Marketing

Come usare i post sponsorizzati di Facebook per promuovere il tuo libro

Se hai una pagina autore su Facebook avrai notato la scritta “metti in evidenza il post”. Cosa significa? Che investendo piccole somme puoi fare in modo che quel post – che parla di te, del tuo nuovo romanzo, di una promozione in corso – raggiunga migliaia di persone e non solo una piccolissima parte delle persone che ha già messo il “mi piace” alla tua pagina.

Ho visto spesso gli autori lamentarsi che questo tipo di sponsorizzazioni non funziona. D’altra parte ho anche avuto modo di vedere in bacheca molti annunci sponsorizzati mal fatti. Ecco quindi le caratteristiche che devono avere le tue sponsorizzazioni per essere efficaci.

1. Un’immagine accattivante
I post di solo testo sono molto meno efficaci di quelli con una foto o un’illustrazione. Trova quindi una composizione che catturi. Può esserci la tua faccia o la copertina del libro, entrambe le cose o nessuna. L’importante è che l’immagine non contenga testo (o comunque meno del 20%) e che sia pertinente con ciò che vuoi promuovere.

2. Un testo efficace
Hai scritto un libro e vuoi essere letto. Ma perché dovremmo leggere proprio il tuo romanzo e non uno dei tantissimi altri titoli là fuori? Cosa offri? Risate? Una storia che tiene col fiato sospeso? Romanticismo? Per chi hai scritto il tuo libro? Per chi ama i romanzi erotici o per chi adora i gialli? Abbi ben chiaro chi sono i tuoi lettori e rivolgiti a loro, magari con una domanda. Ad esempio: Hai voglia di una storia romantica? Oppure: Ti piacciono le storie di vampiri? O ancora: Cerchi una lettura mozzafiato?
Se chi sta leggendo il tuo post risponde sì a questa domanda avrai catturato la sua attenzione e forse conquistato il suo click, il suo desiderio di scoprire di più.

3. Una call to action
Dopo aver catturato l’attenzione del tuo potenziale lettore, però, devi guidarlo, devi invitarlo a compiere l’azione che desideri. Vuoi che acquisti il romanzo cartaceo dal tuo sito? Vuoi che acquisti la versione ebook? Scrivi chiaramente l’azione che ti aspetti che compia chi legge. Per te che fai l’annuncio è scontato, per chi se lo trova davanti nel flusso della sua bacheca e non ti conosce non lo è affatto.
Lo so che se scrivi “oggi il mio ebook è gratis”, immagini che l’invito all’azione sia ovvio: “approfitta della promozione”. Ma tu fidati, a costo di sentirti pedante, scrivi che ti aspetti che lo scarichino. E non dimenticare: è chi legge che deve compiere l’azione! Quindi vietato scrivere “le mirabolanti avventure di Tizio e Caio ti aspettano”. Che aspettino pure!

4. Un link immediato (e corretto)
Se vuoi che chi clicca sul tuo post compri il tuo libro, quel click deve arrivare nella pagina d’acquisto di quel libro. Non sul tuo sito personale dove deve mettersi a spulciare tra le varie pagine, non sulla tua pagina autore di Amazon che raccoglie tutti i tuoi titoli, non su una pagina a caso che non c’entra nulla.
Ieri ho cliccato su un link che prometteva di portarmi alla pagina di amazon.it dove avrei potuto comprare un romanzo, e mi sono ritrovata sulla schermata iniziale di amazon.com
Ovviamente, neanche a dirlo, non ho fatto lo sforzo di andare su amazon.it e cercarmi il titolo da sola. Quindi, prima di pubblicare un post, verifica che il link dove i tuoi potenziali lettori devono procedere all’acquisto sia corretto.

5. Una targetizzazione molto chiara
Lo so che vuoi che ti leggano tutti, dal meccanico siciliano alla giornalista newyorkese. Ma non è possibile. L’aspetto fondamentale di cui devi tener conto quando prepari un post sponsorizzato è
proprio questo: la consapevolezza di chi è il tuo pubblico. Su Facebook ci sono milioni di utenti, ma tu non hai un budget illimitato per raggiungerli tutti, per questo devi puntare al bersaglio più facile. I tuoi libri sono scritti in italiano? Direi che è improbabile che negli Stati Uniti decidano di imparare l’italiano per leggere proprio il tuo libro. I tuoi libri sono disponibili solo in ebook? Chiedi a Facebook di mostrare i tuoi annunci solo a chi ha un ebook-reader. È quasi impossibile che una persona che non ha un lettore ebook, lo acquisti solo per leggere il tuo romanzo.
Non sparare nel mucchio, ma mira a chi più facilmente sarà propenso a leggerti.

Facebook ha moltissime informazioni su ciascuno dei suoi utenti e sono davvero tante le impostazioni che puoi scegliere per raggiungere solo i tuoi potenziali lettori.
Se scrivi romance sarà meglio mirare solo alle donne. Se il tuo romanzo è tipo quelli di Dan Brown puoi mettere nel tuo target le persone a cui piace quell’autore.

Man mano che individui il tuo pubblico, Facebook ti aiuterà dicendoti se il tuo target è troppo ampio o troppo specifico. Lasciati guidare e fai partire la tua sponsorizzazione con piccole cifre. Se dopo un paio di giorni in cui fai girare il tuo annuncio il costo per click è superiore a 10 centesimi c’è qualcosa che non funziona (testo, immagine, scelta del target, call to action).

Le mie sponsorizzazioni più riuscite costano meno di 6 cent a click. Un’amica è riuscita a pagare meno di 3 cent a click!

You may also like
L’ufficio stampa: l’abc di un lavoro sul campo!
Twitter per gli scrittori? Istruzioni per l’uso
2 Comments

Leave Your Comment

Your Comment*

Your Name*
Your Webpage