Guide Pratiche Marketing

Come uno scrittore deve scegliere i social media più adatti

dubbi-scrittorePrima di pensare a quale piattaforma social iscriversi, è bene ricordare che uno scrittore – come qualsiasi professionista e azienda – deve avere prima una piattaforma proprietaria, quindi un suo sito web. I social media sono soltanto degli avamposti, che non possono sostituire il proprio sito o blog.

La scelta dei social più adatti va fatta pensando a 3 elementi fondamentali:

  1. personalità dello scrittore
  2. capacità dello scrittore
  3. potenzialità del social

La scelta non deve mai ricadere sulle mode del momento, in primo luogo perché le mode sono passeggere, infine perché potrebbero non adattarsi alla figura del professionista in questione. Facciamo un esempio estremo: se un giorno andasse di moda iscriversi a Foursquare, quanto potrebbe essere utile a uno scrittore questo social?

Quanti utenti di Foursquare sentono il bisogno di sapere dove si trovi ora uno scrittore? E non stiamo parlando di Stephen King, ma di un comune mortale, uno scrittore emergente che si sta facendo largo nel mondo della rete.

Vediamo adesso nel dettaglio questi 3 elementi cui ho accennato.

#1 – Scegliere i social media in base alla propria personalità

I social media sono mezzi di comunicazione sociale. Quindi pura espressione della persona che li frequenta. Io mi sono cancellato da Facebook perché non rappresentava me stesso. Non riuscivo a comunicare su Facebook, dove avevo racimolato appena 300 contatti, oltre metà dei quali provenienti dalla vita privata e da altre amicizie acquisite in rete.

Su Twitter, che preferisco, ne ho oltre 1700 e su Google Plus, che invece non amo, oltre 1100. Apprezzo anche molto Instagram – che vedo poco utile a uno scrittore, almeno dal punto di vista della promozione editoriale diretta, ma molto per mostrare invece la propria personalità e i propri gusti, quindi per fidelizzare lettori con un approccio più familiare.

Se scegli quindi di essere su Facebook, devi capire se Facebook faccia per te o meno. Se davvero c’è un legame diretto fra te e Facebook. Non sceglierlo perché tutti i tuoi amici sono lì. Devi sceglierlo se potrai apprezzarlo veramente, altrimenti il numero dei tuoi contatti non aumenterà.

#2 – Scegliere i social media in base alle proprie capacità

Che cosa significa? Partiamo intanto dal significato di social media: piattaforme di diffusione dei contenuti. Non si tratta di pura condivisione di ciò che abbiamo scritto nel nostro blog o letto altrove né, tanto meno, di luoghi virtuali in cui bombardare gli utenti con messaggi promozionali sul nostro ultimo romanzo: ecco, questa è una prassi da evitare.

Sono anche piattaforme di creazione di contenuti, vale a dire che dobbiamo essere in grado di creare qualcosa di originale nei social media, qualcosa che sarà apprezzato da altri. Essere su Facebook e poi non sapere cosa scrivere, come creare relazioni con i nostri fan, significa non esserci.

Rifletti quindi su questo: hai le capacità di creare contenuti interessanti sui social media che hai scelto? Se non ami scattare fotografie, è inutile iscriverti a Instagram: il tuo profilo resterà vuoto e non ti porterà alcun beneficio. Se scegli di iscriverti a Twitter e sei un tipo logorroico, è meglio passare a Google Plus, in cui potrai esprimerti più efficacemente.

#3 – Scegliere i social media in base alle loro reali potenzialità

Quale vantaggio ti porteranno i social che vuoi frequentare? Ho fatto prima l’esempio di Foursquare, che può essere esteso a ogni altra piattaforma di social media. Ognuna di esse ha un suo potenziale, ognuna può rivelarsi utilissima o perfettamente inutile per te e la tua attività.

Come scrittore devi trovare lettori: questo è il tuo obiettivo. Dove sono i lettori? Quali social media frequentano? Potenzialmente tutti, è ovvio, ma su quali social media sono più propensi a darti retta? Quali social media riusciranno davvero a portarti lettori?

Il segreto sta nell’osservazione: osservare altri scrittori, famosi o emergenti come te, e capire in quali social media ottengono più consensi. Poi ricordare gli altri due elementi di cui abbiamo parlato: la tua personalità e le tue capacità.

Sei pronto a fare la tua scelta? Quali social media hai scelto e perché?

Daniele Imperi
Mi occupo di scrittura in tutte le salse. Leggo e scrivo per lavoro e per diletto. Per ora ho due blog in cui tratto tutti gli aspetti della scrittura e dell'editoria.
You may also like
Come migliorare i tuoi ebook grazie ai link e alle note
Qual è il prezzo giusto per il tuo libro ?

Leave Your Comment

Your Comment*

Your Name*
Your Webpage