensione che sono adatti ad una singola scena, o durare solo per alcuni capitoli. Questi sono in genere chiamati micro-tensioni:

Troverà un altro indizio? Si metterà in imbarazzo al primo appuntamento? Troveranno un modo per sfuggire alla prigione?

Al di là dei consigli di cui abbiamo già discusso, il modo più efficace per garantire che le varie situazioni di tensione catturino i lettori è di mantenere vivo almeno un filo di tensione in ogni momento.

Puoi risolvere le micro-tensioni se le tensioni più grandi della tua storia sono ancora in gioco.

Ma se risolvi le macrotensioni della tua storia durante la scena finale, assicurati di avere almeno ancora una micro-tensione per tenere incollati alle pagine i tuoi lettori fino all’ultimo.

Non importa quali tipi di tensione intendi intrecciare nella tua storia, spero che tu abbia trovato utili i consigli che ho condiviso oggi con te, scrittore.

Community ufficiale di Youcanprint

Fai già parte della nostra Community su Facebook?

Il luogo dove ogni giorno postiamo nuovi contenuti gratuiti per Scrivere, Pubblicare e Promuovere il tuo Libro.
Dove Autori condividono le loro idee e si confrontano ogni giorno.
Ci sono già centinaia di Autori che ti stanno aspettando!

Unisciti alla Community

8 Commenti

Rispondi a Francesca Menghini Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lost your password? Please enter your username or email address. You will receive a link to create a new password via email.
We do not share your personal details with anyone.