Guide Pratiche Selfpublishing

Self-publishing e promozione: 3 motivi fondamentali per cui dovresti avere un sito Web

realizzare sito autore

Oggi i mezzi per promuovere un libro, anche se autopubblicato con il self-publishing, sono molteplici. Si va da quelli più tradizionali, come gli spazi pubblicitari sulle testate giornalistiche (per chi se li può permettere), alle pagine su social network, librerie online, blog. Eppure, malgrado tutte le opzioni esistenti, ancora oggi l’unico modo per costruirsi online una pr
esenza solida e duratura è aprire un sito web personale.

Attenzione, non un sito web per farsi pubblicità o vendere alla prima occasione una copia in più del proprio libro, ma un mezzo per acquistare visibilità (che è ben diverso), costruirsi una credibilità con i lettori e conquistare la loro fiducia.

Secondo uno studio svolto da Codex nel 2012 proprio per capire l’efficacia dei siti tra gli acquirenti, circa il 7,5% di questi ultimi, prima di comprare un libro, visita il relativo sito Web dell’autore, per conoscere più da vicino la sua attività.

Per ottenere questo genere di informazioni difficilmente i lettori effettueranno una ricerca sui social network, strumenti più orientati al dialogo e al collegamento fra utente e utente. Quando le persone cercano informazioni specifiche, più approfondite, vanno dirette sui motori di ricerca.

Ed ecco, secondo il rapporto del Codex, a cosa sono più interessate quando si avvicinano ad un autore (fai attenzione, potrebbe tornarti utile!):

– il 43% degli intervistati ha detto che torna regolarmente sul sito dell’autore per leggere contenuti esclusivi, che potrebbero includere racconti, saggi brevi o storie di vita personale, se abbastanza interessante;

– un altro 30% è interessato ad ottenere contenuti extra gratuiti, come capitoli, immagini, o retroscena sul libro;

– il 36% vuole rimanere aggiornato sulle date di tour promozionali, presentazioni di libri e apparizioni in zona. Di questi, il 33% è interessato a ricevere le novità riguardanti l’autore direttamente nella propria casella di posta elettronica.

Questo tipo di contatto diretto e duraturo con i lettori si può sviluppare esclusivamente attraverso un sito web.

Non ti sto sconsigliando di creare dei profili social, ma devi fare in modo che ogni tua attività abbia una destinazione comune, un punto di raccolta accessibile a chiunque, anche a chi non frequenta i social network o, chissà, per quando questi saranno passati di moda. Ricordi MySpace? Cosa ne sarà dei tuoi fan se la tecnologia di Facebook sarà un giorno superata o non ti consentirà più la stessa visibilità?

La scelta di come gestire un sito web personale è demandata a te e a te soltanto, senza intermediari. Certo, costruirsi un audience creando contenuti interessanti, che siano ottimizzati per i motori di ricerca e allo stesso tempo convincano le persona a lasciarti la loro e-mail, è un lavoro duro e lento, ma si tratta della tua carriera, di riuscire a raggiungere un pubblico che ama ciò che fai e ti consentirà di continuare a scrivere.

You may also like
Self-publishing: dove prendere le idee per un nuovo libro?
L’ufficio stampa: l’abc di un lavoro sul campo!

Leave Your Comment

Your Comment*

Your Name*
Your Webpage