6 mosse efficaci per trovare il Beta Reader giusto per il Tuo Manoscritto

Oggi voglio accompagnarti in un altro dei segreti per diventare un self-publisher professionista: il Beta Reader. 

Il beta reader è il tuo primo lettore fuori dalla cerchia degli amici e dei parenti. Come la stessa parola suggerisce, il termine beta si utilizza generalmente per indicare in informatica una versione non definitiva di un software, già testata comunque da esperti, che viene messa disposizione di un numero maggiore ma limitato di utenti target al fine di rilevare, grazie al loro utilizzo, eventuali bug o incompatibilità. Allo stesso modo il beta reader è un lettore esperto che non ha alcuna relazione diretta con l’autore e che ha il ruolo di leggere l’opera prima che venga inserita in commercio per capire l’impatto che la stessa avrà sul mercato e sui lettori in modo da poterla migliorare. 

Per rendere efficace una sessione di beta reading, che consigliamo sempre, è necessario tenere a mente alcuni aspetti fondamentali. Vediamoli nel dettaglio:

  • È importante che i beta readers non siano tra le fila di amici o parenti: anche se non è un requisito fondamentale è altamente consigliato. Ciò di cui hai bisogno è un consiglio sincero e schietto sulla tua opera, non una claque. Far leggere il libro a determinate persone solo per il rapporto che hai con loro, metterebbe a rischio la sincerità del giudizio, in quanto coinvolte personalmente con te; questo non è utile né per te scrittore, tanto meno per il lettore. Entrambi state sprecando del tempo prezioso. Il beta reader deve fornire un feedback indipendente e libero.
  • Il beta reader deve essere un lettore forte o esperto: anche su questo devi essere esigente. Un beta reader è un lettore forte che legge almeno 3 libri al mese. Questa sua capacità di lettura gli fornisce un bagaglio di esperienze tale da essere in grado di capire subito gli aspetti positivi e negativi del tuo libro. Evita i beta reader che si improvvisano per guadagnare qualcosa, o scrittori che non sono degli ottimi lettori, ma che si propongono come lettori esperti del tuo genere. Il beta reader è un vero lettore, esperto, professionista, seriale, l’unico in grado di anticipare le tendenze o di capire se quello che ha in mano è un capolavoro o un libro da riscrivere completamente. 
  • Il beta reader non è un editor: attenzione a non cadere in questo altro errore. Molti contattano dei beta reader per chiedere un parere sul proprio libro e, al tempo stesso, concordano degli interventi sul testo. Un beta reader non è un editor, è un lettore. Sono competenze completamente diverse. Certo potrai trovare ottimi beta reader che sono in grado di fare un editing ma è meglio evitare le commistioni e inseguire la specializzazione.
  • Preferisci un beta reader di genere piuttosto che il generalista: a tutti noi piace leggere di tutto, ma un lettore esperto ha un numero ristretto di generi letterari che ama e legge con costanza, per questo è un lettore esperto altrimenti sarebbe un lettore generalista. Se avete una frattura esposta al malleolo preferite essere operati dal vostro medico di base o da uno specialista in chirurgia ortopedica? Immagino che la risposta sia ovvia. Con i libri funziona allo stesso modo. Preferite, quindi, i beta reader esperti in determinati generi o specifiche nicchie, a beta reader generalisti. Se un beta reader vi risponde che legge qualsiasi genere, rifletteteci prima di dargli in mano il vostro manoscritto.
  • Cosa devi aspettarti da un beta reader: un beta reader esperto fornisce una scheda di almeno 1 pagina a4 word con i punti di forza e i punti di debolezza del testo e suggerimenti di miglioramento. Non aspettatevi un “che bello, è un libro meraviglioso, quando lo pubblichi o quando scrivi il resto?” Un beta reader è come un medico, farà la radiografia al vostro libro e vi dirà se ha qualcosa che non va e magari vi indica anche la cura.
  • Preferisci più beta reader di età differenti: anche questo aspetto è fondamentale. Quando hai scritto un libro non hai ancora un’idea precisa di chi sarà il tuo target, pertanto è opportuno far valutare il tuo manoscritto da beta readers di età diverse. Questo ti permette di comprendere come sarà la reazione di pubblici differenti allo stesso libro e capire magari se esiste una generazione più interessata rispetto ad un’altra. In questa fase potresti anche fare delle interessanti scoperte e magari capire che il tuo libro è ideale per un audience di una età compresa tra X e X. Questo ti sarà molto utile anche nella promozione oltre che nella tua stessa scrittura. Sfrutta questa possibilità fino in fondo.

Il beta reader, in definitiva, è una grande opportunità per ogni self publisher. 

Secondo la mia esperienza, devo ammettere, il ricorso al beta readers non è una realtà molto conosciuta e praticata in Italia, se non da self publisher professionisti. Molti autori esordienti giungono alla pubblicazione spesso senza nessun intervento di miglioramento del testo o dopo aver fatto leggere il proprio libro a quelli che gli inglesi chiamano friends, family and fools ovvero amici, famiglia e folli, insomma quella cerchia di persone che possibilmente hanno un legame con chi scrive o non hanno competenza per leggere e valutare un libro. 

Avendo aiutato oltre 18.000 autori in 10 anni, il consiglio più importante che posso darti è questo: cura al massimo tutte le fasi precedenti alla pubblicazione, poichè saranno determinati per il successo del libro. 

Come diceva Abramo LincolnSe avessi a disposizione otto ore per abbattere un albero, ne passerei sei ad affilare l’ascia“. La preparazione e la pianificazione di un manoscritto è tutto. Siate esigenti, pazienti e prendetevi cura del vostro libro senza alcuna fretta di pubblicare. Come self-publisher avete una maggiore responsabilità nei confronti dei lettori, perché siete voi, e non un editore, a rispondere di ogni aspetto del libro, dalla copertina al numero di pagine. 

Come ho avuto modo di spiegarvi nel post della scorsa settimana, 7 mosse per creare un Patto con il Lettore nel Selfpublishing, scegliendo di fare il self publisher hai implicitamente stipulato un patto con i lettori. Non puoi permetterti di tradirli o di deluderli. Comportati da scrittore professionista anche se sei all’esordio, i risultati ti ripagheranno del tuo sacrificio e della tua pazienza.


Potrebbe interessarti leggere anche:

Breve guida per capire cosa vuol dire fare selfpublishing in soli 3 passi

Pubblicare un libro: come può aiutarti un editor?

Qual è la differenza tra editing e correzione bozze?


Scarica subito le guide GRATUITE su:

Iscriviti a Youcanprint | La Community Ufficiale

Partecipa al sondaggio e ricevi la nuova Guida per il Tuo libro in Selfpublishing

Community ufficiale di Youcanprint

Fai già parte della nostra Community su Facebook?

Il luogo dove ogni giorno postiamo nuovi contenuti gratuiti per Scrivere, Pubblicare e Promuovere il tuo Libro.
Dove Autori condividono le loro idee e si confrontano ogni giorno.
Ci sono già centinaia di Autori che ti stanno aspettando!

Unisciti alla Community

6 Commenti

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lost your password? Please enter your username or email address. You will receive a link to create a new password via email.
We do not share your personal details with anyone.