Cose da non fare Design Guide Pratiche Selfpublishing

Selfpublishing: quando una copertina è brutta?

copertina-bella-e-bruttaLa tentazione di creare da soli la copertina del proprio libro per risparmiare denaro è forte, ma senza l’esperienza necessaria si rischia di commettere degli errori che gridano al lettori: “Io sono troppo a buon mercato per investire nella produzione di un prodotto di qualità!”
Così molti finiranno per desumere che, se la copertina è brutta, il resto del libro non è poi un granché.

Lo sa bene il graphic designer Derek Murphy, che di copertine ne ha prodotte molte, sia per bestseller che per libri autoprodotti, e di errori grafici ne vede commettere spesso. Per questo ha stilato una guida per aiutare gli autori a capire se la copertina che stanno realizzando è un vero obbrobrio.

Stai usando una foto personale
Anche se è possibile ottenere a buon mercato foto professionali e di alta qualità da siti come 123rf.com, BigStockPhoto e decine di altri, preferisci usare quella che hai scattato al tuo cortile, magari sfocata, poco chiara e noiosa, che per di più non dice nulla sul contenuto del libro.

L’immagine non copre l’intero spazio della copertina
Se l’immagine non è della dimensione giusta, bene, lascia una grossa fetta di spazio bianco, è pulito e rilassante per occhi, non troppo affollato.

Il titolo è lungo, vagante e senza alcun significato
Evita accuratamente le parole chiave che la gente usa per le ricerche. Dovresti essere un po’ più pretenzioso e buttarti sul poetico-letterario per la scelta del titolo. In fondo, non hai bisogno di spiegare nulla su quello che c’è nel libro, i lettori amano le sorprese.

Riduci il tuo nome ai minimi termini
Questo mostra la tua umiltà e ti fa sentire più sicuro in qualche modo. Inoltre, l’autore non è poi così importante e tu non sei famoso… Anzi, per rendere il tuo nome ancora più impercettibile è anche possibile modificare il colore dei caratteri in modo che non si distinguano tanto.

Utilizza i font già installati sul computer
Sembrano buoni, ma cerca di inserirne alcuni più divertenti: Italica Mistral e Rage o forse Comic Sans.

Aggiungi alcuni effetti di testo
Per far risaltare di più il titolo puoi utilizzare uno smusso, l’ombra o aggiungere un contorno per rendere il testo “pop”. In effetti, sì, fai tutto il possibile per rendere la copertina “pop”. Poppiness is good!

Aggiungi la dicitura “Bestseller”, perché sai che lo diventerà
La gente amerà il tuo libro e certamente venderà un milione di copie molto presto. Per di più hai scelto una categoria Amazon oscura e chiesto a 10 amici di comprarlo contemporaneamente, così il libro è stato 1° in classifica per 5 minuti. Allora, perché non scrivere “Bestseller” adesso? Anzi, assicurati di utilizzare tutte lettere maiuscole e punti esclamativi per renderlo “pop”.

Aggiungi tutti i sigilli dei premi letterari
Utilizza qualsiasi cosa, anche “concorrente” o “finalista” o “7 ° posto”. Non essere esigente con te stesso, saranno tutti d’accordo.

Super! Ora comunicalo a tutti.
Sei pronto. Il tuo libro non è ancora finito, ma non è un motivo valido per non iniziare a commercializzarlo o far partire una campagna di sensibilizzazione. Quindi, comincia pure ad inviare e-mail della copertina a tutti quelli che conosci, usa addirittura l’immagine sul tuo profilo Facebook e tweettala ogni 4 ore con tanto di link alla tua pagina web ancora incompiuta…

Se stai facendo una qualsiasi di queste cose, ti assicuro, sei sulla strada giusta per aggiudicarti il premio per la peggiore copertina di un libro mai realizzata 🙂

You may also like
5 trucchi per un marketing editoriale di successo
Come agganciare i lettori con una descrizione efficace del tuo libro
3 Comments

Leave Your Comment

Your Comment*

Your Name*
Your Webpage