Scrivere

Progettare una storia

img

Farlo è un passaggio relativamente facile, per uno scrittore, più difficile è progettare la «sua» storia, quella che solo lui può scrivere e che nessun altro potrebbe pensare o consegnare al lettore così come lui l’ha pensata.

Di solito il primo pensiero narrativo, quello che fa dire: ecco, questa potrebbe essere una buona idea da sviluppare, finisce con trasformarsi dopo qualche giorno o qualche pagina scritta, nell’anticamera del testo.

Di lui resteranno briciole, utili e irrinunciabili a tracciare la rotta tra l’incipit e la parola «fine».
Ma quali sono i passaggi essenziale per progettare un racconto?

Fattori indispensabili sono la presenza di un personaggio e la funzione che egli assumerà nella trama. È difficile a volte stabilire, per uno scrittore, chi ha scelto chi, e se nella sua mente, sia nato prima il protagonista oppure quello che andrà a vivere, ma ciò che è sicuro è che il personaggio inventato (quando di successo) sarà l’unico adatto a pensare, agire, raccontare ciò che l’autore aveva in serbo per lui.

Stabilita la trama un’altra domanda utile da porsi è: perché questa? Ovvero: cosa voglio trasmettere al lettore attraverso le descrizioni, i dialoghi? Che senso ha per me e che senso voglio abbia per lui? Come posso realizzare i passaggi (capitoli e paragrafi) inventare strategie narrative funzionali agli obiettivi, disegnare e colorare gli eventi con emozioni vissute (dai personaggi) e trasmesse (al lettore)?

Le risposte si trovano solo nella scrittura, nel narrare, rileggere, cancellare, riscrivere che ogni scrittore conosce fino all’incontro quasi magico con la frase adatta, quella a cui si pensava da tempo ma a cui non si riusciva a darvi vita.
Quando tutto sarà deciso però all’autore spetterà un altro ruolo, anch’esso parte di un progetto narrativo: il collaudo.

Ottenibile togliendosi dalla posizione di centralità, che ha permesso di raccontare ciò che si voleva, per darla al lettore, unico vero giudice di quanto è stato elaborato, l’ultima parola, attraverso un giudizio a cui non si può sfuggire.

You may also like
La tabella di marcia da seguire se vuoi pubblicare il tuo libro entro fine anno
Scrivere una tesi di laurea: come gestire le fonti bibliografiche

Leave Your Comment

Your Comment*

Your Name*
Your Webpage