Selfpublishing: come scegliere il titolo del tuo prossimo libro

Written by Sonia Lombardo. Posted in Guide Pratiche, Selfpublishing

scegliere-il-titolo-del-libroInsieme alla copertina e alla descrizione, il titolo del libro è uno degli elementi più importanti per attirare l’attenzione dei lettori, è quindi importante sceglierlo con la dovuta cura, magari dopo aver testato quali termini potrebbero funzionare meglio e quali invece no.

Di solito gli autori, specie quelli che scrivono narrativa, preferiscono affidarsi al proprio gusto personale o all’ispirazione del momento. Ma, se decidi di autopubblicare, devi renderti anche conto che il tuo libro non andrà sugli scaffali delle librerie, ma in Rete, dove le dinamiche di acquisto sono ben diverse. Il tuo titolo comparirà tra decine di altri, su pagine strutturate per lo più in elenchi: risultati di ricerca; categorie degli ebookstore, collane e cataloghi.

Come fare, allora, ad emergere? Innanzitutto cercando di capire come le persone trovano il libro cui sono interessati.

Uno degli strumenti più funzionali allo scopo è certamente il Google Keyword Search Tool, che mostra quali parole chiave utilizzano gli utenti per le loro ricerche su un determinato tema e qual è il volume mensile di tali ricerche su scala locale o globale. Quindi, dopo aver individuato le parole chiave associate al tuo libro, per argomento, temi, luoghi, cose e tutto ciò che di concreto si può estrapolare dalla tua storia, puoi verificarne tramite il Keywords Tool il livello di interesse e popolarità tra gli utenti, oppure ottenere suggerimenti utili per modificare le parole del titolo in modo che incontrino maggiormente le abitudini di ricerca dei lettori.

Un altro metodo utile potrebbe essere, invece, quello suggerito da James Altucher, autore del bestseller “Choose Yourself”, proprio nell’articolo in cui spiega come è riuscito a vendere più di 44mila copie in un solo mese con il self-publishing. Riguardo alla scelta del titolo spiega:

Ho preso 10 titoli che mi piacevano, li ho combinati con la copertina e ho creato degli annunci Facebook che ho inviato a tutti i miei amici e amici di amici negli Stati Uniti. Poi mi sono seduto ad osservare la quantità di click ottenuti da ciascuno.  Dopo un paio di giorni e migliaia di click-through ho avuto il mio titolo.

Certo, creare delle inserzioni significa investire una somma di denaro, seppur minima. E’ una scelta che può fare chi ha già ben in mente un piano imprenditoriale e sono certa che non tutti coloro che decidono di autopubblicare il proprio libro lo fanno con lo stesso proposito. Molto più spesso si fa un tentativo, che si spera possa riuscire.

Non meno importante è presentarsi nel modo più giusto, con il titolo più interessante ed accattivante. Magari seguendo i consigli di chi il comportamento dei lettori e il loro interesse verso determinati contenuti lo studia fin dagli albori del Web: il Nielsen Group, che si occupa dell’usabilità dei siti online, ad esempio, ha scoperto che gli utenti concentrano la loro attenzione solo sui primi elementi di un elenco, comprendendo davvero solo i primi 11 caratteri di un titolo. Il che la dice lunga sul tipo di lavoro che dovresti fare per scegliere quello giusto per il tuo libro.

Ad ogni modo è importante che:

  • utilizzi  un linguaggio semplice;
  • utilizzi una terminologia specifica, evitando ambiguità;
  • non prometti troppo;
  • consenti agli utenti di prevedere con sicurezza che cosa otterranno acquistando il tuo libro.

Tags: , , ,

Trackback from your site.

Leave a comment

Pubblica il tuo libro

Scopri come pubblicare e vendere la tua opera nel nostro network. Clicca qui

Visita il nostro store

Acquista i libri che trovi in questo blog. Visita lo Store di Youcanprint Clicca qui