Guide Pratiche Marketing Selfpublishing

Self-publishing: quali ebook distribuire gratis e quali a pagamento

ebook-gratuiti-o-a-pagamento

La questione è piuttosto controversa anche se ormai quella di distribuire ebook gratuiti è una strategia promozionale ampiamente diffusa tra gli autori che si autopubblicano.

Non sono in pochi a pensare, infatti, che mettere in vendita un libro ad un prezzo troppo basso o addirittura nullo potrebbe suggerirne una certa mancanza di valore, piuttosto che invogliare alla lettura. Senza contare che se il pubblico non ha mai sentito parlare di te difficilmente investirà tempo e denaro per leggere ciò che scrivi, che costi zero o 100 euro.

Adesso non scoraggiarti, ma cerca di capire cosa vuoi ottenere distribuendo un ebook gratuito.

Indubbiamente desideri che sempre più persone ti conoscano come scrittore, che parlino di te e consiglino i tuoi libri anche agli altri. Ed è un fatto che le possibilità che si inneschi questo passaparola sono certamente più limitate se tutti i tuoi libri sono accessibili solo previo pagamento. Quindi, i contenuti gratuiti possono incoraggiare a diffondere le tue idee, sempre a patto che tu riesca a dimostrarne il valore.

Il tuo ebook deve riuscire in qualche modo a far capire ai lettori cosa puoi fare per loro: puoi aiutarli a risolvere un problema? Puoi farli divertire, oppure, commuovere? Il contenuto deve essere congegnato, insomma, come una sorta di premio per averti concesso la loro attenzione e allo stesso tempo far percepire che c’è molto di più di cui potranno godere.

In fondo questo è il vero motivo per cui le persone continuano a comprare i libri malgrado siano circondati da una gran quantità di contenuti accessibili gratuitamente tramite Internet. Si paga per vivere un’esperienza. Se si riesce a divertire, informare o trasmettere un’emozione, allora, si sta andando a creare qualcosa di veramente prezioso per cui le persone sono disposte a pagare.

Il tuo ebook gratuito dovrebbe essere una sorta di assaggio che fa venir voglia di ordinare l’intero menu, quindi:

non distribuire mai gratis ebook troppo articolati. Non farti tentare dalla voglia di inserire tutto in un unico pacchetto, perché potrebbe rivelarsi schiacciante per il pubblico, invece che stimolante. Chi non ha pagato per leggere il tuo ebook non avrà la pazienza di arrivare al centro della storia e non si farà alcuno scrupolo ad abbandonarne la lettura.

Non distribuire mai gratis ebook su argomenti troppo avanzati. Se c’è bisogno di una laurea per capire il contenuto libero, allora non aspettarti di ottenere l’attenzione di qualcuno. Il tuo compito è quello di aiutare, non confondere le persone o impressionarle con il tuo intelletto.

You may also like
Selfpublishing: come usare il tuo target di riferimento
Selfpublishing: come scrivere la prima bozza del tuo romanzo in meno di una settimana
4 Comments
  • Pina
    Nov 9,2017 at 11:51

    Ho ricevuto da un gruppo di lettura la richiesta di un anteprima di almeno 10 pagine del mio libro da far scaricare gratis mi sembra un compromesso interessante.

  • Nov 6,2017 at 21:06

    Grazie mille, molto utile per chi come me è alle prime armi con auto pubblicazioni.

  • Apr 11,2014 at 04:39

    11 Aprile 2014.

    Ciao,
    Ti ringrazio per i tuoi giusti suggerimenti.

    • boresrl
      Apr 11,2014 at 06:59

      Ciao Riccardo, grazie a te di aver visitato il nostro blog!

Leave Your Comment

Your Comment*

Your Name*
Your Webpage