Le 5 tecniche di persuasione nascoste nel personal branding + 1

Written by robertotartaglia. Posted in Guide Pratiche, Selfpublishing

personalbrandC’è uno psicologo americano, di nome Robert Cialdini, che ha individuato, nel corso degli anni, 6 tecniche di persuasione utilizzate da politici, mass media e pubblicitari in ogni parte del mondo.

Queste strategie, come ovvio, possono essere utilizzate per diversi scopi, più o meno condivisibili. Ma, proprio per questo, posso essere utilizzate anche in modo onesto per mostrare la propria professionalità e catturare l’attenzione del pubblico.

E, difatti, sono tutte nascoste all’interno di un sano, onesto e ben fatto lavoro di personal branding. Non lo sapevi? È giunto il momento di scoprire questo lato nascosto del personal branding, allora!

Reciprocità

Il principio di reciprocità implica il sentirsi in dovere di ricambiare chi ci ha omaggiato di un dono. E dove si nasconde nel tuo lavoro di personal branding? Si nasconde nel regalare racconti gratuiti via newsletter o sul tuo sito, essere disponibile, nel fornire il tuo supporto a domande e curiosità.

Tutto questo, tu lo fai (spero) per dimostrare la tua professionalità e per altruismo, ma il tuo atteggiamento potrebbe scatenare il principio di reciprocità. E qualcuno potrebbe sentirsi in dovere di ringraziare colui o colei che tanto gli sta dando, senza chiedere nulla in cambio.

Impegno e coerenza

Cerchi sempre di mantenere coerenza in ciò che fai, giusto? E ti impegni al massimo per dare il meglio di te nei tuoi scritti. Giusto? Bene, queste sono le basi del personal branding, ma è anche una forte arma di persuasione, lo sapevi?

Sì, perché le persone che ti seguono si sentono sicure e rassicurate dal fatto di avere di fronte uno scrittore dedito all’impegno e coerente con i princìpi che lo hanno caratterizzato sinora. E questo aumenterà la stima nei tuoi confronti.

Riprova sociale

Se lavori bene, molte persone cominceranno a seguirti, a interagire con te. E questo diverrà di dominio pubblico. Il che vuol dire che altre persone vedranno quanti fan già hai, quanti bei commenti hanno i tuoi libri, e si lasceranno coinvolgere. Questo è il principio della riprova sociale. Se vediamo che molte persone gradiscono (o disprezzano) un determinato prodotto/personaggio, siamo portati ad assecondare quell’atteggiamento. Della serie: “se lo fanno gli altri, allora è giusto”. Dunque, lavora bene di personal branding, fatti amare e valere, e avrai sempre più fan.

Simpatia

Anche mostrarti una persona simpatica e socievole è indice di un buon lavoro di personal branding, ma questo lo sapevi già, giusto?

Quello che, forse, non sapevi, è che Robert Cialdini ha individuato nella simpatia una delle più forti armi di persuasione. Le persone simpatiche ci piacciono, c’è poco da fare. Le persone simpatiche sembra che siano già nostre amiche, le sentiamo vicine.

Autorità

Conquistare autorità nel tuo genere di scrittura vuol dire aver dimostrato quanto vali, aver lavorato molto bene di personal branding. L’autorità, infatti, si conquista dopo anni di duro lavoro e dopo aver ampiamente dimostrato di saperci fare.

Ma anche l’autorità è una forte arma di persuasione. Sì, perché se lo stesso consiglio ce lo dà nostra madre, o il nostro medico, noi daremo più peso a ciò che ci viene detto dal dottore. È così. E se un libro ce lo consiglia il signor nessuno, o ce lo consiglia un affermato critico, probabilmente tenderemo a dar retta al secondo.

L’autorità è una potentissima arma di persuasione.

Scarsità

Questa è l’unica arma di persuasione che esula dal personal branding e, infatti, non mi piace molto. È usata spessissimo nel marketing, ma io evito, a meno che non si tratti di reale urgenza.

Mi spiego meglio.

Il principio di scarsità, asserendo che un prodotto (il libro, nel nostro caso) sarà disponibile solo per un determinato periodo di tempo, o che le copie stanno per esaurirsi, prevede che vi sia una scarsità in atto. In tal modo, si produce nel pubblico l’effetto “corsa all’acquisto”.

Non mi piace per il semplice motivo che è una presa in giro nei confronti del lettore, a meno che non si tratti di offerte speciali…realmente speciali e limitate nel tempo per motivazioni valide.

Ecco, ora hai uno spunto in più per comprendere perché lavorare bene di personal branding è estremamente importante. Occhio alla penna! ;)

Trackback from your site.

Comments (2)

  • Attilio Nania

    |

    Dunque scrivi anche qui, Roberto.
    Beh, comunque il principio di scarsita’ ormai non funziona piu’ neanche nei supermercati.

    Reply

  • Roberto P. Tartaglia

    |

    Ciao Attilio,
    sì, hai ragione. E aggiungerei “per fortuna”. :)
    Si tratta di un principio che, come ho scritto, rigetto cordialmente.
    Molti ancora credo che possa funzionare. Lasciamoli fare…

    RT

    Reply

Leave a comment

Pubblica il tuo libro

Scopri come pubblicare e vendere la tua opera nel nostro network. Clicca qui

Visita il nostro store

Acquista i libri che trovi in questo blog. Visita lo Store di Youcanprint Clicca qui