Pubblicare

Il futuro del libro: cartaceo o virtuale?

img

Vivere il presente nel costante rimpianto del passato può far perdere di vista l’utilità del cambiamento.

I libri, come qualunque altro oggetto con il quale ci relazioniamo ogni giorno, hanno modificato nel corso degli anni il loro modo di esistere e di proporsi ai lettori passando da una versione unicamente cartacea anche a quella e-book.

Una novità che, come spesso ci accade di fare davanti a qualcosa di originale e diverso, ha fatto e fa discutere al punto da cambiare drasticamente il mondo dell’editoria.

Personalmente credo spetti all’autore decidere il formato con il quale immettere sul mercato il proprio lavoro, decisione che può essere presa solamente se, oltre a scrivere il testo, si diventa anche produttori dello stesso scegliendo l’auto-pubblicazione.

Una buona piattaforma deve quindi avere tra sue proposte quella di poter optare per una versione cartacea del testo oppure virtuale.

Ma come decidere se proporre al lettore un libro da tenere in mano oppure sfogliare facendo scivolare il dito su un video?

Spesso dipende dal tipo di rapporto che lega l’autore al testo. È innegabile che esistano pro e contro a carico di entrambe le modalità e che non ci sia una regola, almeno a mio parere, fissa, che consenta di optare per una versione piuttosto che per un’altra. Potremmo disquisire sul piacere di tenere in mano un testo, usare un segnalibro a cui siamo affezionati per indicare il punto in cui siamo arrivati nella lettura, apprezzare il profumo della carta, oppure della praticità di portare con sé più libri e poterli leggere o consultare dallo stesso ebook reader e del non dover combattere con lo spazio esiguo della libreria, ma la realtà resterebbe che un buon testo sarà tale in qualunque modo verrà immesso sul mercato.

A fare la differenza invece potrebbe essere come la piattaforma di self-publishing vi assisterà nel progetto (dalla correzione delle bozze all’impaginazione), a come vi aiuterà a farvi conoscere (con la distribuzione nelle librerie in caso di cartaceo, negli ebook store in caso di e-book, sostenendovi nel social marketing) e a monitorare successo e vendite che ormai non dovrebbero essere contenute e contenibili entro i confini nazionali.

 

You may also like
Come scegliere la voce ideale per il tuo audiolibro
Pubblicare un libro cartaceo: come farlo nel modo migliore

Leave Your Comment

Your Comment*

Your Name*
Your Webpage